Higuain sta a 1 le chiacchere e i chiacchieroni stanno a 0

 

Articolo di Alessandro Magno

Tenetevi forte e chi non ha il fegato non legga, si fermi qui, perchè m’aggia scfugà. Napoli Juventus è finite 1-0 per noi, la Juve che vince sei scudetti di fila è andata sul campo degli imbattuti capolisti con mentalità provinciale. Umile. Come spesso è umile Allegri. Sarri invece ci voleva spezzare le reni. Superbo come tutta la sua città, i suoi tifosi, la sua squadra. Infatti hanno perso. Tutto l’amore, il colore, il sapore , la poesia e la modernità e il futuro del calcio, spernacchiato dal gioco cazzuto mordi e fuggi, dal gioco tutti compatti e uniti e portarsi a casa i 3 punti. Mi viene in mente Eduardo quando fa la pernacchia. Ecco arriva il Napoli del bel gioco totale, galattico, universale, champagne, sole , amore e poesia ….prrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrrr prrrrrrrrrrr prrr prrrr prrr prrrr. O Maronna mia.

Che poi diciamola tutta, questa poesia e amore per il calcio a Napoli non esiste. E’ solo la solita spocchia trita e ritrita di chi se la canta e se la suona da solo. Quando la volpe non arriva all’uva dice che non è buona. Così quando il Napoli non vince nulla, e fino ad oggi non ha vinto nulla, ci si inventa il calcio champagne made in margellina, il calcio spettacolo de pane amore e fantasia. Si come no. Non si è visto nulla di tutto questo. Si è vista un ottima squadra nulla da ridire, che pero’ privata delle sue peculiarità, resta una squadra mezza persa. La verità è che Sarri è un bravo allenatore ma è un pessimo stratega. Riesce a perdere anche le partite, che con un poco di accortezza e meno spregiudicatezza, potrebbe pareggiare. Perchè al Napoli bastava un punto per restare a piu’ 4 e invece ha perso. Sarri è un ottimo vice allenatore. Quello che fa fare il mazzo ai giocatori in campo e gli da qualche dritta. Poi la strategia è un altra cosa. Quella è bene che la faccia un mister che non è solo un uomo di campo con la tuta aderente. Perchè anche nel dopo partita non gli è passato nemmeno per la testa un momento che la Juve è stata dietro per strategia. Che così facendo ha cercato di non dare campo aperto alle loro punte. Perchè la Juve da squadra intelligente teme i punti forti degli avversari per cui teme Insigne, Mertens e Calleijon, invece loro no, loro sono il calcio totale e infatti prendono gol su contropiede da Higuain uno che li purga sempre. E’ andato via l’altro giorno già gli ha fatto 5 gol. Ma Higuain a loro non serve scherzi.

Se la vogliamo dire tutta, il calcio del Napoli è fare bene 4-5 cose e basta. Pero’ le fanno molto bene e le fanno sempre bisogna dirlo. Peccato che gli avversari cambino e non sempre il medesimo gioco da gli stessi risultati contro ogni avversario. Va da se che il Napoli è riconoscibile e ha un idea di gioco ben individuabile. Questo a volte è un pregio altre un difetto. Giocano a memoria. Vero. Se gli blocchi quelle 4-5cose che sanno fare a memoria pero’ non sanno fare altro. Di contro la squadra nostra è versatile e camaleontica. Sa cambiare e sa adattarsi. Sa giocare in attacco come contro Benevento e Crotone, e sa soffrire e giocare dietro come contro Barcellona e Napoli. Non ha ancora dato il meglio di se ma è anche vero che Allegri cambia 5-6 giocatori a partita. Un poco per infortuni, un altro perchè vuol centellinare le forze di tutti. Il Napoli fa giocare sempre gli stessi e spesso fanno bella figura, peccato che quando si fa male Rui entra Maggio che sarà stato imbalsamato un paio di anni per far numero oggi. Peccato che si fa male Insigne e non c’è uno straccio di altro attaccante in panchina che possa entrare. Invece Allegri vada a giocare a Napoli senza Mandzukic, Lichtsteiner, Howedes e con Bernardeschi, Cuadrado e Higuain acciaccati ma non accampi scuse, ma tiri fuori lo stesso un ottima formazione, mentre Sarri che si lamenta di ogni cosa ogni 3 per 2 , non è in grado di sfruttare nemmeno i giocatori che ha in panca, tanto è vero che Giaccherini che con noi vinse pure degli scudetti con Sarri è sportivamente defunto. Ma Sarri è il genio e Allegri il pirla. Questo per tutti anche per molti dei nostri. Poi Sarri contro Allegri ha vinto una sola volta, in Coppa Italia quando la sua vittoria se l’è fatta fritta con il capitone a Natale, visto che è stato eliminato lo stesso. Sarri ha parlato di superiorità territoriale. Peccato che la superiorità territoriale è un apostrofo azzurro ciuccio fra le parole non serve a un cazzo se non vinci. Sarri ha la superiorità territoriale, il possesso palla, più tiri verso la porta, più calcio champagne, più tutto ma ha perso. Mi viene in mente la scena di Toto’ turco napoletano, quando Toto’ da un calcio nel sedere a Carluccio uomo di ferro: ”Pasquà hai visto? Antò hai visto? Concettì hai visto? Lui pero’ l’ha sentito”. Sarri l’ha sentito.

E poi il calcio raccontato da giornalisti come Varriale mamma mia Signore. Varriale che fa un tweet accusando Higuain di esser un uomo piccolo per aver risposto agli insulti dei suoi compaesani. Sarebbe bello avere un tweet anche contro i suoi paesani Napolesi visto che Higuain non è andato a insultare nessuno di sua iniziativa ma appunto ha risposto a provocazioni varie. Ma a Napoli non si provoca il Napolese ha sempre ragione a prescindere. Il suo è colore , ironia. Gli altri insultano i Napolesi, non il contrario ci mancherebbe. Il nordico è sporco , brutto e cattivo e razzista. Il Napolese quando fa lo stronzo è solo per ironia. Che non si dica mai male del tifo più bello del mondo. Fra poco sono piu’ salvaguardati dei Panda ma con la simpatia di un gatto attaccato ai coglioni. Che poi io mi chiedo che tipo di contratto ha questo Varriale con la Rai, a vita? Mah! Non c’è da stupirsi questo è l’amore dei Napolesi, si respira amore quando si arriva a Saigon per la partita. Anche i cori contro Higuain augurandogli la morte a lui e ai suoi famigliari sono amore e colore e simpatia. Anche il fatto che sono 5 anni che non possono andare i tifosi bianconeri nel loro fatiscente stadio che non è nemmeno il loro ma è del comune, anche quello è amore. Anche il fatto di inseguire il pulman della Juve con motorini con lancio di oggetti sempre amore, come amore è aver costruito un tunnel appositamente per impedire il lancio di oggetti sui giocatori della Juventus come avvenuto in passato. Ovviamente è un lancio d’amore e poetico, è una manifestazione d’affetto calorosa nei confronti dei nostri ragazzi. Che poi l’albergo dove dormono i giocatori sia blindato e che ci sia gente che disturbi tutta la notte il sonno dei nostri calciatori è amore, poesia ma non solo, e anche civiltà e soprattutto sportività.

Ma non dobbiamo esagerare perchè anche il pessimo sindaco che hanno e quando dico pessimo esprimo un mio libero giudizio sul sindaco che per me da cittadino evidentemente può esser pessimo, dicevamo di costui che da ex magistrato aizza la folla anche lui ed è assai permaloso e mica interviene per dire qualcosa contro i suoi concittadini, no magari fosse …. lui pero’ magari gli segnalano questo articolo, lo legge, e ci da filo da torcere. Sempre in modo sportivo e poetico chiaramente. A Napoli l’amore e la poesia esce dai tubi di scappamento delle auto mica come a Torino che c’è lo smog. Da loro dagli scooter dove si viaggia in 4 senza casco esce la brezza marina. Il sindaco ha fatto l’assessorato per la difesa della città per cui forse stiamo dicendo qualcosa di male e ci dobbiamo limitare. Che poi questa difesa della città fa per lo meno sorridere, hanno una squadra di mercenari peggio che peggio. Pare una barzelletta . Ci stanno 4 spagnoli, un belga, un albanese, un portoghese uno slovacco e un italiano (Insigne). Dai quale difesa della città?  Menomale che Insigne è napoletano, almeno uno su 30.

Noi ce ne torniamo da Saigon con la vittoria. Consapevoli che dobbiamo crescere e migliorare, nonostante 6 scudetti vinti pensiamo ancora che si possa migliorare. Consapevoli di aver fatto un eccellente primo tempo e aver difeso bene il gol nel secondo tempo. Si poteva fare meglio. Si poteva fare come il Manchester City che li ha demoliti dopo averli fatti sfogare. In questo non siamo stati bravi o non siamo stati abbastanza stronzi. A loro probabilmente lasciamo la consapevolezza che sono i migliori dell’universo e di tutte le galassie e dei sette mari, che anche se non vinceranno nulla saranno sempre i più belli , ammirati, poetici, ironici, spassosi e soprattutto simpatici e che sotto al Vesusvio scorre un fiume di champagne dove solo loro si dissetano. D’altronde Juventus e Napoli fanno due sport diversi. Noi giochiamo al calcio giocato. Quello che si gioca 11 contro 11 a volte si soffre, altre si soffre meno, e vince sempre chi fa un gol più degli altri. Il Napoli gioca al calcio chiacchierato. In quello ad oggi sono ancora i numeri uno.

  1. Alessandro Magno

    diciamo che l’ho toccata un po piano :mrgreen:

  2. Io non voglio scrivere su quanto dicono a Napoli, su quanto dice Sarri, De Laurentiis e giglio ecc ecc. Non voglio neppure replicare al fatto che molti tifosi e ripeto tifosi si permettono di criticare Allegri se vedono la Juve, piena di giocatori di alta qualità giocare male. Ieri sera Allegri è stato grande, ha vinto la partita facendo giocare la Juve come il Benevento, nel senso che ha messo in campo umiltà e compattezza, spronando i ragazzi e toccandoli in fondo al loro orgoglio. Se avesse avuto la spocchia di Ventura in Spagna, sarebbe probabilmente tornato a Torino con lo stesso risultato. La sola cosa che non mi è tanto piaciuta, per le mie coronarie, è stata una difesa troppo bassa. Ora però bisogna che tutti continuino in quella che ieri può essere stata una svolta nella stagione. In questo mese giocheremo, dopo il Napoli, contro Inter e Roma e allora facciamo vedere cosa vuol dire giocare contro la Juve e riprendiamoci la vetta per arrivare al settebello a maggio, perché noi vinciamo a maggio e non a novembre…

    • Alessandro Magno

      anche a me il secondo tempo ha portato a un mezzo parto :mrgreen: devo dire che come ho scritto si poteva fare il 2 giocando come nel primo ma non ci è riuscito anche se ci siamo andati vicino con matuidi.

      comunque noi nonostante 6 scudetti pensiamo ancora che si possa migliorare loro non hanno vinto una mazza e pensano di esser la squadra migliore del mondo 😉

  3. Iuliana Giulia Bodnari

    Bravissimo , non avrei saputo far meglio , le parole giuste per descrivere l’atteggiamento strafottente del loro presidente e prole , tutto sole mio , cultura , bella città , bel pubblico , come ben dici tu tutto bello da loro . Mettere Gonzalo con le corna , mano fasciata dentro i loro presepi è blasfemo . Io ho ancora negli occhi l’abbraccio tra di loro , l’urlo di Rossano . Secondo me anche i giocatori sono succubi , se non vanno tutti ad applaudire uno ad uno il pubblico sono guai , gli rubano e devono tacere , come Hamsik che diceva sua sorella che non ne può più e poi gli hanno chiuso la bocca. Embè c’è chi dei nostri vedono con altri occhi , criticano a prescindere , ma non voglio entrare nel merito . Ho visto una Juve , solida , qualche leggera sbavatura per troppa confidenza , un Matuidi scintillante , un Buffon straordinario , i nostri hanno fatto squadra spegnendo la luce . Rendendo sterili Mertens e la banda a ubabba con delamentis che può tornare tranquillo ai cine-panettoni .

    • Hamsik sono anni che se ne vuole andare.
      Reina ha avuto da fare più di Buffon che si è limitato a in paio di interventi neanche tanto difficili.

  4. Ieri per dirla tutta si è vista una squadra che una volta sotto ha attaccato in maniera arruffona confusonaria che metteva in area palloni su palloni alla viva il parroco e sono diverse partite che non giocano bene.
    Noi a calcio giochiamo sempre perché giocare a calcio significa tutto quello che hai scritto nel commento.
    Complimenti.

  5. LUCA MANTOVANI

    “Un buon test in vista dell’Olympiacos”. (Max Allegri)
    La partita più importante del girone d’andata derubricata a una sgambata contro una provinciale, buttando subito acqua sul fuoco dell’entusiasmo; in perfetto stile da equilibratore.
    In questa risposta c’è il manifesto della strategia mediatica di Massimiliano Allegri. Spiazzante, controcorrente, ma sempre abile a non oltrepassare il limite tra serietà e grottesco. Non un provocatore scientifico alla Mourinho; non sfacciato come l’Antonio Conte ammetteva i favori arbitrali pro Juve. Sempre con l’espressione di uno che pare messo lì per caso; che confida di non capirne nulla di tattica e di moduli, quasi non preparasse le partite, giocando a costruirsi l’immagine da sprovveduto in cui molti tifosi sono i primi a credere.
    Uno sprovveduto che ogni tanto si permette di fare lo sgambetto ai grandi maestri di calcio. Che trova sempre un nuovo modo per riaccendere la fame di una rosa di campioni con la pancia strapiena, annusando e anzi cavalcando il sentimento popolare di chi vuole finita la tirannia bianconera, per poi girarlo a suo vantaggio. Che convince il giocatore più pagato dell’estate a ripiegare fino alla linea di fondo, se vuole giocarsi il posto in squadra. Uno, insomma, che tanto sprovveduto non dev’essere, se da 3 anni occupa il ruolo che occupa e ottiene i risultati che ottiene.
    É in serate come quelle del San Paolo che Allegri può raccogliere i dividendi di quella strategia, lasciando un’impressione di grande forza e solidità dopo una gara condotta sostanzialmente con lo stile di gioco consueto: grande attenzione dietro, fiammate in avanti grazie alla qualità dei singoli. La differenza è che, questa volta come non mai, l’avversario aveva la pressione di dover vincere, gravata dall’onere (quasi un dovere morale) di imporre il proprio gioco, il bel gioco per definizione.
    In questo senso no, non è stato un buon test in vista di Atene, dove andrà in scena un copione completamente diverso, in cui la Juve di Allegri ha sempre fatto molta più fatica. Il prossimo passo sarà trovare una soluzione anche per questo tipo di situazioni. Chissà che lo sprovveduto Max, sotto sotto, non ci stia lavorando.

    Buona domenica

  6. Benedetto

    Complimenti per il pezzo…lo salvo e lo metto da parte…andrebbe riproposto ogni volta che i Sarri, De Laurentiis e figlio, e i vari Varriale e compagnia bella parlano e dicono cazzate.

    Comunque l’hai pizzicata come un piano-forte.

    Buona domenica.

  7. LA SPALLATA

    Spalletti: “Sarri dice che non fare le coppe è un altro sport? La Juve fa il suo stesso sport e con le coppe ha vinto 6 campionati di fila. Se vuole arrivi settimo così non le fa, e vediamo se si diverte…”

  8. andrea (the original)

    Benedetto,
    la premessa “devo sfogarmi”, rende ilo tuo pezzo da un certo punto di vista incontestabile.

    Diversamente credo abbia messo troppa carne al fuoco, di origine diversa.
    Napoli è sportivamente città di merda, così come i suoi tifosi, il suo presidente, i suoi rappresentanti isitituzionali, i giornalisti ecc.., è vergognoso che la Juve debba andare in guerra nel sorriso generale. Tutto vero.
    Vero anche che Sarri è un piagnone.

    Però credo che anche che tutto questo con il campo c’entri poco (al limite ci dà una mano) e se parliamo di campo non dobbiamo dimenticare che tra Juve e Napoli c’è una differenza tecnica abissale che solo il gioco del Napoli attutisce, che loro pur cedendo un fuoriclasse come il Pipita a noi sono riusciti ad avvicinarsi, che le assenze le avevano anche loro, che il riconoscimento al loro modo di giocare arriva anche da gente come Guardiola che poco ha a che fare con le nostre beghe, che quel gioco non è fatto per divertire ma ha lo stesso obiettivo di quello della Juve, cioè vincere, che a oggi sono ancora davanti a noi in classifica e nelle stesse nostre condizioni in Champions e che, a essere pignoli (cambia poco eh) il Napoli ha battuto la Juve anche in campionato, due anni fa, tra l’altro con uno dei due gol segnati dal Pipita.

    Insomma, io intanto non li snobberei e in secondo luogo applicherei il discorso sulla evoluzione anche alla Juve, perchè il rischio di essere statiti sulle proprie certezze come ha fatto Allegri nell’ultimo anno e mezzo è estremamente pericoloso.
    Da questo punto di vista, comunque un Sarri alla Juve lo proverei il prossimo anno. Perchè con il materiale di cui dispone la Juve bisogna vedere se quel copione non possa dare dei risultati.

    • andrea (the original)

      Ti aggiungo che proprio il Pipita, non uno qualunque, non smette mai a ogni intervista, di ringraziare Sarri per aver contribuito alla sua crescita.
      Le variazioni dipendono anche da chi hai: se il cambio di Insigne è Ounas e lotti per lo scudetto è normale giochi sempre Insigne. Magari se avesse Cuadrado e Costa qualche rotazione la farebbe volentieri anche lui.

      • Alessandro Magno

        non si puo’ sempre parlare di cose tecniche andry altrimenti divento noioso. ci sono partite che si analizzano e altre che si lascia parlare il cuore o il fegato o lo stomaco. questa è una di quelle 😉

  9. Tu Andrea vuoi proprio la guerra civile. Già gli hai tolto il Pipita, se gli tiri via Sarri questi ti vengono direttamente a Torino a mangiare, ti diventano cannibali d’amblè

  10. Bel pezzo, Benedetto. La Juve è quello che il Napoli non potrà essere in tradizione, stile di squadra e movimento popolare. Higuain alla Juve ha subito vinto obiettivi importanti ed è salito nella ribalta europea, al Napoli era specato perché fuori da un adeguato habitat. Un allenatore da Juve deve avere stile e bravura , prerogative che ho trovato in Allegri. Sarri dicono che è bravo, intanto la bravura non dipende dalla bellezza che può esprime il gioco ma il saper vincere ed imporsi in continuità. Quindi mancano ancora le conquiste, a Sarri, per potersi affermare. Poi per confermarsi occorre la grande squadra come banco di prova. Tappe importanti che Allegri ha superato e che Sarri deve percorrere.

    • Beppe

      intanto un saluto.

      Su quanto scrivi tra Allegri e Sarri, concordo in pieno.

      Si può dire oltretutto che per vedere Sarri in un club importante, bisogna che qualche club importante, lo prenda in considerazione.

      Ultimamente vedo l’allenatore lontano dai radar di questi club, anzi neanche preso in considerazione.
      La vetrina Champions League intanto direi che ha funzionato poco se non al contrario, viste le performance.

      Intanto, mentre scrivo l’Inter ne fa 5!

      Ripeto…. che peccato Spalletti a Milano.

      Perché sarà l’Inter la vera antagonista quest’anno.

      Il Napoli penso abbia finito qui, sarà solo questione di tempo e dovrebbe scivolare in basso, dietro la Roma o giu di li.

      Con buona pace dei Napoletani, di capelli unti, di Sarri, Varriale e compagnia cantante…

      Prepariamoci l’elmetto che comincerà la fanfara nerazzurra invece….

      Ciao.

      • Ciao Luca, Spalletti è bravo ma se mi chiedi chi preferisco io sono per i due allenatori che si sono affrontati ieri a Genova e dove ha prevalso Simone inzaghi. Però alla fine vorrei vedere alla Juve Gianpaolo che oltre che bravo e con un suo stile, non è un allenatore marchiato da un colore come il laziale per inzaghino.

    • Alessandro Magno

      Grazie Judoc

  11. PARTITA DA RIPETERE

    Secondo l’allenatore (e non tecnico per ovvi motivi)del Napoli la partita tra Napoli e Juventus è iniziata con dueminuti-tre di ritardo per colpa dei giocatori juventini nel vestirsi di giallo.

    A suo dire, pare che il giallo ha confuso i suoi giocatori che avevano puntato tutte le loro forze sul bianco-nero.

    Oggi ce l’avrebbe con la squadra milanesesenzacoppa che pare avvantaggiata nel prendere il primo posto in campionato.

    Bene ha fatto Spalletti a suggerirgli come fare per il prossimo anno.

    Buon pranzo domenicale.

  12. E POI DICONO…LE STREGHE

    Il Benevento ottiene il primo punto di questo campionato contro il Milan di Rino Gattuso.
    Il goal del pareggio lo segna Brignoli che di mestiere fa il portiere…

    Buona domenica pomeriggio.

  13. x luca967

    – con te rapporto umano/personale ottimo, ma qualche divergenza sul tema allegri
    ————————————————

    MIO COPIA/INCOLLA

    – il mio pensiero (e non pronostico) e’ che venerdi la juve vincera’ o almeno non perdera’ e come sempre te ne spiego i motivi

    – la juve non ha mai sbagliato un solo italiano/scontro diretto (mi auguro vivamente che succeda venerdi’ sera)
    – ha una settimana di riposo, piu’ importante per la juve che per il napoli
    – la juve ha giocatori (troppi) con i coglioni; il napoli non ne ha nessuno, sono solo bravi giocatori con ottimi schemi
    – la juve ha tante giocate per andare in rete in tutti i 90minuti, il napoli un gioco monocorde e prevedibile ( per me noioso)
    – se la juve va in vantaggio (secondo me) il napoli gioca 2 giorni senza segnare (spero vivamente di essere smentito)
    – extra argomento ma comunque collegato: secondo me la juve avra’ piu’ problemi con “questa roma”
    ———————————-
    non faccio un pronostico perche’ non avrebbe senso ma ti do una certezza sui vostri post di sabato

    (HO CANCELLATO 3 IPOTESI NON ACCADUTE ED ECCO quella verificatasi su napoli juve)

    vince la juve di misura: comunque abbiamo sofferto troppo, colpa di allegri
    ==================================================================

    – caro Luca un post simile sembrerebbe scritto DOPO napoli Juve mentre io l’ho scritto 3 gg PRIMA.

    Con simili argomentazioni potrei avere ottime possibilita’ di “portar via” il qui proposto nobel del calcio ad Ivano mentre invece e’ stato definito “un delirio” e io “una macchietta di paese” .

    Naturalmente so come qui vanno le cose visto che uno mi scrisse che dei miei post si toglie il 90% di giusto e si spera di trovare qualcosa di negativo nel restante 10%…se non si trova nulla viene ignorato oppure risposte tipo “ma lei e’ ancora qui? pensavo fosse sparito”…risposte di calcio vero insomma.

    – pure benedetto/alessandro (SPERIAMO NON SI ARRABBI) ci e’ cascato, visto che nel 2° tempo la juve ha subito.

    QUINDI….napoli primatista, gioca in casa, in 90 min non da un solo tiro verso la porta (pur in svantaggio) ma non va bene ugualmente….ma lo avevo previsto, senza offesa (SENZA OFFESA) per me qui quasi tutti sono un libro aperto….

    – speri in sarri alla juve? ci sono grandi allenatori (sarri) e allenatori da grande squadra (allegri) e la differenza e’ sostanziale.

    Sarri che parla di possesso di palla superiore a quello con il benevento: ma li vittoria 6-0 qui in svantaggio dal 10° senza mai tirare in porta il possesso di palla e’ insignificante…come si fa a dire caxxate simili?

    Sarri lo vedo sulla strada di Zeman…tanto maestro di calcio (tutti gli attaccanti parlano ottimamente di zeman) poco allenatore. Ma ce lo vedi sarri al barcellona che allena messi e suarez con il drone?

    – per il resto mi sembra senza offesa che qui si passi dal via “allegri subito” (dopo samp) al “allegri grande” (ora) nel giro di un’ora: basta un pari per capovolgere un giudizio su chi da 4 anni ha di fatto capito tutto ….

    – piu’ volte ho scritto calcio/napoli/monocorde mentre qui grandi elogi…poi la juve va a vincere e tutti sul carro/juve dei vincitori COME SEMPRE: facile cosi’ ma tanto ci si da ragione a vicenda….

    – se allegri alla juve dopo averlo tenuto 3 anni gli allungano il contratto fino al 2020 a 7,5 mln all’anno……fatti una domanda e datti una risposta!!! Se lo esonerano comunque devono pagarlo…sono (2 anni) …30 mln…tanto per capirci

    – a quel mio post hai risposto con un post/numeri che secondo me sono numeri fine a se stessi….con napoli-juve non c’entravano nulla…

    – buffon nel dopo partita ha detto quanto da me scritto 100 volte: siamo sempre noi, nei momenti forti ci siamo, purtroppo dopo 7 anni giocando ogni 3 gg e’ durissima continuare a vincere (SFORZO MENTALE) …noi si proviamo….

    ciao

    • Claudio,

      mai detto che ammiro Sarri. Anzi sempre sostenuto che il calcio di Sarri non mi piace. Monocorde e sempre uguale. Lui incapace di cambiare per provare a vincere. Lui sulla strada di uno Zeman qualunque….

      Aggiungo, quest’anno attenzione all’Inter.

      Aggiungo, che peccato Spalletti a Milano.

      Ed ora Allegri.
      I numeri che ho postato dicono molte cose invece, e se letti con attenzione danno la misura del valore dell’allenatore o meglio del suo lavoro.
      Hai ragione quando parli di rapporto tra allenatore e società e squadra.
      Ecco che la Juve non può partire da sfavorita a Napoli. E se perde è la Juve che ha sbagliato. Stessa cosa a parti invertite con il Real.
      Ora reputo Allegri anche bravo, ma la squadra Juve oggi è più brava e vedo in lui tante pecche. Cioè il suo lavoro non aggiunge ma toglie.

      Scrivo mentre sto guardando l’Inter in China (figo eh…)
      vedo una squadra che comincia a volare e segna con facilità. Vedo una squadra forte sia in manovra che in contropiede.
      Vedo un Ranocchia che di colpo è ritornato quello bravo.
      Ti chiedo sarà un caso?

      Lo sforzo mentale, la continuità di vittoria la fame…. il correre in primavera…

      Permettimi tutte ba..le.

      Se sei un Top club queste cose sono normali, se no non lo sei oppure tu non sei da Top Club. O il club non è Top.

      Florentino cacciò Ancelotti perchè faceva giocare le riserve nelle amichevoli e nelle tournè, questo faceva indispettire le tv ed il pubblico che pagavano per vedere le star.

      Visto che la Juve si fa pagare anche le interviste ed Allegri prende i suoi bei 7.5mln all’anno.
      Visto che io ed altri paghiamo per vedere i campioni giocare.

      Pretendo una Juve che corra sempre e giochi per vincere sempre. Come per altro fanno tutte le squadre di livello. Poi se si perde, se capita la giornataccia fa parte del gioco.

      Poi vi piace vedere una squadra con Higuain, Dybala, DouglasCosta, Cuadrado, AlexSandro, Pjanic, Benatia difendersi per un tempo intero nella propria metà campo?

      Visto che è tutta gente che andrà ai mondiali direi di no.

      Eppure oggi gli esperti e gli addetti ai lavori di un calcio che ai mondiali invece non ci andrà plaudono all’acume di un tecnico che sinceramente non vedo l’ora che tolga le tende. Poi magari arriva ventura e son dolori 😀

      Intanto l’Inter, di Spalletti vince 4 a 0 e continua ad attaccare divertendo e divertendosi….

      Sapessi che peccato Spalletti a Milano…..

      Ciao.

      • Andrea (the original

        Ieri ha scritto “tutti sul carro di Allegri, come previsto” oggi scrive l’esatto contrario.
        E tu ci perdi pure tempo a rispondergli.
        Luca quello lì ha il fegato spappolato, sono anni che viene deriso da tutti per le sue teorie strampalate.
        😀

        • Andrea

          Claudio in fondo dice quello che dicono tutta una serie di commentatori tv e che si sente in giro nei bar o nei campetti italici.

          Son poi le stesse cose che dice l’Agroppi di turno, tanto per chiarire.
          Tutti sul carro di Allegri, Pecci per es. ad esaltare la difesa ed un certo modo di fare calcio.

          In fin dei conti tutto giusto, purtroppo il mondo è cambiato e le cose non stanno più così.

          O meglio stanno così, se pensiamo ad una Juve da dopolavoro, non se pensiamo ad una società con più di 100 dipendenti solo nel settore marketing, con una rosa da più di 500 mln di euro e con un fatturato da 400 mln di euro decimo posto nel mondo.

          E’ come se la rivoluzione di A.Agnelli fosse passata invano sotto il naso di tutti.

          Cioè i club vendono emozioni, più emozioni ci sono più il pubblico segue ed il prodotto vende. Emozioni sempre, non solo nelle gare decisive. Pensa che nell’ALL STAR GAME se le danno di santa ragione ed è uno show!

          E l’emozione nel calcio la fanno i numeri 10.

          Si quei giocatori che il calcio italiano ha scordato in panchina e che non riescono a trovare posto in squadra.

          Il Real ed il Barça ne fanno giocare due per volta quando li hanno.
          CR7 e Isco da una parte, Messi e Neymar dall’altra. Da noi invece Baggio in panchina perchè ….. perchè ci sono gli equilibri, chiedere a Cesare Maldini.

          Oggi Matuidì trequartista, l’ultima idea di un allenatore, ottimo rappresentante di un calcio alla frutta.

          Perché il nostro calcio è alla frutta per colpa degli allenatori, 0a1 contro la Svezia, roba da licenziare Coverciano in blocco, non il solo povero Ventura che paga per tutti.

          Ciao.

          • Andrea (the original

            Ecco appunto, premesso che lui dice tutto e il suo contrario da anni, seguendo in modo ossessionato alcubi utenti (non si spiegherebbe la sua presenza su ogni blog in cui questi utenti scrivono né lui ha mai fornito motivo diverso), credo che rispondere ad Agroppi sarebbe una perdita di tempo.
            L’unica cosa che si può fare è attendere fiduciosi che sia fatto fuori anche da questo forum.

            Quando vogliamo parlare di pallone noi ben lieto.
            Ho visto l’Inter di Spalletti, davvero notevole. Sarà una partita interessante perché loro non ci attaccheranno ma sono micidiali nel recupero palla e attacco alla porta.
            Insomma serve una partita di attacco e precisione, con ritmo, una cosa che con Allegri da un anno e mezzo non vediamo.
            Speriamo di vederla sabato.

  14. Alessandro Magno

    Ho letto tutto allora intanto andando in tv per chi mi ha visto ci ho preso perchè dicevo partita con pochi gol 1-0 o pareggio ed è finita uno a zero. devo dire che pensavo a un napoli piu’ veemente invece non lo è stato tanto ha fatto un tiki taka abbastanza moscio.

    per quel che concerne sarri alla juve non sono tanto convinto sarri mi pare che sia un allenatore un poco troppo talebano alla sacchi allora pensa che il calcio sia scientifico e matematico e se fai quei determinati movimenti fai bene invece credo che in una grande squadra spece allenando i campioni non puoi non considerare la fantasia e il talento e la giocata illuminante di quel giocatore che va fuori dagli schemi. inoltre l’ho detto non mi piacciono gli allenatori in tuta con l’eccezione di mazzone :mrgreen:

    • Concordo su Sarri.

      Io lo vedo limitato per una grande squadra.

      Atteggiamento tattico o meno secondo me se vedi che non arrivi al tiro qualcosa devi cambiare e lui questo non lo fa mai.

      Sulla tuta.
      Gioca a fare l’uomo di popolo, un po’ alla Agroppi che “mangia il pane duro a metà classifica” poi vive in una villa milionaria, o alla Mondonico che “da proletario giocava contro i padroni” scendendo dalla Mercedes, per tacere di Mihjlovic…

      Insomma no, lo vedo e lo sento fuori ruolo, fuori posto, pretenzioso.

      E per questo mi sta sulle p…

      Mi sarebbe piaciuto Spalletti ma ormai è andato e ci darà filo da torcere.

      Ciao.

  15. ALLEGRI PER NOI E LA TATTICA AGLI ALTRI

    Mertens si è fermato.

    Il centravanti napoletano che 9 non è dopo aver iniziato alla grande la stagione agonistica ora, purtroppo, non riesce più a segnare e la squadra di Sarri ne risente.

    Infatti, il Napoli, nelle prime otto giornate aveva messo a segno nientepopodimenoche 26 reti, nelle ultime 7 partite (quasi tante quante le prime) invece solo 9 goal.

    Hai voglia a scrivere: ok, il Napoli una bellissima squadra ma ultimamente lo vedo in difficoltà…qualcuno dava contro con sfottò mirati la Juve di Allegri e inneggiava esaltando il Sarrismo napoletano.

    Tornando su Mertens possiamo confermare che il suo ultimo goal lo ha segnato contro il Sassuolo più di un mese fa.

    Un digiuno lungo un mese che è coinciso con il pareggio contro il Chievo oltre che, ovviamente, con la sconfitta casalinga contro la Juventus.

    Ed infine vorrei ricordare, anche, Insigne…60 partite di fila senza staccare la spina nemmeno contro le ultime della classe…
    ora, chiedo: quante giornate dovrà saltare Insigne per il suo infortunio patito durante la partita di venerdì al San Paolo ?
    Mi auguro che sia come dice Andrea, cioè che il Napoli sia ancora la squadra da battere.

    Altrimenti, credo, Spalletti avrà vita facile da qui alla fine.

    Non ne sono convinto ma mi adeguo…prima era Sarri.

    Buona serata.

    • Andrea (the original

      Amico mio,
      Io non ho detto che il Napoli sia la squadra o almeno, non ne trovo traccia scritta.
      Il ranking lo faccio sempre per valori tecnici e la Juve ne ha di superiori..parecchio.
      Ho detto che con quel gioco un Napoli che perde Higuain a vantaggio nostro, invece di allontanarsi si è avvicinato e a oggi è comunque avanti. Con un gioco al risparmio quella stessa squadra per me sarebbe molto dietro.
      Dunque la Juve deve migliorare il suo di gioco.
      Su Sarri-Spalletti, io ho sempre espresso la mia preferenza per il secondo..ma ormai ce lo siamo fatti scappare.
      L’Inter è molto pericolosa, perché ci costringera’ ad attaccare ma in senso assoluto a oggi vedo il Napoli ancora più forte dei nerazzurri.

      Ciao

    • Barone, carissimo.

      Se ricordi criticavo Conte che dopo un primo anno supermegafantastico mi ha intristito le domeniche con quel 352 sempre uguale, monotono noioso.

      Figurati se oggi mi metto dalla parte di Sarri?

      Si posso dire, mi piacerebbe vederlo alla Juve, per vedere cosa combina, ma lo lascio volentieri dov’è.

      Come immagino lo lascerebbero al Napoli la maggior parte degli juventini.

      Sarri però diverte con un gioco spettacolare ed allora la critica giornalistica, che deve anche seguire la corrente popolare, se no chi se la fila, si butta su Sarri.

      Altra critica sportiva, questa volta invece loda Allegri ed il calcio all’italiana.

      Io li butto giù dalla torre entrambi 😀

      Mi sarebbe piaciuto Spalletti, ma ormai è tardi. E’ all’Inter e saranno dolori.

      Non voglio assolutamente Ancelotti, che si è saggiamente tirato fuori.

      Oggi non so.

      Di sicuro giocare 45 minuti nella nostra metà campo e vantare una sciabattata di Mautidi, lo trovo poco e deludente, ma oggi tutta la critica loda Allegri ed io da toscano non lodo, spernacchio e me ne fò vanto!

      Sognando per la mia amata un allenatore diverso, magari straniero che la guidi ad altri giri di valzer che non siano i soliti 5 terzini con Dybala in mezzo all’area, nostra.

      Ciao. Un abbraccio.

  16. x luca967

    – forse hai letto male (non ti sto a ripetere la mia precedente analisi su napoli, ti ho appena fatto un copia/incolla), ma quella luca era farina del mio sacco, scritta in anticipo che ha centrato quasi tutto di napoli-juve: cosa c’entrano agroppi e i commentatori sportivi?io sentivo parlare di un + 7…in pochi pronosticavano juve e uno di quei pochi ero io….

    ———————————————————————-poi addirittura (copia/incolla):

    claudio g 2 dicembre 2017 @08:42 Ora Tutti sul carro dell’ allegr..o vincitor…Nulla di nuovo

    poi quello di oggi: la juve va a vincere e tutti sul carro/juve dei vincitori COME SEMPRE: facile cosi’ ma tanto ci si da ragione a vicenda…

    – a me sembra di aver scritto LA STESSA IDENTICA COSA, eppure leggo : oggi scrive l’esatto contrario ma questo non basta…aggiunto pure
    “L’unica cosa che si può fare è attendere fiduciosi che sia fatto fuori anche da questo forum”

    – invece di grandi complimenti devo pure essere fatto fuori: non avevo mai risposto in rispetto alla grande bravura/correttezza di benedetto/alessandro e non lo faro’ piu’

    pur avendo una matematica ragione su quanto scrivo (neppure i copia/incolla hanno valore?) mi scuso comunque pubblicamente con Benedetto/alessandro visto che qui ho scritto sempre e solo di calcio, le polemiche non mi devono appartenere…comunque…

    ================================================================

    e ora caro luca veniamo alle cose serie di vero calcio:

    non puoi paragonare un’inter che non vince da 7 anni, con giocatori che non hanno mai vinto nulla e che giocano solo una volte alla settimana con una juve che negli ultimi 6 anni (e il settimo e’ in linea) ha vinto 6 scudetti, 3 C.I. e 2 finali di champions….paragone improponibile.

    – detto questo io non ricordo di aver visto mai l’inter giocare cosi’ bene come quella di oggi e quella contro la samp…le partite come quelle di oggi l’inter le ha sempre perse (anche con mou), oggi addirittura 5-0 con 6 tiri negli ultimi 5 minuti….da non credere

    – per la juve vedo la roma piu’ pericolosa del napoli, sull’inter ti diro’ qualcosa dopo sabato sera (non perdere sarebbe “quasi” il massimo)

    ciao

    • Andrea (the original

      “Vince la Juve di misura, comunque abbiamo sofferto troppo, colpa di Allegri”.

      Tranquillo, scrivi a Luca e a tutti perché sai che sei sul filo del rasoio..oh però prima di farti parcheggiare pure qui lo spiegherai agli amministratori il motivo per cui, con tutti i blog juventini in giro, entri su tutti quelli in cui ci sono io.

  17. X luca967

    Non sara mica che…..

    – io con quel TUTTI intendevo ” voi del blog” . ..”gli esoneratori di allegri” ….ma pensa te ..hahahah

    Ciao

  18. E ferrero parla di sederone di inzaghi e lotito
    Deve augurarsi che il sederone che ha avuto con noi non si trasformi in sfiga perché altrimenti la doria retrocede.

  19. LA VOCE FUORI DAL CORO

    Come sua abitudine, Arrigo Sacchi esce dal coro degli elogi per Max Allegri e la sua vittoria al San Paolo contro il Napoli.

    Al Corriere del Mezzogiorno, l’ex allenatore del Milan ha emesso la sua sentenza tutt’altro che benevola nei confronti del tecnico bianconero:

    “La Juve ha vinto a Napoli ma con un gol realizzato nei primi quindici minuti e poi tutti lì dietro a chiudersi a riccio. *I bianconeri hanno tutto per diventare una grande squadra, tuttavia la sua ascesa diventa complicata se per 70 minuti lascia giocare esclusivamente gli avversari.* In Spagna una vittoria come quella della Juve non sarebbe celebrata. I padri fondatori del calcio non hanno mai immaginato di dar vita a un gioco da sviluppare in termini difensivi. Per chi ama il calcio, il gioco non può che essere offensivo”.

    Ora qui sopra il buon Arrigo sarà sicuramente tacciato di incompetenza e partigianeria. Ma così va il mondo.
    Il fatto è che la Juve deve ancora crescere se si vuole allineare agli standard dell’elite europee (certo certo, è arrivata due volte in finale).

    Buona giornata.

    • Alessandro Magno

      Fermo restando che Sacchi è bravo e ha cambiato la storia del calcio lo vogliamo dire peró che l unico scudetto che ha vinto contro il napoli è stato bellamente venduto dal napoli oppure ce la vogliamo menare in eterni? Perchè a quel tempo le squadre che andavano in champions era una sola echiusa come sarebbe stata la storia se il napoli a causa del totonero e delka csmorra non avesse deciso di perdere uno scudetto gia vinto

  20. Alessandro Magno

    Comunque oggi faccio 45 anni se vi fa piacere saperlo 😉

  21. Woow Ben…👍

    One hundred of these days!🎂🥂🍾🏁

    Ajo!tomas

    Ps – sagittario (fire sign )come me! Evvaiiiii😂😂😂

  22. Alla fine la Juve di Allegri è prevalsa mostrando che il Napoli, pur bravo, era in fase calante e per questo c’entra la rosa ma anche la testardia di Sarri di non aver dato qualche respiro ai tre d’avanti quando poteva. Naturalmente la Juve ne ha evidenziato la fase calante ed ha dato il primo posto all’inter che sabato prossimo mostrerà se quella posizione è alla sua altezza. Certo il momento è favorevole a quelli del Biscione che avranno sei giorni per prepararsi esclusivamente a questo impegno con la Juve mentre lei dovrà affrontare, domani, un ostico impegno ad Atene per poter passare il turno nel girone di Champions e raggiungere gli ottavi. Ma la Juve rimane sempre la Juve.

  23. Tanti auguri, Benedetto !

  24. Alessandro Magno

    Grazie per gli auguri amici 😊

  25. LA NEBBIA DEI CAMPIONI

    Si continua ad osannare Arrigo Sacchi e il suo gioco.

    Il 9 novembre del 1988 come può la nebbia cambiare la storia calcistica di un allenatore fortunato.

    Sotto di un gol e di un uomo.
    Al vecchio Diavolo non restano che due alternative: recitare una preghiera oppure fare pressioni sull’arbitro per sospendere la partita, dato che non si vede a 10 metri di distanza.

    Il signor Pauli al 57′ si rende conto che i milanisti non hanno tutti i torti e sospende la partita.
    Per il Milan è una manna dal cielo.

    Un favore degli dei della pedata O forse è solo il leggendario “Cul de Sac(chi)”.

    Del resto il regolamento UEFA parla chiaro: in caso di sospensione del match si rigioca il giorno successivo e si riparte dal 1′ con il punteggio di 0-0.
    Ecco la seconda opportunità concessa dal calcio.
    A poco più di mezz’ora dal termine i rossoneri difficilmente avrebbero cambiato l’inerzia della gara.
    I tifosi della Stella Rossa si sentono scippati, sentivano l’odore della qualificazione, dell’impresa.

    Erano a un passo dal traguardo e si sono dovuti fermare contro la loro volontà.

    Niente da fare: si replica il 10 novembre alle 15, le previsioni non ammettono dubbi: non c’è pericolo di nebbia.
    Il ciak n.2 di Stella Rossa-Milan finisce 0-0 con vittoria di Van Basten e compagni ai calci di rigore.

    Milan avanti fino alla vittoria finale contro lo Steaua Bucarest, l’ inizio il ciclo vincente.

    Però senza la nebbia di Belgrado le cose sarebbero andate diversamente.

    La storia di Sacchi, per sua fortuna, non si è fatta con i se e con i ma… dicheno gli esperti.

    Ultimissime dalla Grecia: Problemi per Buffon (polpaccio) e per Pjanic (affaticamento muscolare)…Allegri senza qlo !

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web