Pagelle Fiorentina Juventus 2-0

 

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

 

Inutile questa sera fare pagelle dettagliate quando palesemente la squadra è venuta a Firenze in vacanza. Contro una squadra che si giocava un ingresso storico nelle coppe europee, il finale era scontato e lo avevo già annunciato nella live di ieri con l’amico Mirko Nicolino. D’altronde troppi giocatori con i bagagli in mano, altri che non sanno quale sarà il proprio futuro. A Torino sono iniziate ormai da un mese anche più, le manovre del grande restyling che subirà la squadra da qui a settembre.

A grandi linea sufficienti Miretti, Locatelli, Pinsoglio, De Ligt e forse Vlahovic e Rabiot. Tutti gli altri, chi più chi meno, pessimi tra il 4 e il 5. Male la Juventus nell’insieme, male anche il mister che non è riuscito a motivare i giocatori per questa partita. Dispiace sempre perdere a Firenze e una Juve tipica e quindi cinica non avrebbe fatto nessun regalo. Ma siamo una Juve piuttosto ”simpatica” ultimamente e dopo aver regalato punti salvezza al Genoa e il punto decisivo alla qualificazione in EL alla Lazio, anche stasera abbiamo fatto i buoni samaritani non presentandoci in campo a Firenze. Male male. Menomale che da domani si parlerà solo di calciomercato.

  1. Bravo Ben…inutile fare pagelle.
    ZERO tiri in porta…Terracciano non si è impolverato nemmeno i guanti.

  2. Come potrà allora la prossima Juve competere con la fortissima F.urti C.ontinui scipp.inter?..

  3. Più che guardare gli altri mi preoccuperei per il prossimo anno della nostra zero-grinta-zero Juventus.
    Ok Pogba, DiMaria e tutto il resto, ma a questa squadra serve come il pane un giocatore di temperamento, di garra, uno che se le cose si mettono male ti dice la parola giusta o fa’ la cosa giusta, un Koke, un Soler, un Paredes, che so un Vidal com’era anni fa.
    Anche perché avremo sempre acciughina al timone e a giudicare dal temperamento e garra che ha trasmesso lui quest’anno (abbiamo affrontato con sufficienza e spocchia partite importanti, figuriamoci queste di fine anno che non contano…le giochiamo vergognosamente in infradito in pratica…) stiamo messi alla grande.
    Può cambiare anche 15 giocatori, ma se non ci mette qualcosa di suo, lui che li allena e li comanda,hai voglia aspettare prima di rivincere….

  4. Allegri non sa motivare i giocatori?.. può darsi, ma se è così c’è da chiedersi allora chi li allenava quando dal 2014 al 2019 sono arrivati 2 volte in finale di Champions e hanno vinto 5 Campionati di fila più 8 fra Coppe e SuperCoppe italiane… a già è vero, le finali di Champions le hanno perse perchè in panchina c’era Allegri e gli scudetti invece li hanno vinti perchè a motivarli c’era … Oronzo Canà! 🙂

    • Infatti c’è da chiedersi: chi li allenava? Non certo questo Allegri qui di quest’anno, che mi pare tutto tranne la stessa persona dei 5 anni precedenti. Quella squadra era diversa e non si trastullava per il campo rimediando figure imbarazzanti contro tutti. A questa squadra invece la cosa piace tantissimo. Quindi la domanda è giustissima, chi li allenava a quelli del 2014? Aveva lo stesso nome ma di certo era una persona diversa da questo moscio qua.
      Ora vediamo, per il prossimo anno la squadra la costruisce lui come vuole lui, e però anche lui si deve dare una bella mossa e anche veloce, perché ok che le mancanze principali sono state dei giocatori che vanno in campo e della dirigenza incapace di azzeccare una scelta, ma adesso a lui lo aspettano tutti al varco per vedere che cosa combina, e un altro anno di mer☆a alla Juve non è fattibile.
      E sì, come dice Barone servono giocatori con le palle quadrate, non devono per forza essere fenomeni da 60 milioni ma devono portare grinta e voglia di sbattersi in campo. Con i Kean e i Bonucci e i Bernardeschi e tutti i mediocri innocui che abbiamo anche basta adesso…

      • Infatti prima Sarri poi Pirlo sono riusciti a dare le giuste motivazioni ai giocatori, queste:

        “Ma come ho fatto a perdere due scudetti contro di voi” (Sarri)

        ““Questa squadra è inallenabile.” (Sarri)

        “Purtroppo i giovani ancora non capiscono, perché queste fanno la differenza e ti fanno portare a casa punti” (Pirlo)

        “Avevo un progetto diverso in mente, pensavo di avere una squadra diversa a disposizione, quindi ho cercato di lavorare su certi principi. Poi ho dovuto adattarmi a cose che sono successe, con questi ora dovremmo uscire da questo periodo. Il gruppo non è resistente al cambiamento, ma fare certe cose con questi giocatori è molto difficile.” (Pirlo)

      • Io posso essere d’accordo, anzi lo sono. Ma a quelli che la grinta o Garra, cuore, impegno, serietà ecc. non vanno più di pari passo con il calcio di oggi, chi glielo spiega? Ci provi tu? No xchè io la voglia l’ho finita fa un bel po’.

        • Però c’è da dire che la grinta e l’impegno non mancano ai loro procuratori quando chiedono il rinnovo di contratto a cifre più alte.

  5. Giocatori con la G(arra) maiuscola …

    E’ impensabile che la Juve possa fare il mercato che di solito fanno solo società con i forzieri pieni di fondi sovrani di Sati esteri o con quelli di chi come nel 2009 li ha riempiti svuotando le cassaforti delle banche di stato con gli acquisti di Kakà 66 mln di €, Cristiano Ronaldo 93 mln, Benzema per quasi 40 mln, per un ammontare stratosferico che nel 2009 sfiorava i 200 milioni di euro. Altro allora che approssimazioni e progetti mancanti di quei dilettanti allo sbaraglio dei dirigenti della Juventus, gli stessi che nel 2006 dopo un processo farsa per evitare il fallimento e tornare a vincere scudetti in serie, sono stati buoni solo a mettere quasi 100 mln di bruscolini di tasca propria e a dicembre dell’anno scorso, quando c’era chi sprofondava nel mar (di debiti) cinese orientale, a riaprire i cordoni della borsa per versare altri 400 milioni di bruscolini nelle casse vuote di FC Juventus, per coprire le perdite dei mancati introiti di mesi di lockdown con gli stadi chiusi, con i tifosi che prima erano solo tifosi e dopo invece sono diventati tutti clienti, si clienti, ma di una merce che non si vende e non si compra da nessuna parte, le emozioni e la passione che accende gli animi di milioni di persone che tifano per i colori di una maglia con una Storia ultracentenaria ricca di soddisfazioni e di trionfi sportivi.

    • Fondi sovrani di Stati esteri come quelli del PSG e del Man.City

    • La Juve, partita malissimo, ha dovuto fare uno sforzo immane per riportarsi a ridosso delle prime e sicuramente superarne una se non fosse accaduto quello che il var aveva regalato all’Olimpico di Torino una settimana prima alla solita squadra difesa dagli incappucciati e dai clienti snob.
      Quei “clienti” che non sprecano una parola sui torti arbitrali che sistematicamente la loro squadra che dicono di tifare subisce.
      Starnazzano solo contro la società che a loro dire ha messo alla porta il loro idolo…e uno lo sta o già rovinando.

      • E ma Barone, ma la Juve dopo aver vinto 7 scudetti ha pure speso 105 mln per il miglior calciatore del mondo con uno stipendio di 31 mln all’anno, dai su, come pensi che avrebbero potuto competere quelli che dalla melma dei mo-ratti sono finiti nella thoirmenta per poi affogare nel mare di debiti cinese?.. che poi se vogliamo dirla tutta, quelle centinaia di milioni di bruscolini mica li hanno tirati fuori gli Agnelli, no no, come è successo al Real Madrid quando è tornato a vincere la Champions dopo 10 anni, anche la Juventus per poter vincere in Italia quei bruscolini li ha ricevuti in dono dalle banche di stato del re.

  6. I SENZA PALLE

    Leonardo Bonucci ieri è stato quello che mi ha indispettito di più.
    Più lento del solito più bradipo di sempre ieri sera avrebbe vinto lui in lentezza.

    Vorrei sapere chi ha detto che questo giocatore “ha il lancio”…si è talmente convinto che sappia lanciare che li fa anche quando non deve invece di dare la palla al compagno smarcato e più vicino.
    Per il prossimo campionato ci penserei due volte prima di farlo inamovibile…
    Non sa dirigere la difesa e mette in sofferenza tutto il reparto.
    Sarebbe bene fare qualche riflessione su come impiegarlo da ora in avanti, perché il crollo fisico atletico sembra vistoso e irreversibile (eeeehhh Barò, ma la stagione è finita. Vero, ma si da il caso che dopo l’ultima di campionato si gioca una finale molto importante).

    Paulo Dybala, mi son detto, voglio proprio vedere cosa fa questa sera: In tutto 3 veroniche ed una scivolata per cercare la giocata che scatena i gridolini delle fans come quando si mettono il ditino lì…ogni partita si nota il suo calo fisico e volutivo…dopo di quelle cui sopra lo si nota passeggiare per il campo come se fosse in un prato pubblico ad ammirare le margherite…hai salutato già? No perché altrimenti potevi farlo benissimo stasera…i difensori della Viola uscivano palla al piede senza che lui, la Joya, la dava a loro senza una ben che minima pressione…tanto valeva lasciarlo a casa con la sua Oriana.
    Chi cazzo verrà al suo posto verrà, importante è vedere un giocatore che s’impegni e ari il campo mordendo le caviglie degli avversari…di “fuoriclasse” ne ho le palle piene.
    Quelle palle che i due sopra ieri sera non hanno avuto.

  7. A me xro Ben non è che va tanto bene eh. Soprattutto quando si scrive che un giocatore siccome sa che va via, allora non rende. E scusa se prende solo 7,5 (settemilionicinqecentomila€)mil netti a stagione. Io, così come penso ognuno di voi, a parte chi sta in pensione ma a dopo aver lavorato una vita…, si alza la mattina presto e va a lavoro x minimo 8 ore x più o meno 1300/1400€ e mi tengo largo al mese. E anche chi ha il contratto a tempo indeterminato, oggi come oggi, il lavoro ora ce l’hai; domani non c’è più. Ovviamente il riferimento non è solo x Dybala ma anche e soprattutto x chi sa che resta, mister compreso. Il problema nasce quando gente come noi, che invece di attaccarsi morbosamente a questa gente, dovrebbe solo prenderla a calci sui cojoni, difendono a spada tratta chi approfitta di una posizione di privilegio.

    • Ti rispondo qui anche per l’altro tuo nel topic precedente.
      Guarda che il tira e molla che ha provocato Dybala lo ha autoscluso dalla Juve in modo naturale. Io sono al 100% con la società che lo ha cacciato a malo modo quando tutti pensavano che era pronto il contratto da firmare.
      Ti dirò di più sembrerebbe che non avesse voluto firmare il primo contratto non perchè il suo procuratore non avesse il patentino per poterlo rappresentare, (puoi firmare direttamente senza il patrocinio del tuo procuratore) ma perchè pare avesse chiesto un ulteriore milioncino extra o più alla società proprio per pagare i servigi del suo procuratore.
      Insomma scorrettezza sopra scorrettezza e, al contrario di Luna- Cinzia, io non aspetto al varco alcuna società, perchè io tifo Juve a prescindere, pertanto mi auguro che non solo ha fatto bene a sbarazzarsi del ragazzino montato, ma che la nostra squadra continui a vincere.

  8. Seconda stella a destra, questo è il cammino
    E poi dritto fino al mattino
    Poi la strada la trovi da te
    Porta… allo scudetto che non c’è più

    • La luce buona delle stelle
      Lascia sognare tutti noi

      Ma certi sogni son come le stelle
      Irraggiungibili però…

  9. Son d’accordo con voi, non esiste una terra
    Dove non ci son santi né eroi
    E se non ci son ladri…
    lo scudetto non c’è più

    • Noi 3282 giorni continuati pari a 9 scudetti vinti …

      Il Milan rivince a sorpresa dopo 4000 giorni…

      L’inter campione d’Italia per 300 giorni eguagliando la Juve di Pirlo con 2 trofei, ottavi in Coppa e posto Champions…
      Per la Juve di Pirlo annata disastrosa, per l’inter di Inzaghi annata esaltante.

      La stella si è dissolta perché di cartone e pure scadente.

  10. MANCO A RUBÀ SETE BBONI…

    Non vincere lo Scudetto rubando praticamente ad ogni giornata con il Var alleato è una magia che poteva riuscire solo ai Prescritti…li mortacci vostra quanto fate pena!!!

  11. Una cosa xrò bisogna dirla. C’è chi incita e canta fino alla fine (ma non è il nostro motto?) nonostante le notizie che arrivano certificano scudetto perso. Chi invece schifa gli scudettini (così siamo arrivati a chiamarli facendoci ridere dietro da chi faceva schifo veramente…) xchè vinti senza nessuno, xchè si gioca male, xchè il non gioco, xchè vinto con un solo punto contro una squadra nettamente inferiore, xchè… xchè… xchè… Ora xro, anche se non lo ammetteranno mai, pagherebbero chissà che cosa x ritornare a vincere uno scudettino, indipendente dal gioco.

    • Per la verità fra loro ci sono anche quelli convinti che non è uno scudetto perso dall’inter ma come per gli “scudettini” della Juve, per non fare i complimenti al Milan insinuano che è stato un regalo del presidente milanista del Sassuolo.

  12. E’ finita, finalmente ed ha vinto il meno peggio di tutti ma bisogna fare i complimenti al milan perchè non ha ceduto ai loro cugini, ladri di merende e di scudetti altrui.
    AVREBBERO VOLUTO LA SECONDA STELLA DI CARTONE. Probabilmente la prenderanno forse dopo la quinta della JUVE

    • La seconda stella grazie ad uno scudetto scippato alla Juve e volevano fare pure il rublete italiano dopo essere stati aiutati in tutti i modi dall’inizio alla fine del campionato?..

      • Gioele
        Secondo lo zio ti sbagli:
        Bergomi sicuro: «inter ripartita dopo la partita con la Juve, ma prima è stata penalizzata».

        Beppe Bergomi, a Sky Calcio Club, ha commentato il secondo posto dell’inter.

        «Continuo a pensare che il calendario asimmetrico l’ha penalizzata tantissimo.
        Hanno messo tutte le partite importanti concentrate in un mese e mezzo, più Champions, Supercoppa e Coppa Italia.
        E’ andata in difficoltà. L’inter è forte negli 11, ma ha potuto fare pochi, hanno giocato sempre quelli e alla fine si sono sfibrati per ripartire solo dopo la partita con la Juve».

        No dico, lo zio ha un bel coraggio, parlare di penalizzazione ci vuole la faccia come il qlo, ma in fondo loro sono sempre stati questi, se vincono è tutto bello e pulito se perdono è sempre colpa di qualcosa o di qualcuno.
        A rincuorarlo ci ha pensato Caressa con la classifica del suo algoritmo…piazzando i nerobleau al primo posto.
        Non ha capito che per vincere qualcosa anche se di cartone, devono arrivare terzi.

        • Invece sulle asimmetrie della VAR non ha avuto niente da ridire?

          7a giornata 02/10/2021
          Sassuolo – inter 1-2
          Arbitro: Pairetto
          Defrel s’invola da solo verso Handanovic, che in uscita disperata fuori area fa di tutto per evitarlo ma lo tocca col gomito destro sul viso. Pairetto non fischia e il Var non inter- viene.

          22a gornata 16/01/2022
          Atalanta – inter 0-0
          Arbitro: Massa
          Pasalic colpisce di testa in area nerazzurra, palla deviata in angolo dalla mano col guanto di D’Ambrosio, il colpo con il braccio c’è, Massa è coperto, ma non si capisce perchè il Var non sia inter- venuto.

          29a giornata 13/3/2022
          Torino – inter 1-1
          Arbitro: Guida
          Incredibile, pazzesco errore di Guida e di Massa al Var: non viene assegnato un palese, colossale rigore al Torino: Ranocchia per arrivare a toccare il pallone passa nettamente e fallosamente dal piede destro di Belotti, un colpo evidente e sufficiente per far perdere l’equilibrio al granata e per fischiare rigore. Ma Guida, oltretutto ben posizionato, dice a Belotti di alzarsi e fa il segno di “pallone preso”. Poi dialoga con il VAR che però non lo chiama a rivedere l’azione al monitor, solo un alieanato può parlare di errore arbitrale.

          31a giornata 3/4/2022
          Juventus – inter 0-1
          Arbitro: Irrati
          Irrati fischia punizione al 55’ per intervento di Bastoni su Zakaria, il fallo c’è, si tratta di stabilire se sia dentro o fuori l’area. Irrati aspetta il check e dal VAR Mazzoleni gli dice di proseguire, ma la scarpa di Zakaria è sulla linea e il piede di Bastoni è dentro l’area, è calcio di rigore.

          36a giornata 6/05/2022
          inter – Empoli 4-2
          Arbitro: Manganiello
          Al 45′ contatto Barella-Asslani: l’azione con cui l’inter pareggia parte da un recupero palla di Barella col piede a martello su Asslani, l’azione andava fermata, assegnato un calcio di punizione all’Empoli e ammonito Barella per gioco pericoloso. Nessun inter- vento del VAR.

          37a giornata 15/05/2022
          Cagliari – inter 1-3
          Arbitro: Doveri
          Intervento con il braccio in area da parte di Dumfries. È vero che sulla conclusione di Ceppitelli c’è una deviazione ravvicinata di D’Ambrosio prima del tocco dell’olandese, ma quest’ultimo ha il braccio decisamente largo e in posizione non congrua. Il VAR non inter- viene.
          https://video.xx.fbcdn.net/v/t42.1790-2/281661691_1443927046039068_4220398543395735114_n.mp4?_nc_cat=109&ccb=1-7&_nc_sid=985c63&efg=eyJybHIiOjM0OSwicmxhIjo1MTIsInZlbmNvZGVfdGFnIjoic3ZlX3NkIn0%3D&_nc_ohc=Hyi6FJG5u4sAX_qFS9D&rl=349&vabr=194&_nc_ht=video.xx&edm=AN6CN6oEAAAA&oh=00_AT9Im5CF0eiTsZE51kx3h9kCnF64sJWyrCgcjlY__-zqnw&oe=628B9E0A

          Certo che arrivare secondi dopo tutto questo è proprio da razza minkioni.

  13. DA VINCIAMO SENZA “RUVVARE” A “RUVVARE” SENZA VINCERE È UN ATTIMO

    “Nella nostra stagione più nera, complimenti alle rivali! Bravo Milan, che rivince a sorpresa dopo 4000 giorni! E comunque brava anche la prima inter di Inzaghi, campione d’Italia per 300 giorni eguagliando la Juve di Pirlo con 2 trofei, ottavi in Coppa e posto Champions”.
    (Massimo Zampini)

    Undici anni dopo l’ultimo scudetto, il Milan festeggia il suo 19° tricolore e si gode una festa strameritata, nonostante in molti ritenessero favorita l’inter.
    Un’inter che si è dovuta scucire lo scudetto dalla maglia nerobleau, con tanti saluti alla seconda stella(che voleva mettere anticipatamente ed eventualmente al 19°).

    Arrivare prima noi a 30 (sono passati due lustri ormai) che loro a 20 è una grande e bella soddisfazione.
    Lanciava la sfida alle due milanesi il nostro amatissimo Avvocato…Aveva visto giusto.

  14. Comunque nonostante tutto questo blog è ancora asciutto, in altri servono i pompieri per prosciugare i fiumi di lacrime, è p.ianto k.ontinuo.

  15. Qualcuno dimentica le offese a Ambrosini e a Totti…loro festeggiavano il 16°(per me)…
    Se dico ho tifato per il Milan esagero, diciamo che ero contento se non lo vincevano loro…troppe partite, le loro, decise dal var e arbitri in campo…
    Ricordo anche chi nel 2017 teneva per il Barça, sempre perché Allegri…

  16. VANZINI SKY SPORT

    Che cazzo gli avrà mai fatto la Juve a sti quattro cialtroni non è dato a sapersi.

    Vanzini: “Vi ricordiamo gli appuntamenti su sky sport dei prossimi giorni; domani sera (oggi per chi legge) Roma-Feyenoord, con una squadra italiana che torna in una finale europea dopo l’inter del 2010”.

    P-agliacci K-amuffati da giornalisti…e questi sarebbero quelli che vanno contro la squadra che ha vinto Supercoppa e coppa Italia ma che non è riuscita a vincere lo scudo con tutti gli aiuti.

  17. Al più grande di sempre: tantissimi auguri di buon compleanno a Gaetano Scirea.

  18. LI MORTACCI VOSTRA

    Passaporti falsi: patteggiano Recoba e Oriali
    UDINE, 25 maggio 2006 – Il Gip del Tribunale di Udine, Giuseppe Lombardi, ha accolto la richiesta di patteggiamento dell’attaccante uruguayano dell’inter, Alvaro Recoba, e di Gabriele Oriali, responsabile dell’area tecnica della società nerazzurra, infliggendo la pena di sei mesi di reclusione ciascuno (sostituita con una multa di 21.420 euro) per i reati di concorso in falso e ricettazione. I patteggiamenti sono stati definiti nell’ambito dell’inchiesta sulle procedure seguite per far diventare comunitari giocatori che invece, nella realtà, non avevano antenati in Europa. Nell’inchiesta, divisa in vari filoni, sono coinvolte 31 persone, fra le quali 12 calciatori.
    Oltre al concorso in falso per l’assenza di antenati in Europa, a Recoba e Oriali l’accusa contesta il reato di ricettazione relativo alla patente italiana ottenuta dal calciatore uruguayano, che faceva parte di un gruppo di documenti rubati negli uffici della Motorizzazione di Latina.

    L’onestone nello staff della nazionale italiana…che bell’immagine e che bell’esempio tale esemplare di delinquente.

  19. L’attesa parlando di calcio giocato è ormai tutta per la finale di Champions di sabato con Real Madrid e Liverpool che daranno vita sicuramente ad una delle finali più spettacolari degli ultimi anni, anche se al posto degli inglesi avrebbe potuto esserci l’unica squadra ad aver battuto il Liverpool all’Anfield Road (si va bè prima l’ha fatto anche l’Atalanta ma c’era il Covid perciò quella non conta), c’è dunque il rimpianto per aver perso un’occasione irripetibile ma non solo il rimpianto, ma dopo quella sfortunata partita il pianto irrefrenabile per aver perso anche il campionato, ma è ormai acqua passata ormai, lacrime passate e presenti, versate nei social come torrenti in piena da inconsapevoli vittime di un destino beffardo e crudele.

  20. Fra Pogba che sta per arrivare, il blitz per Di Maria e il sondaggio per Milinkovic-Savic, l’unica certezza è che c’è da ricostruire il centrocampo e pensare di farlo solo con due pur ottimi parametri zero non basta, il rischio è di allestire l’ennesima Juve incompiuta, sia pur di livello tecnico superiore a quello della stagione appena conclusa.

  21. SCUDETTO BEFFARDO

    Il Milan che beffa l’inter mi giunge nuova…
    Le due milanesi giocano in contemporanea alle ore 18, il Milan al Mapei e l’inter a San Siro…è il Milan avanti 2 punti e non gli “aiutati”…eppure leggo che il Milan beffa l’inter per lo scudetto.

    Una volta starnazzavano al Campidoglio.

    • Se c’è una squadra che quest’anno ha scippato le altre fra le due non è sicuramente il Milan, i diversamente onesti campioni di p.ianto k.ontinuo.

      • … semplicioni che dopo l’inter- minabile serie di furti, hanno anche la faccia tosta di chiedere se “la Champions vinta da Mourinho nel 2010 è stata meritata”.

  22. LA GALLINA LAVORATORA

    Una Gallina disse ar Pappagallo:
    — Tu forse parlerai senza rifrette,
    ma oggiggiorno la bestia che sa mette
    quattro parole assieme sta a cavallo;
    t’abbasta d’aprì bocca e daje fiato
    pe’ mette sottosopra er vicinato.
    Io, invece, che je caccio un ovo ar giorno
    e Dio sa co’ che sforzo personale,
    io che tengo de dietro un capitale
    nun ciò nessuno che me venga intorno,
    nessuno che m’apprezza e che me loda
    la mercanzia che m’esce da la coda!
    Fra poco, già lo sento, farò un ovo:
    ma visto che ‘sto popolo de matti
    preferisce le chiacchiere a li fatti,
    je lo vojo scoccià mentre lo covo…
    Anzi, pe’ fa’ le cose co’ giudizzio,
    lo tengo in corpo e chiudo l’esercizzio!

  23. BEN SBRIGATE A TORNÀ

    Sai ched’ è la statistica? È ‘na cosa
    che serve pe’ fa’ un conto in generale
    de la gente che nasce, che sta male,
    che more, che va in carcere e che spósa.
    Ma pe’ me la statistica curiosa
    è dove c’entra la percentuale,
    pe’ via che, lì, la media è sempre eguale
    puro co’ la persona bisognosa.
    Me spiego: da li conti che se fanno
    seconno le statistiche d’adesso
    risurta che te tocca un pollo all’anno:
    e, se nun entra ne le spese tue,
    t’entra ne la statistica lo stesso
    perché c’è un antro che ne magna due.

  24. La Roma festeggia in casa propria quello che gli pare, certo, invece quando la Juve ha festeggiato in casa sua 38 scudetti, Moratti ha ribattuto che “erano senza memoria” perchè come ricorda da anni il suo ossessionato ex segretario ci sono le “sentenze”, anche lui però è senza memoria, perchè non ricorda che nonostante la condanna a 6 mesi di reclusione per furto e ricettazione del passoporto e della patente falsi di Recoba continuano a contare 19 scudetti.

    • Quindi ➖️ 4 ➕️ 1 = 5 quello del covid…e parlano di triplete dopo quello fatto in Europa scippando dalla fase a gironi.

  25. I PIANTI DELLA CHECCA

    Non so se andrà in porto il trasferimento di Pogba alla Juve…ma se dovesse essere il francese “per amore” della Juve si dimezzerebbe lo stipendio per i prossimi 3 anni…
    Il contratto che proposero a Dybala e che lui rifiutò.

    Cara Joya non è piangendo istericamente che dimostri amore per la tua squadra ma firmando alle condizioni che ti propongono nel rispetto delle attuali possibilità economiche.

    C’è chi torna per amore e chi se ne va per ingordigia.

  26. CEFERIN OUT

    Ognuno ha le sue commemorazioni…gli inglesi del Liverpool le loro.
    Il nostro ricordo va alle 39 vittime dell’Eysel. R.I.P.

    Lo spettacolo pre-partita offerto ieri sera lo dobbiamo alla bella organizzazione offerta da Ceferin…entra chi senza biglietto e resta fuori quelli con il tagliando…se questa è, la Champions di questa stagione, è stato lo spot migliore per la SuperLega.
    Un sorteggio cancellato e rifatto, finale spostata in terra amica e un’organizzazione dell’atto conclusivo a dir poco imbarazzante e pericolosa.
    Ma Ceferin continua a gridare che la Superlega è morta…

    Vince il Real e Ceferin lo deve premiare.

    • Messaggio ai falsi moralisti del “calcio del popolo”, sfiorata un’altra tragedia con un bilancio provvisorio di 238 feriti.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web