NOTA UFFICIALE DEL CLUB

NOTA UFFICIALE DEL CLUB

In riferimento a quanto riportato da alcuni organi di stampa – nel pieno rispetto della magistratura e degli organismi regolatori del mercato, e pur ribadendo la massima fiducia nelle autorità giudicanti – JFC precisa quanto segue.

A seguito dell’avvio del procedimento Consob di accertamento di presunte non-conformità contabili (luglio 2021), conclusosi in data 19 ottobre 2022, con gli esiti resi pubblici da Juventus con i due comunicati del 21 ottobre e 20 novembre 2022, e a seguito dell’acquisizione degli atti del fascicolo penale (a seguito della notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari il 24 ottobre 2022), gli organi sociali di Juventus hanno proseguito il processo di rigorosa e scrupolosa valutazione di tutte le contestazioni contabili rivolte con riguardo ai bilanci di Juventus (2019/2020 e 2020/2021 e, a cascata, 2021/2022).

Sulla base di un solido set di pareri di primari professionisti legali e contabili, il board di Juventus è pervenuto, con compattezza, alla conclusione unanime da parte dei nove consiglieri in carica alla data del 28 novembre 2022, che:

  • Il trattamento contabile adottato nei bilanci contestati rientra tra quelli consentiti dagli applicabili principi contabili;
  • le contestazioni della Procura non paiono fondate e non paiono, peraltro, né quanto a presupposti, né quanto a conclusioni, allineate con i rilievi contenuti nella delibera Consob del 19 ottobre 2022; infatti, la Procura afferma l’artificialità di plusvalenze e la fittizietà delle rinunce stipendi, mentre Consob contesta un valore considerevolmente minore di plusvalenze, peraltro senza menzione di falso in bilancio, e non contesta l’efficacia giuridica delle rinunce stipendi, né, con specifico riguardo alla c.d. “manovra stipendi” 2020/2021, la natura giuridicamente non-vincolante, delle c.d. scritture integrative in corso di negoziazione nell’aprile/maggio 2021;
  • la correzione dei bilanci (i.e. restatement), con il limitato profilo delle c.d. “manovre” stipendi 2020 e 2021 è stata decisa in via di adozione di una prospettiva di accentuata ed estrema prudenza e ha effetti contabili ritenuti, anche con l’ausilio di esperti indipendenti , di ordine non rilevante, in particolar modo sul patrimonio netto della Società al 30 giugno 2022;
  • Juventus confida, infine, che, proprio in ragione della ritenuta assenza di qualsivoglia alterazione dei bilanci contestati, le conclusioni delle autorità sportive (che già si sono espresse, con riguardo al tema plusvalenze, in senso favorevole a Juventus) non cambieranno: in assenza di alcuna alterazione contabile, ogni sanzione sportiva risulterebbe del tutto infondata.

Nella convinzione di aver operato sempre correttamente, Juventus FC intende far valere le proprie ragioni e difendere i propri interessi, societari, economici e sportivi, in tutte le sedi.

  1. Auguroni Ben, il mezzo secolo va festeggiato.

  2. Auguri Ben

  3. Alessandro Magno

    Grazie mille a tutti per gli auguri sono stato preso molto oggi. ❤️

  4. Tanti auguri Benedetto!

  5. IO NON COMPRO LA GAZZETTA

    Lo Stato contro la Juventus

    20 anni di pedinamenti, con sporadici periodi di “buco”, centinaia (migliaia?) di persone dedite ad intercettazioni telefoniche ed ambientali, trascrizioni, editing, decine (centinaia?) di milioni spesi, risorse abnormi dedicate alle questioni bianconere. Procure, Commissioni Parlamentari, attività politiche, innumerevoli e interminabili servizi tv finanziati con il canone RAI. Non saranno numeri precisi, ma indicativi certamente sì. Non credo si possa riscontrare altrove una mole altrettanto titanica di lavoro investigativo, forse nei processi di mafia, dai quali trapelano però molti meno dettagli, chissà perché.

    Ad oggi si è trattato francamente di uno spreco: la Juve è stata ASSOLTA dall’utilizzo di Epo (ASSOLTA, le prescrizioni lasciamole ad altri), non truccava sorteggi né partite, non taroccava passaporti, non aveva rapporti illeciti con la curva (anzi, ne era vittima), non costruiva tunnel né stadi con acciaio scadente, al momento un eventuale falso in bilancio, per quanto ne sappiamo, non sarebbe stato decisivo per l’iscrizione al campionato, quindi, comunque vada questo filone, per adesso la catena montuosa ha partorito cimici, elettroniche e faunistiche. In quella città del sud in cui sono solerti nel presentare esposti, seppur con grammatica creativa, potrebbero scriverne uno per richiedere un parere alla Corte dei Conti.

    Cotanto scenario non può che essere avallato dalle Istituzioni, nella misura in cui non si approfondisce o punisce con la stessa solerzia quanto segue: ipotesi di falsi in bilancio altrui, curve di tutte le squadre, Rolex da 25 milioni agli arbitri, questione Recoba, questione Motta-Milito, illeciti prescritti altrui, eventuali rapporti con la ‘ndrangheta altrui, pareri della Covisoc relativi ad altre squadre, dichiarazioni di ex giocatori che parlano di sostanze che circolavano negli spogliatoi, fideiussioni varie e chi più ne ha più ne aggiunga.

    Purtroppo questi aspetti interessano ai lettori della gazzetta quanto a me interessano i risultati di Lacrosse, d’altronde, come a un lupo non puoi dar da mangiare un’insalata, a chi chiede odio e rancore non puoi fornire notizie reali, che si affranchino da “ecco come truccavamo i sorteggi degli arbitri”.

    L’evidente dicotomia è la risultante di un sentimento popolare che spinge solo in un senso, come quella VAR che accumula volgari strafalcioni che strafalcioni non sono, essendo palesemente orientati nel solito verso. L’aspetto grave è che in questa vicenda pesa più il non fatto del misfatto. Quel sinistro “le altre squadre non interessano” flirta con l’altrettanto patetico “nel dubbio, non si fischi in favore della Juve”. Quotidianamente emergono mille spunti dalle altre realtà, ma mai nessuno di essi viene approfondito da quel giornalismo di inchiesta alla Scooby Doo, perché tutti sanno che se i colpevoli sono tanti può emergere un sistema malato ma equamente distribuito, il cui piattume non interessa a nessuno, mentre se il colpevole è uno, quello, allora sì che il volgare mezzadro diventa esperto di Solone.

    È la storia del Diritto, non conta chi sia innocente e chi colpevole, ma chi racconta la storia migliore. E qui di storie ne leggiamo una al minuto

    PS Che poi, ve lo immaginate se avessero intercettato er Pomata mentre urlava “Fermi tutti, questa è ‘na rapina”? Le Iene sarebbero intervenute seduta stante per sventarla, mentre Twitter sarebbe andato in crash tempo zero…

  6. Juve non così…
    Così l’avvocato Mattia Grassani, esperto di diritto sportivo, a Radio Anch’io lo sport, su RadioRai.
    «La Juventus rischia più dell’ammenda o della penalizzazione – aggiunge -. Quello che sta emergendo, secondo la norma, può portare all’esclusione del campionato e alla retrocessione».

    • Solo?!
      Pensavo revocassero tutti gli scudetti vinti nel dopoguerra e per terminare somministrassero un’iniezione letale ai dirigenti…

      • Beh, ziliani l’ha chiesto: revoca di tutti e 9 gli scudetti e radiazione. E l’altro, l’esponente di ms5 di cui mi sfugge il nome, ha detto che la Juve tra calciopoli (ancora… ahò di chiama farsopoli…), rapporti ultrà con mafia e plusvalenza l’ha sempre fatta franca. Sempre? Ma dove vive sto cojone…

      • Infatti la procura della Figc preso atto delle accuse della procura di Torino ha immediatamente aperto un’indagine ma visto che ai primi di gennaio ricomincerà il campionato ha già deciso di non fare neanche il processo e seguendo la direttiva del ministro dello sport (che ha ordinato di fare subito pulizia) ha già consegnato nelle mani dei suoi consigliori Massimo e Leandro il mandato di revoca degli ultimi 9 scudetti della Juve, assegnandone 4 ai Ratti, 4 ai Meanisti e 1 ai Chiagne&Fotte (quello che s’erano persi in hotel a Firenze per colpa di Orsato che non aveva multato Pjanic per eccesso di velocità), ed infliggere alla Juventus al Lordo e senza Tar-a, 29 (ventinove) punti di penalizzazione uno per ogni scudetto vinto fino al 2006.

  7. Così si parla della Juve e le schifezze passano sotto traccia. Intanto, zitti zitti, mi par che stiano preparando l’ennesimo giochetto per spalmare i debiti fiscali con scadenze allungate come Tiramolla. Ma guarda un po’: chi la chiede, chi la propone e chi sono i più indebitati?
    Cominciamo a riconsiderare una vecchia idea: dopo esserci difesi con le unghie e coi denti in Tribunale, si vada via dal campionato italiota. Andiamo a giocarcela in Ligue1 o in Bundesliga. Son convinto che quelle federazioni ci farebbero i ponti d’oro e potremmo godere vedendo poi (senza la Juve) quanto valgono i diritti televisivi del campionato italiano … altro che prolungare la cessione a dazon per altri due anni.

  8. Tanti Auguri Benedetto

  9. Alessandro Magno

    grazie ragazzi ancora per gli auguri grazie a tutti

  10. Quindi le tasse che io pago servono a pagare intercettazioni e appostamenti e processi contro la juve. VabbèLA JUVE È IL GRANDE MALE.
    W w tutti gli altri

  11. Fra le tante ora “spunta” anche questa…

    “Il titolo in prima pagina del Corriere dello Sport porta di fatto a quella conclusione:
    “Clamoroso, vendono la Juve“. Insomma, le voci insistenti degli ultimi giorni non sembrano così infondate e le note ragioni finanziarie potrebbero portare proprio a questa scelta.
    Il valore della società bianconera si è abbassato di molto negli ultimi anni. Il picco nel 2019 era stato di 1,7 miliardi, mentre adesso vale quasi 700 milioni. Il debito è salito in maniera vertiginosa e non sarebbe nemmeno il momento giusto per cercare investitori.”

    • … e se lo dice il Corriere dello Sport allora

      “Non sarà facile trovare chi vorrà spendere tanto per questa società, ma nel 2023 il club potrebbe davvero ripartire da zero non solo per la dirigenza, anche per la proprietà. Perché come detto dal Corriere dello Sport: “Exor non è più un’azienda di famiglia“.

  12. PULIZIE INVERNALI

    Andrea Abodi, Ministro dello Sport, ha parlato del caso Juventus durante il meeting sulla ‘Giustizia Sportiva FIGC’.

    “Quando si parla di Juventus si tratta di un club che probabilmente non rimarrà il solo e questo ci permetterà di fare pulizia. Abbiamo bisogno di sapere presto cosa è successo e che vengano assunte decisioni per ridare credibilità al sistema, nel principio dell’equa competizione. Ed è evidente che negli ultimi anni non è successo”.

    • … altro buono pert i calli … Questo sputa sentenze prima del Giudice. Per cominciare con le grandi pulizie non è certo che bisogna appaltarle ai Tribunali: poteva ad esempio cominciare subito, magari con un presidente con due squadre in serie A … tanto per fare un solo esempio … di credibilità.

    • E come sempre chissà perchè nel vaso di Pandora mancano le due milanesi.

  13. Vedo tutti gli antijuve con il sangue agli occhi pronti ad azzannarci e con il sorrisetto ironico pronti a dare sentenze definitive.
    Bisogna cercare di rimanere calmi e magari aspettare che ricominci il campionato dopo questo mondiale.
    Brutta cosa l’invidia.Quella sportiva poi è un sorta di male incurabile.

  14. Sempre più inquietante il quadro che emerge dalle pagine dei giornali. Ma come finirà questa storia?

    Anno 2024-Programma speciale protezione testimoni:

    “Che io ricordi ho sempre voluto fare il gangster. Per me fare il gangster è sempre stato meglio che fare il CFO di un club.
    Quando cominciai a bazzicare a Torino e fare dei lavoretti per la Juve ho sentito che volevo essere dei loro. Fu là che capii cosa significa fare parte di un gruppo. Significava essere qualcuno in una lega calcistica piena di gente che non era nessuno.
    Loro non erano mica come tutti gli altri, loro facevano quello che volevano e nessuno chiamava la polizia.
    Quando arrivai mi facevano fare piccole plusvalenze, giorno per giorno imparai come si truccava un bilancio… Un euro qua, un euro là. Vivevo come in un sogno. ”

    ” Per noi vivere in qualsiasi altro modo era da matti. Per noi quella brava gente che rispettava le norme contabili, presentava bilanci in regola ed era sempre piena di debiti, per noi erano cadaveri, fessacchiotti gente senza palle.
    Noi se dovevamo aggiustare un bilancio ce lo aggiustavamo. Se un Ronaldo si lamentava che gli mancava una mensilità, aveva finito di lamentarsi per sempre, non ci pensavamo due volte. ”

    ” Eravamo bravi ragazzi, ragazzi svegli. ”

    ” Ricordo quando il gip applicò la misura cautelare di custodia. Anche in prigione la cena era una grande occasione. C’era sempre un primo di pasta ed un secondo di carne o pesce. Andrea aveva una mano favolosa per tagliare l’aglio, usava una lametta e lo affettava così sottile che si scioglieva nella padella con pochissimo olio, un ottimo sistema.
    Pavel era incaricato della salsa di pomodoro, secondo me ci metteva troppa cipolla ma era un’ottima salsa. Marco Re faceva la carne, non avevamo la graticola e Marco faceva tutto in padella e affumicava tutta la prigione, ma faceva bistecche favolose. Quando si pensa alla prigione vengono in mente quei vecchi film con gente che si agita dietro le sbarre ma non era così per noi bravi ragazzi, non si stava poi tanto male, salvo che mi mancava l’avvocato Gabasio che scontava la misura in altro centro penitenziario… ”

    ” Ci trattavano come stelle del cinema ma eravamo più potenti, facevamo tutto.
    Mogli, figli, amanti, campavano bene con noi. Io avevo una delega che potevo firmare quello che volevo e se poi facevo cazzate non aveva importanza, non succedeva niente. Quando eravamo in rosso gonfiavo i prezzi dei giocatori e sistemavo. Gestivano tutto, supercazzolavamo la consob, pagavamo avvocati, revisori contabili, ispettori… Se qualcuno voleva rilanciare la serie A o aggiustare bilanci veniva da noi. Stavano tutti con la mano tesa… Le cose appartenevano a chi se le prendeva.
    È adesso è tutto finito. È questa la parte più dura. Oggi è tutto diverso, devo rispettare le regole contabili come tutti gli altri, e si mangia pure da schifo. Sono diventato una normale nullità, uno stronzo qualsiasi” (F. Paratici – Goodfellas).

    • “Quei bravi ragazzi” di Martin Scorsese negli anni ’90 ebbe uno strepitoso successo di pubblico.
      Ma anche tu caro Kris, essendo un suo conterraneo, hai trasposto bene il suo capolavoro nelle attuali vicende bianconere. Evidentemente hai ereditato na’ndicchia del genio di Scorsese.

      Complimenti davvero per la sceneggiatura 👏👏👏

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia