E la Juventus scappò con Giulietta ..

Scritto da Cinzia Fresia

Sia ben chiaro, che per la Juventus questo è un Campionato penoso e non vediamo l’ora che finisca  vada come vada. Con questo qualche piccola soddisfazione ci sta.
La Juventus prende Giulietta e fugge con lei.
Non è stato facile, una sofferenza assoluta .. e lo si sapeva. Fisicamente parlando la Juventus soffre con tutti, gioca male ma sta vincendo.

Pensare allo scudetto è un po’ ardito considerato il distacco dalla prima, il Napoli continua a vincere. La convinzione di Allegri è che un giorno o l’altro smetterà.

“per la Juventus continua lo schifo di partita in partita. La Juve ha vinto a Verona senza fare un tiro in porta” – Antonio Cassano 

Questo è ciò che sostiene l’opinionista ex giocatore Antonio  Cassano, ma non lo dice solo lui. E rincara la dose sul rigore annullato al Verona. Il giudizio dell’ex giocatore è piuttosto diffuso non solo tra gli “odiatori” della Società ma anche tra i tifosi i quali sono stufi di vedere la Juventus giocare così.

E’ molto difficile fare previsioni sulla crescita della squadra, poichè ci sono giocatori in evidente regressione e i conti si faranno dopo il mondiale.

Un mondiale strano: non solo per  l’Italia  che non partecipa ma perchè entra a gamba tesa nei  campionati. I nazionali corrono  il rischio di infortuni o di tornare prosciugati da ogni energia. C’è un conflitto di interesse e i giocatori paiono più coinvolti dalla maglia della nazionale che dal loro club.

Juventus-Lazio 

Allegri ha annunciato che Dusan Vlahovic non sarà convocato. Il serbo non si sente ancora bene e alla vigilia del mondiale non si vuole  rischiare.

La Lazio è tra le squadre di vertice e sarà dura vedersela con Sarri. Il tecnico della Lazio è stato molto polemico sul  mondiale di calcio dichiarando  di essere contro a questa interruzione forzata.

A parte  le notizie poco incoraggianti su Vlahovic, Allegri non ha detto un gran che se non che bisogna vincerla. La situazione non suggerisce molto altro, e attualmente su come andrà a finire il Campionato di serie A dipenderà da come andranno le cose  ai nazionali una volta rientrati.

 

 

 

  1. MALATI DI MONDIALITE

    Alla fine lo ha ammesso lo stesso Massimiliano Allegri: il Mondiale alle porte incide sulle prestazioni dei giocatori. Probabilmente non lo fanno consapevolmente, ma a livello inconscio preferiscono lasciare qualcosa sul campo piuttosto che dare il cento per cento e rischiare di presentarsi in Qatar non al meglio della forma o, peggio ancora, acciaccati, soprattutto per chi è reduce da un infortunio.

    Nessuna forzatura

    Il riferimento del tecnico bianconero era rivolto ad Angel Di Maria e a Leandro Paredes, i due argentini che sono rientrati soltanto part time, ma in questa casistica rientra di diritto anche Dusan Vlahovic, l’attaccante serbo in infermeria dal 25 ottobre, quando ha lasciato il campo del Benfica per il riacutizzarsi di un affaticamento agli adduttori. Da allora si è diviso tra terapie e allenamenti differenziati, ma ha preferito non forzare nel test alla vigilia della trasferta a Verona: la sua paura, comprensibile, è che l’infiammazione all’inguine possa peggiorare o ripresentarsi con maggiore continuità, diventando così cronica. Anche il club predica prudenza, però Allegri confidava di poter contare sul suo attaccante almeno per la sfida contro la Lazio, invece ancora ieri il serbo ha lavorato soltanto parzialmente con la squadra. La sua presenza, o meno, domani sera dipenderà molto anche dalle sue sensazioni: con la Serbia che esordirà il 24 novembre contro il Brasile, non è escluso che Vlahovic non se la senta di stringere troppo i denti, consapevole di quanto sia pericoloso forzare. Al serbo, del resto, non gli si può imputare nulla perché, fino a quando è stato bene, si è sempre prodigato per la causa bianconera. Ed è il primo a essere amareggiato per non poter essere di aiuto alla squadra. «Non poter lottare con i miei compagni è la cosa che mi fa più male, ma con il cuore sempre con voi!» ha scritto sul suo profilo Instagram dopo la vittoria della Juventus contro l’inter.
    (da tuttosport)

  2. Quasta su Vlahovic francamente non la capisco.
    Che vuol dire meglio non rischiarlo prima del mondiale?
    Se va ai mondiali gli spariscono i problemi fisici?.. e se per caso dopo il mondiale i problemi invece si aggravano e si ferma per il resto della stagione, a gennaio che fanno?.. prendono un altro attaccante?.. mah

    • Non se la sente…?
      La maglia addosso !!!

      • Se è per la maglia posso capirlo, quella della sua Nazionale forse pesa meno di quella della Juve e la regge meglio, ma se vuole può guardarsi intorno, in giro ce ne sono altre che pesano anche meno.

        • Capisco anche che non vuol giocare nella Juve di Allegri, nessuno infatti vuol giocarci, a parte ovviamente chi nonostante il mondiale alle porte, con la rosa ridotta all’osso va in campo tutte le settimane e dà tutto come Milik.

  3. Purtroppo è confermato quindi che la prima parte di campionato si chiuderà senza aver mai avuto la possibilità di vedere in campo insieme nemmeno per un minuto il tridente pensato per l’attacco DiMaria Vlahovic Chiesa.
    Senza parlare di Pogba che anche lui non s’è mai visto.
    A livello di risultati siamo un po risaliti, a livello di prestazioni siamo sempre sul remissivo andante con grande paura di osare azioni in attacco per non rischiare di scoprirsi in difesa.
    Giochiamo un giro palla lento tra i difensori, c’è poco coraggio a verticalizzare in avanti, c’è grande necessità di giocare lentamente e con estrema calma per tutti i 90min, sempre per non rischiare di scoprirsi. Siamo lenti per necessità e per volere dell’allenatore. In Italia ce la siamo un po cavata ugualmente, in Europa ci hanno asfaltato anche squadre israeliane.
    In attacco abbiamo tutti giocatori che hanno bisogno di attaccare lo spazio e giocare faccia alla porta, quando invece al loro allenatore occorre una specie di Llorente che sappia fare sportellate spalle alla porta per fare salire i compagni.
    Proviamo a sperare che dopo la sosta possano rientrare i nostri 4 giocatori migliori per darci la qualità in attacco che ora è quasi a zero.
    Poi personalmente spero che vengano accantonate le figurine di ex giocatori che non ne hanno voglia o non ce la fanno più, i Paredes Bonucci Cuadrado AlexSandro McKennie lasciando spazio ai giovani che sono forti come e più di loro ma in più giocano in avanti e non indietro, senza paura e con coraggio, come dovrebbe fare peraltro ogni giocatore bravo.

    • Il problema è la difesa, a parte Gatti non ci sono alternative giovani, come è possibile che della U23 non ce ne sia neppure uno da inserire nella rosa della prima squadra?

    • “Giochiamo un giro palla lento tra i difensori, c’è poco coraggio a verticalizzare in avanti, c’è grande necessità di giocare lentamente e con estrema calma per tutti i 90min, sempre per non rischiare di scoprirsi. Siamo lenti per necessità e per volere dell’allenatore”.

      In questo periodo virgolettato ci sono due concetti che molti di noi dovremmo ben metabolizzare.
      E i motivi sono chiari.
      A parte la condizione atletica, se i giocatori giocando a questi ritmi sbagliano almeno il 50% degli appoggi in avanti, cose succederebbe se aumentassero i ritmi è facile immaginarlo.

      Anche questa sera quindi sarà il contropiede l’arma letale per la vittoria, visto che di gioco organizzato al momento non se ne vede e non se ne parla.
      Per ovvi motivi, più corto sarà il contropiede e più alta sarà la probabilità di concludere efficacemente in porta.

  4. In attesa di Fiorentina-Milan e Juventus-Lazio…

    Dopo aver visto la disastrosa Atalanta di Gasperini e l’incommentabile Mourinho in Roma-Torino, penso che alla ripresa del campionato molto probabilmente saranno in 5 a contendersi i primi 4 posti in classifica, con il Napoli che ovviamente ripartirà da una posizione di testa che al momento appare irragiungibile da Milan, Inter, Lazio e Juventus.
    In coda le ultime tre, Cremonese Sampdoria e Verona, staccatissime dalle altre sembrano destinate a retrocedere, anche se qualche speranza di riagganciare il treno salvezza potrebbe averla la Samp che non ha un organico tecnicamente inferiore a Spezia e Lecce che a differenza della Sampdoria hanno però in panchina un allenatore.

    • irraggiungibile

    • “Abbiamo perso la nostra luce (Dybala). Per alcuni giocatori è tempo di fare autocritica”.

      Poi rivolto al giornalista che gli aveva fatto una certa domanda…come, di chi la colpa, lui risponde se tu te lo tieni per te te lo dico ma siccome non te lo tieni non te lo dico.

      Ma che catzo di uomo è?
      E lui quando la fa un pò di autocritica?

      Ovviamente ce l’aveva con Abrahm.

      Un’altra cosa che non si è capita perché il rigore non l’ha battuto Dybala.

  5. Anche se non è il solo, credo che definire Cassano un opinionista sia un ossimoro.

  6. PRIMO TEMPO

    Juve sorniona che approfitta del secondo errore biancoceleste per lanciare in campo aperto Kean 1-0 …

    Partita comunque che si sta snodando secondo le premesse.
    Lazio in palleggio, Juve di rimessa.

    La ripresa dovrebbe offrire ulteriori opportunità per il raddoppio.
    Alé bianconero!

  7. NAPOLI IRRAGGIUNGIBILE…

    Juve sesta di fila e zero goal.
    Il resto dopo il Mondiale…e il Maccabi alle spalle ma sempre davanti ai miei occhi.

  8. E sono 6 (sei). Daje Juve dajeeeee!!!!!!

  9. CRESCITA COSTANTE

    La crescita della Juve si è rivelata costante anche/soprattutto nel secondo tempo.
    Lazio imbrigliata a centrocampo e ripartenze sempre pericolose.
    Juve sempre in controllo attivo della gara, contro una Lazio infine sfiduciata.

    Bene Chiesa che mette ancora minuti nelle gambe ed offre a Milik il cioccolatino finale per il terzo gol.

    Terzo posto meritatamente raggiunto!

  10. Ancora con sti due mediani…non si gioca più con i mediani diceva ‘n’amico.
    Bisogna vedere che tipi di mediani sono…un francese e un italiano e hanno giocato a palline con quelli della Lazio.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia