Archivio Mensile: Maggio 2021

Pagelle Juventus Inter 3-2

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 6 Una bella parata nel finale su Lautaro ma tanta troppa apprensione per i miei gusti soprattutto quando si gioca di piede. Anche il suo comandare la difesa mi sembra al quanto rivedibile. Per fortuna non fa disastri.

Danilo 6,5 Bene da terzino nel primo tempo meno bene da centrocampista quando restiamo in 10 perchè di fatto non riesce mai a costruire un contropiede decente. In ogni caso è e resta un difensore per cui.

De Ligt 7 Per me gioca una grande partita in cui mette al solito un grande tempismo e una grande fisicità. Riesce quasi sempre a non far sgusciare via Lautaro che essendo un brevi lineo non è cosa da poco per un Panzer come il nostro. Il rigore che gli fischia Calvarese per conto mio non c’è.

Chiellini 7 Grande partita anche per lui a limitare Lukaku e di fatto si può dire che la cosa gli riesce piuttosto bene. Nel autogol che crea secondo me c’è fallo di Lukaku Calvarese prima vede come ho visto io poi rivede la sua decisione. Prende un giallo nell’unica volta in cui uno lo salta che guarda caso è Lautaro che ha un altro passo. L’arbitro fischia un fallo di mano che non c’è e poi lo ammonisce per proteste.

Alex Sandro 6 Praticamente terrorizzato da Hakimi gioca con un attenzione difensiva al limite del marcare a uomo. Non si sgancia mai anche nel primo tempo quando la Juve attacca di più sta sempre a una distanza di sicurezza che gli consente di arrivare sul marocchino prima che metta palla a terra e riparta tuttavia riesce a limitarlo al massimo tanto che da quel lato non arrivano pericoli.

Cuadrado 10 Cuadrado/Capitano. Quando è forte Juan. Ragazzino di 33 anni mai domo. Che dire: punta sempre gli avversari e anche quando non li salta questa sera è abbastanza ispirato da non perdere palloni, segna il gol del 2-1, si procura il rigore della vittoria che poi trasforma fa espellere Brozovic che dire di più?

Bentancur 6 Stava giocando una partita ordinata e in copertura visto che Rabiot sembrava ispirato e correva a tutto campo, quando viene espulso per un giallo totalmente inesistente. Con la sua uscita per noi cambia la partita perchè in 10 questa Juve deve faticare non poco per portare a casa i tre punti.

Rabiot 7 Soprattutto per il primo tempo quando la Juve fa la partita e lui davvero svaria a tutto campo facendo da raccordo fra attacco e difesa. Con McKennie nel secondo tempo si sacrifica in un ruolo che evidentemente non è suo e un poco sparisce dalla partita tuttavia si impegna anche in fase difensiva.

Chiesa 6,5 Un buonissimo primo tempo in cui è vivace e cerca alcune volte di trovare la conclusione. Nel secondo tempo per un poco si applica a fare il terzino aggiunto in aiuto di Alex Sandro ma ancora non ha tanta autonomia e secondo me vede bene Pirlo a toglierlo. (l’alternativa era spostarlo in avanti).

Kulusevski 6 Pirlo lo schiera praticamente in marcatura su Brozovic e il ragazzo si applica bene tanto che nel primo tempo l’interista non riesca quasi mai a impostare e la regia il più delle volte passa ad Eriksen che evidentemente non è altrettanto bravo a impostare e dettare tempi. Peccato alcuni palloni interessanti sbagliati in zona gol.

Ronaldo 6 Partita di sacrificio da unica punta centrale in un 4411 ruolo che non gli si addice particolarmente ma si impegna e spesso viene indietro a fare gli uno due con gli altri lasciando a Kulu di andare in profondità. Segna un rigore di ribattuta con freddezza dopo non averlo tirato benissimo ma Handanovic sui rigori è un brutto cliente.

 

McKennie 6 Corre come un matto dietro a tutti come di solito fa nel suo consueto disordine, tuttavia la sua abnegazione nella fase difensiva e la sua copertura nella zona di Cuadrado consentono a Juan di sganciarsi in contropiede e trovare alcune azioni ficcanti che poi faranno la differenza sulla partita.

Morata 6 Entra in un momento di grandissima difficoltà dove la squadra gioca con il 9 – 1 e non è una gran bella cosa per una punta. Riesce tuttavia a ritagliarsi un tiro anche se da posizione defilatissima. Sul rigore per gerarchia dovrebbe tirare lui. Se si è rifiutato mezzo voto in meno se invece lo ha tirato Cuadrado di suo confermo il 6.

Demiral 6 Praticamente entra per fare densità in mezzo quando appunto ormai ci si difende con 9 uomini. Non ho idea neanche se tocchi mai un pallone tuttavia portiamo a casa la vittoria quindi il suo lo fa.

 

Juventus 7,5 Partita gagliarda al netto dell’Inter che non si è presentata sicuramente con il coltello fra i denti. Poi nel secondo tempo complice l’arbitraggio sconsiderato e un’ottima reazione dell’Inter bisogna metterci tutta la grinta e la voglia per vincerla. Peccato questo atteggiamento sia mancato per tutto l’anno. Davvero sarebbe bastato solo questo per arrivare solo nei primi 3.

Pirlo 8 Non so le condizioni di salute di Dybala e di Morata ( anche se queste più o meno le ho viste) quindi mi fido delle sue scelte iniziali. Kulu su Brozovic funziona, tanto che il primo tempo l’Inter non fa nulla. Bene i cambi compreso quello di Ronaldo che diffidato e nervoso rischiava di prendere un giallo e saltare la prossima. Bene secondo me l’ingresso di Demiral a blindare ancora di più la difesa. Persino oggi la sua calma si è rivelata funzionale visto che con un arbitraggio così si ci si poteva far buttare fuori. Bravissimo nel post partita a proposito della passerella.

 

Arbitro 0 In primis mandare un esordiente in una partita che è importantissima per la Juve e ininfluente per l’Inter è stata una mancanza totale di rispetto per la Juventus. Gli episodi: il rigore per noi su Chiellini mi pare netto, quello dato all’Inter non mi sembra esserci, Lautaro pare colpito da un fulmine quando riceve un tocco involontario dietro al tallone , fra l’altro non mi pare potesse arrivare in anticipo su Danilo. L’espulsione per doppio giallo di Bentancur è inesistente. Forse questo era il giallo di Pjanic di due anni fa. Il gol del 2-2 a casa mia è fallo di Lukaku se i due si strattonano da che mondo è mondo si fischia pro-difesa inoltre avendo fischiato il fallo non mi pare che potesse andare al var. Anche in questo caso si è improvvisato. Il rigore su Cuadrado a parere mio non c’è e l’arbitro lo da perchè ha evidentemente la coscienza sporca di quante cazzate ha già fatto. L’espulsione di Brozovic è netta ma non è doppio giallo quello è rosso diretto. Insomma un incapace.

Sabato 15 maggio 2021 Juventus – Inter ore 18 Juventus stadium Torino

Scritto da Cinzia Fresia

L’approccio della partita è al solito flemmatico e poco convincente, ed è il trionfo dell’ovvio:

” abbiamo fatto tanti errori, non bisogna farli più”

” non so chi giocherà domani”

” l’Inter ha vinto e le altre hanno perso ”

Mi chiedo con un allenatore con questa mentalità dove potremmo mai andare.
Da questa conferenza stampa prevediamo che Conte ci faccia pelo e contro pelo.
Con questa mentalità la Coppa Italia l’appendiamo in cameretta.
Prepariamoci!

Un piccolo sussulto d’orgoglio

 

 

Articolo di Alessandro Magno

Un piccolo sussulto di orgoglio contro il Sassuolo ancorchè probabilmente tardivo. Ci siamo messi in un vicolo cieco va detto. Ok va bene il fino alla fine ma siamo nelle condizioni che neanche 2 vittorie nelle ultime due giornate ci assicurano la qualificazione alla Champions League per l’anno venturo. Dipenderà anche dai nostri concorrenti e non è una situazione che francamente mi piace senza contare che battere oggi questa Inter per questa Juve non sarà facilissimo. Ma veniamo al Sassuolo. Almeno c’è stata una prova d’orgoglio. Non è stata una vittoria netta. Meno netta di quanto dica il risultato. Sullo 0-0 Buffon ha dovuto parare un rigore e in difesa si è ballato tanto sia sullo 0-0 che poi dopo il 2-1. Tuttavia al netto di un Sassuolo indiavolato che non ha regalato nulla almeno abbiamo avuto quella tanto agognata reazione di orgoglio che aspettavo almeno da una decina di giornata.

Molto bene i vecchi Buffon e Ronaldo anche sul piano del carisma e dell’esempio dato agli altri e molto bene anche negli episodi determinati. Dybala e Kukusevski meno bene durante la partita ma sono stati bravi poi a confezionare il gol del tre a zero. Dopo il gol l’argentino evidentemente galvanizzato è venuto fuori anche bene con delle ottime giocate. 100 gol per lui e 100 gol per Ronaldo un bel traguardo per loro che entrano in questo ristretto club di juventini che hanno segnato almeno 100 gol appunto. Mi è piaciuto anche tantissimo De Ligt un vero leader della difesa nonostante la giovane età un giocatore che speriamo di non perdere qualora dovessimo fare il prossimo anno l’Europa League.

A proposito dell’Europa League sappiamo tutti che è la serie B d’Europa e sappiamo tutti che i primi turni sono talmente brutti da risultare quasi indigesti e inguardabili tuttavia in questi ultimi anni ci hanno partecipato big come il Chelsea e Manchester United quindi se dovesse accadere non è il caso di fare i sofisticati. Se Europa League sarà io mi aspetto che si giochi per vincerla come ogni competizione. Senza snobbarla. Magari è la volta buona che si rivince un torneo europeo che ci manca da un botto di tempo. Tuttavia ora è presto per fare queste considerazioni pensiamo a vincere contro l’inter e poi chi vivrà vedrà.

100 ore, 100 minuti, 100 gol.

scritto da Cinzia Fresia

Il morale non è dei migliori, la Juventus continua il suo percorso di semi-agonia vincendo a Sassuolo.
Una vittoria che non cambia nulla e rimanda il verdetto Champions.
Non serviva avere una palla di cristallo per prevedere questa vittoria, sebbene alcuni giocatori si siano messi di impegno per perderla, il destino ha voluto che Buffon, probabilmente nella sua ultima presenza con la maglia della Juventus, parasse un rigore.

Una vittoria che mantiene le cose così come sono e non aggiunge niente a ciò che c’è.

Una buona partita? Si .. buona, ma sempre con i soliti errori dovuti ad insicurezza forse a mancanza di fiducia a un allenatore insicuro. le lacune frequenti: perdita della palla, tempi sbagliati, passaggi inconcludenti, malintesi.

Non si vede l’ora che questa agonia finisca, lo stesso Rabiot autore del gol dello sblocco, farfuglia dicendo che è stanco, come se gli altri non lo fossero.

La situazione e’ la seguente: il piazzamento per l’ultimo posto in Europa è condizionato dai risultati degli altri a prescindere da quelli della Juventus, il rischio di non ottenerlo c’è. In ultimo la Uefa ha aperto un procedimento contro la Società in merito alla volontà della stessa di non voler uscire dalla super lega.

Intanto una delegazione di tifosi ultras arrivata a Reggio Emilia ha chiesto di vedere Gianluigi Buffon, per salutarlo.
Ne è nato un confronto, Buffon ha voluto chiarire il dispiacere di quanto fatto e che non era loro intenzione di trovarsi in questa condizione.

Ormai è sancita la separazione tra Società e tifosi. I quali non hanno più fiducia nella proprietà, e sono sospettosi che l’intenzione della dirigenza sia di non qualificarsi di proposito per vendere tutti i Campioni e rifare una squadra abbassando il monte ingaggi.

Sospetti pesanti ma potenzialmente veritieri .. Il Presidente Andrea Agnelli non parla, non si è ancora presentato ai microfoni, nemmeno per dire .. “mi dispiace”. Al suo posto Paratici e Nedved i quali si esprimono con frasi di circostanza.

Nel frattempo 100 gol per Ronaldo e Dybala. L’obiettivo della coppia in attacco meravigliosa, Cristiano e Paulo. Dybala peraltro è il primo giocatore non europeo a segnare 100 gol con la stessa maglia.
Una coppia che ci è piaciuta subito e che insieme hanno giocato un grande un calcio ma per come stanno le cose, la Società non ha motivazioni per trattenerli.

Si va avanti .. respirando solo per mezz’ora, come ha detto Pirlo.
Sabato prossimo c’è l’Inter, quindi Antonio Conte a Torino.
L’ex non sarà in vena di sconti e galvanizzato dalla conquista dello scudetto, si accanirà ancora di più.

Oggi la Juventus è depauperata e indifesa,

I mala tempora continuano .. Franzo Grande Stevens e Vittorio Chiusano non ci sono più e oggi la Juventus è debole e attaccabile vittima di burocrati politicizzati.

Pagelle Sassuolo Juventus 1-3

 

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 8 Ci mette un paio di mezze proprio quando vanno messe. Para un rigore sullo 0-0 e prende un tiro a giro non facile sull’1-0 per noi. Io ho detto che a un certo punto Szczesny andava panchinato per questo finale di partita ma qualcuno mi ha dato del matto.

Danilo 6 E dietro si è ballato non poco in certi momenti e la partita è stata impegnativa. Non ha demeritato ma credo abbia giocato con molta molta attenzione sugli avanti neroverdi che sono velocissimi quindi poco propenso a lasciare vuoti dietro sbilanciandosi.

De Ligt 7,5 Nei prima 20 minuti con Buffon tiene in piedi la Juve. Dopo proprio intorno al ventesimo un rinvio sbagliato rimane l’unico errore della partita. Ferma Berardi in un uno contro uno a campo aperto che non è per nulla facile. Muro.

Bonucci 5,5 In grande difficoltà all’inizio soprattutto quando il Sassuolo va a mille all’ora non ha più il passo per andare dietro a questi ritmi. Causa il rigore ed è in balia degli avversari. Si riscatta pian piano nel secondo tempo quando la Juve si difende meglio e i ritmi sono più blandi.

Alex Sandro 7 Sugli scudi. Almeno 2 diagonali decisive su Berardi di cui una in area con il rischio di fare rigore. Un salvataggio sulla linea in spaccata anche questo di enorme difficoltà. Anche lui non spinge moltissimo ma la sua partita in fase difensiva è notevole.

Kulusevski 6 Gioca una partita un poco tutta sua. Da solo. A volte riesce a fare cose positive poi si perde in un bicchiere d’acqua , quasi sempre perchè tiene troppo palla. La prova non è sufficiente tanto che pensavo a Cuadrado al posto suo quando gli riece il lancio per Dybala del 3-1.

Arthur 5,5 Prova a dettare tempi di gioco e a dare una mano in difesa. Perde un paio di palloni su cui subbiamo delle ripartenze ma il male è che spesso rimane preso in mezzo al palleggio del Sassuolo e finisce per girare a vuoto.

Rabiot 7 La sua partita non è perfetta. In compartecipazione con Bonucci crea il patatrac del rigore e anche sul gol del Sassuolo non segue Raspadori tuttavia voglio privilegiare nel voto le cose positive. Intanto il gol dell’1-0 in un momento in cui soffrivamo tantissimo. Poi l’assist di testa del 2-0 sul gol di Ronaldo. Tirasse di più perchè ha un buon sinistro.

Chiesa 6,5 Fa tante tante buone cose e cerca il gol con insistenza peccato la mira oggi non sia delle migliori e spesso i suoi tiri vanno fuori. Non mi sembra ancora al meglio dopo l’infortunio ma sembra sulla strada buona.

Dybala 7 Primo tempo di grande sofferenza dove si sacrifica a fare il centrocampista difensivo e lo fa anche abbastanza bene. Nel secondo tempo intanto segna un gran gol da grande numero 10 e dopo il gol è veramente un bel vedere fino a che resta in campo.

Ronaldo 8 Sullo 0-0 sprona la squadra facendo pressing da solo e costringendo qualcuno del Sassuolo a buttarla fuori. E’ il segnale e l’esempio per gli altri. Sempre nel primo tempo va sulla fascia ed effettua 2 o 3 cross che mettono in apprensione il Sassuolo. Quando poi ci mettiamo a giocare di rimessa trova un gol un palo e altre buone azioni.

Bentancur 6,5 Entra molto bene in campo e da quel qualcosa in più sul paino dinamico e della corsa.

Cuadrado sv

McKennie sv

 

Juventus 6,5 La Juve soffre ma gioca una buona partita. Rischia il tracollo sul rigore ma reagisce e porta a casa una partita che ci da ancora qualche speranza. Ma aldilà della qualificazione champions almeno la squadra torna viva.

Pirlo 6,5 Non so cosa avesse Cuadrado ma Kulusevski titolare invece del colombiano mi ha fatto storcere il naso. Alla fine si vince con qualche patema va bene. Buffon dovrebbe esser titolare nelle ultime.

Arbitro 5,5 Irritante in certi momenti. Quest’anno abbiamo avuto tantissimi arbitri come questo che fischiano qualsiasi svenimento e poi magari sorvolano sui falli veri.

Mercoledì 12 maggio 2021 Sassuolo-Juventus ore 20.45 Stadio Mapei – Reggio Emilia

Chiacchierata con Mirko Nicolino post Juve Milan

Juve Night Show s01 e31

La barca affonda e l’orchestrina continua a suonare

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Juventus Milan è stata un fallimento annunciato. La squadra era già sfilacciata nelle partite addietro e raggranellava qualche risultato (Fiorentina, Torino, Udinese) per il rotto della cuffia. Chi ha visto le partite sa di una squadra che prende gol da tutti, praticamente da oltre 10 partite di fila, che produce pochissimo gioco, che tira in porta pochissimo (ieri con il Milan una volta sola). La sensazione è che Pirlo da tempo avesse perso il polso della situazione. L’uscita con il Porto fu quantomeno un segnale di una squadra sgangherata, ma poi sono venute altre belle figure come quella con il Benevento che l’unica vittoria del girone di ritorno l’ha fatta proprio contro di noi ed oggi sta bellamente retrocedendo. Tutti questi segnali sono stati sottostimati dalla dirigenza. Si è preferito non intervenire non si sa se per fiducia o per non ammettere di aver fallito, perchè ad oggi se Pirlo ha fallito, con lui hanno fallito chi lo ha messo e soprattutto chi ha iniziato questo effetto domino che è partito con l’esonero di Allegri, che lo scudetto vinto poi a denti stretti da Sarri aveva quantomeno nascosto.

Ora è evidente come si sia distrutto quanto di buono si era fatto in 10 anni. Serve un miracolo per la qualificazione Champions. Siamo non solo nelle nostre mani, che già non sono mani d’acciaio in questo momento, ma siamo alla mercè dei nostri avversari infatti ad oggi bisogna sperare in un mezzo suicidio di qualcuna che ci sta davanti. Nell’ultima giornata poi ci sarà Atalanta-Milan ed è evidente che se gli basterà un pareggio per entrare in coppa entrambe pareggeranno. Segnatevelo. Non vi aspettate aiuti da nessuno. D’altronde a onor del vero neanche lo meritiamo. Con quello che si è visto ieri realisticamente parlando faticheremo non poco a far risultato con Sassuolo e Inter, men che meno abbiamo grosse speranze di batter l’Atalanta in coppa Italia, squadra che fra l’altro quest’anno non abbiamo mai battuto.

Ci sarebbe voluto già da tempo un cambio di rotta. La nave andava dritta contro un iceberg e si è scelto di non intervenire sfidando l’iceberg alla gara di chi fosse più duro. Ora abbiamo visto che è più duro lui e stiamo affondando miseramente. Tuttavia anche in questo momento, e mi riferisco al summit di questa mattina, si è scelto di non intervenire. Quindi si affonderà probabilmente tutti insieme con Pirlo come si era già fatto con Del Neri e come spesso è da tradizione bianconera. Una tradizione che non capirò mai. Il Chelsea per tre volte nella sua storia cambia mister in corsa e per tre volte va in finale di Champions. Noi invece per salvare un mister, che con molta probabilità smetterà di allenare già domani, affondiamo tutta la barca e muoia Sansone con tutti i filistei. Solo una cosa ancora: quanto più si va a fondo e tanto più sarà difficile la risalita. Sarebbe bene tenerlo a mente.

Chiacchierata Ben & Mirko post Juve Milan

Il mio regno per una coppa

Scritto da Cinzia Fresia

E con questo risultato diciamo pure addio alla Champions. Delusione .. solo delusione.
La Juventus è crollata: ormai è il fantasma di se stessa.
Abbiamo detto tutto e il contrario di tutto e non serve più cercare giustificazioni o addurre a motivi inventati, Andrea Pirlo non è un allenatore.

Non crede in quello che fa e lo si vede dagli uomini in campo totalmente travolti dagli eventi.
Ma ciò che preoccupa sono gli Agnelli – Elkan i quali agiscono come se niente fosse.

Fare finta che sia normale perdere punti con il Benevento sostenendo che sono cose che capitano, indica una falla nella dirigenza ma soprattutto nella proprietà, la quale persevera in una scelta di sentimento assolutamente sbagliata.

I tifosi sono seriamente preoccupati che sia riconfermato Andrea Pirlo l’anno prossimo, il tecnico per decenza e in memoria di ciò che è stato da giocatore dovrebbe dimettersi.
Vorrei invitarlo ad usare un paio d’occhiali e verificare lui stesso in che condizioni è.
In ultimo mi sono altresì chiesta cosa potesse servire mettere Dybala al 79mo a partita compromessa.

La scelta su Andrea si è rivelata scellerata e nasconde una profonda incompetenza.
Non può una squadra del livello della Juve non rendersene conto.
Se la Società vuole sprofondare nella mediocrità beh c’è riuscita. Ma a che pro?

E’ vero che non si può sempre vincere ma buttare 9 anni di vittorie e di buona gestione è inaccettabile.
Oggi la dirigenza della Juventus non è più credibile: si è resa attaccabile da più direzioni, e perderà giocatori a partire da Ronaldo, Dybala, e alla spicciolata se ne andranno altri i quali non si sentiranno più a loro agio in un ambiente che non offre traguardi e obiettivi.

E’ questo che vuole la Juventus?

La Juventus è in guai seri senza prospettiva di uscirne. E noi tifosi stiamo aspettando seriamente preoccupati che si trovi una soluzione.

  • Page 1 of 2
  • 1
  • 2
  • >
Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia