Dopo un mese la Juve è già in crisi: come se ne esce

  1. Quello che dispiace di più di tutto, di allenatori, giocatori, dirigenti, sconfitte, è questa impresa al contrario verso cui stiamo procedendo senza fermarci più.
    Dal 2010 Agnelli aveva ricostruito tutto, creando una società vincente, ha vinto 9 campionati di fila, 2 finali di champions, lo stadio di proprieta’ per primi, il museo, il Jhotel, l’under23 per primi, la presidenza Eca, abbiamo accumulato in 10 anni un vantaggio tale sugli altri nostri competitor che li abbiamo lasciati anni luce dietro di noi, tipo il Bayern in Germania.
    Come è possibile in soli 3 anni sprecare tutto questo vantaggio, buttare a mare quello che si è costruito in maniera così veloce e inarrestabile? Una serie infinita di decisioni sbagliate, di manifestazioni di spocchia e presunzione, abbiamo buttato via tutto e ora ci ritroviamo indietro di molto rispetto agli altri. Un’impresa al contrario.
    Perché tantissimo ha fatto A. Agnelli per questa società per renderla vincente e unica, ma poi inspiegabilmente ha iniziato a sbagliare tutto quello che prima invece azzeccava. Siamo tornati indietro perdendo tutto il lavoro fantastico fatto in precedenza.
    Ora ci ritroviamo una società dove AD e presidente non lavorano insieme, non so nemmeno se si parlano, Arrivabene è stato imposto da Elkann, Agnelli è stato mantenuto al suo posto ma non credo abbia alcuna influenza nelle decisioni importanti.
    Lo specchio della società attuale è un Arrivabene che rende pubblico il proprio pensiero (quindi quello della proprieta) con battute che lui trova goliardiche, senza che capisca quanto pericolose siano: in pratica ammette in pubblico che la proprietà si liberebbe volentieri del proprio allenatore, se questi non fosse blindato da un contratto assurdo (e stipulato da A.A) che costa una cifra abnorme andare a transare. Una situazione talmente ridicola se non fosse che la più importante società di calcio italiana vorrebbe sostituire il proprio allenatore, ma non può perché non ha i soldi, in quanto prigioniera di se stessa.
    Può ben essere che Allegri sia scarso, che i giocatori non s’impegnano abbastanza, ecc.ecc.
    Ma il pesce puzza sempre dalla testa. Sempre dalla testa.
    E finché la proprietà non definisce una dirigenza all’altezza della Juve, i vecchi fasti non torneranno mai.

    • Quei vecchi fasti non torneranno mai.
      Almeno faremo felici quelli di Milano se non falliranno prima.

      • tornano tornano.
        Basta ritornare a fare la Juve, con Juventini al comando.
        Alex Del Piero, mio AD come Boniperti.
        Necessario chiudere il cerchio

        Lo dice la storia, lo chiedono gli dei.

  2. Dopo la partita di coppa contro il Benfica, sono emerse tutte le difficoltà di tecnico, staff e squadra nell’affrontare la stagione.
    Voglio ripetere un concetto a me caro, siamo oggi di fronte ad una Juve che ha un problema grosso, l’emergere del problema stesso ed il suo palesarsi in questo in modo chiaro ed inequivocabile è sicuramente un passo verso la sua risoluzione.
    E’ Allegri il problema? Certo che è allegri il problema, secondo me lo è da Cardiff, secondo altri lo è dal suo ritorno, per altri ancora lo è da ieri l’altro.
    Ma è l’unico problema?
    In buona sostanza, oggi ci troviamo di fronte ad una dirigenza, Nedved ed Arrivabene, in primis, che oggi devono raccontare alla proprietà rappresentata da, John, Andrea, Lapo ed al consiglio di amministrazione Exor, che la Juve non funziona.
    Che i soldi della Champions, molt probabilmente non arriveranno perché la qualificazione è in bilico.
    Che si deve salvare la stagione raggiungendo almeno il 4° posto, e che per fare ciò, vista la situazione si deve cambiare l’allenatore.
    Facile? Mica tanto.
    Anche perché è chiaro che se Allegri non è, e deve essere sostituito, è anche vero, che i dirigenti devono raccontare tante cose.
    Cioè, siamo si di fronte ad un allenatore che deve essere esonerato, ma siamo anche di fronte ad una dirigenza che per farlo deve parlare alla proprietà ed ammettere che in questi mesi si sono appiattiti sull’allenatore e non hanno fatto nulla per far funzionare il club come doveva funzionare.
    Insomma siamo di fronte ad una dirigenza che per fare la cosa giusta deve denunciare se stessa.
    Chiaro che certi discorsi in Juventus ed in Exor si stiano facendo, chiaro anche che molto probabilmente i dirigenti stanno temporeggiando e se nel caso, si stanno muovendo con molta circospezione.
    Mio modesto parere, Allegri deve essere sostituito, poi però, forse prima di prendere il nuovo allenatore, bisogna anche fare un discorso per quanto riguarda la dirigenza.
    Del Piero, AD alla Boniperti?
    Tutta la vita!

  3. CRISI STRUTTURALE
    ~~~

    È questa della Juve una crisi dalla quale non se ne esce a breve.
    Perché non è certo arrivata per casi fortuiti, ma è maturata nel tempo.
    È quindi una crisi strutturale dalla quale non si esce cambiando Tizio con Sempronio.

    È l’intera struttura societaria che andrebbe ripensata.
    E l’unico che può metterci mano è ovviamente John Elkann. Il padrone e il padrino del vapore.
    Le esternazioni sub padronali di Arrivabene, invece, sono solo brecce in una muraglia fatiscente, da cui si intravede purtroppo lo stato comatoso dell’intero establishment. Mentre il resto è assordante silenzio.

    Il nome che da più partì viene già sussurrato è quello di Alessandro Del Piero, l’unico -anche a mio parere-, che per carisma e competenza potrebbe dare una svolta vera ad un ambiente ormai incancrenito nelle sue inefficienze.

  4. ESONERI IN ESUBERO

    Ne ricordo uno dei tanti quando addirittura un direttore chiedeva l’esonero di Claudio Ranieri già dal mese di ottobre.
    Eppure quell’anno arrivammo secondi…a un paio di partite dalla fine di quel campionato subentrò a Ranieri Ciro Ferrara.

    Ranieri a dispetto di quel direttore andò a vincere in Premier League con il Leicester e non con lo United o il City…

    Ora chi al posto di Allegri?
    De Zerbi? Tuchel? Zidane?
    Oppure chiunque basta che si toglie dai coglioni Max per la massima gioia di qualcuno e succeda quel che succeda.

    Ormai la Champions è andata anche se 12 punti sulla carta si possono fare…
    Nel campionato, nonostante giochiamo male, se ci avessero concesso il rigore contro la Roma, doppio mani di Smolling, e il var avesse fatto il suo dovere contro la Salernitana la Juve sarebbe in testa al campionato…
    Se ci sarà una svolta il campionato non sarebbe compromesso.

    Per una svolta o guida sicura si dovrebbe levare la benda davanti agli occhi per guidare meglio.

    • Barone, il sig. Allegri sta facendo malissimo, mio modesto parere, perchè non aggiunge nulla al valore della squadra, anzi sta depauperando tutte le ricchezze della rosa, a partire da Vlahovic lasciato da solo a fare sportellate con le difese avversarie.
      Detto questo, io non esonererei mai Allegri in questo momento, chiunque arriva dovrebbe fare un lavoro enorme, e credo che la toppa farebbe peggio del buco, perchè se chiami un DeZerbi a stagione avviata, per dirne uno, come fa’ questo a prendere in mano la situazione e cambiare mentalità a gente come bonucci? Non ce la farebbe. Prima devi fare piazza pulita e poi chiami un allenatore vero, non un gestore di risorse umane aziendale come il livornese.

      E’ per questo motivo che servirebbe una dirigenza, una società con le palle, un Moggi, che va lì da Allegri e gli dice “O cambi registro alla squadra e li fai lavorare come si deve oppure ti tolgo tutto e ti lascio a piedi per il resto della tua vita e non lavori più con nessuno”. Il pesce puzza dalla testa. E’ la dirigenza che deve andare lì e imporre ritiri punitivi, restirzioni, tagli di stipendi se la squadra non funziona e l’allenatore fa’ schifo. Allegri e la squadra sono tutti grandi e vaccinati, quindi se ne escano da soli dal pantano in cui si sono ficcati e senza accampare scuse sugli assenti. Hai voluto DeSciglio e Cuadrado e A.Sandro come esterni? Mo’ te li ciucci e giochi con quelli e fai risultato con quelli, sono cazzi tuoi. E se non ce la fai, a fine anno ti tolgo tutto e i giocatori che non corrono li lasci a piedi.
      Per fare questo ci vogliono le palle e un dirigente con i controcoglioni, non Arrivabene che fa’ le battute per sembrare simpatico. Che non è.

      Mai esonererei Allegri adesso a settembre, deve uscirne da solo e risolvere la cosa con i suoi 9 milioni di stipendio garantiti.

      • Rem, è ovvio e ragionevole che una prima riga circa eventuali provvedimenti si tiri il 13 Novembre, quando il campionato si fermerà per un mese e mezzo a causa del mondiale.
        Ora si possono solo stringere le fila e andare avanti. Tutto il resto sarà più chiaro (nel bene e nel male) in quella data.

      • Sicuramente bene non sta facendo…
        Intanto però iniziamo ad eliminare dalla lista Zidane, ha un accordo post Mondiale con la Nazionale…De Zerbi nemmeno non ha il polso per reggere le redini di una squadra come la Juve, Tuchel per via dell’orecchie una è peggio di quella fatta vedere da Mourinho allo Stadium.
        Bello, juventino e di polso rimane solo lui che piglia una barca di soldi e che con Agnelli non si capisce, uno è leccese e l’altro piemontese è poi vuole mangiare nei ristoranti più alla moda e non nelle fraschette d’Ariccia.

        Aspettiamo la sosta con la speranza che non sia troppo tardi.

    • Barone,

      Max sta facendo schifo!

      Necessario sostituirlo.

      Poi bisogna intervenire in società, dove qualche serpentello deve essere allontanato.
      E qualche personaggio, comodo, deve smettere di puppare senza lavorare.

      Sensazioni eh, sia ben chiaro.

      Agnelli Presidente!

      Ma Del Piero AD come lo fu Boniperti, il resto decide Alex.

      Allegri?

      Ti confesso che non lo riconosco più.

  5. Ben,
    Ovviamente gli allenatori non hanno la bacchetta magica. A volte funzionano o meno, come giustamente dite, in base al contesto nel quale si vedono inseriti.
    La questione quindi è capire se uno come Allegri può funzionare nell’attuale contesto Juve. Secondo me no, perché ci sono tante differenze rispetto a quando arrivò la prima volta.
    Nel 2014 Allegri non solo si ritrova una squadra già impostata e con tanta qualità, ma trova soprattutto un gruppo con uno zoccolo duro importante. Caratteristica tipica delle squadre vincenti.
    Conte riuscì a plasmare questo gruppo, in Allegri invece non vedo questa capacità.
    E faccio l’esempio di Conte non perché sia un mio idolo ma perché fa parte di una realtà che abbiamo vissuto da vicino. Con Conte arrivarono anche giocatori importanti ma tanto altri già c’erano con Del Neri. Lui riuscì a riportare una mentalità vincente che era andata perduta. Cimentò uno zoccolo duro formato da Buffon, Chiellini, Barzagli, Bonucci, Pirlo, Marchisio ai quali si aggiunsero giocatori dalle grandi qualità anche caratteriali come Lichtsteiner e Vidal.
    Al giovane Pogba erano i compagni a tirare le orecchie in campo quando faceva cazzate. Quando c’erano momenti di crisi questa gente faceva fronte comune nello spogliatoio e spesso erano loro a togliere le castagne dal fuoco all’allenatore.
    Attualmente io non vedo capacità né nell’allenatore né tantomeno nella dirigenza di poter creare qualcosa di simile.
    Quindi magari possiamo restare così, magari si riesce a fare un filotto di cortimusi e magari si vince pure questo campionato mediocre, ma in prospettiva secondo me non si costruisce nulla di duraturo che possa permettere di aspirare ad un ciclo importante. È un tirare a campare che non fa altro che allungare l’agonia. Ed il poco entusiasmo che trasmette la squadra lo conferma.

    • Alessandro Magno

      Ricostruire è sempre complesso ma come ho detto nella puntata se l hai vista tutta penso che siamo al punto che bisogna abbandonare il metodo allenatore buon amico e immettere il metodo allenatore sergente di ferro e chi c’è c’è e chi non c’è esce

      • Si Ben, ho ascoltato e potrebbe anche essere. Ma è comunque delicato perché l’opzione “sergente di ferro” funziona quando i giocatori riconoscono certe doti in capo al leader e si convincono del lavoro che si svolge.
        Non è solo questione di essere rigidi e incazzati, si potrebbe rischiare l’effetto contrario da parte della squadra.
        È importante che i giocatori credano anche nelle idee del mister e si convincono che quel cammino porterà loro benefici.
        E attualmente mi pare non sia così. Il siparietto di Di Maria dell’altra sera, o la scarsa vena di molti giocatori credo lo confermino.
        Anche l’esperienza al Milan mi pare confermi che Allegri si trovi meglio a gestire un gruppo dove un certo lavoro è già stato fatto o dive esiste già un’impostazione. Mentre dimostra i suoi limiti quando è lui a dover gettare le fondamenta.

        • “Sergente di ferro” si nasce non si diventa.
          Se Allegri durante gli allenamenti (come dicono) passeggia in campo e fa battute per ammazzare il tempo, cambiare registro dall’oggi al domani non credo sia una cosa fattibile🤔. E le prime perplessità di Di Maria lo confermano.

        • *come dicono i bene informati.

        • Alessandro Magno

          credo in verità che Allegri sia uno degli allenatori più versatili che esistano e quindi possa imporsi poi se non lo è lo sarà un altro al posto suo

          • Il primo anno da noi ha avuto il merito di slegare la squadra e di renderla più Europea.
            Dopo Cardiff si è avvitato su se stesso.
            Non è più stato lo stesso.
            Ha perso la leggerezza che lo aveva contraddistinto ed anche le Allegrate che non abbiamo più visto.

            Insomma, un allenatore che dopo Cardiff aveva bisogno di rigenerarsi e cambiare aria.

            Un nuovo progetto.

            Invece è rimasto e si è consumato.
            Come si è consumata la Juve.

            Lo sostengo da tempo e lo sosterrò fino a prova contraria.
            La finale contro il Barcellona ci fece capire che avevamo i mezzi per vincere.
            A Cardiff avremo dovuto vincere.
            Non ce la facemmo per paura, peccato.

            Dopo ci doveva essere il rinnovamento.

            Le Woman hanno cambiato Guarino con Montemurro.

            Ed hanno fatto uno step in più.

            Nel first team non è stato fatto e l’onda lunga di quello che fù l’errore la comprendiamo solo oggi

  6. Fa sorridere leggere chi vorrebbe che sia la proprietà ad intervenire per far piazza pulita perchè la Juve così com’è non funziona. Per fare cosa, autoemendarsi?.. chi lo scrive dimentica che nei ruoli chiave questa dirigenza è emanazione della proprietà, dal Presidente Andrea Agnelli al CEO Arrivabene al DS Cherubini, tutti messi li tutti dalla proprietà con l’approvazione del Cda e ora dovrebbero esser loro a licenziare tutti, staff tecnico compreso?.. a me pare che sia il remake di un film già visto, quando secondo una parte della stessa tifoseria juventina “l’inside john” decise di defenestrare la Triade e mettere sul ponte di comando l’uno e trino, per una Juve più simpatica, una Juve “smile” come disse Lapo, il tutto con l’allora plenipotenziario di casa Juve che, non avendo in simpatia la gestione Moggi-Giraudo ed essendo amico di Massimo Moratti con cui lui stesso ha detto di recente di aver vissuto i trionfi della sua inter ai tempi di Mourinho, non potè allora esimersi dal ritirare il ricorso al Tar nonostante le assurde sentenze di un processo farsa che avevano spedito la Juve all’inferno, mentre stavolta a volerlo sarebbe invece la parte più intransigente della tifoseria, i tafazziani pronti lancia in resta a far fuori tutti per demolire la Juve dalle fondamenta, senza nessun piano di battaglia e in testa solo.. lo scolapasta.

    • Per favore Gioele.

      Rispondi a me.

      Il tuo modo di fare è inaccettabile.

      Ma veramente.

      Non ti conosco, non do wuanti anni hai.
      Non so dove vivi.

      E ti giuro che non me ne frega nulla.

      Fare il soldato allegriano da tastiera, contro fi me non ti rende onore.

      Non sai chi sono, non mi conosci.

      Per quel che ne sai tu, potrei essere Allegri in persona, o Bonucci sotto mentite spoglie.

      Se secondo te dico cose sbafliate, usa le regole della convivenza civile.

      Rispondi ai miei post.

      Se non hai il coraggio di farlo, non dire niente.

      Faresti più bella figura.

      Molto probabilmente, non hai niente da fare, perche per sottolineare tutti i post, andare a ritroso, cercare le incongruenze su quello che scrivo, sul taxi, la maggiorparte delle volte, richiede tanto tempo.

      Tempo che tu hai ed usi in abbondanza.
      La cosa mi inorgoglisce, perchè vuol dire che per te sono una buona parte della tua esistenza.

      Fall’altra invece mi da da pensare.

      Ma tu che vita fai?

      Oltre al pc, riesci a spendere il tuo tempo in altre attività?

      Non dico come il nostro Ben che forse ogni tanto non trova il tempo per andare in bagno.

      Ma almeno come una persona attiva, che ha qualcos’altro nella vita.

      Cose normali, il lavoro, la casa la spesa, l’auto.
      Qualche libro, un buon film.

      Ci sono musei oltre i blog.

      Insomma, sinceramente non ti capisco e mi fermo qui.

      Tanto ti dovevo nemico mio.

      PS la guerra contro un nemico inesistente rischia di creare mostri nella nostra mente e farci vivere in un sogno completamente slegato dalla realtà.
      Sogno che alla fine finisce e ci rendiamo conto di cosa è stata la nostra vita.

      Mi permetto di consigliarti “il deserto dei tartari” di Buzzati.

      Certo oltre che letto va capito, va studiato e quindi apprezzato.

      Bon Courage dicono in francia.

      detto con affetto ma non è bello eh e non riguarda me.

      • Invece quando scrivi di “due pretoriani allegristi che hanno spadroneggiato nel blog nrgli ultimi tempi” a quale modo di fare ti riferisci e di chi?..

        Chi tu sia francamente non me ne può fregare di meno, che tu sia nella migliore delle ipotesi un “dipendente” della Juventus o nella peggiore un banale “millantatore”.

        Quanto al tempo dedicato al blog, tanto per rendere l’idea basterebbe fare il conto del numero dei rispettivi post presenti in questo topic, da ieri ad oggi, 7 compreso questo sono tuoi, 3 sono miei compreso questo.

        Come vedi dunque a te non manca il tempo, ma la coerenza, in compenso però va riconosciuta non solo la raffinatezza e l’eleganza dei contenuti dei tuoi post ma anche il tuo stile regale nel mistificare e distorcere quelli degli altri.

        • P.S.: A proposito di soldati e di come impegnare il tempo libero, a te consiglierei una commedia di Plauto, “Miles gloriosus” anche tradotto “Il soldato millantatore” o “il soldato spaccone”.

          • Gioele,
            come al solito hai distorto il punto.

            Io ho scritto sotto il tuo post, indicando anche a chi mi rivolgevo, a te!

            Questa tua risposta sottolinea i tuoi problemi nel capire gli scritti.

            Non ho infatti detto di essere un dipendente della Juve.

            Ho detto che potrei essere Allegri o Bonucci.

            Insomma dai su,
            essere abili nel rigirare le frittate è una dote, dimostrare di non capire il senso è una condanna verso se stessi.

            • Luca967,

              se posso. Sono parole perse. I due pretoriani hanno già ripreso a spalleggiarsi a vicenda. I casi 1- Mi sembra che Totò dicesse ” che è fesso e non lo sa è fesso due volte” 2- come hai giustamente intuito dei “leoni da tastiera” spadroneggiano qui perchè nella vita reale padroneggiano solo la mer.da di cui parlano sempre.

              Come ho già detto di calcio sanno tutto manon capiscono una mazza

              Poi basta perchè mi ero ripromesso di non intervenire e mi piace cercare di essere una persona seria

            • “luca967 15 Settembre 2022 @20:21
              Detto questo ti riconosco un certo equilibrio ed un onestà intellettuale difficilmente confutabile.

              Insomma, non sei certo tu il bersaglio oggi.

              Ma i due pretoriani allegristi che hanno spadroneggiato nel blog nrgli ultimi tempi.”

              Allora visto che è la seconda volta che ti succede (con tanto di scuse dopo la prima), posso dire con certezza che sei tu a non capire o far finta di non capire, e nel caso avessi frainteso anche quanto scritto in risposta sopra, ribadisco in modo meno elegante e raffinato del tuo, ma non per questo non comprensibile da te, che chiunque tu sia al sottoscritto frega meno di zero, e aggiungo anche che tanto meno posso accettare atteggiamenti di censura indiretti, ingiustificati ed ingiustificabili, da parte di chi non conosco e non ho intenzione di conoscere direttamente.

  7. QUANN SI STRUNZ MUORI MADRE

    Quando non si capisce una allegorica frase di scendere e salire da un carro e proclamarsi anche cocchiere vuol dire proprio essere una madre interista.

    Chi sa di calcio a ogni partita fa una disamina e addirittura la fa anche prima della partita da giocare criticando il giusto su una formazione…ora se nell’ultima partita abbiamo scritto che Allegri non ci è piaciuto si tratta di salire sul carro dei noMax?

    Pensa alla tua squadra fallita senza buttare sabbia negli occhi agli già accecati dalla bile allegriana.

    • Cosa c’entra l’allegoria xel carro con l’inter?

      Cosa c’entra l’essere bigliettaio e condittore del supposto carro, con ciò che dici successivamente?

      Tu ti sei erto a conducente del carro, hai detto chi, come Minosse, può salire e deve scendere!

      Barone mio più umiltà.

      Ma più che altro più leggerezza nel vivere.

      La Juve è la cosa più importante tra quelle senza importanza.

      Più leggerezza e non autoeleggerti a difensore di chi, Allegri, non lo merita ed in tutta sincerità non ne ha bisogno e vive ed alla grande sulle nostre passioni.

  8. Dopo aver letto che “Allegri ha vissuto di rendita sul lavoro di Conte, ci ha campato 3 anni”, a qualcuno deve essere tornata la memoria, perchè a leggere che “il primo anno da noi ha avuto il merito di slegare la squadra e di renderla più Europea” si capisce che il ricordo di Allegri di quegli anni non gli è completamente svanito, o forse è lui ad aver capito che nei migliori ristoranti d’Europa non sarebbe potuto entrare con i 10 euro lasciati in eredità da Conte.
    Ma a parte questo dice che comunque “servirebbe un allenatore, cosa che Allegri non è…”, vero, alla Juve non capiscono proprio un ca..lcio moderno, come quello che si vede in Europa, compreso quello di chi ieri sera ha preso 5 gol da una squadra di dilettanti danesi, ma va bè sarebbe tempo perso mettersi a discutere di un allenatore molto ma moolto più allenatore di Allegri, precisando però che a fare “schifo” non è la “sua” Juve e il “suo” allenatore, altro allora che su e giù dal carro, qui c’è chi vorrebbe cambiare carrozza e cavalli in corsa.

  9. ANDIAMO AL VAR

    I bianconeri dal 2017 hanno avuto 44 chiamate sfavorevoli e solo 23 a favore.
    Per il Napoli numeri ribaltati. La classifica completa
    13 SETTEMBRE 2022
    AGGIORNATO ALLE 09:56
    2 MINUTI DI LETTURA

    ROMA – Che non dovessero amarsi era chiaro fin dal primissimo istante.
    Sapete come si manifestò il Var all’Italia in un sabato pomeriggio del 2017? Indovinato: dando un rigore contro la Juventus.
    Da quel momento, la storia si è ripetuta spesso. Molto, molto più spesso che per gli altri. E l’incidente di Juve-Salernitana è solo l’ultimo episodio, tra l’altro per una chiamata sbagliata: a cinque anni dalla sua introduzione, il bilancio è quasi sorprendente: la Juventus è la squadra più “odiata” dal Var.

    Var, il gol annullato a Milik e quel baco che si mangia l’ultimo uomo
    di Domenico Marchese e Matteo Pinci
    12 Settembre 2022

    Juventus, Var contro: è la squadra che ha avuto più chiamate a sfavore
    La logica suggerirebbe che, in cinque campionati passati più questo inizio di stagione, le volte in cui il Var ha cambiato una decisione arbitrale in chiave favorevole e quelle in cui lo ha fatto in senso contrario, si bilancino o quasi.
    In fondo è così per molte squadre: la Roma ha avuto 28 chiamate a favore e 29 contro, il Milan 35 pro e 32 sfavorevoli, la Samp ha addirittura un equilibrio perfetto: 32 e 32. Non la Juventus: gli interventi dell’occhio tecnologico a sfavore dei bianconeri sono stati addirittura 44. Contro appena 23 review che hanno fatto sorridere i tifosi. Un saldo “negativo” di 21 episodi.

    Arbitri: “Il gol annullato alla Juventus? Il Var non aveva le immagini con la posizione di Candreva”
    12 Settembre 2022

    Il Napoli è la più “aiutata” dal Var
    Al contrario, il Napoli: 41 chiamate che hanno rovesciato favorevolmente la decisione arbitrale e solo 22 contro. Discorso simile per Inter e Lazio, anche se con distanze più contenute: i nerazzurri hanno sorriso 33 volte con 26 modifiche sfavorevoli. Per la squadra di Lotito pro e contro sono 37 e 28. L’Atalanta ne conta 33 e 27. Chi ha avuto meno chiamate a favore? Il Bologna: appena 19. Fiorentina e Verona quelle con meno chiamate contrarie: appena 21.

    Tecnologia e pregiudizi
    I numeri non possono non tenere conto di un minimo livello di approssimazione. Ma i volumi sono sostanzialmente questi. E dicono molto. Perché se la Juve ha molte chiamate “contro”, vuol dire che tendenzialmente gli arbitri sbagliano a favore dei bianconeri e vanno corretti. E al contrario, che tendono a non notare episodi favorevoli al Napoli, poi sanati dalla tecnologia. Insomma, a volerla analizzare si potrebbe dire che la tecnologia, con la fredda statistica dei numeri, conferma anche gli antichi pregiudizi.

    LA CLASSIFIA COMPLETA DEGLI interventi VAR

    Squadra / a favore / contro
    Juventus / 23 / 44
    inter / 33 / 26
    Milan / 35 / 32
    Napoli / 41 / 22
    Roma / 28 / 29
    Lazio / 37 / 28
    Atalanta / 33 / 27
    Bologna / 19 / 28
    Fiorentina / 37 / 21
    Sassuolo / 31 / 40
    Sampdoria / 32 / 32
    Torino / 25 / 31
    Udinese / 25 / 35

    • Il VAR contro il Benfica ed il PSG non ha fatto danni ed invece che il pareggio sono arrivate due sconfitte.

      O mi sbaglio?

      • Manca un rigore e avremmo sicuramente vinto la Coppa…ma qui si parla di campionato dal 2017 e non è solo allenata da Allegri…tu gonfi i coglioni senza capire quello che uno scrive…tu mi vuoi attaccare a prescindere…

        • Non è vero.

          Volevo solo sottolineare che possiamo cercare e trovare tutte le scuse possibili.

          Ma poi la triste realtà è che questa squadra semplicemente non funziona e dovremo cercare di capire cos’è quel qualcosa, invece di cercare scuse o fare speciali classifiche alla Galliani maniare di quando il Milan non vinceva più.

  10. “NON HO SCHEMI”
    ~~~

    Protagonista di una “chiacchierata” con Mario Sconcerti per Il Corriere della Sera, Massimiliano Allegri ha chiarito anche la sua idea di calcio.
    Ecco le sue parole:

    “Non ho schemi prestabiliti, adatto il gioco alle qualità dei giocatori. Non sono un fenomeno per questo, è mestiere. Il giocatore è fatto di particolari che vanno sempre considerati. Non esiste per esempio un modo di stoppare la palla. Ce ne sono due. Se la stoppi all’indietro è uno stop difensivo, se lo sai fare in avanti, comincia un’azione di attacco. Questo è calcio vero, applicato. Come i passaggi: non basta dare il pallone a un compagno in area, devi darglielo con i giri contati altrimenti quello non tira in porta, deve prima girarsi. Oggi i giocatori non pensano, ubbidiscono. Non interpretano. È la soluzione più facile. Mentre il calcio è una somma di singole fantasie. Oggi i giocatori non pensano, ubbidiscono. Non interpretano. È la soluzione più facile. Mentre il calcio è una somma di singole fantasie. Col Benfica Di Maria è entrato pochi minuti e ha messo uno davanti al portiere da trenta metri. Posso dire che era uno schema? No, era Di Maria. Io li ho questi giocatori, se siamo tutti, siamo forti”.

    Domanda: se c’é bisogno solo di giocatori come Di Maria, che sanno già cosa fare e come la devono fare, a cosa serve un allenatore?
    Perché si deve pagare un tizio 7-9 milioni annui per mandare in campo i calciatori e limitarsi a dire loro: fate vobis?

  11. Gioele,

    secondo me sei stanco, hai bisogno di riposo.

    Quello che riporti è un mio post di risposta a Germano.
    In quel post Germano vi indica entrambi senza nominarvi.

    Se lo avessi fatto io avrei mancato di rispetto a Germano stesso, contravvenendo in questo caso alla sua volontà.

    Ciao ciao…

    • “luca967 15 Settembre 2022 @20:21
      Detto questo ti riconosco un certo equilibrio ed un onestà intellettuale difficilmente confutabile.
      Insomma, non sei certo tu il bersaglio oggi.
      Ma i due pretoriani allegristi che hanno spadroneggiato nel blog nrgli ultimi tempi.”

      Come puoi constatare il virgolettato non è il contenuto di un post di qualche settimana fa in risposta a Germano ma un commento di 2 giorni fa in risposta a Benedetto, la verità è che non trovi più le parole per rispondere alle accuse, e non certo la stanchezza che ti spinge a mentire sapendo di mentire.

      • P.S.: E questa è la prova tangibile della tua malafede

        “Alessandro Magno 15 Settembre 2022 @17:40

        detto che io sono per il fatto che quando le cose vanno male uno presenta le dimissioni e infatti l’ho scritto anche nelle pagelle, fra l’altro è un modo di chiedere eventualmente anche la fiducia perchè le dimissioni si possono anche respingere , chiaramente correndo il rischio che vengano accettate, ricordo solo che quado Lippi si dimise dicendo pubblicamente ” se il problema sono io tolgo il disturbo” non si vinse nulla per 2 anni di fila e si tornò a vincere quando tornò Lippi. Lo dico non perchè le due cose siano per forza simili può darsi che senza Allegri le cose vadano meglio, ma lo dico per dovere di cronaca perchè nei fatti Lippi si dimise ma le cose non andarono meglio anzi per due anni non si vinse nulla con Ancelotti. questa è la storia perchè altrimenti passa un concetto sbagliato ovvero che vedi Lippi si dimise e si risolse il problma. No Lippi si dimise e i problemi restarono.
        Rispondi

        luca967 15 Settembre 2022 @20:11

        Ben, se Allegri oggi da le dimissioni, alla Juve fanno il trenino con le amiche di Nedved!

        Lippi era decisamente un’tra cosa.

        In quanto ad Ancelotti è oggi l’allenatore più vincente su piazza.

        Insomma non sempre si può semplificare con esempi banali, frasi fatte e luoghi comuni, una realtà complessa.
        Rispondi
        luca967 15 Settembre 2022 @20:21

        Detto questo ti riconosco un certo equilibrio ed un onestà intellettuale difficilmente confutabile.

        Insomma, non sei certo tu il bersaglio oggi.

        Ma i due pretoriani allegristi che hanno spadroneggiato nel blog nrgli ultimi tempi.
        Rispondi
        Alessandro Magno 15 Settembre 2022 @20:34

        io non ho detto che Allegri è meglio di Lippi ho detto che Lippi si dimise e i problemi non si risolsero. non ho neanche detto che ancelotti è scarso o sia peggio di Allegri ho detto che Ancelotti con noi non vinse nulla. sono i fatti . i fatti sono andati cosi.”

  12. Scusate se intervengo ma sono stato chiamato in causa penso x errore. Luca quale sarebbe il post dove mi riferisco senza nominarli Barone e Gioele? Non ricordo. Difficilmente mi riferisco senza nominare. L’unico forse è l’ ultimo dove dico che sono stati ingiustamente accusati di incoerenza 2 che invece di coerenza ne hanno da vendere. Ovviamente mi riferivo a Barone e Benedetto.

    • Grazie Germano
      Ma infatti girando per i vari collegamenti web in diretta senti qualcuno dire che si auguravano 3 goal di Dybala contro la Juve, lui, Luca, convinto fosse lui quello di cui si è parlato si ficca sotto e comincia la litania…stessa cosa la fa sul mio post rivolto a qualche altro, alla specie più disonestà che possa esistere e lui si rificca sotto convinto fosse lui il soggetto…e mo basta pure eccheccazzo!

    • Germano,
      non sa cosa risponderti perchè nel tuo ultimo post non ci sono riferimenti al sottoscritto e a Barone50, quelli li ha fatti lui nel post di risposta a Benedetto dove ci accusa indirettamente ( per intenderci non con i rispettivi nick) accusandoci di essere “pretoriani allegristi che spadroneggiano nel blog.”

      Ti ringrazio comunque da parte mia per l’opportuna precisazione.

    • Ho capito Barone e Gioele.

      Scusate ma se parlate criptato capita di non capire.

      O peggio di capire sbagliato.

      • Luca e ci voleva tanto?
        E poi franco come sono quando uno capisce che aveva preso una cantonata e chiede scusa, almeno io e parlo per me, mi sciolgo e lascio da parte le offese ricevute…
        Voglio dire che non serve altro bastano le scuse ricevute.

      • Luca, non ho mai parlato criptato. L’unico post, ripeto, è forse l’ultimo dopo che forse Juice(?) aveva accusato di incoerenza Barone e Benedetto ed io nel mio post, pur non nominandoli avevo scritto che loro 2 di coerenza ne hanno da vendere a tutti. Tutto qua.

  13. Gioele, tanto per.

    “L’eleganza e la raffinatezza in stile regale per denigrare la Juventus e insultare Allegri, due facce della stessa moneta, da una il ridicolo e dall’altra il patetico.”

    Questa l’hai scritta a me o ad un interista che infesta il blog?

    Chiedo per un amico.

    • Lo stile regale fra il patetico tentativo di giustificare la presenza di un logo “fuori corso” da anni:

      “luca967 14 Settembre 2022 @11:53
      Forse noi tifosi torinesi siamo ancora legati al simbolo che ci rappresenta…
      Il resto sono eventi sporadici che forse non riusciamo neanche a vedere, nonostante in molti ci campino, e nonostante vengono usati per dare le famose patenti.”

      e il ridicolo di quello che hai scritto qui:

      “luca967 15 Settembre 2022 @20:05
      È che con il tuo Allegri oggi la Juve fa schifo.
      Come il tuo allenatore.”

      • Ridicolo è da dimostrare, lo dici tu.

        In quanto a paretico possiamo discuterne.

        Alla domanda non hai risposto ti sei trincerato dietro i soliti insulti.

        Ora basta mi sono scocciato con te non gioco più.

        Sei solo un gran maleducato.
        Veramente.

        Ma come ti permetti?

        • La risposta c’è stata ed è evidente che gli aggettivi “patetico” e “ridicolo” non sono insulti riferiti alla tua persona ma ai contenuti di quei due post.

  14. Allora e lo dico per tutti visto che vi conosco ormai da una decina di anni , la vigliamo smettere di fare gli offesi per ogni unga incarnita?
    Qui abbiamo idee diverse e guai se bin fosse così e si discute, ma nessuno ha la verità in tasca.
    Sembrerebbe che invece ognuno ne sappia sempre più degli altri.
    Ecchecazzzz è una settimana che mi sono zittito e chiuso senza voler sentire parlare di Juve perché sto male al solo pensiero.
    Ognuno di noi ha le sue ragioni ma tutti non contiamo meno del due di briscola quindi non ci resta che stringere i denti ed anche altro e vediamo cosa succede.
    Il problema o la fortuna per dirla secondo in altro punto di vista è che la Juve gioca domani contro il Monza che vale veramente pochissimo e penso che Allegri ne uscirà alla grande, almeno per questa settimana. Poi ci sarà buna pausa e ….. speriamo che ce la caviamo magari recuperando qualche altro giocatore e allenando meglio chi non ha più di 25 minuti nelle gambe.
    Ho idea che solo se siamo messi sotto in campionato e fuori dalla champions a cavallo della sosta per il mondiale, che qualcosa potrà accadere.
    Buon sabato del villaggio a tutti e pensate alla famiglia

    • Anto e tu non potevi aspettare dopo finita la partita a sentenziare?

    • Antò,
      la frase “due pretoriani allegristi che hanno spadroneggiato nel blog nrgli ultimi tempi” non è un’opinione più o meno condivisibile, ma un’offesa gratuita, non provocata, e in quanto tale ingiustificata ed ingiustificabile.

      Detto questo, come non sei intervenuto prima per chiedere delucidazioni in merito all’autore dell’offesa (che per altro non si neanche scusato) sarebbe stata cosa buona e giusta da parte tua non farlo neanche dopo e con questo da parte mia chiudo qui quella che è diventata ormai una stucchevole diatriba.

  15. DOPO IL DANNO LA BEFFA

    Caro Gravina, se errore c’è stato c’è stato anche chi ha sbagliato.

    Oggi ci ritroviamo, dopo la partita con la Salernitana, con Cuadrado squalificato per la rissa, con Milik squalificato per esultare come un pazzo dopo aver segnato un goal al minuto 94 e togliersi la maglietta e infine Allegri per il solito cortomuso.

    Oggi se la Juve dovesse vincere con il Monza (a proposito devo andare allo Stadium o all’autodromo di Monza?) qualcuno sicuramente se la prenderà con il giudice perché ha squalificato il peggiore della Juve attuale e che senza squalifica oggi avrebbe giocato apportando zero alla squadra, poi Milik per essersi tolto la maglietta ma se gli annulli il goal…che cazzo di regolamento è?
    E infine Allegri, la cosa più grave la squalifica di Allegri che con Landucci in panchina la Juve vince sempre o quasi.

    E invece a Roma sponda Remo c’è chi se l’è cavata con patteggiamento e una multa dopo aver sparato di arbitri e var e dopo aver salutato tutti con un bel dito medio in bella mostra.

    Oggi è la giornata della satira (anagramma di risata) permettetemi questa battuta.

    Ora aspettiamo la presentazione della partita con la foto di Dybala al posto del logo della Juve.

  16. A 4 punti dal primo posto, 3 punti dal secondo e 2 dal quarto parlare di stagione finita e disastro è da disfattisti, poi è ovvio che con una media punti di 1.66 a partita se nelle prossime 32 il trend resta questo, il risultato finale sarebbe fallimentare e Allegri non è da esonerare ma dovrebbe essere lui a dimettersi, perchè è il primo a sapere che alla Juve alla fine contano solo ed unicamente i risultati e non il modo in cui si raggiungono, purchè sia lecito ad ognuno il suo, sia in Campionato che in Champions.

  17. Dopo tante polemiche l’augurio per una sconfitta è sicuramente quello che aiuta di più la squadra in questo momento.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web