NOTA UFFICIALE DEL CLUB

NOTA UFFICIALE DEL CLUB

In riferimento a quanto riportato da alcuni organi di stampa – nel pieno rispetto della magistratura e degli organismi regolatori del mercato, e pur ribadendo la massima fiducia nelle autorità giudicanti – JFC precisa quanto segue.

A seguito dell’avvio del procedimento Consob di accertamento di presunte non-conformità contabili (luglio 2021), conclusosi in data 19 ottobre 2022, con gli esiti resi pubblici da Juventus con i due comunicati del 21 ottobre e 20 novembre 2022, e a seguito dell’acquisizione degli atti del fascicolo penale (a seguito della notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari il 24 ottobre 2022), gli organi sociali di Juventus hanno proseguito il processo di rigorosa e scrupolosa valutazione di tutte le contestazioni contabili rivolte con riguardo ai bilanci di Juventus (2019/2020 e 2020/2021 e, a cascata, 2021/2022).

Sulla base di un solido set di pareri di primari professionisti legali e contabili, il board di Juventus è pervenuto, con compattezza, alla conclusione unanime da parte dei nove consiglieri in carica alla data del 28 novembre 2022, che:

  • Il trattamento contabile adottato nei bilanci contestati rientra tra quelli consentiti dagli applicabili principi contabili;
  • le contestazioni della Procura non paiono fondate e non paiono, peraltro, né quanto a presupposti, né quanto a conclusioni, allineate con i rilievi contenuti nella delibera Consob del 19 ottobre 2022; infatti, la Procura afferma l’artificialità di plusvalenze e la fittizietà delle rinunce stipendi, mentre Consob contesta un valore considerevolmente minore di plusvalenze, peraltro senza menzione di falso in bilancio, e non contesta l’efficacia giuridica delle rinunce stipendi, né, con specifico riguardo alla c.d. “manovra stipendi” 2020/2021, la natura giuridicamente non-vincolante, delle c.d. scritture integrative in corso di negoziazione nell’aprile/maggio 2021;
  • la correzione dei bilanci (i.e. restatement), con il limitato profilo delle c.d. “manovre” stipendi 2020 e 2021 è stata decisa in via di adozione di una prospettiva di accentuata ed estrema prudenza e ha effetti contabili ritenuti, anche con l’ausilio di esperti indipendenti , di ordine non rilevante, in particolar modo sul patrimonio netto della Società al 30 giugno 2022;
  • Juventus confida, infine, che, proprio in ragione della ritenuta assenza di qualsivoglia alterazione dei bilanci contestati, le conclusioni delle autorità sportive (che già si sono espresse, con riguardo al tema plusvalenze, in senso favorevole a Juventus) non cambieranno: in assenza di alcuna alterazione contabile, ogni sanzione sportiva risulterebbe del tutto infondata.

Nella convinzione di aver operato sempre correttamente, Juventus FC intende far valere le proprie ragioni e difendere i propri interessi, societari, economici e sportivi, in tutte le sedi.

  1. La nota del club mi sembra molto chiara. Vediamo cosa succede.

  2. Sentenziano tutti e tutto…ormai siamo già in B.
    Di una eventuale multa non ne parlano proprio.

  3. Il comunicato mi sembra chiaro e rincuorante anche per noi tifosi

  4. Furino,

    ti ho risposto mel vecchio topic, ripeto in quello nuovo.

    Oddio, così parli da interista!

    Ma ce ne sono tanti come te, che oggi, tempo nel quale la Juve si è smarrita hanno perso, se mai l’anno avuto, l’aplomb sabaudo ed un certo modo di vedere il mondo.

    Non è infatti la forma, ma la sostanza.
    Non sono infatti i soldi, nel bene o nel male, ma il saper fare, il lavoro.

    Non si vince infatti con i fuoriclasse già pronti, ma con quelli formati in casa.
    Gentile, Cabrini, Bonini, Brio, Scirea, Tardelli, tutti arrivati giovanissimi, tutti cresciuti in bianconero, arrivati sul tetto del mondo con 2 dico due acquisti importanti come Platini e Boniek.

    Ma non basta, la storia si ripete poi con Lippi.

    Peruzzi, Torricelli, Montero, Pessotto, Conte, Di Livio, Marocchi e Del Piero.

    Anche loro arrivati alla Juve giovanissimi ed arrivati sul tetto del mondo accompagnati da pochi selezionatissimi fuoriclasse.

    La ricetta sono i giovani.

    Chi chiede i fuoriclasse ad ogni piè sospinto non vincerà mai.

    Quella non è la nostra storia ma quella nerazzurra.

    Saluti.

    • Azz perché avevi dubbi?
      Piccoli o grandi sempre loro sono.

    • C’è da dire però che è sempre stato coerente, su farsopoli diceva le stesse cose anche quando era piccola.

      • P.S.: Ovviamente sul tema non otterrai risposta, la maschera da interista gli è già caduta diverse volte, in un altro blog di matrice juventina ha anche indossato per 54 volte quella da milanista, scrivendo questa roba qua:
        “Certo il Chievo è finito in promozione per molto meno. Io spero che la juve rimanga in serie A perchè mi sarebbe difficile immaginare il calcio italiano senza.
        Già Rumenigge aveva criticato la gestione poco fa ma una società coinvolta in 15/20 anni in tre scandali colossali non credo abbia i requisiti per partecipare ad una elite-society.”

        Il peggio però è che a differenza tua nessuno là ha replicato alle sue farneticanti asserzioni da ossessionato antijuventino.

      • Genio 1 + Genio 2
        almeno cercate di imparare l’italiano e l’analisi logica: si riferisce al fatto che Agnelli ha cercato di vincere facendo un “all in” invece di continuare la strada del 2010

        Mi ricordate il film scemo+scemo

        • Cerca di non rompere i maroni idiota…

        • Di là hai scritto: “Ad Agnelli contesto l’inutile contestazione del 2006”
          Di qua che: “si riferisce al fatto che Agnelli ha cercato di vincere facendo un all in invece di continuare la strada del 2010”?..
          Non so che tipo di analisi logica ti abbiano insegnato da piccolo ma in quel che scrivi da Grande è evidente la distonia fra i soggetti e i complementi oggetto.

          • volevo lasciare perdere.
            poi ho pensato che considerando la tua propensione a falsare le frasi altrui a te invece calza a pennello questa citazione “A man who’d make a so vile pun would’t scruple to pick a pocket”

  5. La nota ufficiale conferma che la Juve è in mano a tecnocrati amministrativi e legali che si preparano a controbattere le accuse della Procura di Torino e sopratutto della Consob la quale contesta in particolare le intese con i giocatori per la rinuncia agli stipendi in pandemia e su questo il 22 novembre scorso su richiesta della stessa Consob la Juventus aveva già presentato bilanci pro-forma degli esercizi chiusi al 30 giugno 2020, 2021 e 2022, rettificati secondo le indicazioni dell’autorità di borsa. In sostanza da quel che si legge dai vari articoli specializzati, pare di capire che le accuse rigurdano i principi contabili adottati dalla vecchia gestione nel redigere i bilanci, con annesse contestazioni sulla trasparenza delle voci degli stessi, da cui la scelta del nuovo management da parte della proprietà come segnale al mercato azionario di discontinuità rispetto al precedente.

  6. Ripeto e credo per l’ultima volta, io non mi fascerei la testa prima di essermela rotta. Sto leggendo di tutto e di più riguardo alla situazione attuale della Juventus e aldilà del tifoso che sono, quindi sempre a favore della società cui faccio il tifo, molto, ma molto serenamente credo che si stia montando un castello di sabbia.
    Lo stesso montato in calciopoli per colpire la squadra più amata ed odiata dagli altri italiani ( quelli che io reputo di serie b perchè oggettivamente dei perdenti nati)
    Quest’ultima frase sarà riportata dal solito frustrato su altro sito, ma non mi vergogno di quanto dico e penso, pertanto se ne ha il coraggio che mi venga ad incontrare e glielo dico anche in faccia, così non si scandalizza più. Ma i conigli o meglio i cotardi sono bravi solo come leoni da tastiera, quanto a manifestarsi, beh con multinick è anche più facile.

  7. Ho avuto il piacere nella mia vita di conoscere molte persone, tra cui anche dei magistrati con cui ho avuto anche il piacere di trascorrere delle belle serate in compagnia a cena per determinate occasioni festive e di convivialità.
    Non mi reputo un sociologo ma ho fatto ai miei bei tempi qualche esame di sociologia all’università pertanto qualcosa sul comportamento umano lo riesco a percepire pure io.
    Come in tutte le categorie degli uomini ho riscontrato che in questa categoria di funzionari pubblici ai massimi livelli, non sempre la professionalità è al di sopra di tutto, perchè essendo uomini,( e donne ovviamente, lo dico in generale)sono spesso condizionati da fattori esterni fattori caratteriali e comportamentali che spesso e volentieri prendono il sopravvento.
    Mi sono divertito ad osservare questi amici ( ho la fortuna di averne qualcuno pure “parente “che conosco da sempre).
    Poi, essendo pure un appassionato di Fabrizio De Andrè, ed avendo ascoltato molte sue ballate, mi ero appassionato già da ragazzo a questa figura che dovrebbe giudicare dall’alto, e non riuscivo inizialmente ad immaginare il perchè lui spesso deridesse questa figura.
    Ho constatato che più si fa carriera e più, ognuno di noi non solo cresce con l’esperienza acquisita, ma che può anche decrescere con la presunzione di essere più bravi degli altri e quindi commettere facilmente degli errori.
    Poi ho pure constatato che certi atteggiamenti nel sentirsi giudici ed inquisitori e quindi recettori di bugie da parte degli imputati che vorrebbero essere scagionati ad ogni costo anche quando magari hanno ucciso la propria madre, hanno portato alcuni a diventare anche più severi nei riguardi degli altri e a non fidarsi più di nessuno.
    Poi ci sono ( e questa è una percentuale molto alta) di narcisi che la loro professione ha evidenziato ancora di più e pur di potersi mettere in mostra si venderebbero volentieri pur di apparire.
    Questa vanità è insita nel comportamento umano pertanto non è una novità se ci dovessimo trovare dei ” Narducci ” capaci di voler ricusare una giudice come la Casoria ( faccio un esempio pratico) per poter vincere una causa ( quella contro la Juventus) che sarebbe la causa della propria vita e che lo farebbe diventare il P.M. capace di aver vinto contro gli “oppressori” della propria squadra del cuore, ad esempio.
    Tutto questo blablabla per dire che la Juventus proprio perchè azienda in mano alla famiglia più importante d’Italia fa molta gola a molti narcisi che vedrebbero il proprio nome finalmente alla ribalta.
    Non sono un revisore contabile di consob e non mi sognerei mai di dire che qualche nefandezza nei bilanci la Juve l’abbia potuta pure fare, ma essendo dei bilanci pubblici, si tratta di situazioni che dovrebbero essere sotto l’occhio di tutti, pertanto se si riesce a provare ( ripeto a provare) qualche uscita in nero, è pure giusto che la Juventus abbia le giuste ammende pecuniarie che la legge prevede.
    Quanto al surplus delle valutazioni dei giovani è tutto molto soggettivo, quanto costerebbe oggi Fagioli, per cui 2 anni fa fu valutato ( non so il prezzo?). E’ il mercato che lo può decidere, pertanto se trovo un amatore che vuole quel ragazzo ( non ricordo il nome ) che a giugno l’Inter ha venduto in una squadra inglese per 20 milioni, senza che non abbia mai fatto una partita in campionato, significa che le due parti hanno giudicato questo valore.

  8. https://www.tuttojuve.com/altre-notizie/avv-afeltra-la-juve-non-subira-alcuna-sanzione-plusvalenze-e-falsi-in-bilancio-non-interesseranno-il-ramo-sportivo-623769

    https://www.tuttojuve.com/

    Ora, non conosco né Afeltra né Grassani. Non so se uno è juventino e l’altro anti oppure entrambi neutri ma una considerazione sento di farla. Come possono 2 avvocati avere una visione diametralmente opposta sulla stessa vicenda? Ahò, ci fosse un punto comune anche solo x sbaglio: niente. Allora a questo punto uno dei 2 dice sciocchezze e probabilmente è diventato avvocato con la raccolta punti vinci campione della Ferrero. Altro motivo non c’è.

    • Germano,
      credo che le cose dall’esterno siano veramente poco chiare. Gli articoli vengono scritti per compiacere il proprio pubblico di riferimento.

      Ad oggi non ci resta che aspettare.

      La situazione non pare grave.
      Le cifre che riguarderebbero l’illecito inoltre sarebbero minime o comunque una frazione rispetto ai 700 mln messi da Exor nelle casse Juve in due anni.
      Sembrerebbero dei bilanci “abbelliti” per la proprietà più che per il fisco da dirigenti preoccupati dal giudizio del superiore.
      O per fare qualcosa in più sul mercato piuttosto che concentrarsi maggiormente sul lavoro in allenamento.

      Certo non c’è da escludere la giustizia sportiva.
      La vera scheggia impazzita, capace di inventarsi qualsiasi tipologia di reato pur di ottenere pubblicità personale per qualsiasi scopo personale.
      Meccanismo ben spiegato da Antony.

      Conclusioni?

      Ad oggi impossibile farne.

      Ad oggi si parla di un presidente ed un amm. delegato il primo proveniente dal mondo bancario ed il secondo dall’editoria di matrice Exor, cioè persone di fiducia, che sanno muoversi in un certo modo.
      Cherubini resta al suo posto, ed è stato inserito un ds di casa Juve.

      Manca un ruolo, si era parlato di Allegri alla Ferguson.

      Ma oggi tutto cambia, pare che Ferrero / Elkan abbia contattato Del Piero per il ruolo di vice presidente.

      Mi fermo qui, non voglio illudermi troppo.

  9. Dai Germano, ci vuole molto a capire che il tifo porta certa gente a farsi giustizia personale?
    C’erano esimi avvocati del foro di Napoli che dovrebbero vergognarsi perchè la loro cultura è stata messa sotto i tacchi, perchè chiedevano lo scudetto che Sarri perse in albergo a Firenze.
    Quando hai a che fare con il tifo ( lo vedi dai giornalai anche più rappresentativi) tutto viene ad essere interpretato n relazione alle proprie convinzioni di tifo.

  10. Il gip di Torino sembra abbia detto che sulle plusvalenze ci sarebbe la buona fede della Juve. In pratica? Qualcuno può spiegare meglio ad un cretino come me? Grazie anticipatamente a chi vorrà farlo.

    • Perchè il 15 aprile scorso il Tribunale Federale ha prosciolto tutti e 11 i club e i 59 dirigenti coinvolti nel caso plusvalenze, da Andrea Agnelli fino a Aurelio De Laurentiis.

  11. Non si tratta neppure di buona fede , Germano. Si tratta di valutazioni fittizie cui puoi dare qualsiasi numero.
    Mi spiego meglio perché credo di non essere stato chiaro prima nel post precedente.
    Se tu hai in erba un simil Maradona lo vedi subito da come si muove in campo. Se poi questo diventerà un crack o un flop lo potrai vedere dopo. Zaniolo per farti un esempio ora vale dai 30 ai 50 milioni ma di vedeva da subito che sarebbe diventato forte. Lo stesso Fagioli che sta per sbocciare nella Juve se qualcuno lo ha quotato 10 o 20 milioni, poteva starci, con il senno di poi, o no? Uno come Bentacur per farti un altro esempio fu quotato addirittura quanto Tevez. In queste cose tutto è molto soggettivo non puoi avere dei metri di valutazione certi.
    Poi se è la Juve che prende i migliori prospetti tra i giovanissimi si grida sempre al ladro al ladro, mentre se lo fanno gli altri è tutto regolare. Questo è il guaio di trovarsi sempre nell’occhio del ciclone.

  12. 日本、勝利の夜明け。
    (Giappone, alba vittoriosa)

    • Il Giappone è soprattutto il Var hanno a-var-iato il Campionato del Mondo…sul secondo goal dei nipponici la palla era uscita.

  13. Riporto lo stralcio di un articolo di Tuttosport che fa chiarezza sulla vicenda processuale e sui reiterati tentativi di linciaggio mediatico della Juventus:

    “La partita si giocherà in due diversi ambiti. Il primo è quello, ampiamente sviscerato dai mass media, del processo penale.
    Occorre subito precisare che la vicenda si trova tutt’ora nella fase preliminare della formulazione della accuse, che dovranno essere vagliate da un giudice dapprima al fine di verificare se consentono un rinvio a giudizio degli indagati e, nel caso in cui questo accada, da altri giudici collocati in tre gradi del processo (Tribunale, Corte d’Appello, Cassazione).
    Solo in presenza di una sentenza definitiva di condanna si potrà affermare che gli imputati erano colpevoli e per quali fatti.”

    Ecco, l’ultimo passo dovrebbe essere un monito all’operazione di sciacallaggio mediatico sistematico che da settimane soffia nuovamente sul “sentimento popolare” pronto a dar fuoco alle pire dell’ossessione e dell’odio antijuventino. E se odiatori seriali nonchè alienati P.redicatori in K.appuccio ossessionati dalla Juve se ne trovano anche nei blog di matrice juventina, la sorpresa maggiore è scoprire come certi razziatori juventini, che definire raz-minkioni è un complimento, siano qlo e camicia con loro.

    • Gioele, premesso che non capisco ancora come certi giornali riescano ad avere le intercettazioni in anticipo, ma visto tutto quello che ta venendo fuori mi chiedo se veramente non potranno farci niente anche xchè la cosa sembra di dtia anche allargando ad altre squadre come l’Atalanta. Che poi credo che sia in fatto comune a tutte le squadre a cominciare da chi ha 800 milioni di debiti è assodato. Il problema è che le altre procure (chissà xchè…) non si sono mosse. X una volta sono d’accordo con Zeman: pensa a che punto sono arrivato…

  14. Perché il secondo gol del Giappone è valido:

    twitch.tv/unangolosulcal…

    • Vabbè, il link non è completo, ma ognuno può cercare le foto sul web. In breve,
      secondo gol del Giappone: ci deve essere luce tra il pallone e la linea di fondo “nella proiezione verticale” per essere considerato fuori dal campo. Non conta infatti che la “minima superficie del pallone” che tocca il campo sia fuori. Questo perché il pallone è una forma sferica abbastanza grande. Nel tennis, Ad esempio, ciò non sarebbe potuto accadere 🤔.

      • La stessa cosa dicasi di un goal, di un fallo laterale o di un corner…voglio dire non ci voleva certo il goal del Giappone per insegnarci un regolamento dei più semplici possa essere per una partita di pallone…

      • Mi sono attardato nella spiegazione scritta non avendo potuto postare la foto.
        Diciamo che per una volta la tecnologia ha corretto un errore dell’arbitro e del guardialinee che avevano “visto” -come tutti noi spettatori in tv-, il pallone fuori.

  15. Beh, dentro o fuori, credo che l’abbiano vagliato al microscopio e non penso proprio abbiano sbagliato con il var.
    E’ come il goal non goal in questo caso. Meglio il Giappone agli ottavi che la Germania, e, c’è stato un momento che anche la Spagna era fuori a spese del Costarica. Solo la vittoria della Germania l’ha salvata dall’eliminazione. Un mondiale comunque senza la maggiore pretendente al titolo non è un mondiale serio. 😆 😆 😎

  16. https://www.trend-online.com/sport/perche-il-gol-del-giappone-e-regolare/

    Altro articolo che spiega dettagliatamente ciò che avevo già sintetizzato stamane.

    Gol del 2-1 valido a norma di regolamento, e Giappone che vola agli Ottavi a scapito della Germania.

    • Credo che sarebbe opportuno applicare lo stesso criterio sul fuorigioco invece di andare a vedere se la punta del naso dell’attaccante è oltre la linea dei difensori.

  17. 4 AGOSTO 2011

    “Telefonate dell’inter correttamente evidenziate dai carabinieri come rilevanti e poi misteriosamente scomparse dell’inter. A questo punto viene anche a cadere anche il possibile pressapochismo di chi ha condotto le indagini, ma si sconfina nell’evidente malafede. Chi sia il responsabile di tutto ciò, chi ci sia dietro io chiaramente non lo so e non voglio nemmeno lanciarmi in congetture pericolose, del tipo causa effetto, ovvio chi ne ha beneficiato doveva essere il mandante. Quello che però mi auguro è che si faccia chiarezza su una vicenda francamente inquietante. Si indaghi approfonditamente e si persegua chi non ha compiuto il proprio dovere. E poco mi importa che dietro ci sia l’inter o meno, quello che credo sia un diritto di tutti noi tifosi della Juve è che sia fatta chiarezza su una vicenda che dovrebbe imbarazzare chiunque e soprattutto l’intero movimento calcistico italiano”.

    Ma che razza di minchione è se poi si mette a fare catzi in qlo con un povero kretino nerobleau.

  18. Germano

    Vedo che qui si preferisce disquisire sul pelo di fi.eno dentro o fuori sul gol del Giappone, piuttosto che dell’ennesimo tentativo mediatico di sputtanamento della Juve. Proprio poco fà leggevo nel web che sono spuntate nuove intercettazioni (manco fossero funghi o tartufi fuori stagione) fra Agnelli e Elkann e relativi titoli altisonanti: “La Juve trema e le intercettazioni inchiodano anche Elkann”. Mi domando e chiedo allora come si fa in paese civile come dovrebbe essere l’Italia a permettere un linciaggio mediatico sistematico del genere, quando, come è scritto nell’articolo di Tuttosport e fino a prova contraria, la vicenda è tutt’ora nella fase preliminare della formulazione della accuse, accuse ancora da vagliare da un giudice e non certo sulla base di intercettazioni difficilmente interpretabili e sopratutto non divulgabili pubblicamente come elementi certi di accusa e peggio ancora senza che nessuno degli indagati sia ancora stato rinviato a processo presso altri giudici “collocati in tre gradi del processo”. Se permetti allora e anche per rispondere alla tua domanda, questa non la chiamerei informazione, questo è solo l’ennesimo tentativo di rimettere in moto la macchina del fango, la stessa che nella farsa del 2006 servì a soddisfare la sete di sangue e di giustizialismo del “sentimento popolare” antijuventino. 1

  19. Io sono sinceramente sconcertato.
    – innanzitutto come fanno i giornali ad avere tutte le intercettazioni che riguardano la Juventus? La Repubblica, il Cesso Quotidiano e via dicendo, da chi le hanno avute? Hanno dato qualche mazzetta a qualcuno all’interno che le ha fatte uscire? perchè non indaga nessuno su questo? è tutto regolare così, pubblicare intercettazioni fatte da ufficili giudiziari? se fai uscire le intercettazioni, è chiaro ed automatico che si crea opinione comune che i colpevoli siamo noi, per la gente della strada (che principalmente è idiota di fondo) il colpevole è subito la Juventus
    – le gestione della Juventus tramite paratici e compagnia, ma questi facevano sul serio? ma se le cose che escono sono anche solo in parte vere, ma scusa, eravamo in mano a dilettanti? non lo sanno che la Juve è SEMPRE nell’occhio del ciclone e ti controllano anche il buco del qulo? a leggere le intercettazioni e le telefonate sembra gestissero la pasticceria all’angolo, facendo cose fuori dalla legge. E’ possibile una società come la Juventus fosse gestita da questi faccendieri tipo paratici che aggiustava numeri e trattative a seconda di cosa gli serviva? Ma lo sapeva che la società è quotata in borsa con bilanci certificati e controllati? A me sembra roba che neanche al manicomio fanno uguale le stesse cose
    -perchè vengono fuori nomi di altre società e persone coinvolte con affarri di paratici e nessuna procura indaga nulla? gli altri sono tutti puliti, giusto?

  20. Intanto in mezzo a tanto polverone qualcosa di certo è accaduto, il tonfo in Borsa del titolo Juve, anche se c’è stato poi un leggero recupero delle perdite. Il tutto in relazione alla di(S)missione del Cda, da interpretare non come un’ammissione di colpa ma come un messaggio di rassicurazione agli investitori sulla discontinuità rispetto alla precedente gestione amministrativa, che per chi segue la dinamica dei mercati azionari in circostanze simili significa da una parte la corsa alla vendita con il conseguente ribasso del titolo e dall’altra il riacquisto a prezzo più basso di chi ha intenzione di speculare sulle eventuali risalite.

  21. Juventinissimo di lunghissima data, e con l’età sto pure “peggiorando”, non riesco ad appassionarmi alla cosa. Nella vita ho anche avuto l’onere di frequentare palazzi di giustizia e valanghe di carte bollate. Osservo solo che davvero molti giornalisti (di chiara o meno chiara fama), non riuscirebbero a “raspare” un misero 18 (di quelli che la benevolenza del prof. tira proprio nella schiena dello studente). Si confonde la firma della richiesta del Pubblico Ministero per l’esercizio dell’azione penale con un rinvio a giudizio bello e buono. Roba da matti. Va ben il tifo, ma qui si esagera. E’ disinformazione palese (e mi puzza anche di manovra speculativa di borsa).

    • Ciao giuliano, tutto vero quello che dici, il circolo vizioso della (mala)informazione italica e la locuzione latina…

    • Ciao Giuliano.

      Tutto vero, ce l’hanno tutti con la Juve, però intanto il Presidente della Figc ha detto la sua e non è stata contro la Juve, anzi.
      Poi c’è stato un incontro tra Gravina, Conte ed altri rappresentanti di altre squadre in villa Agnelli a Torino, dove in pratica si sono analizzati i fatti.

      Sostanzialmente facendo il riassunto, possiamo dire che:
      plusvalenze, non se ne parla, caso già archiviato.
      falso on bilancio, sembra una sciocchezza a meno degli stipendi non pagati causa Covid, e qui chi può dirsi fuori, mancando nei fatti una regola?
      Insomma la Juve è oggi sul banco degli imputati ma la cosa pare marginale dal punto di vista della giustizia.
      Il problema è però un altro, pare che il sistema serie A non regga più.
      Costi alti, ricavi bassi, televisioni che offrirebbero meno in vista dei cali di abbonamenti e visualizzazioni! Sponsor al ribasso.
      Insomma la serie A per svariate ragioni non vende!
      Questo l’allarme lanciato da Agnelli.
      E qui, tanti risultatisti dovranno fare le giuste considerazioni.

      Per il resto la serie A se vuole sopravvivere deve ricominciare a vendere calcio, non VAR e moviole e polemiche, questo dice l’attualità.
      Non solo, deve far vedere goal! E non giropalla e meline assortite.

      Cosa vuoi che ti dica, alla seconda figura di M della Juve, mi interessa ormai assai poco, a meno che non si riparta, ma sul serio, con una politica vera sui giovani e sulla crescita della rosa, del lavoro sul campo.

      Nel caso allora si, a costo di giocarci la Coppa Italia sarò bianconero, in caso contrario, se si continuerà con plusvalenze, mercati commerciali, Di Maria e Pogbà, saluterò.

      Un abbraccio. Luca

  22. ARRIVA LUI BELLO BELLO

    E ti pareva se Ceferin si faceva i catzi suoi…o come aveva fatto in precedenza con gli amichetti suoi di Parigi e non solo…

    La Uefa che apre un’indagine sulla Juventus per violazione del fair play finanziario.
    No dico ma stiamo su scherzi a parte? Oppure è una sorta di comica o sketch alla Zeling…
    Sto tizio dimentica che negli anni anche recenti almeno un paio di club europei (e che club) hanno fatto i catzi dei loro comodi con il fair play finanziario.
    Mo me lo segno…

    • Avevo già riportato quel comunicato ufficiale della Juve sugli stipendi del 28 marzo 2020 in questo post del 30 ottobre, con l’occasione lo ripropongo:
      “Juventus Football Club S.p.A. comunica, in ragione dell’emergenza sanitaria globale attualmente in corso che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva, di aver raggiunto un’intesa con i calciatori e l’allenatore della Prima Squadra in merito ai loro compensi per la restante parte della corrente stagione sportiva.
      L’intesa prevede la riduzione dei compensi per un importo pari alle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020. Nelle prossime settimane saranno perfezionati gli accordi individuali con i tesserati, come richiesto dalle normative vigenti.
      Gli effetti economici e finanziari derivanti dall’intesa raggiunta sono positivi per circa euro 90 milioni sull’esercizio 2019/2020.
      Qualora le competizioni sportive della stagione in corso riprendessero, la Società e i tesserati negozieranno in buona fede eventuali integrazioni dei compensi sulla base della ripresa e dell’effettiva conclusione delle stesse.
      Juventus desidera ringraziare i calciatori e l’allenatore per il senso di responsabilità dimostrato in un frangente difficile per tutti.”

      Sulla disinformazione dilagante nel web, devo purtroppo nuovamente prendere atto che ci sono minkioni di tifosi juventini (culo e camicia con odiatori seriali e ossessionati dalla Juve) che si ostinano a definire i media che divulgano intercettazioni come elementi certi di accusa testualmente come: “giornali seri e letti da persone mediamente dotate intellettualmente che non possano esimersi dal sottolineare fatti piuttosto evidenti”. Affermazioni che al di là di qualsiasi giudizio nel merito dimostrano come la microcefalia sia qualcosa di cui ogni individuo sano di mente dovrebbe veramente vergognarsi.

      • “giornali seri e letti da persone mediamente dotate intellettualmente che non possano esimersi dal sottolineare fatti piuttosto evidenti”. Quindi loro li leggono o possono leggerli? 🙊 Vabbè và, lasciamo perdere. Piuttosto la “famosa” frase di Agnelli “rischiamo di schiantarci” come al solito estrapolata da un preciso contesto, è stata fatta passare come in riferimento alla situazione Juve mentre invece si riferiva alla situazione del calcio italiano in generale. Così, tanto x cambiare. Chissà se chi è dotato intellettualmente è riuscito a capirlo. Basterebbe non essere disonesti intellettualmente.

        • Ma secondo te in un’affermazione come questa:
          “…i casi contemplati dal popolo juventino saranno solo due: o assoluzione per non aver commesso il fatto (ma già solo le intercettazioni sono scabrose e non saprei come) …”, quanta onestà intellettuale può essersi (da 0 a 10) in un microcefalo che ha già emesso una sentenza di colpevolezza (come dice giuliano nel suo post) prima ancora della “firma di richiesta del Pubblico Ministero per l’esercizio dell’azione penale” ???

  23. https://youtu.be/Yxg96Re2X7k

    X i “Rocco Siffredi” dell’intellettualità: xchè solo loro possono capire tutto ciò!

    • Germano,
      della macchina del fango rimessa in moto dopo farsopoli ne avevo già parlato ieri proprio nel post di risposta a te e comunque fa piacere che ci sia chi viene qui a leggere il blog di Alessandro per prendere spunti, ma va a finire che per non farmele copiare dovrò mettere il copyright sulle mie battute 😛 🙂

  24. ABORRO

    Possibile che si debbano accettare napoletani, interisti, milanisti e tutto il cucuzzaro che vengono a spiegarci l’etica?
    Loro che si sono dimenticati tutti gli intrallazzi e furti fatti dalle loro squadre…non possono ricordare perché nessuno se l’inqla e non aumentano i like o i clik sui vari web come invece li fa la Juve.

  25. BIG LUCIANO

    “La Juventus è diventata un giocattolo per tutti. Viene accusata di ogni genere di cosa e non si difende. E quindi chiunque è autorizzato a dire ogni cosa possibile contro la Juve, tanto non ci sono interlocutori contrari. E con questo sistema siamo arrivati ad avere sul banco degli imputati solo la Juventus. E gli altri possono fare quello che vogliono, tanto c’è già la Juve. Da questo punto di vista Calciopoli insegna”.

    (Luciano Moggi)

  26. IO NON COMPRO LA GAZZETTA

    Quando il porchettaro declama Solone

    “Io sono ancora qua”, mi chiamo Procura e indago sul Club bianconero. Se non la prendessimo con ironia, noi tifosi juventini saremmo di fronte all’ennesimo scenario catastrofico, un Open Water reale, in cui gli squali sono nugoli di twittatori compulsivi, redazioni giornalistiche eccitate come groupies e milioni di cittadini che in un paniere ISTAT figurerebbero con un livello di istruzione “X”, ma che in questi giorni diventano magicamente luminari del Diritto o ambiscono concretamente al Ministero dell’Economia.

    Già perché è difficile scorporare la legittimità dell’azione giudiziaria, che certamente ha dei presupposti normativi solidi, dall’uso creativo della stessa e dalla narrazione che ne consegue e che non può non tener conto della platea di voraci fruitori. L’antijuventinità è un business e coloro che vivono di copie vendute e insights non possono non tenerne conto. I tweet generalisti di alcuni opinionisti generano mediamente un volume di reazioni che non arrivano ad un centinaio, i tweet (degli stessi opinionisti) che fanno un pur breve cenno, magari velato, alla notizia che un passacarte delle Poste di Rovigo abbia chiesto da accendere ad un tale di Ivrea che era sullo stesso autobus con cui si è recata a scuola la figlia di un dipendente bianconero, bloccano il social al punto da far pentire Elon Musk dell’incauto acquisto.

    Noi tifosi bianconeri abbiamo ancora in mente Calciopoli, con una squadra punita per aver alterato il campionato senza aver alterato le partite, con un giornale libero di titolare “Ecco come truccavamo i sorteggi degli arbitri”. Eppure “Che il sorteggio non sia stato truccato, così come hanno sostenuto le difese, è emerso in maniera sufficientemente chiara al dibattimento. Incomprensibilmente il pm si è ostinato a domandare ai testi di sfere che sia aprivano, di sfere scolorite e di altri particolari della condizione delle sfere, se il meccanismo per la partecipazione ad esso di giornalisti e notaio era tale da porre i due designatori Bergamo e Pairetto nell’impossibilità di realizzare la frode”. Ma si sono inventati l’illecito strutturato.

    Ancora più indietro, il tifoso bianconero Guariniello è conosciuto per il famoso processo alla ricerca del doping perduto, a tutt’oggi è prevalente la convinzione generale che la Juventus abbia usufruito della prescrizione in relazione all’epo, un famoso giornale titola “Juve, prescritti i reati di doping”, mentre in realtà sentenza della Cassazione ha confermato l’assoluzione degli imputati, già sentenziata dalla Corte d’Appello, dall’accusa legata al doping, ovvero la presunta somministrazione ai calciatori di eritropoietina. La prescrizione ha riguardato un eventuale nuovo processo relativo all’abuso di farmaci leciti. Guai a sottolinarlo, non è l’ammiccamento che piace alla gente che piace.

    Nonostante due grandi processi abbiano analizzato con dovizia e accanimento il comportamento del Club torinese, il topolino partorito è veramente microscopico, al punto da chiedersi: se avessero dedicato una simile mole di risorse ad un’altra qualsiasi Società, avrebbero trovato qualcosa in più di un’ipotesi di abuso di sostanze consentite ed un generico illecito strutturato coniato sul momento, come quella legge sugli extracomunitari sinistramente approvata prima di un Juve Roma?

    Questo è ciò che temiamo: che il mix di inchieste, voci di corridoio, improbabili virgolettati, citazioni della qualunque, si sommino per creare un mix tra carte legali e gioco delle tre carte. Anche perché la gente perdona tutto, a chiunque, perfino le figuracce in Commissione Antimafia, ma non quei teppisti di 12 anni, feccia del calcio: “Ammenda di € 5.000,00: alla Soc. JUVENTUS per avere suoi (giovanissimi…) sostenitori rivolto ripetutamente ad un calciatore della squadra avversaria un coro ingiurioso.” Un comunicato del Giudice Sportivo contenente perfino i tre puntini di sospensione, per sottolineare – come il breve silenzio di un comico per richiamare gli applausi – l’intento quasi “paterno” nel condannare quei piccoli delinquenti.

    Noi juventini non temiamo le conseguenze del processo, ma tutto ciò che ne deriva e che lo anticipa, quel processo. Riusciranno i nostri eroi inquirenti ad agire senza “tifo”, applicando le norme previste, sì, ma in un contesto di precedenti giurisprudenziali dei quali non possono non tener conto? Speriamo, perché la pressione sarà forte quanto caricaturale. Non è passato molto da quando si invocavano pene esemplari per chi aveva tentato (GOFFAMENTE) di tesserare quel Suarez il cui slot era già occupato da McKennie. Giusto burlarsi dell’accaduto, ma in quel caso il precedente Recoba non era per nulla brandito come esempio di una necessaria penalizzazione. Anzi.

    Se hanno fatto rinviare una partita per troppo sole, possiamo aspettarci di tutto.

  27. Gazzetta dello Sport
    ⬇️
    #Agnelli riunì a casa (La Mandria) i dirigenti delle big con #Gravina e Dal Pino: una cena a Settembre ’21 per salvare il calcio dalla crisi economica. Il pres. della #Juve a quello dell’Atalanta: “Ci schiantiamo pian pianino” con oggetto i ricavi della A.

  28. 𝗨𝗡 𝗧𝗜𝗙𝗢𝗦𝗢 𝗔𝗠𝗔 𝗟𝗔 𝗦𝗨𝗔 𝗦𝗤𝗨𝗔𝗗𝗥𝗔, 𝗡𝗢𝗡 𝗦𝗘 𝗡𝗘 𝗩𝗘𝗥𝗚𝗢𝗚𝗡𝗔
    (Emiliano Faziosi)

    L’accusa che mi viene rivolta da persone a me molto vicine, è quella di non ragionare con lucidità riguardo alla Juve poiché “sono un tifoso”, detto da chi, invece, si ritiene tifoso, sì, ma obiettivo.

    Ma l’obiettività con il tifo non c’entra niente. Chi si dichiara obiettivo, in realtà, spesso nasconde altri sentimenti. Tutti legittimi, sia chiaro, ciascuno tifi come vuole, ma spesso c’è un astio, un risentimento, un imbarazzo nel tifare chi, in realtà non si ama davvero.

    Un po’ come quando ti sforzi di continuare ad amare il tuo partner e quindi ci stai assieme, ma gli rendi la vita impossibile, lo vorresti diverso, ne critichi ogni cosa. Ma quello non è amore, è illusione e disillusione al contempo.

    Perché chi ama non critica, non contesta, non ti vuole cambiare.

    Poi, certo, l’innamorato che becca il partner in castagna, a letto con un altro, magari interista, si deve destare e fuggire a gambe levate, perché un innamorato non deve diventare un cretino (e pure cornuto), sia chiaro.

    Veniamo alla Juve, quindi. Sì, io sono tifoso, e credo che il modo più corretto di tifare sia quello di amare incondizionatamente.

    Non voglio cambiare la mia squadra, non voglio cambiarne la storia, non voglio approfittare di ogni difficoltà per trattarla male, pur restandoci assieme.

    Ripeto: non commetterò l’errore di dire che si tifa in un modo piuttosto che un altro, ciascuno faccia come gli pare, ma trovo strano che, quando parlo con un tifoso della Juve che però odia la Juve (almeno quella attuale), egli utilizzi le stesse frasi, gli stessi ragionamenti di un interista.

    Siamo al paradosso in base al quale un amico interista (sempre lui, l’unico), mi ha stupito dicendomi: “sono solo dei fessi perché quando sei quotato in borsa devi stare più attento, ma quelle cose le fanno tutti, in Italia”. Azz, ci è arrivato lui, non ci arriviamo noi…

    Continuo a ritenere quantomeno strano il fatto che uno juventino odi il presidente, i dirigenti in blocco, il capitano, i giocatori più rappresentativi (c’è chi ha odiato Ronaldo, per dire), l’allenatore e la storia di questa società (“abbiamo meno Champions del Nottingam Forrest, vergogna!”).

    Certo, poi c’è la razionalità, la logica, quella che ci porta a pensare con un minimo di lucidità, ma a me poi di tutto sto bordello, interessa sapere una cosa: perché sempre a noi?

    Perché è qui che ruota tutto.

    Se io mi convincessi che la Juve sia l’unica società che:

    – parla con gli arbitri;
    – utilizza plusvalenze fittizie;
    – in un momento di difficoltà si accorda con i giocatori sugli stipendi;
    – opera sul mercato in modo arrogante e prevaricatore…

    allora smetterei di tifare.

    Invece, da tifoso, mi chiedo: perché c’è sempre qualcuno della Procura di Torino che intercetta i dirigenti della Juve, SEMPRE? Manco per Matteo Messina Denaro c’è un dispiego tale di forze.

    Perché accade tutto ciò?

    Perché quando una notizia riguarda la Juve, Mentana ci fa le maratone, mentre quando si toccano inter, Milan, Napoli e le altre, due giorni e si dimentica tutti?

    Perché uno juventino non inorridisce di fronte alle parole di Gravina, il quale dice, con candore: “occhio ai processi di massa, perché qui potrebbero essere coinvolte altre società”?

    Perché uno juventino, di fronte all’ennesimo possibile scandalo, si limita a dire: “tanto ci mandano in B, ci radiano, ci distruggono” e, invece, non perde due ore di tempo per leggersi qualche articolo scritto da chi, come Zampini, Agresti o Vaciago, si sta sbattendo per chiarire la situazione spiegandola dal nostro punto di vista, e non da quello di qualche Ciro Esposito del TGR rai di Napoli o di Mentana, interista?

    Qualcuno dice: “mi vergogno di essere sempre al centro di queste situazioni, siccome sappiamo che siamo controllati, dobbiamo evitare”.

    Beh, io mi vergognerei se fosse appurato che la mia squadra abbia comprato arbitri e partite, o che abbia taroccato dei passaporti, brigando poi per cambiare le regole in modo da evitare la retrocessione.

    E no, non possiamo pretendere di essere gli unici a comportarci in modo lindo, quando il sistema calcio italiano è marcio e moribondo e, per sopravvivere, ti devi arrangiare. Agnelli è stato il primo a cercare di sdoganare il calcio italiano rendendolo più moderno e profittevole.

    No, secondo me il tifoso è un innamorato che cerca al massimo di capire se è stato tradito.

    Spesso le coppie scoppiano perché l’innamorato ha problemi di altra natura che non riesce a risolvere, e allora li fa ricadere sul partner. Nel caso della Juve, c’è chi si vergogna delle poche Champions vinte, chi odia Agnelli perché ha chiuso i gruppi ultras, chi odia Allegri perché vuole un calcio più moderno, chi odia i dirigenti perché convinti che, con altri, avremmo vinto le finali di Cardiff e Berlino… insomma, spesso avete problemi vostri con la squadra per la quale tifate e finite per odiarla, per vergognarvene, per auspicare sconfitte, retrocessioni, sanzioni varie.

    Ma non è sano, tutto ciò.

    Io resto un umile innamorato disposto a prendersi insulti, minacce in privato, attacchi di massa, pur di fare una cosa molto semplice: difendere la mia fede.

    Che, attenzione, non significa essere cieco. Anni fa sostenevo che la Juve dovesse restare quella che era nei primi 3/4 scudetti di fila: una squadra vincente in Italia con i conti in regola. Mi dicevano che non volevo sognare, che non avevo ambizioni, che bisognava investire. Ecco il risultato.

    Sia chiaro, non sto assolvendo nessuno. Proprio perché amo la Juve penso sia giusto che chi ha sbagliato paghi. Ma vorrei, per una volta, vedere questa tifoseria unita e consapevole che siamo sotto assedio e lo saremo sempre, e non dovremmo mai dare soddisfazione a certa gente, ma combattere.

    Combattiamo, fratelli, perché anche questa volta ne usciremo puliti (o quasi) ma ci riproveranno altre mille volte…

    Un innamorato difende la sua amata…

    Emiliano Fu Faziosi.

  29. PAULO DYBALA

    “Tanta gente pensava che noi avessimo rinunciato a quattro mesi e nessuno sapeva che noi avremmo preso tre mesi pagati più avanti.

    Quante volte ho firmato? Non ricordo, ma ricordo con esattezza che quando ho firmato la scrittura sulla riduzione avevamo già raggiunto l’accordo con la società. Credo insieme. In una rinunciavamo e nell’altra riprendevamo tre mensilità. Di fatto prendevamo il doppio alcuni mesi della stagione successiva.

    La seconda manovra? Ognuno questa volta decideva per sé. Io non volevo aderire, volevo ricevere tutti i mesi lo stipendio. Poi il mio gruppo di lavoro mi ha detto: meglio se lo facciamo, abbiamo un buon rapporto con la società, per avere migliori prospettive per il rinnovo”

    Così Paulo Dybala nell’inter-rogatorio

  30. MICHELE GIGANTINO

    Una presidenza lunga 12 anni con tanti successi ma anche alcuni errori
    (un pezzo dell’intervista a Michele)

    “Indubbiamente è così, ma per me oggi prevale la gratitudine non solo per gli innumerevoli trofei conseguiti dalla Juve, ma soprattutto per la passione verso i colori bianconeri che non l’ha mai abbandonato, nonostante in questi 12 anni sia stato sistematicamente oggetto di attacchi frontali, giuridici, mediatici, istituzionali che lo hanno obbligato a lavorare sempre controvento. In un altro Paese quest’uomo e la società Juventus sarebbero stati portati a esempio e degnamente celebrati. Oggi invece assistiamo ad attacchi violentissimi e pesanti a livello mass-mediatico, cosa che purtroppo non mi stupisce affatto, appena qualcuno può attaccare la Juve lo fa con veeemenza e spudoratamente, un brutto vezzo tutto italiano. Sicuramente alcuni errori da parte sua sono stati compiuti, ma stento a comprendere le critiche al suo indirizzo e tanto meno comprendo chi oggi, anche purtroppo tra i tifosi juventini, esulta per le sue dimissioni. Certo Andrea ha commesso anche degli sbagli, è innegabile, ma questi sono da attribuire sempre al troppo amore per la Juve, al desiderio di portarla sempre più in alto. Questo suscita in me un sentimento di comprensione”.

  31. 50 E NON LI DIMOSTRA

    Tantissimi auguri Ben!

  32. Con la macchina del fango torna anche la sindrome di Stoccolma

    Sulle intercettazioni finite sui giornali leggo che:
    “Dopo le indagini e l’acquisizione delle intercettazioni il magistrato può chiedere un provvedimento – per esempio di arresto, ma anche solo di perquisizione, come nel caso di Berlusconi – attraverso un’ordinanza. Questa deve però essere motivata e il magistrato allega della documentazione, che può essere costituita anche (come nel caso di Berlusconi) da ampi stralci di intercettazioni. L’ordinanza e le motivazioni devono poi essere comunicate alle parti e da quel momento il materiale non è – tecnicamente – pubblico ma è pubblicabile. E quindi può finire sui giornali.

    Mi risulta che i provedimenti siano stati richiesti e quindi non vedo dove sia lo scandalo, davvero.”

    Questo minkione autoflagellante lo sa o no che NON è stato un MAGISTRATO ma la Procura di Torino a chiedere misure cautelari personali ma che il GIUDICE le ha RIFIUTATE? e in particolare quella degli arresti domiciliari per il presidente Andrea Agnelli?.. e se lo sa perchè continuare a scrivere un mare di fesserie? se invece non lo sa si informi non senza aver prima però scopato il mare dalle fesserie.

  33. Tantissimi auguri a Benedetto!

  34. Buon compleanno Benedetto

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web