Archivi Tag: giovinco

Juventus-Verona 6-1: Mandorlini parlaci dell’arbitraggio dai!

mandorlini-juventus-verona-640x330

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

 

Juventus-Verona 6-1. L’Italia, lo sappiamo, a livello di cultura sportiva e non solo è un paese da terzo mondo. Lo hanno capito bene Benitez e Garcia che sono arrivati dall’estero con un altro tipo di cultura e si sono subito italianizzati al mille per cento. D’altronde in Italia se perdi sei un fesso ma se perdi non per colpa tua ma per colpa dell’arbitro o del sistema sei una vittima. Morale: in Italia non si perde perché si è più deboli si perde perché c’è sempre qualcosa di losco dietro. Quel qualcosa di losco poi è facilmente identificabile nella Juventus squadra che nel 90% dei casi le suona a tutti e in quel 10% di sconfitte non accampa scuse. E’ così che per giustificare un errore arbitrale in una partita del Sassuolo contro l’Atalanta in cui la Juve non c’entra una beata mazza, Di Francesco tira fuori la Juve come termine di paragone e si dimentica di dire però che l’odiatissima Juve gli fornisce due dei sui migliori top player Zaza e Berardi che gli fanno fare tanta bella figura, così come è veramente assurdo che prima di giocare una partita di coppa Italia Mandorlini parli di un gol annullato a lui credo 35 -40 anni fa, perché giuro anche io non me lo ricordo. Come se negli ultimi 30 – 40 anni non avessero mai annullato un gol buono alla Juve. Se non fosse vero ci sarebbe da pensare che questi sono dei fuori di testa.

Fortunatamente poi ogni tanto capitano le partite come ieri sera in cui veramente non ci si può attaccare a nulla. Dove la Juve si è dimostrata talmente forte da giocare come fosse un allenamento. Un 6-1 senza neppure ferocia, altrimenti doveva essere un 15-0. Così in scioltezza. Un allenamento appunto. Facendo giocare anche ragazzi che non giocano da parecchio. Giovinco che segnerà due gol e Pepe che non giocava una partita intera da due anni.

Sfortunatamente non sempre si riesce ad essere tanto superiori perché sarebbe veramente bello battere le avversarie tutte con tali score. Fra l’altro anche ieri in telecronaca ci hanno provato a remare contro, hanno detto che i due gialli al Verona erano severi. Poi si sono dovuti arrendere anche loro demoliti dalla Juve quando hanno iniziato a contare i gol con il pallottoliere. Mandorlini e telecronisti Rai fatevi una doccia.

Il mio sogno è e resterà sempre quello di vedere la Juve via da questo campionato. Il nostro Presidente sempre bello sorridente in tribuna pare proprio uno a cui non gli frega nulla di tutto quello che accade intorno alla sua squadra. Lo vorrei vedere più agguerrito nel difenderci dagli attacchi. Lo vorrei vedere non finanziare giornali e/o canali tv che alimentano l’odio viscerale degli sconfitti e dei perdenti nei nostri confronti. La Juve è un passo avanti rispetto alle altre squadre italiane e lo ha dimostrato ancora una volta ieri sera quando lo Stadium era tutto esaurito (unico ottavo di coppa Italia) dove la media è di nemmeno 5mila spettatori. La Juve da sola finanzia metà del giro di affari di tutto il calcio italiano, non merita di stare in un campionato così trattata così. Senza la Juve questi falliscono entro 6 mesi. Io ci rifletterei.

La Juventus via dal campionato italiano: firma la petizione!

Juventus – Verona 6-1. Sintesi.

http://www.dailymotion.com/video/x2etmqk

Il debutto di Morata

Morata-JuventusScritto da Cinzia Fresia

Ansia, ansia su ansia durante la partita contro l’Empoli, che fatica, che fatica e che fatica, mettere insieme due gol di cui uno su punizione, con una squadra talmente modesta che così non si può. E Allegri per combinare qualcosa ha dovuto mettere di fretta e furia il Tevez per risolvere la partita e dare a Morata l’opportunità di fare gol.

Premettiamo che perdere con il Genoa un secondo prima della fine sia  stato un colpo duro, un’umiliazione per la squadra (la più forte d’Italia, così pare) come la Juventus, e comunque l’episodio   ha fatto scattare un campanello d’allarme ad un’analisi profondamente introspettiva, non solo per l’allenatore ma per la squadra tutta.

Allegri, era perfettamente a conoscenza a cosa andasse incontro allenando  la Juventus, non parliamo degli insulti e della scarsa considerazione come persona, poichè sembra  tutto superato, ma dell’impresa vera e propria, di vincere il campionato e piazzarsi in Champions League.  La Juventus di Conte ha funzionato in Italia perchè c’era Conte, l’ho scritto lo scorso editoriale, e lo confermo oggi, la “sua” juventus era come una “bottega artigiana” che prospera grazie all’abilità del suo proprietario, al di là di dove si trovi.

Allegri non riesce a farli girare come faceva  Conte, che utilizzando le buone o le cattive, ci riusciva. Allegri è in difficoltà tecnice e psicologiche, ieri sera, anche un non esperto di calcio poteva accorgersene. Turn over obbligatorio, e fin qui ha fatto bene, coppia in attacco improbabile: Giovinco e Morata. Devo dire una cosa, che il povero Sebastian che lo vogliono “Del Piero non importa come”, non si sa come impiegare, è un bravo giocatore, anche dotato di una certa tecnica, ma sarà un gap caratteriale o forse un’evidente debolezza fisica che non riesce a finalizzare nemmeno mezza azione, o tira male, o lo intercettano, o lo stendono o chissà come,  la palla la perde. Non è necessario marcarlo in 3 come fanno con Tevez, basta solo un difensore di media dimensione, che tac! è sufficente un calcione o una spinta per farlo cadere, fin troppo facile.

Che fare? Se non cambiargli ruolo e metterlo a centro campo? Ma provare una volta? perchè sto poveretto è in perenne conflitto, ieri sera  Allegri cosa ha  fatto ?.. intanto il duetto con Morata, proprio no .. mette il Tevez il quale  non era previsto,   ed in quel momento per evitare il pareggio degli Empolesi i quali ci avrebbero sicuramente provato se trovavano uno spazio,   cambia tutto, i difensori dirottandosi su di lui lasciano perdere Morata, che ricevendo un pallone sul piede finalmente … dico finalmente: segna!!!

E siamo a 2 a 0, finisce qui, sospiro di sollievo e tutti a casa a pensare all’Olipiakos, ma con una aggravante che non ci voleva, Asamoha e Ogbonna out! Infortunati. E ora ..dove li prendiamo i difensori che sono tutti bloccati?

Certo, non brilliamo ma anche la sfortuna ci accompagna, saranno gli accidenti che ci sta mandando Garcia in questi giorni, ma in difesa siamo messi male.

Abbiamo vinto e la Roma ha perso, e questa è la realtà, così come siamo, meglio non fare programmi per il futuro ma ragionare al presente, buona partita di Morata ieri sera, gol meritato, mi auguro che per farne altri  non aspetti sempre il pallone che gli cada sul piede o in testa.

 

Il talento dei singoli

imageScritto da Cinzia Fresia

E’ stata la serata di Pogba e si vedeva.

Ha sofferto questa Juve da scudetto, ha sofferto con un Bologna in forma sufficiente da darci delle noie, non molte, ma anche  solo una poteva essere fatale.

Pioggia da Aprile ieri sera  a Torino, squadre stanche ma presenti.

La Juventus ha sofferto durante il primo tempo, non che il Bologna si sia espresso a livelli eccelsi, ma quanto basta per non farci ragionare ed impedire il proseguo di ogni azione da gol, Antonio Conte decide di tenere in panchina Tevez, e in effetti senza di lui il gioco ne risente, tuttavia in campo c’ e’ Pogba ispiratissimo, che prendera’ le redini della partita e sara’ decisivo segnando nel secondo tempo un gol strepitoso.

Molto meglio la Juventus del secondo tempo, che recupera se stessa e si lancia creando molte occasioni da gol, tatticamente la Juve e’ imbattibile, tira palloni a raffica  e i difensori avversari riescono ad organizzarsi in modo tale da contrastarle quasi tutte. La partita come abbiamo visto si vincera’ , ma la carenza di gol si fa notare.

Bene la difesa, bene il centro campo, attacco in difficolta’:  Giovinco il cui impegno non ha fatto una grinza, e’ stato atterrato piu’ volte, quando  l’avversario lo marca ad uomo, non c’e’ niente da fare,  lo tirano giu’, e l’altezza non c’entra nulla, Tevez e’ basso quanto lui, eppure spesso non riescono a fermarlo nemmeno in due. Insisto nel sostenere che l’attaccante non sia il suo ruolo.

Dopo ben 5 minuti di recupero, che non si dica che l’arbitro non abbia fatto di tutto per consentire al Bologna di pareggiare, finalmente la partita con doccia in contemporanea finisce. Tutti a mangiare la colomba. La  prospettiva scudetto comincia a prendere forma, gli avvoltoi restano sempre sull’albero a sperare che si faccia qualche passo falso, ma d’ora in avanti le possibilita’ si riducono, e lo scudetto e’ alle porte.

Incrociamo le dita, il calendario rimanente non vede avversari particolarmente impegnativi, ce la possiamo fare!

 

UDINESE – JUVENTUS 0-2. Sintesi.

http://www.dailymotion.com/video/x1ojwtr

Udinese – Juve . Una vittoria importante.

image

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Si è visto dall’esultanza di Conte. Lunedì è stata una vittoria importante. Non che l’Udinese abbia  opposto questa strenua resistenza ma la voglia di far bella figura contro la Juve puo’ sempre venire a queste squadre, se poi le partite non le metti subito nella giusta direzione. Mettiamoci poi il temibilissimo Rizzoli uno che non si tira mai indietro quando si tratta di regalare un rigore ai nostri avversari e gli ingredienti per una serata da tachicardia c’erano tutti. E’ andata direi benissimo. Ottimo Ogbonna che annulla il vecchietto e un tantinello simulatore Di Natale. Ottimi Giovinco e Llorente capaci di chiudere la pratica già nel primo tempo. Dello spagnolo non so più come tesserne gli elogi, basti vedere le palle che perdono Osvaldo e Vucinic al loro ingresso in campo e fare il raffronto con Nando, uno che non è per niente elgante ma è tremendamente utile. Di Giovinco, che non è mai stato il mio prediletto, apprezzo invece l’umiltà di rimettersi in gioco e di rendersi utile se chiamato in causa. Direi la neo scoperta umiltà. Credo che lo apprezzi pure Conte e credo che a fronte di questo sarà riconfermato a differenza di Osvaldo, Vucinic e Quagliarella.

A Roma si sono inventati di tutto un po’ per metterci pressione. Ho sentito che qualche pseudo giornalista del Corriere di Trigoria ha parlato di scudetto che sarebbe meritato dalla Roma perchè ha espresso un calcio migliore di quello della Juve. Solo in Italia abbiamo una classe giornalistica tanto penosa. A parte che nello sport non vince chi è più bello ma chi arriva prima. A parte che ci sarebbe da disquisire per mesi su cosa vuol dire bel calcio, visto che difesa e contropiede fino a che non erano arrivati Mourinho prima e Garcia poi, parevano una roba schifata un poco da tutti , ma detto cio’: ma ci rendiamo conto che stiamo parlando di una Juve che sta frantumando record su record? Ma di che cosa stiamo parlando?

Garcia, che mi era pure simpatico prima che si ”romanizzasse” del tutto, se ne esce pure fuori con la storia che la Roma è contro tutti. Ma stiamo scherzando?  Il campionato sarebbe finito da un pezzo se alla Roma non dessero ogni tipo di aiutino per tenersi in corsa, vedi gol in fuorigioco col Toro e mancata espulsione di Naingollan, rigore dato e poi tolto col Sassuolo, rigore non dato al Cagliari e mancata espulsione di Destro che poi segnerà 3 gol ( questo solo nelle ultime giornate). Per non parlare del poco corretto: ”a scansateve granata che voi siete antijuventini, a scansate Eusebio Di Francesco ,Colantuono, Daniele Conti che voi siete romanisti”. E poi Benatia chiama pure all’impegno i suoi ex compagni dell’Udinese. Coerenti questi romanisti.

E oltre questo c’è pure tutta una stampa schierata a favore di Garcia e della Roma. Non s’è mai visto uno spiegamento di forze così elevato per un giocatore giustamente squalificato per prova TV, per un atto violento. E ce lo avete voluto fare passare come una cosa a vostro sfavore. E magari Destro non fare il pirla no e? E che deve dire Bonucci risparmiato da Conte perchè sotto diffida e ammonito per troppa esultanza contro l’Udinese. E Lichtesteiner pure. 2 diffidati 2 ammoniti, altro che ammonizioni mirate.

Obiettivamente spero che arriveremo a Roma con già lo scudetto cucito sul petto e spero anche che l’Europa League non ci tolga troppe forze psicofisiche. Tuttavia mi piacerebbe che la ciliegina sulla torta di questo scudetto non siano i 100 punti, di cui davvero frega poco quasi a tutti, ma magari darvi una bella e sonora lezione in casa vostra nel vostro stadio. Come già all’andata. Quella si che sarebbe un apostrofo rosa fra le parole ”continuate a rosicare”.

La scarsa Udinese

imageScritto da Cinzia Fresia

Chi ha paura dell’Udinese? Da stasera piu’ nessuno, eravamo tutti cosi’ preoccupati della fazione friulana, invece nulla, svanita come una bolla di sapone. Un’altra seccatura in meno, la Roma dovra’ stare appollaiata sull’albero ancora un po’ per vedere se il cadavere passera’.

La oartita non c’e’ stata, ha fatto tutto la Juventus, il cui gioco ha lasciato il minimo spazio ai friulani che si sono visti schiacciare dal centro campo della Juve. La sorpresa e’ stata che Tevez non e’ entrato in campo, l’allenatore ha delegato Giovinco che ha persino segnato sbloccando il risultato il secondo gol quello che mettera’ a riparo la vittoria  lo firma il Llorente ritrovato.

Possiamo dire che hanno giocato tutti bene, subodorando un’inadeguatezza tecnica degli avversari sono andati giu’ di brutto, e hanno fatto un po’ quello che hanno voluto, annullando completamente Di Natale. Per il resto bravi,

Ecco che, lo scudetto comincia a prendere forma, non possiamo dire di averlo in mano, ma si comincia a scorgerne la sagoma, Il calendario prevede un unico scontro diretto proprio con i romani, ed il resto normale amministrazione, poi c’e’ l’Europa League, Andrea Pirlo, si dichiara piu’ che ottimista, e per nulla intimorito dal Benfica,  percio’ all’assalto.

Come dicevo, i nostri sono stati bravissimi, considerata la modestia dell’avversario, non mi sento di ritenerne uno in particolare migliore di altri, intuendo la debolezza dell’ Udinese, se ne sono approfittati e hanno fatto bene, forse un rischio ma minimo lo hanno corso quando verso la fine del secondo tempo entra Muriel  ma anche lui in 10 minuti non poteva fare miracoli.

Tutto e’ bene cio’ che finisce bene, proseguiamo in questa corsa all’impazzata.

 

 

 

Giovedi’ 10 Aprile 2014 Juventus – Olimpique Lyonnais Juventus Stadium Torino – europa League

imageScritto da Cinzia Fresia

Il tempo vola .. Ma la Juve di piu’ .. Rieccoli in campo domani sera a Torino contro l’olimpique Lyonnays per il match di ritorno nel cammino dell’Europa League, Conte punta alla finale, percio’ domani dovra’ vincere.

Torna Vidal a centro campo, insieme a Marchisio e Pogba, ma si vocifera che Pirlo sara’ a riposo. Vedremo a chi si affidera’ Conte in attacco, se optera’ per Vucinic – Giovinco, o restare nel tradizionale Tevez-llorente.

Comunque vada, la Juventus puo’ vincere, i francesi hanno dimostrato di essere all’altezza atleticamente, e con il gioco potrebbe riservare delle sorprese, percio’ occhio a non sottovalutare l’avversario.

Mancherebbe un difensore

image Scritto da Cinzia Fresia

Deludente la prestazione di ieri sera della Juve in predicato di vincere ma recuperata a 10 minuti dalla fine. La Juventus del turn over, sebbene un formidabile Vidal ed un Asamoha in condizione non e’ riuscita nella sua impresa di piazzarsi con un ampio vantaggio verso la partita  di ritorno.

Attaccanti pessimi, bisogna dirlo, Osvaldo ha giocato malissimo, Giovinco  non e’ un’attaccante e Llorente non era in serata, infatti ha segnato Vidal.

Strepitoso primo tempo, la Juventus ha dominato ma si e’ anche dovuta difendere dagli attacchi efferati della Fiorentina  che non lasciava il  minimo spazio, purtroppo nel secondo tempo , tra un visibile calo, e l’inadeguatezza di certi giocatori  e dei cambi effettuati con il,solito ritardo hanno permesso alla fiorentina di recuperare il risultato,.

E ci vorrebbe un difensore, Ogbonna e’ un bravo ragazzo, ma dimostra di non riuscire a sopportare lo stress, purtroppo in parte l’errore che ha consentito a Gomez di segnare e’ stato suo, nella rosa mancherebbe un pari Barzagli la cui funzione e’ quella di coordinare la difesa.

Ieri la fortuna ci ha abbandonato, ed abbiamo avuto un segnale che se non c’e’ Tevez, diventa dura. Tutto si giochera’ fra sette giorni a Firenze, e se la Juve perdesse ciao qualificazione. Indubbiamente Conte non e’ stato abile  a gestire la partita inserendo Pogba a match  quasi finito, un’ingenuita’ che poteva costare cara.

Un altro dato fondamentale  e’ che se Pirlo non recupera e riprende a giocare come sa, la vedo male. D’altronde non puo’ fare tutto Tevez, e Pirlo e’ ai minimi storici. Ieri sera ha giocato malissimo.

Giovedì 27 febbraio 2014 ore 21.05 Trabzonspor-Juventus Europa league – Trebisonda Stadio Husein Avni Ake

Trabzonspor Juventusscritto da Cinzia Fresia

Sotto i tuoni e i fulmini del post derby la Juventus è partita per Trebisonda in Turchia, per disputare il torneo di ritorno circa l’Europa League, con il Trabzonspor,  considerando l’incontro con il Milan già Domenica sera, Conte è costretto a gestire al millimetro le forze disponibili, perciò, la coppia in attacco probabile, potrebbe essere Giovinco e Osvaldo almeno secondo la stampa.

Mi permetto di dire che è un azzardo, Osvaldo appena arrivato e non ancora completamente assimilato insieme al giocatore più contestato e attualmente debole della nostra rosa, significa affidarsi all’inponderabile, cioè se va .. va .. se non va pazienza.
Sicuramente Conte fa come può e l’obiettivo n.1 è quello di non farsi “fregare” il campionato dalla Roma dai denti aguzzi.

Un particolare, hanno designato un arbitro greco, saranno contenti i turchi?

Lo scoprirete domani alle 21.05

Buona partita.

 

 

 

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web