Archivio Autore: Luna23

Mercoledì 8 dicembre 2021 Juventus-Malmoe ore 18.45 Allianz Stadium Torino

Juventus-Malmoe

scritto da Cinzia Fresia

Si chiude stasera la fase in gironi della Champions League, e la Juventus nutre ancora la speranza di arrivare prima, il tutto dipenderà dal risultato del Chelsea impegnata a San Pietroburgo.
La squadra subisce ancora perdite, Kulusevski è fermo a causa di conseguenze dovute ad un intervento dentale.

Malgrado ciò i bianconeri non dovrebbero avere problemi con l’ultima in classifica.
Ieri sia Inter che Milan hanno perso e i rossoneri sono fuori dalla Champions League.
La sconfitta allo Stamford Bridge ha penalizzato seriamente la Juventus la quale in seconda posizione potrebbe avere delle sfidanti di categoria superiore, mettendo in forte dubbio il cammino verso la Champions.

La luce per i bianconeri sembra non arrivare mai. E gli effetti si vedono sul campo.

Con Dybala un ‘altra Juve.

Paulo Dybala

scritto da Cinzia Fresia

Vince la Juventus 2-0 contro un Genoa molto lontano da quello che era.
I bianconeri affrontano una squadra debole che non ha mai tirato in porta, e che avrebbero potuto battere con un margine molto più ampio.

Al solito la squadra di Max Allegri realizza il minimo indispensabile: solo due gol.

La Juventus ha tenuto palla tutto il tempo creando molto, il risultato solo due gol frutti delle buone prestazione di Cuadrado e Dybala.
Una partita contro un avversario troppo modesto, dice poco se non l’aver ottenuto tre punti, per il resto i problemi della Juventus non si risolvono da un giorno all’altro.

Sebbene il match fosse facile per la Juventus, non è mancato il nervosismo in campo, generato molto probabilmente dalla difficoltà realizzativa. Morata troppo nervoso, sbaglia 2 gol quasi fatti e un assist, e si procura un ammonizione. Allegri per evitare di restare in 10 opta per la sostituzione con Kean, ma non migliorerà la situazione.

La partita viene decisa da Cuadrado e Dybala.
Il Colombiano è protagonista di un gol che ha dell’incredibile, realizzato su calcio d’angolo: lo stesso Sirigu il migliore in campo per il Genoa che resta senza parole.
Ma sarà la Joya a chiudere con una zampata delle sue.

Si chiude senza discussioni, la posizione in classifica del Genoa indica una situazione complessa e difficile per il neo allenatore ex milanista Schevchenko, che riceve un abbraccio di incoraggiamento e solidarietà da Giorgio Chiellini.

La Juventus ha dominato e tirato in più occasioni ma i gol latitano.

Con Dybala è una Juve .. senza Dybala è un’altra cosa.
Cioè conferma di quanto sia capace l’argentino di dialogare con i compagni e di trasformare ogni giocata in qualcosa di utile.

Tuttavia, l’aspetto positivo di questa partita è che la Juventus ha bloccato la squadra rosso-blu nella sua metà campo impedendole di tirare.

Vedremo quindi se la Juventus continuerà a crescere e migliorare nei prossimi tornei.

Domenica 5 dicembre 2021 Juventus-Genoa ore 20.45 Allianz Stadium – Torino

Juventus-Genoa

scritto da Cinzia Fresia

Anche sotto i colpi della macchina del fango la Juventus prova ad andare avanti.
Scontro “seccatura” con una squadra difficile e fastidiosa seppur tra le ultime in classifica.
In virtù di ciò lotteranno per fare punti fino al triplice fischio.
E’ scontato che la Juventus deve tapparsi le orecchie e chiudere gli occhi e andare avanti cercando di recuperare punti.

L’inchiesta in corso sulle plus valenze sicuramente influirà sul rendimento dei ragazzi.
Perchè è impossibile che non accada. Comunque andassero le cose, il gruppo farà del proprio meglio per arrivare sin dove potranno.

Chiedimi chi era la Juve..

Paulo Dybala

Scritto da Cinzia Fresia

Partiamo da un principio: che il calcio non è uno sport democratico e non vive di passato.
Le “gioie” durano lo spazio di una serata.
Nel calcio si dimentica in fretta soprattutto i successi, è ingiusto ma è così, la vittoria più attesa e festeggiata è sempre l’ultima.

La Juventus è crollata: la squadra di Massimiliano Allegri si è arresa davanti alla “tonica e fisica” Atalanta per un solo gol di scarto.

Lo sconcerto non riguarda solo la posizione in classifica, ma l’approccio e l’assenza della squadra in campo. La presenza psicologica e autorevole del tecnico pare non esserci.
Chi era allo stadio conferma quanto l’allenatore fosse assente, come se ciò che accadeva allo Stadium non fosse affar suo.
Gli stessi giocatori richiamati da Matthijs Deligt a malapena hanno salutato il pubblico.

Lasciando da parte il risultato, non si capisce cosa succede.
Eppure Massimiliano Allegri non è uno stupido, che piaccia o non piaccia la sua carriera è ampiamente sperimentata, ma non funziona, almeno in questa Juventus.
Il paragone con Pirlo non lascia spazio all’immaginazione.

La Juventus è un gruppo di giocatori che commettono troppi errori individuali incapace di costruire un gioco e dove il centro campo non esiste.
Ma perché succede?
Possono due anni di stop, rendere un allenatore considerato tra i più forti d’Europa, arretrato?

La Juventus è un enigma: si è data la colpa agli allenatori, tre in tre anni, a Cristiano Ronaldo colui che fagocitava la squadra e che voleva tutto per sè. Eppure nulla .. la Juventus peggiora ogni giorno di più e l’obiettivo di conquista zona champions sta diventando irraggiungibile.

Per i tifosi è un incubo, abituati a vedere la squadra ai vertici e combattere per vincere .. e a vincere ..oggi vediamo un collettivo debole inconsapevole delle proprie possibilità, slegato che perde. Il Mantra “noi siamo la Juve” non funziona più, e la dirigenza senza soldi e con un indagine su plus valenze fittizie pare non interessarsene.

L’opzione della Champions, condiziona la presenza di i giocatori i quali potrebbero andarsene.

Se il tecnico non reagisce e la presidenza si occupa d’altro, la squadra non percependo l’autorità si lascerà sempre più andare.

Il problema non è perdere .. ma la totale assenza di un piano che riguarda il futuro.
Le dichiarazioni non convincono, sono solo slogan, luoghi comuni per far stare bravi i tifosi.

E’ una brutta situazione che potrebbe compromettere investitori e sponsorizzazioni ma soprattutto l’arrivo di nuove promettenti forze. A ameno che l’obiettivo dei maggiori azionisti non voglia trasformare la Juventus in una squadretta mediocre da metà classifica che vive di ricordi ..

Sabato 27 novembre 2021 Juventus – Atalanta ore 18 Allianz Stadium Torino

Scritto da Cinzia Fresia

In cerca di riscatto.

I bianconeri dopo l’umiliazione subita allo Stamford Bridge cercano riscatto in casa contro la fastidiosissima Atalanta, reduce da una spettacolare rimonta in Champions League.
Massimiliano Allegri minimizza l’accaduto con un “Spiace perchè siamo la Juve”.
Ma tanto eravamo qualificati .. e la partita più importante è stata vinta a Torino.
Con la sua consueta verve risponde alle numerose critiche di questi giorni.

Il tecnico bianconero annuncia se non accadono imprevisti all’ultimo allenamento di rifinitura, Paulo Dybala e Alvaro Morata in attacco.
In merito all’Atalanta il Mister dice: “ci vuole attenzione, non bisogna sbagliare ed è una squadra molto fisica” e tanti complimenti a lei per cosa sta facendo in Campionato e in Champions.

Sugli infortunati: Chiellini e Bernardeschi sono disponibili, De Sciglio martedì, e Ramsey non è a disposizione.

Lo schema di difesa è a quattro.

Nel frattempo una tegola in testa sulla Società: Andrea Agnelli, Fabio Paratici e Pavel Nedved indagati sulle plusvalenze, l’accusa è di falso in bilancio.

4 gol .. 4 schiaffi

Jorginho e Bonucci


Scritto da Cinzia Fresia

Che botta!
Penso che l’avvocato si stia rivoltando nella tomba, si doveva arrivare al 2021 per entire un dipende che prende 7 milioni l’anno a dire “Tanto eravamo qualificati”.
Frasi che non meritano commenti.
Da primi del girone a secondi .. tutto in 95 minuti.
Allora .. sono iniziati i corsi di recupero tiri in porta per fare gol.
Una lezione con i fiocchi e contro fiocchi alla Juventus che si siede di fronte al Chelsea senza andare avanti di un millimetro.

Goodbye catenaccio e contropiede …

Senza parole.
Da tifosa do’ una pacca sulla spalla a tutti perché se sono ridotti così non è colpa loro.

Non è colpa dei giocatori se sono scadenti e strapagati, non è colpa dei giocatori se abbiamo un allenatore radicato su idee che non trovano riscontro nella vita reale.

La Juventus si prende troppo sul serio quando vince contro Lazio, Fiorentina ecc,
Sono vittorie che non dicono nulla.
Se questa è la Juventus si mettano comodi che la Champions la guarderanno in cambretta. L’unica menzione la offro a Sczezny, la cui abilità ha evitato che I gol fossero 8 anziché 4. Per il resto la Juventus .. poverina .. con questa verve non vince nemmeno la Coppa Italia.

Juventus lenta, lentissima .. costantemente anticipata, non un tiro in porta. Nessuno che guarda cosa fa l’altro, perdita di palla continua e passaggi sbagliati.
Morale .. 4 gol ricevuti.

Un immenso dispiacere non ci sono altre parole, una figuraccia stratosferica allo Stamford Bridge .. allenatore e squadra pessimi.
Siccome c’è poco da dire, siamo in attesa di vedere cosa succederà alla Continassa, perché è giunto il tempo di fare qualcosa ..
Soldi per rifondare la squadra non ce ne sono.. perciò o si danno una regolata o al sorteggio potrebbero saltare fuori squadre difficilissime.

Martedi 23 novembre 2021 Chelsea – Juventus Champions League- ore 21 Stamford Bridge Londra

La classifica del girone H in Champions League 2021-22 vede la Juventus al primo posto del girone H con 12 punti, il Chealsea 9, lo Zenit San Pietroburgo a 3 e il Malmoe fermo a 0.
Stasera la Juventus cercherà di strappare il primo posto del girone.
La Squadra dovrà fare a meno di Chiellini e del neo infortunato Danilo fuori 8 settimane. Allegri ha recuperato Dybala e Kulusevski.

Non è una partita importante se non per orgoglio, e va gestita con la massima precisione ed evitare incidenti per non ridurre ulteriormente l’organico ultimamente esposto a vari infortuni.

Nel fronte Chelsea, presente Jorginho, fuori Lukaku per infortunio.

In realtà sarà più importante la partita casalinga di sabato contro l’Atalanta, che imporrà un impiego di forze non indifferenti per il recupero punti in Campionato.

La Juventus indenne senza gol subiti a Roma

Leonardo Bonucci

Scritto da Cinzia Fresia

Ormai è diventata la regola: quando la Juventus incontra una squadra più che fastidiosa, questa si auto elimina da sola mettendosi nei guai.
La Lazio è per noi tremenda, con Simone Inzaghi ne abbiamo viste di tutti i colori.
Una partita “seccatura” con l’aggravante dell’ex allenatore ancora con il dente avvelenato.
A proposito di questo apro una parentesi: che Maurizio Sarri non riesca mai a stare zitto è assodato, che sia stato trattato male anche .. che i giocatori siano andati dalla proprietà a dire “Mammaaaa il maestro mi fa le boccacce!” non può che dispiacermi, tuttavia ora basta dichiarazioni infelici. L’ex tecnico ha raggiunto il suo obiettivo cioè vincere il campionato italiano.

Oggi è un’altra storia, è tempo di mettere una pietra tombale sul passato: Sarri è felicemente allenatore della Lazio e Allegri della Juventus, non c’è più nulla da recriminare.
Esiste una parte di tifoseria ancora affezionata a lui e non dimentichiamo che la Juventus gli è stata vicino quando non in salute, perciò in nome di questo chiederei a Sarri per favore di non mancare di rispetto e di occuparsi delle cose sue, perchè qui nessuno lo odia.

Massimiliano Allegri

La partita: conta esclusivamente il risultato e il fatto che la difesa abbia funzionato benissimo. Poi vincere solo con i rigori, parafrasando Inzaghi “Spiaze”.
Continuano a mancare i goal davanti e in mezzo. Kulusevski per esempio avrebbe fatto anche una buona partita, se non per uno sciagurato errore sull’assist di Chiesa il quale si è mostrato piuttosto risentito.

Ma non ha sbagliato solo lui ..non si spiega perchè si arrivi bene in area e dopo si sbagli.
Una risposta possibile è che gli attaccanti partono da troppo in basso arrivando in zona tiro senza più energie .. il baricentro della squadra è troppo basso.
Un’altra risposta è, a parte Dybala, che siano scarsi al momento di segnare, perchè va riconosciuto che in porta si tira, ma o va fuori, o contro il portiere, o si sbaglia appoggio, o la si perde o la si passa al vicino per insicurezza.

Corso di recupero: Come tirare in porta e fare gol

Intanto abbiamo scoperto di avere un rigorista: Bonucci .. ricordiamolo a Mancini la prossima volta.
Detto ciò si sale un gradino.
Ora si spera che Danilo non abbia nulla e se si continua così dobbiamo puntare sugli errori degli altri per risalire la classifica, martedì si andrà a Londra per ottenere una soddisfazione, arrivare primi nel girone, farebbe bene al morale in prossimità della gara con un’atra terribile ..l’Atalanta.

Sabato 20 novembre 2021 Lazio-Juventus ore 18,00 Stadio Olimpico – Roma


Scritto da Cinzia Fresia

Si ricomincia con Lazio – Juventus.
I bianconeri vanno a Roma e ritrovano Maurizio Sarri avversario, colui che accusò la Juventus dopo aver vinto lo scudetto, di essere una squadra inallenabile.

Massimiliano Allegri non ha convocato Paulo Dybala fermo per un affaticamento al polpaccio rimediato in nazionale.


Le convocazioni in nazionali cominciano a costare, e la Juventus di cui non dispone di molto, comincia a risentirne. Attualmente per la Juventus ogni partita anche la più insignificante, non ha la sicurezza delle prestazioni dei suoi giocatori.

La Lazio rientra tra le squadre problematiche, peraltro oggi allenata da un ex tecnico che non ha sicuramente dimenticato quanto accaduto durante il suo mandato. L’assenza di Dybala si farà sentire: la speranza è che Morata sia in serata, altresì Kean e Kajo George se deciderà di schierarlo.

Allegri sostiene: è tempo di fatti e non parole. Basta chiacchiere, occorre fare.
Perchè ad ogni partita “cade una foglia” e recuperare punti diventa ogni settimana un progetto sempre più arduo. Tra novembre e dicembre sarà durissima per gli juventini a causa del numero di partite ravvicinate che dovranno affrontare.

Il protagonista silenzioso

Vlahovic e De Ligt

scritto da Cinzia Fresia

Se tutti i giovani fossero così .. “avercene”.
Poche ore dopo le dichiarazioni di Massimiliano Allegri sui giovani, ecco il giovanissimo De Ligt che annulla il “pericolo” Vlahovic. L’attaccante fortissimo della Viola in predicato di lasciare la squadra per altri “lidi”.

Un’altra vittoria al novantunesimo con la “zampata” dell’ex, Cuadrado, buon lavoro della difesa nello specifico su Dusan Vlahovic osservato speciale.

La Juventus torna a vincere in Campionato orfana di portiere e due difensori titolari come Bonucci e Chiellini, affidandosi a due giovani come De Ligt, Rugani e Luca Pellegrini poi, al posto di Alex Sandro.

Le partite della vita sono le più pericolose, perché producono falli a non finire, ed è una lotta alla sopravvivenza in attesa che uno dei due crolli prima.

La Fiorentina si è messa nei pasticci da sola, con l’espulsione di Milenkovic, (doppia ammonizione). Con un uomo in meno e cambiando tattica la viola ha avuto meno fiducia e ha puntato a salvare il pari.

Ma decide il “furetto” Cuadrado il quale colpisce in diagonale con deviazione di Biraghi, e nulla da fare per Terracciano. Cose da novantunesimo e dintorni.

In tutta sincerità, non è stata una bella partita .. anzi.. il primo tempo piuttosto noioso e a tratti soporifero, se non fosse per la tensione del risultato era dura stare svegli. Una traversa di Federico Chiesa al 31′ e un gol annullato a Morata e niente più ..fino alla grande scossa del gol.

Il solito finale infuocato farcito di polemiche, accuse e luoghi comuni non guasta il morale alle stelle dei bianconeri, va comunque sottolineata la correttezza del tecnico viola Italiano il quale ha commentato senza recriminazioni.

Massimiliano Allegri contento del risultato nonché della prestazione, ma rammaricato per il prima, per i punti persi con squadre sulla carta inferiori.

La Juventus ha compreso come vincere?
Solo il tempo lo dirà, vedremo dopo la sosta delle nazionali come proseguirà il percorso.
Allegri peraltro non parla di mercato e non conferma nessun Rumors di rinforzi alla rosa nel mercato di Gennaio.

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia