Tutto da rifare!

scritto da Cinzia Fresia

E ricordo quando Il sorteggio di Nyon disse Lione, eravamo tutti contenti compresa la squadra e il suo tecnico, supponendo che fosse facile e invece sveglia! .. la Juventus si prende un bel secchio d’acqua gelata, .. si appisola per un tempo e si prende un gol nell’istante in cui De Ligt si apparta per farsi medicare a causa di una brutta ferita alla testa procurata durante un contrasto di gioco.
La reazione nel secondo tempo, non servirà.

Un atteggiamento inspiegabile da parte della squadra anche nei confronti del suo allenatore, e della Società che li rappresenta.
Il gruppo è stato messo sotto dalla fisicità, i nostri non corrono .. anzi corrono solo in due e su 11 è poco.
Va ammesso che l’arbitro si è accanito su Paulo Dybala al quale è stato consentito di fargli fare di tutto e di più’, inoltre a negargli un rigore evidente persino da casa.

Un’analisi lucida della realtà:

– La squadra non è tale perché ha troppe individualità diseguali e con un diverso approccio al lavoro che non si intersecano, e lo si vede nei momenti difficili.

– Un grande Campione che senza squadra adeguata, non serve a niente.

– Un fuori classe che corre come un dannato ma senza squadra non serve a niente.

– Una difesa dove per un’istante in cui un giocatore si apparta a legarsi le scarpe E prende un gol, non serve a niente.

– Un centro campo non di supporto che non aiuta gli attaccanti e nemmeno i difensori non serve a niente.

– Un allenatore che non sa spiegarsi non serve a niente.

– alla fine una squadra che non segue l’allenatore è un fallimento.

Un bilancio che si avvicina alla catastrofe, perché Maurizio Sarri non ha più tempo, e siamo ad un passo a perdere tutto.

Che cosa succede? Di chi è la responsabilità?

Noi tifosi siamo stufi di dover sempre capire, immaginare cosa succede e cosa c’è dietro alla Juventus a detta di tutti con una delle rose più forti d’Europa, e se i giocatori non seguono il loro allenatore che la Società prenda provvedimenti se intende trattenere i suoi talenti più importanti, perché scimmiottare i grandi club non porta la Champions.
E domenica c’è l’Inter ..tanti auguri Maurizio Sarri ne avrà tanto bisogno.

  1. Non serve a niente uno che appena finita la partita accusa in TV i compagni di scarso impegno.
    Ah, dimenticavo: il simil Ronaldo, colui che ha accusato Matuidi di scarso impegno ha preso 3 in pagella sull’Equipe.

  2. Cinzia ti confesso che non sono arrabbiato.

    Sono però deluso.

    La Juve è nei fatti evaporata. Non è servito Sarri, non è servito Conte, hanno fallito Capello ed Ancelotti.

    Tralascio Ferrara e DelNeri.

    Da Lippi non abbiamo fatto altro che inanellare fallimenti europei in serie.

    Una volta è colpa della rosa, poi ci vogliono Messi o Ronaldo, poi mancano Pirlo Vidal Pogbà e Marchisio (abbiamo fatto ridere a Monaco anche con loro).

    Una volta è la neve, poi l’arbitro con bidone di spazzatura al posto de cuore.

    Ieri non ci hanno dato due rigori….

    Ma è dalla finale vinta con l’Ajax che in tutta onestà non vedo la Juve giocare a quel modo!

    Saranno i giocatori?
    Saranno gli allenatori?

    Sarà un modo di intendere il calcio a Torino che non funziona?

    Cosa sarà?

    Già cosa sarà?

    Me lo chiedo, e l’unica risposta che riesco a darmi è la mentalità dei nostri allenatori a non costruire ma a sfruttare il momento.

    Ecco allora che nonostante tutto è il momento di tenere la barra dritta.

    Avanti con Sarri quindi, a meno di Klopp Guardiola o Zidane.

    Barra dritta e ricostruiamo partendo da pochi punti fermi

    Sczcesny, DeLigt Demiral Ramsey Dybala e CR7 (se non se ne andrà lui).

    Sento ipotesi fantasiose ma la realtà oggi è questa, nonostante Sarri non sia riuscito a fare quello che voleva, proviamo per una volta a costruire una squadra che sappia crescere attraverso il gioco.

  3. CAMERIERE, IL CONTO

    @Luca
    Sembri come uno quando va in un ristorante e dopo aver visto il conto ci rimane male.
    Però non ricorda quello che s’è magnato: Una Barça intera tra ostriche vongole e fasolari il tutto annaffiato con dell’ottimo champagne, poi un Real persico con fondo di pomodorini.
    A Monaco dovresti da di in che anno ce sei annato…de annate ce ne sono due ultimamente…una da dimenticare e un’altra da farla ricordare…sempre che per te conta il conto finale.

    Da deluso, come ho scritto appena finita la partita a sentirmi male ora è tutt’uno…sto tornando a casa ora dopo aver fatto visita al pronto soccorso per essermi sentito male dopo una lite al ristorante con un tizio che dava fastidio alla mia Signora…non quella che avevo di fianco.

    Niente di che, un po’ di pressione alta…il mio cuore non è come me. È vecchio !

  4. OGNI VOLTA È COSÌ

    Cinzia ti chiedo scusa in anticipo, il link è tuo, ma il dottore ha detto che devo sfogarmi…eventualmente no leggermi.

    Non è possibile che io muoia senza che prima non faccia la pipì dentro quel cesso di coppa.

    Qui sopra discuto con tutti, con educazione, a volte no, arrabbiato a volte scherzoso…ma lo faccio sapendo di discutere con gli Juventini, con i tifosi della mia squadra.

    A te tifoso di quella squadra là no, tu non ti puoi permettere di prendermi per il culo, non possono farlo nemmeno i miei fratelli tutti tifosi di quella squadra di merda.

    Dopo aver perso in coppa e alla vigilia della partita di domenica sera tu vieni a sfottermi ? No io non te lo permetto.
    Per mia fortuna ho a fianco una donna super, per uno come me, una santa donna.
    Conoscendomi mi ha tirato via e, salvato tante volte…ho litigato molte volte sempre per la Juve.
    Come una volta allo Stadium contro un poliziotto che riprendeva me e non quelli sul pullman di quella squadra là che ci mostravano il dito medio o i loro attributi (che non hanno)…era il 6 di gennaio, fu Tranfaglia che era con me a tirarmi via per un braccio…quella partita finì 1-1 con il pareggio di Icardi dopo che Pogba voleva entrare in porta con tutta la palla invece di tirare…e per fortuna, Icardi, non passò la palla a Osvaldo solo dinanzi alla porta.

    Alla fine della partita criticai Allegri a più non posso ricevendo consensi dai presenti vicini a noi.

    Purtroppo sono fatto così…la Juve…
    130 su 80…mi sono calmato.

    Buongiorno

    • Buon Barone 50.
      Chiedi il permesso di salire a bordo.
      Perché lo chiedo a te?
      Per una piccola ragione: sono nato lo stesso mese e lo stesso anno del Barone Causio.
      E anch’io, come lui, ero chiamato il Barone. Proprio come il mio papà così chiamato per i suoi modi garbati. Saluto e tutti gli altri con un:
      Forza amatissima Juve!!!!!!!
      P. S. Amo la Juve da quando frequentavo la terza elementare

  5. Buongiorno, più che gli auguri Cinzia, facciamoci tutti un nell’imboscata bocca al lupo , non solo a Sarri per domenica. Non mi va proprio che questa Juve rimetta in discussione pure il campionato.😉
    Due paroline per la nostra bandiera bianconera “Barone. “Ti conosciamo e ti vogliamo bene così come sei non sei solo autorizzato a sfogarti, ma se non lo facessi ci preoccuperemo. Così come mi hai fatto preoccupare per quanto hai appena scritto.

  6. Baro’
    Te possino…..!!!!
    Si criticammo un po’ tutto di quella gara obiettivamente. Perche’ se non sei obiettivo rovini anche un figlio.
    Mo’ calma Max, eh?

  7. Ragazzi, lasciando stare i sentimenti ma siamo alla frutta, e la squadra è diventata un gruppo di anarchici ingovernabile.

  8. L’allenatore DEVE trovare la ‘quadratura’ di una squadra, se non ci riesce la squadra lo capisce e non è un bene…
    Se Sarri aveva visto la squadra bene nell’allenamento del giorno prima la partita con il Lione, e poi in campo è stato completamente diverso da quello che si aspettava…., bisogna farsi delle domande…. anche senza risposte.
    Luigis,
    giusto il discorso movimenti, palla sui piedi ecc, però mi ripeto se l’allenatore non trova un identikit alla squadra, anche con scelte decise, è anarchia e quandi uno gioca come preferisce…
    In fatti Dybala e Betancurt, hanno giocato bene con la Spal, perchè non c’erano Pjanic e Bonucci… Dybala se ci sono Pjanic e Bonucci, fa meno il gioco di raccordo e ripartenza, che serve alla squadra….

    • Non lo so ivano se tutto è riconducibile ai protagonisti in campo, abbiamo disputato brutte gare senza bonucci, senza pjanic, alcune buone gare che si contano sulle dita di una mano senza ronaldo, senza bentancur, così come non credo che sia solo un problema di modulo. Io credo che la soluzione la sappiano loro o la debbano trovare loro chiudendosi negli spogliatoi, guardandosi in faccia e se è necessario anche litigare, ma non voglio neanche lontanamente pensare ad un uscita agli ottavi o una sconfitta domenica sera.

  9. @Luigi

    Tu sei un esperto cacciatore, il sottoscritto non ha mai preso in mano un fucile se non per le classiche prove di leva.
    Ora, se io ti dicessi che per sparare ad un tasso ci vuole un calibro 308, tu probabilmente mi prenderesti sottobraccio e risponderesti “Michel, guarda che con un 308 il tasso lo sventri, fidati, quello va bene per i cinghiali. E se non ti fidi di me, sappi che stai implicitamente dando degli idioti al 100% dei cacciatori che usano calibri più piccoli…”.
    Al che, potrei darti del “cattedratico”, oppure, più ragionevolmente, rivedere la mia opinione iniziale prendendo atto del tuo parere di cacciatore e confortato anche dal fatto che TUTTI i cacciatori si comportano in quel modo…

    Anche la difficoltà di un gesto tecnico nel calcio è più riconoscibile in chi a calcio ha giocato, evidentemente. Così come la caratteristica che deve avere un servizio “kick” nel tennis, per cambiare sport… E non c’è nulla di sbagliato, in questo…

    Detto questo, non ho mai partecipato a questo od altri blog per dispensare saccenza e, francamente, sentire una sciocchezza simile da chi mi ha conosciuto personalmente è piuttosto triste, lasciamelo dire.

    • Michel, sai meglio di me da cosa si riconosce l’incipienza della vecchiaia: dalla lungaggine e dall’insistenza nelle discussioni.
      Sembrava ci fossimo già compresi, ma tant’è.

      Ripeto. Il tuo continuo suggerire, con metafore di velluto, che conosci l’argomento di cui trattasi, meglio di me, continua a farmi sorridere. Sarà l’età.

      Piuttosto, riserva la tristezza per le cose serie, perché, come disse il poeta, “Godi, fanciullo mio; stato soave,
      Stagion lieta è cotesta.
      Altro dirti non vo’; ma la tua festa
      Ch’anco tardi a venir non ti sia grave.”

      • Luigi

        Se scrivi un post al vetriolo diretto a me, senza nemmeno nominarmi… e poi, a seguire, mi dai del saccente e cattedratico… cosa dovrei capire, di grazia?
        Illuminami sulla caccia, sui cani, sulla poesia… e se sorriderò non sarà per sufficienza, ma per il piacere di apprendere.
        La tristezza è per gli amici che scordano l’empatia e l’intimità di un tempo: ed è un sentimento nobile, perché conferisce importanza a ciò che siamo ed ai legami che costruiamo.

      • Pier, il calcio è il cazzeggio degli italiani.
        Tutte le competenze di questo mondo col calcio non c’entrano una beata mazza.
        Lasciamo che competenti e incompetenti ne parlino.
        In santa pace.

        Su Bonucci: ti hanno risposto Chris, Barone, Luigis, Cinzia e non so quanti altri. E non sono d’accordo con te a quanto pare.
        Bonucci non è un acceleratore di gioco per noi incompetenti.
        E in sovrappiù come uomo è abbastanza terrificante.
        L’ultima uscita su Matuidi lo testimonia.
        Bonucci proprio per questi comportamenti è la palla al piede di tutti gli allenatori. You Remember lo sgabello ?
        Cacciato dopo un anno dal Milan per disperazione …
        Invece tu da competente ritieni sia l’unico ad avere nella faretra certi colpi di Ronaldo.
        Tuo parere, e di nessun altro a quanto pare😭.

        Ciao😅.

        • Luigi

          Mi accontento di stare dalla parte delle uniche cose incontestabili, ossia i fatti di campo… ché quelli di Sarri, e prima di lui Allegri, Conte, Mancini, Prandelli e forse altri che dimentico (parlo degli allenatori che negli ultimi 10 anni lo hanno utilizzato SEMPRE da titolare) sono fatti, non opinioni.
          Anche i terrapiattisti cazzeggiano ed hanno il diritto di farlo ma sono, appunto, terrapiattisti. (E, lo metto per iscritto per evitare stupidi fraintendimenti, non sto paragonando Kris, Luigi, Barone, Cinzia, ai terrapiattisti: sto parlando evidentemente per metafora.)
          Ora la chiudo qui, inutile andare oltre.

          • Bravo.
            Io l’avevo chiusa stamane.
            Ho comunque salvato il tuo post Bonucci/Ronaldo. Lo ritengo una pietra miliare di astrusità.
            E poi, chissà, potrebbe tornare utile alla prossima cagata del tuo protetto 🤣.
            Che sicuramente arriverà, perché lui ritiene di avere l’autorevolezza per richiamare i compagni.
            Lui, che ha avuto bisogno di un mental coach, per capire innanzitutto chi cazzo era.

  10. CALMA RAGAZZI

    Se vi si apre vi farete due risate.

    https://www.facebook.com/363825611007319/posts/557637531626125/

  11. La situazione attuale è frutto delle scelte fatte a monte.
    Hai ingaggiato un allenatore per guidare una squadra che non ha le caratteristiche che si adattano ai suoi schemi di gioco.
    La squadra che non segue le direttive dell’allenatore non è vero per ammissione dello stesso Sarri che in conferenza stampa dichiara che in allenamento la squadra recepisce le sue direttive ed in partita non le applica.
    L’allenatore che fa dichiarazioni in conferenza stampa che succedesse a livello dilettantismo, parlo per esperienza diretta, sarebbe sostituito un attimo dopo.
    Per dirigere corazzate del genere serve una personalità che Sarri sta dimostrando, a suo dire, di non avere.
    Dico a suo dire con cognizione di causa perché non perde occasione per screditarsi agli occhi della squadra.
    Non è la prima volta che una squadra si trova in difficoltà, ma è la personalità che ti permette di risollevarti e questa non può partire solo dai giocatori costantemente accusati dal proprio allenatore di essere gli unici responsabili.
    Che la situazione sia fuori contro lo denota il fatto che in allenamento tutto procede ed in partita no. Perché?
    Forse la squadra sta cercando di dire che con le direttive del mister (?) si rischia di non ottenere i risultati sperati?
    Bonucci, per esempio, si permette (da che pulpito) di sgridare i compagni e non è nuovo a queste uscite, già con Allegri era caduto in errore ma allora ho negli occhi lui in tribuna seduto sullo sgabello a vedere, volente o nolente, la partita.
    Vediamo oggi come sarà gestito e avremmo delle risposte in merito.

    • Proprio lui, Bonucci, che si permise di dare uno schiaffone a DYbala in finale di Champions.

      • Se così è stato, forse è una delle poche cose giuste che ha fatto.
        Personalmente è successo anche a me, come dirigente, di avere un diverbio piuttosto “acceso” con un giocatore tra il primo e secondo tempo di una partita.
        Disputò un secondo tempo “gagliardo” segnando pure il gol della vittoria fuori casa.
        In certe occasioni servono anche le strigliate

    • Comunque se i giocatori ammutinano l’allenatore son dei bei disgraziati.

      • Dal tronde in campo vanno loro e tu devi essere capace di farli rendere al meglio, anche se per farlo devi rivedere o modificare le tue convinzioni per il bene della società in tutti i suoi componenti tu compreso.

  12. AUGURI A DINO ZOFF

    Oggi è il compleanno del Mitico Dinone che ho avuto l’onore di essermi fatto una foto con lui la scorsa estate a Sabaudia.
    Auguri !

  13. APRO IL GIORNALE E LEGGO CHE…

    Dura stangata per Sarri, l’ennesima. Il tecnico è il primo responsabile di una situazione pesante che si sta vivendo in casa Juventus ormai da tanto, anzi troppo tempo.
    Molti tifosi bianconeri hanno già perso la pazienza, visto che ci si aspettava tutt’altro in questa stagione: bel gioco e risultati. Per ora, non si vede nulla.
    Ed ecco che dunque arrivano pesantissime voci sul futuro di Maurizio Sarri.

    Andiamo con ordine.

    Come riporta Calciomercato.com, un’eventuale eliminazione dalla Champions League agli ottavi per opera del Lione “porterebbe sicuramente alla caduta di teste importanti sia nell’area tecnica che in quella dirigenziale.”

    Neanche lo scudetto potrebbe eventualmente cambiare la situazione.
    In questo contesto poi particolare importanza hanno anche le parole del noto giornalista Luigi Guelpa che, tramite Twitter, ha fatto capire molto bene come stanno le cose: “E ora che anche Andrea Agnelli si è speso in prima persona su Guardiola, solo un trionfo in Champions potrebbe salvare la panchina di Sarri”.
    Insomma, o l’attuale tecnico bianconero vince la tanto attesa Champions League (ce lo auguriamo, ma al momento pare complicato), oppure salta.
    E se salta, occhio al possibile ritorno di fiamma per Guardiola.

    Ma c’è di più. L’annuncio più pesante e drastico lo ha dato in queste ultime ore La Repubblica, che ci è andata giù pesante e non ha utilizzato mezzi termini: a fine stagione sarà divorzio tra Sarri e la Juventus, a prescindere dai risultati.
    Questo perché, stando sempre al quotidiano romano, la dirigenza non starebbe gradendo affatto l’andamento generale della stagione, mentre i giocatori non avrebbero ben digerito i metodi del tecnico bianconero.
    Inoltre sempre La Repubblica aggiunge pure che, se la situazione dovesse precipitare in questo finale di stagione, la dirigenza potrebbe anche perdere la pazienza ed esonerare in anticipo Sarri, riportando sulla panchina della Juve Max Allegri, ancora sotto contratto con la Vecchia Signora.
    Insomma, la situazione è abbastanza complicata per Sarri in questo momento: la sensazione è che, salvo colpi di scena che tutti auspicano, il capolinea sia vicino per il tecnico toscano e che la sua avventura a Torino si stia già avviando verso la fine.

    Per dare la svolta definitiva però, Agnelli starebbe pensando anche ad un ribaltone generale che coinvolga pure i giocatori. Ristrutturazione totale, soprattutto per la mediana che sembra essere il punto debole di questa squadra e che è destinata a cambiare moltissimo in vista del prossimo anno.
    In estate infatti sarà rivoluzione totale a centrocampo, dove arriveranno almeno 2 colpi di grosso calibro.
    Sono ben 10 i nomi top finiti nel mirino bianconero e almeno due di questi potrebbero sbarcare a Torino la prossima estate.

    Buona giornata

  14. IL PROBLEMA IN MEZZO

    Il centrocampo, in tutto questo, è il reparto che dopo ogni sconfitta finisce sotto accusa. Inevitabile il paragone con la vecchia mediana con Pirlo,Vidal, Pogba e Marchisio, che nel 2015 traghettò la Juve alla finale persa col Barça. Scontata la conclusione che siamo lontani da quei livelli, anche perché lo stesso mix di qualità,forza, genio e gol è difficilmente replicabile.
    L’attuale centrocampo, senza personalità e idee, scolorisce anche di fronte al Lione. Pjanic, l’uomo da 150 palloni, sta vivendo un’involuzione e rischia il posto se non ritroverà il vecchio brio: col rientro di Khedira (fondamentale per leadership, inserimenti e letture), il tecnico potrebbe spostare Bentancur, per cui stravede, in regia e usare il tedesco da mezzala destra.

    Ma in generale è tutta la mediana a essere deludente.
    Ramsey e Rabiot hanno inciso poco o niente Emre Can è stato bocciato e venduto e Matuidi, un titolare a inizio anno, è scalato nelle gerarchie.
    A Lione, nella sua Francia, avrebbe voluto essere titolare e nel pre-partita ha avuto un momento di tensione con Bonucci. «Non c’è stata alcuna lite tra me e Blaise – ha spiegato il capitano–gli ho solo detto che da veterano deve incitare tutti, prendere la panchina e portarla fuori».

    Sarri ha provato varie soluzioni ma nessuna è davvero convincente. Perciò è lecito domandarsi se puntare solo sui parametri zero con stipendi importanti sia stata un’idea vincente e se qualcosa (magari un ritorno del trequartista?) possa cambiare già da Juve-inter.
    fonte Gazzetta

    Buon pranzo

  15. Mauro the Original

    Michelleroi

    Io vedo molto bene Bonucci in una squadra che ha due ottimi terzini abili in fase difensiva e un mediano incontrista che protegge la difesa.

    Solo così Bonucci può esprimere il potenziale come coordinatore del gioco e impostazione che sono sue qualità di gioco incontestabili.

    Ma nella Juve odierna dove i terzini sono evanescenti e non hai il centrocampo allora Bonucci mi diventa un pesce fuor d’acqua in quanto non ha le capacità difensive da ultimo uomo a da uno contro uno tanto per intenderci.
    Oltre a ciò non riesce ad integrarsi nella difesa a zona disposta da Sarri, poiché quando si deve stare alti lui arretra provocando gravi problemi a tutta la squadra che si allunga e deve arretrare costringendo tutti i giocatori a correre il doppio e di fatto non permettere a Sarri di impostare il suo gioco.
    Se ben ricordi agli inizi la coppia titolare era De Ligt Chiellini e si giocava molto meglio.

    Basta un solo giocatore a non rispettare le direttive di gioco per mandare in malora tutto quanto. E Bonucci sta facendo questo.

    • De Ligt e Chiellini titolari, ma quando, dove? neanche nelle amichevoli estive, a Parma alla prima di campionato i titolari erano Chiellini e Bonucci poi l’infortunio ha tenuto fuori Chiellini per 6 mesi.

  16. maurizio orani

    E aggiungo se i centrali di difesa fossero (così come sembra)Bonucci e Chiellini sarebbe una cagata pazzesca io lascerei fuori Bonucci e dentro De Light (fuori Bernardeschi Rabiot e Danilo)

    • Cioè, fammi capire Maurizio 🤔.

      Tu metteresti in panchina uno capace di colpi (di genio?) che ha solo Ronaldo ?

      Boh, staremo a vedere.
      Ho la sensazione che se Maurizio Sarri facesse una cosa del genere, il panchinato andrebbe immediatamente a fare gne gne dal presidente …
      Perché lui si ritiene indispensabile, glielo ha detto il mental coach 🤣.

      • Inutile che ti dica che hai capito zero del mio commento… ma vabbè, il tenore ormai è questo. Andiamo avanti.

    • Se invece li facesse giocare tutti e tre.

  17. Dopo mesi di gestione Sarri la mancanza di velocità nel palleggio è un falso problema, forse è quello che i giocatori in campo appaiono confusi, non sanno cosa fare col pallone fra i piedi, spesso ricorrono alle giocate individuali e Bonucci sotto questo aspetto non è da meno, quando non sono i lanci (spesso fuori misura) lo sono i suoi tenativi di imbucate centrali che raramente trovano corridoi liberi a difesa avversaria schierata, l’alternativa è allargarla giocando sulle fasce e la scelta monotematica di Sarri (semmai fosse sua) di affidare (troppo) spesso l’avvio dell’azione alle giocate estemporanee di Bonucci è forse il principale fra i motivi della lentezza e della mancanza di imprevedibilità del gioco della Juve.

    • Io però insisto sul fatto che se nessuno si muove e suggerisce il passaggio è difficile darla via di prima.

      • Non so se l’hai vista e se ricordi chi era in campo in quella partita ma Ferrara qualcosa di diverso nel gioco c’è stato.

        • Si, c’è stato più movimento che ha favorito le verticalizzazioni. Mi pare non ci fossero ne pjanic ne Binucci. Più velocità e profondità(sempre tenendo comunque in conto il valore dell’avvetsario).

  18. DUE SPAGNOLE PER DUE ITALIANE

    Negli ottavi le due italiane per l’E L hanno pescato:
    Il Siviglia, quarta in classifica nella Liga con 43 punti con 34 goal fatti e 25 subiti, per la Roma.

    Per l’inter il Getafe, quinta in classifica Liga 42 punti con con 36 goal fatti e 25 subiti.

    Saluti

    • Vedo che ti preoccupi per le tue due squadre italiane preferite, Baró. Bravo 7+ direbbe la maestra a scuola😂😂😂

      Io non sapevo neppure se avessero passato il turno ieri, infatti ho preferito evitare il calcio ed ho accontentato mia moglie per vedere Masterchef, molto meglio che scapoli /ammogliati .

  19. Io sparerei alla palle ai cacciatori non al tasso,,consentitemelo per amicizia.

    Detto questo, una cosa che manca e’ l’autorevolezza del condottiero e la serenita’ di un compito chiaro da eseguire.

    Cinzia siamo messi male, sarri non ha la condivisione della squadra e l’ultima cosa che mi trasmette questo dato e’ l’infingardagine dei giocatori.

    • Dopo questa ulteriore cazzata, sono costretto a intervenire:

      Pier non è assolutamente aggiornato, e mi attribuisce un inesistente status di cacciatore.
      Volendo sputtanarmi potrei dire che sono un cacciatore di bellezza 🤣.

      • Beh non si puo’ sapere. Uno legge…

        Riguardo alla ” Ennesima cazzata”, mi pare che in questa storia della Juve da luglio, ho ceffato poche cose e cazzate ne ho dette nessuna perche’ non sono stato preso dall’entusiasmo come molti, ma dallo sconforto (purtroppo)
        Se fai riferimenti divesi non saprei.

      • Inutile dire che non hai capito qual era la cazzata …

  20. ENZO BUCCHIONI

    Nel suo editoriale per TMW, Enzo Bucchioni ha parlato anche del momento della Juventus: “Non amo i numeri, ma a volte aiutano a capire più di tante parole. Contro il Lione la Juventus non ha tirato neppure una volta nello specchio della porta e negli ultimi quindici anni di Champions era capitato soltanto altre due volte, nel 2006 contro l’Arsenal e nel 2014 contro l’Atletico.

    Il dato è impressionante e se una squadra che schiera Ronaldo, Dybala e Higuain (subentrato) non centra la porta neppure una volta in quasi cento minuti di gioco, siamo al fallimento di un’idea di calcio.
    La Juventus ha rigettato il sarrismo e questo sembra ormai abbastanza evidente.
    Morale: la squadra non lo segue più.

    Ce n’eravamo accorti da diverse settimane, nelle ultime partite i bianconeri erano apparsi calcisticamente sempre più involuti, ma anche lenti e intristiti, incapaci di giocare il nuovo calcio, ma anche ormai lontani dai concetti di quello vecchio.
    Una squadra confusa, divisa tra il passato e il presente. Paradossalmente s’era vista di più la mano di Sarri in autunno, ma poi, invece della crescita attesa con il passare dei mesi di lavoro, c’è stato un incomprensibile stop figlio forse della poca umiltà e della pochissima voglia di sacrificio.

    Sparito il Sarrismo, non c’è più traccia dell’Allegrismo.

    Con il sospetto che anche dentro lo spogliatoio qualcosa di negativo sia successo.
    Sarri che non assiste al riscaldamento, Bonucci che in mondovisione richiama Matuidi alla concentrazione platealmente e brutalmente, non è roba da Juventus.
    Ma da nessuna squadra di un certo livello.
    Mi dicono che Agnelli sia pentito di aver scelto Sarri che oltre a non aver inciso sul gruppo con le sue idee di calcio, non ha mutuato nulla dell’allenatore-tipo, da Juventus, né lo stile, né la comunicazione e questo il gruppo l’ha ampiamente percepito”.

    Credo che il suo stile, Sarri, non lo ha mai cambiato, tale era e tale è rimasto.

  21. Mauro the Original

    Gioele

    Infatti hai ragione su Bonucci, ricordavo male.

    Però mi è saltata all’occhio una cosa guardando le statistiche relative a tutte le partite:

    Come mai quando Bonucci non ha giocato la Juve ha sempre vinto?

  22. PAZIENTE ZERO

    Siccome ho capito zero del tuo commento, mo te lo rimetto qui, caro Pier, così ci rinfreschiamo tutti la memoria:

    27 Febbraio 2020

    @Kris,

    “attento.
    Un conto è saper imbucare un pallone, dirigendolo verso un compagno, quando si hanno tre metri di spazio e due secondi di tempo. Coefficiente di difficoltà 7, per un giocatore di serie A.
    Altro, è fare la stessa cosa in mezzo metro e in un secondo. Coefficiente di difficoltà 9. Soprattutto se sei un difensore e se la tua giocata, in caso di errore, rischia di costarti un gol subito.

    Nella Juve ci sono diversi calciatori capaci di fare un passaggio del primo tipo (Bentancur, Pjanic, Dybala, Ramsey, direi anche Alex Sandro, forse meno Cuadrado) ma solo due (RONALDO e BONUCCI) che possono fare il secondo.
    Ed infatti, per Sarri, sono i due imprescindibili.”

    Capito mi hai ?
    Nella Juve ci sono solo due giocatori capaci di “imbucare un pallone in mezzo metro di spazio e in un secondo di tempo”.
    Questi giocatori sono Ronaldo e Bonucci.
    Tutti gli altri, da Dybala a Pjanic, da Khedira a Rabiot, da Bentancur a Ramsey non sono capaci.

    La cosa è stata stabilita da un Collegio di Autorità Lagunare, e chiunque non fosse convinto di ciò, vorrebbe dire che capisce zero di calcio !

    PS Ovviamente non c’entra (quasi) niente, ma comunque è un dato:

    Leonardo Bonucci dopo 25a giornata nella stagione 2019/2020, ha all’attivo ZERO assist.
    E il conto torna 🤣.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia