Mistero Buffo

Scritto da Cinzia Fresia

Avete presente quando una partita sulla carta facile anzi facilissima si trasforma in un incubo  dove nessuna soluzione  funziona? e nel frattempo passano i minuti senza che succeda niente e improvvisamente ti rendi conto che  si è fatta “una certa” e la tua squadra è bloccata sull’1-1?

Non vorrei essere stata al posto di Andrea mentre rovistava nel “Kit il piccolo allenatore”, senza trovare un’idea  allo scandire inesorabile del tempo in cui si affacciava sempre di più  l’ipotesi rovinosa del pareggio, la  fortuna ha voluto che dal Kit qualche cosa sia uscito  e si chiama Morata.

Vi ricordate la partita contro il Cagliari, beh dimentichiamocela: la Juve è tornata a tre caselle precedenti, la goleada in quel di Budapest è diventata un ricordo, e ciò che si evidenzia è lo spreco immane di energia in partite con avversari di semplice amministrazione per la qualità dei giocatori che abbiamo.   I ragazzi  non sono in forma,  nemmeno Sczezny, responsabile di  una grave leggerezza sul gol subito che ha fatto rivivere   un “Lazio 2 la vendetta”.

Pirlo però ha detto una cosa giusta sul Ferencvaros:  si tratta  di quel genere di squadra che la sua partita la fa senza farsi intimidire da chi si trova davanti, e se può tira e fa gol, il tecnico è stato si comprensivo ma altresì critico parlando di superficialità nell’approccio.  La motivazione di una prestazione così strana non si sa, lapidari i commenti negli studi di Sky il cui Fabio Capello da vecchio Ex non ha risparmiato nessuno  dicendone  di tutti i colori e condannando il gruppo senza appello,

Ora ci chiediamo ma che succede? Dal di fuori, la Juventus si rende sempre più attaccabile nei suoi punti deboli, non c’è giornata in cui non si parli  del rinnovo di Dybala o di Ronaldo che se ne vorrebbe andare,  invenzioni  giornalistiche per provocare il club più titolato d’Italia? Forse ..ma non è normale che tutti i giorni si parli solo ed esclusivamente di Dybala del suo rinnovo e del rendimento. Ieri sera Pirlo ha rimosso comtemporaneamente i due attaccanti  Dybala e Bernardeschi .. tuttavia la loro uscita non ha modificato un gran che, la Juventus ha continuato a giocare male anche dopo, e la vittoria è stata una genialata fortunata di Cuadrado finalizzata da Morata con un pizzico di complicità  del portiere.

Alla fine conta  la soddisfazione dell’obiettivo raggiunto cioè la qualificazione,  Pirlo un po’ a denti stretti festeggia  il primo step da  neo allenatore, non sottraendosi  alle critiche da Studio, e chiede più tempo per i nuovi che a quanto pare stanno facendo fatica ad adattarsi.

 

  1. Buongiorno Cinzia,
    Prestazione molto deludente, ma a volte capitano queste partite se non entri con la testa giusta.
    Loro sono venuti a Torino con voglia ed entusiasmo, e sono riusciti a fare la loro onesta partita. Fosse finita in pareggio non sarebbe stato certo scandaloso.
    Prendiamone atto senza drammi, ma con la consapevolezza che manca ancora tanto per essere competitivi ai massimi livelli.
    Da una parte il calendario ci sta aiutando, sia in campionato che in Coppa, risparmiandoci per il momento avversari difficili. Però allo stesso tempo quando incontri solo squadrette c’è il rischio di un rilassamento che non favorisce la crescita.
    A livello di gioco ancora molte cose non vanno, fortunatamente abbiamo due mattatori lì davanti che ce le risolvono.
    A volte ci vuole molto per trovare la quadra, Pirlo sta facendo esperienza ora, per il momento molti colleghi riescono ad incartargli le partite ma c’è tempo e materiale a disposizione per migliorare.
    Per Dybala altra occasione sprecata ma sono eccessive le pressioni su di lui. L’argentino è rientrato da poco, deve recuperare fisicamente ed adattarsi anche lui alle disposizioni del mister. Ieri, con una squadra che in generale ha girato male, non era semplice. Più che i singoli è venuto a mancare il collettivo, con una manovra spesso troppo improvvisata e confusa.

  2. Ciao Kris: sinceramente una partita nata storta e raddrizzata “non so nemmeno come” .. mi preoccupa un fatto che la Juventus deve tornare com’era una volta: impenetrabile e parlo di Società:!sono troppo attaccabili. E poi mi preoccupa il fatto che Artur debba imparare.

    • Secondo me Arthur deve solo crescere come condizione fisica, perché tende a calare alla distanza.
      Per il resto lo ritengo un ottimo giocatore, molto utile anche se non appariscente, che va sfruttato per quello che sa fare.
      Lui spesso ha provato anche a giocarla a due tocchi ma se i compagni sono statici la manovra non ne ottiene beneficio.
      Se poi avesse anche il lancio non sarebbe Arthur, sarebbe Pirlo.

  3. Sicuramente un passo indietro rispetto alla partita contro il Cagliari con Pirlo che ha giustamente parlato di approccio sbagliato e che ha comunque provato a cambiare in corso d’opera l’inerzia della partita, ma nel suo Kit non ha trovato le chiavi per mettere in moto la squadra lasciate a casa dagli impalpabili Dybala, Bentancur, Kulusevki e Chiesa, solo quelle di Cuadrado e Morata, contro una formazione che col pressing alto e le ripartenze veloci ha più volte messo in difficoltà la nostra difesa, checchè ne pensi e dica Capello che avrebbe fatto meglio a “lapidare” anche certe prestazioni inguardabili della sua Juve, quelle in Champions con una squadra piena di campioni.

    • Gioele, temo che la preparazione atletica come da più anni a questa parte faccia acqua, sono lenti, eppure hanno un luminare ., e non. Capisco perché soffrono sempre, con il Cagliari che ha corso e basta hanno retto ma due partite non ce la fanno.

      • Concordo, ma sotto questo aspetto credo che diverse squadre sono in difficoltà per la mancanza di un’adeguata preparazione estiva, sopratutto quelle impegnate nelle coppe ad agosto. La Juve ha bisogno di più tempo per amalgamare una rosa ampiamente rinnovata e un neo-allenatore.

  4. Penso anche ci siano dei problemi di comunicazione a livello di lingua parlata.

  5. “IL KIT DEL PICCOLO ALLENATORE”

    A pagina tre c’è scritto se vedi che il 10 non va metti il 9 se cel’hai.
    Esce il 10 (purtroppo pure capitano), entra il 9 e ti risolve la partita…a parte il goal, il palo e lo scavetto per Ronaldo che lo mette solo davanti al portiere, ma dà profondità alla squadra che mi pare non ha più sofferto dal suo ingresso in campo.

    Il film “Lazio 2 la vendetta” se non ricordo male ci furono due film lo scorso campionato a breve distanza coppa-campionato prima e dopo i pasti come le medicine.

    Ieri sera viene portata a casa, con un qlo grosso così, una partita pareggiato già al 35esimo del primo tempo poi vinta bel finale…lo scorso anno invece? A 10 minuti più o meno ancora perdevano 1-0… continua tu che a me vien da ridere.

    All’ultima pagina, quella prima dei ringraziamenti, trovi scritto che, a volte, serve anche un pò di fortuna e la Juve ne ha tanta, vedasi parata anche in controtempo e con i piedi del portiere ungherese sul dx di Dybala.

    Purtroppo e per tutti Morata e Ronaldo in avanti li ha la Juve.

    Saluti

  6. Condivisibili molte osservazioni.
    I motivi possono essere molti. Quelli elencati da voi tutti ci stanno. Ora bisogna farne tesoro e correre agli aggiustamenti ma in fretta.
    Ho sempre ritenuto che la preparazione estiva sia fondamentale. Sono contrario alle tournée torride e ai tornei estivi spaccagambe che x fortuna non vedo più.

    I tempi e le procedure sono saltati col covid e anche con gli infortuni e le positività. Certi automatismi in merito sono stati annullati. Sicuramente da ieri sera c’è da fare ancora di più.

    • Tranfaglia: ciò che non comprendo è la mancata assimilazione dei concetti, imparano e disimparano troppo velocemente.
      Sono d’accordo con te che le tournée estive siano deleterie e ti dirò che la polmonite di Sarri mi fa molto pensare.

      • Cinzia
        Apri un bel quesito, difficile da districare da fuori. Credo che una difficoltà di comunicazione sia improbabile almeno quanto gli stessi meccanismi di gioco di Pirlo che sembrano essere, a prima vista, Naturali.
        Non saprei, credo che la rosa,forse,si poteva costruire con più logica. Sta cmq a Pirlo amalgamarla,cavoli duri.

        Teniamo conto che certe scelte sono state fatte secondo me, senza tener conto di una probabile idea di gioco e magari, pescando più per nome o convenienza che per incastro naturale.

        Continuiamo a pagare certe leggerezze.

        La polmonite di Sarri? Mah, certamente avremmo registrato altri casi in società, anche se non si pensava ad un covid, ancora fuori previsione. Cmq un pensiero l’ho avuto.

  7. Ciao a tutti. Io non ho visto una bruttissima partita. Certo sono stati lenti e hanno sbagliato alcuni passaggi, anche semplici, come di solito. Però il tentativo di giocare tra le linee l’ho visto, o di allargare il gioco. Secondo me quello che in questo momento manca è la frequenza delle pause durante la partita. In alcuni momenti i giocatori che perdono palla non rincorrono l’avversario. Manca forse la voglia di aiutarsi l’un l’altro. Quando si sbaglia un passaggio, anzichè dare l’ok con il pollice bisogna pensare a recuperare la palla. Probabilmente manca un martello durante gli allenamenti, uno che ricordi loro, fino allo sfinimento di correre dietro l’avversario in fase di non possesso, e di smarcarsi continuamente in fase di possesso.

    • Il non volersi aiutare l’uno con l’altro è grave, e non comprendo il perchè accade, è la base di ogni gioco di squadra, in ultimo il rincorrere l’avversario implica uno spreco di energie tale che non riescono più a recuperare, suppongo che lo staff atletico consigli loro di amministrarsi il più possibile per le partite a venire.

      • Sconcerti che non condivido sempre, ha condensato con un “Juve spezzata in due, ha tante cose ma con qualità dei giocatori che non si fondono.Confusione.”

        Mi sembra risolvibile.

  8. Morata giocatore imprescindibile in questa Juve, non solo un attaccante che da profondità al gioco ma anche un regista offensivo con una visione di gioco a 360°, emblematica l’apertura immediata dal fronte sinistro al destro con la linea avversaria che avanzava per mettere in fuorigioco i nostri su un’eventuale imbucata centrale, magistrale la progressione con cui ha attirato su di sè i centrali aprendo lo spazio a Ronaldo (che ne ha intuito l’intenzione) per l’imbucata centrale che ha messo il fuoriclasse portoghese solo davanti al portiere, punito dalla sfortuna quando ha colpito il palo a portiere battuto e ricompensato nella circostanza del bel gol di testa nel recupero, ma si sa che la fortuna premia sempre gli audaci e sopratutto chi ha l’abilità di farsi trovare al posto giusto nel momento giusto. E’ propio il caso di dire che con Morata la Juve ha trovato il vero centravanti, quello buono per tutte le occasioni.

  9. FIN’ORA ABBIAMO PERSO

    Scusate il fuoritema ma lo metto lo stesso.

    Ormai sono talmente tante le giornate contro qualcosa:
    vedi violenza sulle donne, i dirittidei bambini etcetera…ne potrei elencare moltissimi, tanti ce ne sono ma mi fermo qui.

    Ogni volta per combattere chissà chi o che cosa.
    Per sconfiggere un nemico all’apparenza invincibile.

    Secondo me oggi dobbiamo chiedere scusa alle donne perché si è stati costretti ad istituire la giornata contro la violenza su di loro.
    Dobbiamo chiedere scusa ai bambini perché si è stati costretti ad istituire la giornata per i loro diritti.
    Queste sono sconfitte!
    Le vere sconfitte.
    Io penso che il giorno in cui non ci sarà più bisogno di queste ricorrenze possiamo finalmente dire “ABBIAMO VINTO”!

    Abbiamo vinto contro ogni violenza e ogni diritto sarà realtà.

    Buon pomeriggio

  10. È morto Maradona

    Questo mi dispiace veramente.
    Io che ho sempre parlato male di lui uomo…comunque mi dispiace.
    R.I.P

  11. Anno di merda abbiamo iniziato con sean connery, poi proietti e ora maradona. Questo 2020 sarà ricordato maledettamente per tutto ciò che sta succedendo.

    • Madonna che anno Luigis..

      Grande calciatore, Maradona, un calcio pazzesco e una vita di eccessi che non perdona.
      troppo smodato. Non poteva essere d’esempio nella vita, ma lo ricordiamo come campione di calcio.

  12. La morte improvvisa di Maradona, per una crisi respiratoria è un grave lutto per tutto il mondo del calcio.
    Uno dei due/tre più grandi fuoriclasse di tutti i tempi non è più. Chi ama questo sport non può non sentirsi coinvolto. Una prece😢🙏

  13. Prima che la retorica prenda il sopravvento su tutto, vorrei parlare un attimo della grande sensibilità, ovvero della grande umanità di Diego Armando Maradona, che forse non tutti conoscono.

    Tutti i suoi vecchi compagni ne hanno parlato negli stessi termini: un ragazzo di grande cuore, pronto a stare vicino a loro nei momenti di difficoltà, pronto ad informarsi di loro e delle loro famiglie anche da lontano, pronto a mettersi a disposizione in tutto e per tutto.
    Ecco, mi piace ricordare così questo campionissimo del calcio: fuoriclasse anche dell’amicizia!

  14. Maradona ci ha messo sicuramente del suo ma resto convinto che il suo più grande errore è stato quello di circondarsi di avvoltoi che hanno mangiato cob la sua popolarità. R.I.P.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web