Giornata del ricordo dei caduti all’Heysel

Domenica 2 Giugno a Reggio Emilia dalle ore 10,30 presso lo stadio Mirabello si terra l’annuale commemorazione dei caduti all’Heysel. Una giornata per stare insieme nel segno dell’amore, dell’amicizia, del rispetto e del ricordo. Non puoi mancare.

  1. LO SMEMORATO DELL’HEYSEL

    I conti non tornavano, quando furono contati i cadaveri e presi contatti con i famigliari.
    Il mistero riguardava il nome di Marco Manfredi, quarant’enne autista d’ambulanza di Moncalieri, che mancava ancora all’appello e non figurava tra le vittime.

    Non si sapeva nulla di lui da otto giorni, la moglie andò a Bruxelles per raccogliere notizie del marito.

    Quindi, il 5 giugno, un uomo venne avvistato mentre vagava per il centro di Torino, nei pressi di un ospedale.
    Lo raccolse la polizia: aveva la barba lunga e indossava vestiti sporchi e strappati.
    Presto fu riconosciuto: era Manfredi.
    Non ricordava niente della partita.
    Nelle sue tasche furono trovate due multe che aveva ricevuto sui treni francesi per aver viaggiato senza biglietto.

    Marco ricordava di essere stato a Nantes e in altre città transalpine.
    Aveva vissuto a mele e formaggio finché, una volta finiti i soldi, in qualche modo era riuscito a tornare a Torino.

    Lo smemorato dell’Heysel non era la quarantesima vittima.

    Io non partii per uno sciopero dei macchinisti delle ferrovie…biglietto(perché la mia CLC mi permetteva il viaggio fino al confine) e cuccette prenotati sul treno 286 per Bruxelles mai utilizzati…saputa la notizia dalla tv ci fu un abbraccio con tutta la mia famiglia.

    39 Angeli sempre nel cuore.

  2. GLMDJ

    Stamattina ci siamo svegliati apprendendo la notizia che Palamara, il PM del proccesso GEA (tra i principali accusati Luciano Moggi e suo figlio Alessandro), è indagato a Perugia per corruzione. Riportiamo da Il Messaggero : «Il fascicolo che vede indagato Palamara è stato aperto a Perugia più di un anno fa.
    Gli atti sono partiti dalla Capitale.
    Sono stati i pm romani, che nel 2017 indagavano su un giro di corruzione nei Tar» a imbattersi in Palamara che secondo le ipotesi accusatorie avrebbe spifferato dettagli sull’inchiesta a un imprenditore di sua conoscenza (Fabrizio Centofanti).

    A questa indagine si sarebbe aggiunto un esposto di un altro PM romano che avrebbe denunciato la poca trasparenza nella nomina del successore del Procuratore Capo di Roma. «L’indagine sulla segnalazione arrivata da Roma procede per corruzione, perché nell’amicizia tra Palamara e Centofanti c’è qualcosa, viaggi e regali diciamo ‘galanti’, che viene ritenuto vada molto al di là dell’opportuno» ( Il Fatto Quotidiano ).

    La vita a volte è uno strano contrappasso, Palamara accusava Moggi di voler monopolizzare le procure sportive dei calciatori, ora scopriamo che lui è accusato di volersi prendere la Procura di Roma.
    Chissà perché la notizia che non ci meraviglia… Farsopoli fu orchestrata da un bel gruppo di galantuomini. Farsopoli che è stata dibattuta varie volte in quei tribunali amministrativi – il TAR del Lazio – già indagati dal 2017 e nei quali pare che Palamara (secondo un’accusa da dimostrare) si muovesse con confidenza.

    In questa vicenda si incrocia poi un’altra bizzarra coincidenza: la Procura di Perugia che indaga Palamara è la stessa presso la quale dopo l’avventura politica fu trasferito Giuseppe Narducci, altra conoscenza del processo calciopoli. Coincidenza, speriamo solo coincidenza.

    Buon pomeriggio.

  3. Haysel
    Ricordare perche’ non si ripeta.
    Sempre nei nostri cuori.

    • Due anni fa sono stato all’Heysel. Quei nomi, quelle foto, meritano di essere ricordati.
      Perché una tragedia del genere più non accada. 🙏🏻

  4. Per non dimenticare.
    +39 RISPETTO.

  5. Mauro The Original

    Stasera vediamo all’opera il nostro nuovo allenatore 😀

    Sono convinto che si vedrà un gran calcio, magari non porta a casa la coppa ma sicuramente non sarà una partita noiosa.

    Certo che per un allenatore che va in Premier il primo anno ed arriva terzo in un gruppetto di 4 clubs fra i quali 2 finalisti Champions ed una squadra che ha vinto la Premier e viene considerata la più forte al mondo, mi sembra un bel risultato.

    A questo aggiungiamoci che ti arriva in finale di Europa League che non è proprio una competizione da buttar via…

    A prescindere da tutto direi che qui Sarri merita al meno un 7,5.

    Chiudo con la frase di Tranfaglia:

    Heysel
    Ricordare perche’ non si ripeta.
    Sempre nei nostri cuori.

  6. Er Tutaro anche stasera con il suo impeccabile abbigliamento.

  7. Primo tempo Europa League

    Partita equilibrata … con un finale in crescendo del Chelsea che ha impegnato Chech.

  8. … Questi giocano ancora a calcio anche sul 4-1 … Fantastiche ripartenze ora …

  9. Quello che hanno fatto dal primo all’ultimo goal…contropiedi ben organizzati ma sempre contropiedi sono…

    Buonanotte ai tutari.

  10. Ottimo secondo tempo del Chelsea, che già alla fine del primo tempo aveva preso in mano le redini del gioco, con un possesso del 55%.
    Nel secondo dopo il bel gol con Giraud, ha contrattaccato con precise triangolazioni che sembrano facili … quando le fanno gli altri.
    Con Chech che è stato super impegnato.
    Vittoria su cui non c’è ombra di discussione.
    Questo Emerson, oltre al solito Jorginho, sono stati protagonisti e giocano pure nella nazionale italiana.
    Sarri ha dimostrato di non farsi condizionare dai rapporti umani schierando Giraud e non Higuain.
    Ovviamente Hazard -che lascia per andare al Real- è stato decisivo.

    Ultimo appunto.
    Primo trofeo in carriera vinto da Sarri.

    • Devo correggerti.
      Non è il primo trofeo, uno lo aveva vinto nel 2003…coppa Italia serie D.
      Buonanotte

    • Grazie Max.
      Ma partire dalla serie D mi sembrava spulciare nel semiprofessionismo …
      Onore al merito comunque per un allenatore che ha fatto tanta gavetta e che è giunto questa sera ad alzare un trofeo internazionale.
      Un applauso ci sta. Sforzati 😅

  11. Qualcuno contava le partite buone fatte dalla Juve…portatemi il conto di quelle del Chelsea.

    Saluti.

    • Il Chelsea in Europa ha fatto 12 vittorie e tre pareggi.
      Nella coppa di lega inglese ha eliminato il Liverpool e il Tottenham … boh, scusa se è poco …

      Buonanotte.

      • Con quanti fiuuuu ?

        E per finire…perché, scusami ma vorrei leggere di Juve e non a volte di Napoli, poi Atalanta, e anche Chelsea…sinceramente un po’ di “abboffamento” ti viene.
        Ciao.

  12. Complimenti al Chelsea e a Sarri ma io rimango della mia idea. Il campionato italiano è la competizione + difficile e se la vinci 8 volte di seguito (ma ne basterebbero anche 2), sei il migliore di tutti. Non so se arriverà Sarri o un altro ma chiunque arriverà sa che dovrà vincere subito. Possibilmente il nono.

  13. Mauro the Original

    Con tutto il rispetto, giocare in un campionato dove ci sono Liverpool e Tottenham finaliste Champions, City di Guardiola considerata la più forte al mondo, United che lo scorso anno ha vinto la Europa League, e senza considerare le altre squadre, non è come giocare contro Milan e Inter di quest’anno, o Atalanta e Lazio.

    Mi sembra ci sia una bella differenza, per cui nel fare i paragoni vanno anche fatte le giuste considerazioni.

  14. LUCA MOMBLANO

    Per credere a Pep Guardiola in qualità di allenatore, manager e vate dell’imminente e prossimo ciclo Juventus non è sufficiente un atto di fede.

    A chi approccia la notizia servono sostanza, riferimenti, contro riferimenti, deduzioni, verifiche incrociate e una consapevolezza: il momento della firma del contratto definitivo (o del banco che salta per aria) si può accettare, accidentalmente, di conoscerlo postumo. D’altronde, la pretesa soggettiva non può andar oltre quella di raccontare una serie di fatti – riportabili o meno – che messi insieme diventano notizia rilevante, solida, idealmente completa: l’allenatore più famoso del mondo in bianconero sarebbe ormai questione di minuzie.

    Da dove partire? Dalla fine: il contratto preliminare depositato in luoghi di fiducia non soltanto esiste, ma è proprio stato siglato a inizio primavera da Josep Guardiola. Per il passaggio successivo è servito lavorare con i guanti, perché le cose possono trasformarsi senza che in questo mestiere si abbiano sempre occhi per vedere o orecchie per ascoltare. E quando a riscontri aggiungi riscontri, il rischio da evitare è quello di fare unicamente mucchio.

    Con tutto che da queste parti si cerca sempre di stare dalla parte della ragione, in questo caso ci si trova a dover agire diversamente se ci si permette (sempre chinandosi al cospetto di ciò che di stupefacente Andrea Agnelli & Management stanno anno dopo anno cercando di mettere in piedi) di poter riferire che Pep Guardiola is the man.

    La Juve lo ha scelto e lui ha scelto la Juve.

    Si sono scelti attraverso volontà ferree, mettendo sul terreno di un accordo monstre tutti i rispettivi know-how.
    I fatti che stringono intorno al Manchester City e al suo operato possono evidentemente essere – a tutti gli effetti – la leva finale, anche perché risalenti in tutta la loro gravità già al periodo delle gestioni di Roberto Mancini e Manuel Pellegrini.

    Siamo a livelli altissimi, giornalisticamente parlando.
    Livelli che passano ampiamente sopra le nostre teste di cronisti e commentatori, così come anni luce sopra quelle dei blogger più illuminati e degli insider (specifichiamo: l’insider è colui che riceve dritto per dritto info da un referente di un club direttamente coinvolto nelle vicende che intende – chissà poi perché – riferire a terzi).

    Livelli che coinvolgono zero intermediari, più d’uno studio legale, consulenti di parte per il presente e per il futuro e ancora forse non basta.

    Ben diverso è il livello dal quale esce il robusto nome di Maurizio Sarri, allenatore apprezzato in tempi non sospetti sia da Pavel Nedved che da Fabio Paratici.

    Siamo però nel canonico, nel paraufficiale, per ciò che rappresenta nel nostro mestiere.
    Un canonico che gradualmente converge senza se e senza ma all’apparenza, dal quale sono costretto a tenermi a distanza dal momento che il disegno concreto della Juventus è ancora altrove. Le ultime energie sono altrove. La scintilla è altrove.

    E se non può essere Guardiola, il prossimo allenatore della Juventus non può che essere Guardiola.

    Per dettagli e pieghe (ci sarà un tempo, comunque vada, per aggiornarsi sui particolari) è corretto aspettare l’ultimo atto.
    Se così non sarà, è perché qualcosa è andato storto, e non ne siamo a conoscenza, nella strana e epica battaglia tra Juventus (o Guardiola?) e Manchester City.

    Buongiorno bella gente !

  15. FORSE SONO IO A NON CAPIRE

    Ora, secondo la “calzetta rosa” Sarri sarebbe in vantaggio su Allegri e Conte solo perché ha vinto l’EL ?

    Cioè, una Premier e coppa inglese valgono meno di una Europa League ?
    E una Europa League vale più di tutto quello che ha vinto Allegri ?

    Se si, allora, vuol dire che non capisco una beata minghia.

    Buona giornata.

  16. VITTORIE INTERNAZIONALI

    Certo che a noi, oggi come oggi, ci serve un tecnico che abbia già dimostrato di saper vincere in campo internazionale. Gli orticelli di casa sono buoni a zapparli un po’tutti.
    Il confronto vero è quello europeo al giorno d’oggi.
    E proprio per questo il “profilo” di un allenatore può cambiare dalla sera alla mattina.

    Il tempo è una “macchina” che non si ferma. Mai.
    E non ha la marcia indietro. Purtroppo. Facciamocene una ragione.

  17. Certe difese a oltranza francamente fanno un po’ sorridere …

    ANNUNCIO URBI ET ORBI

    Massimiliano Allegri non è più l’allenatore della Juve.
    Agnelli ha deciso di proiettarsi nel futuro anche col GIOCO.

    Il futuro allenatore della Juve è chiamato a concretizzare sul campo il gioco europeo ammirato nelle semifinali e finali europee giocate recentemente.

    Buona giornata.

  18. Spalletti esonerato dall’inter, per lo zingaro della Luna Nera è l’occasione adatta per reinserirlo nella sua lista degli eletti.

  19. Mauro the Original

    Non voglio polemizzare ma:

    Ci fosse stato Allegri al posto di Sarri dopo l’uno a zero ci saremmo chiusi in difesa.
    Invece Sarri ha continuato ad attaccare e non gli sono bastati 2 o 3 goal ma è andato avanti fino al fischio finale ad attaccare.

    Questo è giocare all’europea in quanto l’equazione mi dice: se attacco io non attaccano gli altri.
    Mi sembra lampante che se mi chiudo in difesa a fare solo passaggi orizzontali o retro passaggi gli altri ti attaccano.

    E nel secondo tempo il Chelsea ha sviluppato un gioco stupendo con ottime ripartenze e situazioni d’attacco dove non ho visto un solo errore o passaggio sbagliato.
    I giocatori si ritrovavano a meraviglia ed esaltati dal gioco e dal risultato correvano come pazzi fino al fischio finale.

    Questa è la realtà di quanto ho visto io senza farmi assolutamente condizionare da preferenze o simpatie verso un allenatore o un altro.

  20. andrea (the original)

    E ora che non si può neanche più dire che è un perdente cosa resta?
    Ah si, ripieghiamo sulla moda, ultimamente pullulano stilisti.
    😀

    Battute a parte, la vittoria del Chelsea non aggiunge nulla al valore di Sarri ma sicuramente è un giusto premio, come evidenziato da Trevisani, alle “idee”, seguito a ruota da Adani e Ambrosini che hanno citato, “percorso”, “qualità di gioco”, “ricerca”.
    Insomma, gli addetti ai lavori mi sembra gradiscano e credo ne abbiano ragione: Sarri ha mostrato anche flessibilità nel calarsi in un mondo nuovo per abitudini, approcci e anche in funzione dei giocatori a disposizione.
    Dunque ha lasciato a gente come Hazard ad esempio, la libertà di portare palla e muoversi a piacimento (diversamente da come capitava a Napoli), ha dato un senso a gente come Giroud, Loftus Cheek, Kovavic, Palmieri, dimostrando che se un giocatore dimsotra può giocare, magari anche al posto del suo pupillo.
    La competitività inglese lo ha migliorato ancora di più, senza però cambiare il suo marchio di fabbrica che non sono gli schemi ma la riconquista della palla sempre piuttosto alta (vedere i gol), la coralità (vedere come si passano la palla un pò tutti), la ricerca del gol anche quando è in vantaggio ed è in fase più difensiva.

    La partita non è stata meravigliosa e d’altronde una finale giocata tra due squadre ferme da due settimane e in una località amena (neanche si sentiva il pubblico) non favoriva lo spettacolo, tenendo anche presente che si trattava di una finale e di un derby (un Roma-Lazio in finale europea forse vede un tiro in porta dopo una settimana).
    Eppure il Chelsea ha creato tanto, poteva farne 7/8 e ha concesso anche pochissimo a un Arsenal che davanti è di tutto rispetto.
    Insomma, fa piacere veder vincere un italiano in Europa e vederlo fare da un italiano che pensa il calcio in modo europeo..sarà un caso? Non lo so, ma resta il dato.

    • Andrea
      Intanto mi dai soddisfazione dicendo che non è stata una bella partita.
      Ma è anche vero che mi hai negato la soddisfazione quando all’inizio della stagione e che il Chelsea non andava io dicevo che aveva, Sarri, bei giocatori a disposizione con un Hazard stratosferico…tu dissentivi.

      Comunque va bene così ha vinto, esaltalo e continua a tifare gli altri e mai i tuoi.
      Ciao.

      • Andrea (the original)

        Hazard è un ottimo giocatore, Kante pure, questo valeva allora e ora.
        Per il resto mi sembra una squadra normale e ben allenata.
        Sarri ha fatto bene, questo prescinde dalla Juve anzi leggo in giro commenti che mi fanno pensare siano stati talmente spaventati in passato da Sarri che lo hanno eletto numero 1 al mondo dei nemici..e quando si elegge qualcuno numero 1 al mondo dei nemici vuol dire che lo ritiene numero 1 al mondo..cosa che pur essendo io un suo fan non ritengo sia.

  21. TRANNE LA JUVE

    Luigi (Sa) 30 Maggio 2019 @00:03
    Il Chelsea in Europa ha fatto 12 vittorie e tre pareggi.
    Nella coppa di lega inglese ha eliminato il Liverpool e il Tottenham … boh, scusa se è poco …

    Buonanotte.

    Ho voluto riportare il pezzo di Luigi che Sa in modo di dirla un po’ a tutti quelli che parlano di tutte le squadre europee, nonché italiane e non della propria Juve.

    Io che non sono SNOB ne parlo e ne parlerò sempre nella buona e nella cattiva sorte…così come sono stato e sarò sempre FEDELE alla mia SIGNORA.

    Il Chelsea ha meritato NETTAMENTE questa coppa appena vinta…ma da qui ad esaltare un allenatore facendolo passare per un vincente francamente non me la sento e non mi sento di condividere quello che scrivono di lui, specialmente, il duo Andrea e Luigi.
    Ho cercato il confronto in diretta durante una partita qualsiasi ma mi è stato rifiutato…Luigi mi ha risposto educatamente al telefono ma non poteva esserci dialogo perché in un bar.

    Scusatemi, ma mi devo sfogare…toccatemi tutto ma non la Juve.

    Il post sopra di Luigi, mi evidenzia per come è arrivata alla vittoria finale il Chelsea.
    Bene, brava e complimenti…ma avete mai letto due righe due sulle imprese della Juve scritte dagli snob ? Mai…eccerto so’ snobbe !

    Chissà se il Signor Luigi (Andrea che telodicoaffà manco era nato) ricorda questa impresa della Juve in UEFA:

    12 partite disputate senza perderne una(comprese le due della finale) segnando 28 goal e subendone 8.

    Nota:la partita di andata della finale si giocò il 26 maggio 1971, la gara fu sospesa al sesto minuto del secondo tempo per impraticabilità del campo per la troppa pioggia.
    Una giornata di pioggia veramente triste, anche e soprattutto per il fatale peggioramento delle condizioni di salute dell’allenatore Armando Picchi(la squadra fu affidata a Cestmir Vycpalek).
    La partita fu ripresa il 28 maggio. Finì 2-2 come pure in parità finì la seconda partita a Leeds con la differenza di punteggio 1-1 che permise agli inglesi di vincere il trofeo.

    Se non lo sai sallo…
    Un’altra massima del Max !

    Buon pomeriggio

    PS
    Vorrei far notare che la MALEDIZIONE esisteva già molto tempo prima dell’avvento della Champions.

    • Toccatemi tutto ma non … la realtà !

      La storia si aggiorna oggi giorno al di là delle nostre opinioni …
      Ieri sera -come hanno evidenziato anche in tv- un percorso di idee ha avuto anche la medaglia della Coppa. Il resto è nostalgia … bella si, ma come i ricordi, non germoglia…

      Ps sottoscritto ovviamente le considerazioni di Andrea. La realtà che accade è più forte delle nostre polemicucce.

      • Sembri Peppino in “ Totó Peppina e la malafemmina” quando in quasiasi discorso accennato, concludeva con “ ho detto tutto”.
        Spiegheresti di grazia, quale realtà ti viene tolta? 😂😂😂😂 Gli slogan parlando in politichese senza dire niente valgono meno di zero.
        Io voglio bene alla Juve e so bene che aver esonerato Allegri significa alzare l’asticella, pertanto mi auguro che qualsiasi sia il nuovo allenatore che verrà non vinca solo il prossimo scudetto ma che convinca anche gli scettici che la Juve giochi meglio e si prendesse “la maledetta”. Se dovesse fare gran partite e non portare a casa i punti non ne usciamo arricchiti, ma umiliati lo stesso. Mi immagino una sconfitta contro le m.. con Conte oggi al loro servizio e poi ti dico io, se mezza italia juventina non andrà a prendere a calci nel posteriore, Agnelli ( in senso figurativo e su tutti i media).
        Come diceva in un tema un tuo conterraneo, speriamo che ce la caviamo e che non sbaglino allenatore.
        Dovesse, anche lo stesso Sarri ( dovesse essere lui il futuro) fare bene, sarei il primo ad abbassare il cappello.

        • Ps Se per caso non avessi tempo di leggere … astieniti !
          Facevo anche riferimento al post di Andrea … ma che te lo dico a fare …

      • Antony come ti capita quasi sempre, non hai capito un ca… niente …
        Hai letto Max ? Che fa la storia pregressa della Juve?
        Appunto è storia … La realtà invece è quella che STA ACCADENDO ORA … Con tutte le sue incertezze …

        Leggi, leggi prima di rispondere a cazzo …

      • Torno a ripeterti che stai osannando un nulla…forse non te ne rendi conto.
        Vabbè !

        • Non sto osannando proprio nessuno … Mi stai diventando peggio di Antonino nostro …
          Non so chi viene, magari viene Guardiola.
          Sto dicendo di attendere. Punto.

          • Tu neghi l’evidenza.
            I tuoi post sono su in cima, di lato e ogni dove…e non fai altro che osannare Sarri.

          • Sei fuori Max …
            Quando dico di attenersi alla realtà intendo :
            già sopportavamo le vedove di Conte, ora sopportare pure le vedove di Allegri, mi sembra troppo !
            Per tua informazione : spero sempre in Guardiola !
            … rilassati …

            • Qui non c’è nessuna vedova di Allegri o di Conte, ma se non dovesse arrivare Guardiola, credo che dovremmo iniziare a fare il segno di croce all’indietro Luigi, perché per arrivare in alto ci vuole tanto, ma per restarci e puntare ancora più in alto serve un impresa. Io leggo tutto, caro amico, ma se non vuoi capire l’ovvio, beh il duro di comprendonio credo sia tu. Puó non piacerti Napoleone Bonaparte, ma se vuoi continuare a vincere le guerre devi metterci a capo Alessandro Magno non un generale qualunque che ti potrà far vincere qualche battaglia ma non ti dà garanzie . Era un esempio tirato, non ho assolutamente voluto associare Allegri a Napoleone, ma devo farti vedere la luna sennó è capace che mi indichi il dito, pur di dileggiarmi. Ciao Peppì e non rispondermi come quello che sa, dicendo che hai detto tutto senza aver detto un emerito cactus.
              Almeno Andrea è leale e dice che a lui la Juve piacerebbe vederla giocare bene e sopporterebbe qualche sconfitta e sarebbe contento anzi felice se arrivasse Sarri.
              Il vero realista invece ti dice che Sarri per questa Juve puó essere un grosso rischio e per una serie di ragioni e prima tra tutte, la gestione di Ronaldo che non è venuto alla Juve per vedere il circo ma per continuare a vincere.
              Buona serata

    • Andrea (the original)

      Quest’anno di impresa ne è stata fatta una e l’ho celebrata. Se purtroppo l’annata non ne ha viste altre non è mia responsabilità.
      Anzi in realtà io ho celebrato sconfitte dopo grandi partite e preferisco celebrare quelle piuttosto che trasformare in impresa uno scudetto vinto senza neanche giocare.

  22. Mauro the Original

    Per chi si aspettava acquisti galattici con Agnelli che firmava pacchi di assegni a 8 zeri:

    Danno Cancelo già venduto a 60 milioni sostituito da chi? Cuadrado che verrà trasformato in terzino che si alterna con De Sciglio. Forse forse arriva un terzino mezza tacca mai sentito.

    Fine dei sogni, la Juve vuole risistemare i conti e quindi taglierà i costi. Era scontato e prevedibile che si arrivasse a questo.

    Ecco perché il progetto presentato da Allegri è stato bocciato. Cinque sei nuovi Top Player sarebbero costati una fortuna, progetto impossibile da realizzare.
    Altro che ristorante da 100 euro, Allegri voleva il ristorante da 1000 euro!

    • Se fosse come tu dici alla fine in merito alle pretese di Allegri, allora i dirigenti sono stati pure fessi.
      Perché avrebbero dovuto aspettare che Allegri si dimettesse.
      Dimettendolo invece gli debbono pagare pure lo stipendio.

  23. Battere in EL squadroni come Bate, Mol Vidi, Paok, Malmö, Dinamo, Slavia ed essere arrivato in finale superando l’Eintracht ai rigori per poi disintegrare un Arsenal fisicamente a pezzi in cui non correva nessuno e con una difesa ridicola, per gli addetti ai lavori e non sarà stata anche un’impresa memorabile, così come dovrebbe essere stata per loro e per Sarri anche l’asfaltata subita contro il Manchester City, una partita in cui il Chelsea non ha praticamente toccato palla venendo travolto dal ritmo e dalle geometrie palla a terra degli uomini di Guardiola, ed è incredibile è che a fare questa terribile figura sia stata proprio la squadra di Sarri che conosce bene e si ispira al calcio guardiolano nelle scelte tattiche e di risorse umane.
    Misteri del “calcio evoluto” di chi pensa e gioca più al calcio in modo europeo 25-26 gradini sotto il calcio più europeo.

    • Mauro The Original

      Gioele

      Una partita giocata male in una giornata storta può succedere.

      In Coppa di Lega Inglese il Chelsea ha battuto Liverpool e Tottenham, le 2 finaliste Champions, ed ha perso ai rigori contro il City.

      Vero che l’Europa League è la Champions di serie B, diciamolo pure, ma è pur sempre più prestigiosa di una Coppa Italia o Supercoppa del nonno che facciamo qui da noi…

      Se utilizziamo il tuo metro di giudizio, allora dobbiamo dire che l’Atalanta è uno squadrone poichè ha raso al suolo la Juve con un sonoro 3 a 0.

      Che poi il Manchester City sia più forte del Chelsea è scontato, però non mi sembra che Guardiola abbia ottenuto questi gran risultati in Europa dopo il Barcellona. Ha fallito con il Bayern e pure con il City.

      • Mauro

        Un fatto è certo quello del Chelsea di Sarri è stato un campionato altalenante, la striscia negativa di 5 sconfitte in 12 gare fra novembre e marzo ha praticamente estromesso la squadra di Sarri dalla lotta per il titolo e oltre al disastroso 6 a 0 contro dal City c’è stato anche il pesante 4 a 0 subito dal Bornemounth (14°in PL) serie negativa chiusa con il netto 2 a 0 incassato dal Liverpool, risultati che hanno fatto precipitare il Chelsea al 6° posto in campionato chiuso poi a 26 punti dal City e a 25 dal Liverpool. Una distanza abissale in classifica che non credo sia giustificabile come dici con la presunta minor qualità di squadra del Chelsea rispetto a City e Liverpool, quanto forse ad un maggior grado di flessibilità che oggi sia Guardiola che Klopp hanno rispetto alle rispettive idee di calcio del passato, una fase evolutiva che nel caso fosse Sarri il prossimoo allenatore c’è da sperare che non abbia bisogno di molto tempo alla Juve per lasciare una traccia vincente.

  24. Ormai pare sicuro, Sarri alla Juve.
    Quando arrivera’ dovra’ essere sostenuto come tutti gli allenatori che sono arrivati.

    Ieri ha fatto una bella gara, cerchiamo di essere obiettivi ma anche di criticarlo quando sbaglia, e lo fara’.

    Personalmente adesso mi basterebbe che la smettesse di accarezzare I tifosi Napoletani con dediche e scusanti, quasi per farsi perdonare che allena la Juventus, gli stessi lo hanno invitato a non accettare di venire a Torino. Mi chiedo cosa succedera’ quando andremo a Napoli o viceversa.

    Ecco, se si concretizzera’ il tutto,al di fuori dell’aspetto tecnico, questi atteggiamenti sono da correggere immediatamente. Non avvenga mai che ci desse la sensazione di farci un favore o che la professione lo costringa di venirci ad allenare ma il cuore e’ a fuorigrotta.

    Bisogna avvisare Sarri, per evitare che un brutto anno si profili all’orizzonte per tutti, dalla curva alla tribuna alla societa’ e a tutti noi. Che qualcuno gli dica dove sta andando a lavorare e con chi si confronta.

    Insomma, non avrei mai immaginato di dover scrivere una cosa del genere costretto da uno che non azzecca mai niente quando parla. Poi non parliamo della Sud, dipende da come si porra’ e mi sembra giusto.
    Allegri, arrivando, fu intelligente in questo.

    • Ancora ? Allegri è il passato Tino. Fattene -pure tu- una ragione …

      • Ho capito Luigi ma che c’entra?
        Ho fatto un paragone in un post articolato, non ho detto “” Allegri dove sei…….torna da noi!!!!!…………….”
        E che cavolo ora uno deve temere magari di scrivere anche allegri come aggettivo!

      • Fattene una ragione, Tino. Il tuo “Intelligente” Allegri, malgrado il suo palmares, non mi pare lo cerchi nessuno …
        Ti dice niente questo ?

  25. Mauro The Original

    Luigi Tino Barone e altri

    Mi sembra che dite praticamente le stesse cose partendo das punti di vista diversi

    Barone ha riconosciuto che Allegri non esprimeva un gioco ma eccepisce però il fatto che Allegri ha portato a casa degli ottimi risultati. Forse ha un pregiudizio su Sarri dovuto al legame troppo stretto con i napolisti

    Tino vorrebbe che dopo Allegri arrivasse un allenatore di grande qualità mettendo però al primo posto Conte (e sinceramente volevo anche io questa soluzione che avrebbe accontentato una buona parte del tifo bianconero)

    Luigi è più deciso nel camcellare Allegri dalla faccia della terra 😆 😆 e cambiare completamente registro, puntando su un allenatore che faccia del gioco innovativo, aggredendo l’avversario e tenendo alti i ritmi di gioco per tutta la partita. Mi sembra non sia fissato su Sarri ma ne riconosca le qualità che anche secondo me sono molto buone, e non abbia pregiudizi

    Io sinceramente punterei su Sarri anche se non è Guardiola. Ma bisogna pur riconoscere che ha grandi meriti, ha fatto giocare benissimo il Napoli pur disponendo di una rosa giocatori non eccelsa ed ora con il Chelsea sta facendo molto bene considerando che è al primo anno

    • Mauro
      Ho fatto un inciso, se Arriva Sarri sara’ per forza di cose accettato e supportato, ma nel mio post ho anche detto di tutte queste frasi di spiegazioni verso I napoletani che poco ci stanno.

      Certo avrei preferito Conte, come te delresto, ma niente da fare. Nella Juve ci sono pressioni pazzesche in campo e fuori,sicuramente piu’ che a Napoli o in UK. Le.affrontera’ nel modo giusto?
      Ciao

    • Grazie, Mauro.
      Si vede che -contrariamente ad altri- sei un attento lettore di quello che qui si scrive.

      Ciao.

      • Vero, contrariamente ad altri.

        • Non ti arrabbiare Tino. Lui sa di sapere, sei tu che non capisci e che non lo leggi bene.
          Basterebbe che dicessi Allegri è un asino e chiunque è meglio di lui e ti porterebbe in auge.
          Non nominare mai più quell’ex allenatore invano, sarai scomunicato da Frà Luigi Savanarola😂😂😂

  26. Queste analisi sono davvero interessanti :
    ottimo primo tempo, spettacolare secondo tempo, sempre delle altre squadre…
    Quando si trattava della Juve : perchè dobbiamo giocare solo un tempo…. e regaliamo un tempo agli avversari…
    Devo dire che è sempre il bicchiere… mezzo… vuoto.. pieno… e sempre il prato del vicino … verde … secco… erba lunga… prato inglese…, analisi così sono come le ‘famose’ p…e, quasi tutti ne hanno due… pochi tre… alcuni una…
    Fasi difensive imbarazzanti ieri sera, soprattutto nel secondo tempo… e questo è un problema se i dirigenti Juve hanno davvero scelto Sarri.

  27. RITORNO AL FUTURO

    La storia si aggiorna, vero giusto…
    Parliamo dell’oggi perché i germogli di ieri non attecchiscono più…vero Luigi ?

    E allora la storia attuale dice che una coppa uefa(compresa la Champions) non potrà mai essere paragonata ad un Campionato vinto…vero Andrea ?

    E allora parliamo del domani…io mi auguro che sia roseo (sempre roseo perché io tifo la Juve a prescindere di chi siede in panchina) e visto che è molto più facile vincere una coppa (non lo dico io ma gli esperti che siete voi) il prossimo anno dovrebbe essere quello giusto(che sia Pep o che sia Sarri).

    Chi vivrà vedrà… la massima bionda.

  28. A breve l’inter annuncerà conte come allenatore. E’ partita una petizione su change.org a cui aderisco volentieri: via la stella di conte dallo stadium.

    • Scusa Luigis ma questa volta non concordo. Io questa petizione non la capisco. Conte è un professionista e come tale è libero di andare dove crede. Ciò che ha fatto alla Juventus sia da giocatore che da allenatore non potrà certo essere cancellato da un passaggio all’Inter. Almeno x me.

      • E no germano troppo facile nascondersi dietro la professionalità e in nome di questa giustificare tutto o fare tutto. Ci sono dei limiti che non andrebbero superati perché i tifosi non lo meritano, perché con la passione non si gioca, con l’amore non si gioca. La stella non fu assegnata a boniek per aver manifestato amore alla roma, un’inezia a confronto a quello che sta facendo conte. Calpesta la mia dignità di juventino, calpesta il mio senso di appartenenza, calpesta le gioie che mi ha regalato da giocatore e d’allenatore, per me non merita quella stella perché quella stella racchiude la juventinità: è il simbolo di coloro che hanno reso grande la juventus contro tutto e tutti, in quella stella c’è il mondo juve e ciò che rappresenta. Conte degradato a semplice soldato.

        • Rispetto la tua opinione ma la vedo in maniera diversa. Sono legato alla Juventus e a Gaetano Scirea quindi x me può fare ciò che vuole, evidenziando di nuovo che cmq è un professionista.

    • Andrea (the original)

      Cioe’ prendiamo per il culo i napoletani e poi facciamo come loro?
      Bah..

      • Andrea io non prendo per culo nessuno, ho rispetto per i napoletani che soffrono per sarri alla juve. Se preferite un tipo di calcio asettico, privo di emozioni, dove le bandiere non sono più tali vuol dire che questo gioco è destinato a finire. Diventano inutili le discussioni che qui si fanno su allegri, sarri, sui giocatori acquistati e ceduti, sulle vittorie degli scudetti, sulle sconfitte, sulla volontà di vincere la champions. Le incazzature e le gioie a che pro se ci si identifica nella juventus senza identificarsi in coloro che la rendono grande? Ma quanti di noi da piccolini volevamo essere quel tal giocatore? Perché ricordare il passato omaggiando quella juve dove il tal giocatore ci ha regalato un trofeo o una gioia?

        • Andrea (the original)

          Siamo nel 2019, era del professionismo, in cui un professionista fa una scelta professionale non contro qualcuno ma per se stesso.
          Un conto è il dispiacere, un altro sono certe iniziative, per quello si prende per il culo i napoletani e non perché ci restano male.
          Poi sinceramente sì, da bambini si sogna di essere come quel giocatore..ma certo non Conte, che è stato un mediano di medio cabotaggio e che non ha rappresentato nulla di così significativo (cosa che mi permetteva di affermare anche quando era alla Juve).

    • Scusa Luigis, ma Sarri che dedica la vittoria di una coppa vinta con una squadra…. ai tifosi di un’altra… e dovrebbe allenare la Juve?!
      Conte è giusto che alleni l’Inter … mette in gioco del suo… ne vedreno delle belle…

      • Ivano ma vuoi mettere quello che ha rappresentato conte per la juve con sarri? Quest’ultimo è stato una meteora per il napoli non ha vinto niente con gli azzurri: è stato celebrato per un secondo posto dagli stessi napoletani. Non è stato parte in causa con farsopoli come conte e lui che fa? Va poprio nella società che più cacca ti ha tirato adosso. Dai siamo seri tu andresti a lavorare per qualcuno che ti ha detto tutto il male possibile e non parlo dei tifosi, ma proprio di persone che lavorano ancora nell’inter.

        • Riscusa Luigis,
          ma io parlo di Conte e di Sarri non dei tifosi…
          Conte si mette in gioco, il suo ego è enorme… è una sfida…. che gli frega di chi lavora nell’Inter… dai lo hanno cercato… fanno quello che dice…
          Sarri vince una coppa con una squadra e la dedica ai tifosi di un’altra?!… ma non esiste… vive nel paese dei balocchi…
          Il primo viene dal calcio, il secondo da una banca.

  29. Partita del tubo, come lo sono state tante finali.
    Ha vinto il Chelsea ed anche bene.
    4 a 1 e vittoria ai blues.

    Detto questo la stagione di
    Sarri é stata piena di alti e bassi, di critiche e malintesi.
    Insomma Sarri Ball a Londra piace perché ha portato la coppa tante grazie ed arrivederci.
    Un pò come Allegri alla Juve, festa baci abbracci ciao ciao.
    Oggi pare Sarri o meglio Guardiola, insomma non si sa.

    Eppre ci si divide tra Sarristi ed anti Sarri.
    Aspettando il #sarriout direi di goderci la finale di CL.

    Due squadre inglesi a Madrid una delle due sarà sul tetto del mondo.

    Quest’anno in Inghilterra 2 coppe e 4 finaliste. Niente male per il calcio inglese che dopo denari e sponsor comincia ad intascare anche qualche trofeo.

    Provassimo ad imitarlo non sarebbe male.

    Un saluto. Luca

    • Andrea (the original)

      Basterebbe già non rifiiutarlo in nome di una presunta nostra superiorità tattica e difensiva.
      Ecco perché chi arriva arriva, l’auspicio è che elimini quella presunzione a vantaggio del gioco.

      • La manifesta superiorità tattica e difensiva si manifesta quando gli uomini che hai in campo riescono ad avere numeri tali che vengono poi rappresentati da classifica finale e statistiche varie come goal subiti/segnati, possesso palla ecc.
        lo hai affermato pure tu che questa formazione era di un livello superiore a qualsiasi altra in Italia, ed io sono convinto anche i Europa, Andrea.
        Ripeto e ribadisco che Allegri ha fallito perché non è riuscito ad alzare l’asticella fino a vincere la coppa che aspettavamo di prendere viste le potenzialità che avevamo. Non entro in merito onde trovargli attenuanti, ha fallito e basta quindi giusto cambiarlo, solo che ora, così come dice Tino e Barone, intanto per ripicche personali, hanno lasciato in mano al nostro peggior avversario ( farsopoli e tutto il fango che ci tirano addosso non è finito), e probabilmente non arriverà uno più bravo di Allegri sulla panchina della Juve ( klopp o Guardiola),quindi a che pro dover sostituire il “ sicuro” per l’insicuro , come potrebbe essere Sarri?
        So che tu stravedi per questo e mi auguro che tu avessi ragione per la passione che ho verso la Juve, ma discutiamo di in particolare che sarebbe un “rischio” che potrebbe essere reale, se siamo veramente obbiettivi. Ho sentito poi di Inzaghi o Mjhalovic, credevo di essere su scherzi a parte, ma ci rendiamo conto che la Juve quest’anno se non fa almeno il minimo sindacale ( scudetto) sarà un anno di definitivo declino?

        • andrea (the original)

          Le ripicche non c’entrano nulla.

        • Per i duri di comprendonio.
          Allegri ha fallito non perché non ha vinto la Coppa.

          Allegri ha fallito nel momento in cui, in 180 minuti, ha subito una solenne lezione di gioco dai ragazzi dell’Ajax … quella è stata la definitiva cartina di tornasole che ha stabilito l’obsolescenza del suo gioco rispetto a quello europeo.
          Questo il motivo principale per cui la triade juventina ha deciso di mandare al mare il Vate di Livorno.
          Ma questo semplice concetto per alcuni temo non sarà mai chiaro.

  30. Andrea e Germano

    Scusatemi ma Sarri e i napoletani non hanno subito Calciopoli e nessuno di loro è stato accusato di doping e/o rinchiuso in un gabbiotto.
    È tutta una storia diversa che fose voi non la ricordate.

    Germano, scusami, ti chiedo un favore: non portare avanti quel nome invano. Grazie.

    • JuiceKaboose

      E qui non posso che concordare!
      Conte alle cacche di milano è PEGGIO di Totti alla Lazio, o Maldini alle cacche, o la ragazzina Greta a capo di una multinazionale del petrolio… poiché loro Calciopoli non l’hanno subita!

    • Scusa Max. Non ho capito bene il finale.

  31. ROMOLO E REMO HANNO UCCISO LA LUPA

    A Roma è scoppiato il caos. Di nuovo, e stavolta rischia di far crollare tutto. Tutto nasce da un’inchiesta di Carlo Bonini e Marco Mensurati su La Repubblica che rivela i contenuti di una mail interna alla società che possono aiutare a capire bene il contesto e i retroscena del turbolento addio tra Daniele De Rossi e l’As Roma.
    De Rossi, al momento in Giappone, ha fatto sapere di aver già dato mandato ai suoi avvocati per querelare il giornale.

    Buona notte ai sognatori.

  32. UFFICIALE MA NON GENTILUOMO

    Oggi si ufficializzerà Conte all’Inter …
    Qualcuno, se avesse un minimo di memoria di sé, dovrebbe andarsi a rileggere tutte le certezze farlocche che negli ultimi tempi ha sciorinato qui, sul tema CONTE alla JUVE.
    A nulla son valse fino ad ieri le accorate repliche : Conte alla Juve, dopo quella famosa fuga estiva, non può tornare per ovvi motivi.

    Oggi le certezze farlocche crollano miseramente.
    Ma tutti, per carità di patria calcistica, faremo finta di niente, visto che a furia di indicare la luna che non c’è, alla fine il dito gli è finito in un occhio !🤣

    • Mauro the Original

      Luigi

      Io sinceramente ci credevo di un ritorno di Conte alla Juve.
      Era la scelta più ovvia e ragionevole in questo momento.
      Ma sicuramente fra le parti (Conte ed Agnelli) è successo qualcosa di molto molto grave da impedire qualsiasi collaborazione presente e futura.

  33. Era la soluzione più logica, Luigi, ma quando parliamo di logica noi parliamo due lingue differenti.
    Qualche anno addietro Capello, allora allenatore della Roma disse pubblicamente che non sarebbe andato mai alla Juve. Il dottor Umberto Agnelli ( padre dell’attuale presidente) fece finta di non sentire e lo chiamó proprio per sotterrare quell’ascia di guerra che don Fabio aveva in mano da molti anni prima, da quando lo mandarono via in cambio di un medianaccio come Benetti. Tu ti potrai ricordare ma qualche altro amico ( non era nato) non sa chi era Capello calciatore e quando giocava nella Juve, qualcuno se lo ricorda per essere stato il primo italiano a segnare e pirtare alla orima vittoria a Wembley, ( rete tra l’altro che non aveva superato la linea di porta).
    Comunque in privato ti diró perché ero sicuro di Conte alla Juve.

    • Il vero problema è che da mesi qui, tutti o quasi ti stiamo dicendo che Conte non sarebbe venuto alla Juve perché Andrea Agnelli si è legata al dito la sua fuga del luglio 2014 …
      E tu hai fatto sempre orecchie da mercante. Ed ora le chiacchiere stanno a zero.

      Oggi, oggi sarebbe solo necessaria un minimo di ammenda da parte tua, scrivendo che purtroppo quella tua “sicurezza” si è rivelata errata.
      Anche perché è un tuo vizio confondere gli “auspici” con le “certezze”.
      Ma che tu ovviamente (ti conosciamo bene) non farai niente di tutto ciò. Perché per te scrivere : “ho sbagliato previsione”, è una montagna altissima, che non scalerai mai. :mrgreen:

    • PS Leggi sullo stesso tema il post di Andrea qui sotto.
      Forse capirai perché noialtri fossimo certi del contrario di quello di cui tu eri sicuro. Vero, la logica evidentemente non è la stessa per tutti. La tua viene quasi sempre smentita dai fatti. Purtroppo.

  34. Mauro the Original

    Scelta dell’allenatore e situazione finanziaria.

    Leggendo i vari commenti noto che certe nostre scelte vengono dettate dal cuore, mentre la dirigenza ragiona prevalentemente con la calcolatrice.

    A fronte di fortissimi investimenti si è verificato un deprezzamento significativo che mette in difficoltà i conti societari.

    Vendere azioni a basso prezzo e che potrebbero risalire per comprare azioni ad alto prezzo che potrebbero poi scendere è la scelta più antieconomica che si possa fare.

    Ed è quella che voleva Allegri chiedendo un ricambio di almeno 5/6 giocatori, il che avrebbe prodotto una voragine nel bilancio.

    La Juve in questo momento ha bisogno di un allenatore che prenda in mano la situazione e sappia valorizzare nuovamente la rosa a disposizione. Solo a quel punto puoi vendere senza rimetterci, ma non ora.

    Ecco perché Guardiola non è possibile ora, lui come Allegri chiederebbe una forte campagna acquisti.

    Mentre chi sa ottenere risultati con il capitale umano a disposizione sono Sarri e anche Pochettino, che secondo me sono gli unici nella lista di Agnelli.

    Perché non è arrivato Conte?
    Sinceramente quando Conte è andato via credevo che il responsabile fosse Marotta che non autorizzava certe operazioni di mercato. O in seconda ipotesi, che Conte volesse troppo potere in azienda stile Ferguson e Marotta non gradisse questo atteggiamento.

    Ma il fatto che ora Conte vada proprio da Marotta annulla queste mie ipotesi.

    Il problema quindi è sorto fra Conte ed Agnelli e credo non sia dovuto al discorso del ristorante da 100 euro.

    Anche perché poi la Juve i soldi li ha spesi, per cui non vedo il motivo di negare degli acquisti a Conte e poi concederli ad Allegri.

    Sicuramente è quindi successo qualcosa di grave che noi non conosciamo e che ha incrinato per sempre il rapporto fra le due parti.

    • Esatto Mauro,
      ma poi che problema ci sarebbe se uno auspicava ugualmente Conte di ritorno alla juve, era una speranza giustificatissima.
      OK MEDAGLIA DI CARTONE a chi era sicuro che non venisse. 😎

    • No, Tino, la medaglia di cartone mi sembra più pertinente per chi era ARCISICURO che venisse ! ahahahahah

  35. andrea (the original)

    Barone

    Max vediamo di far chiarezza una volta per tutte perchè sinceramente mi annoia dover fare muro contro muro su ogni cosa e affrontare sterili polemiche.
    Farsopoli mi ha anche un pò stufato, perchè pare che sia diventato un paravento per legittimare qualsiasi posizione e distinguerla da quelle delle altre tifoserie..mi sembra la perfetta riproduzione del grillismo.

    Antonio Conte si è proposto alla Juventus in tutti i modi, si sarebbe anche incatenato pur di tornare, ha atteso sin qui nonostante un accordo verbale con l’Inter in essere già da tempo proprio perchè, in perfetto stile Conte, se fosse arrivata la chiamata della Juve avrebbe detto “abbiamo scherzato” in un amen all’Inter.
    E tu sai che qui di calciologi, manager fantasma ecc è pieno, io non ne faccio parte, non amo riferirmi a bufale sui social, quindi ciò che ho detto sai perchè l’ho detto e da chi mi arriva.
    Il punto è che Agnelli questa chiamata non l’ha fatta, anzi si è proprio opposto, perchè quando uno è pericoloso per un’Azienda (come scrissi nel periodo del suo addio quando si accusava la Società di non aver assecondato le sue richieste di mercato), quando i suoi comportamenti irresponsabili mettono a repentaglio un progetto, quando tale irresponsabilità è conclamata e lo ha accompagna da quando ha iniziato ad allenare, un’Azienda non gli concede una seconda chance. Altro che rischio sul gioco con Sarri, i rischi con Conte sono ben superiori e ampi.
    Dunque, Conte era a piedi, perchè per quanto lo si consideri un fenomeno ha credito solo in Italia o comunque solo in Italia lo si valuta per l’allenatore e non globalmente per i danni che può produrre.
    L’Inter si deve rilanciare, grandi allenatori facciamo fatica noi a prenderli figuriamoci loro, è andata sul profilo di maggior impatto nell’immediato e non vedo perchè Conte dovesse rimanere a piedi.

    Dunque farsopoli non autorizza alcuna diversità, tutto lo strepitare è identico a quello dei napoletani, se vogliamo essere davvero diversi come diciamo di essere (cioè io non lo dico eh), valutiamo i fatti, pensiamo alla nostra di panchina e di stagione, lasciamo che Conte faccia il suo solito percorso di impatto immediato e danni già sul medio termine, comunque consapevoli che è stata la Juve a non rivolerlo..per fortuna.
    Io posso dirti che se fosse tornato lui mi sarei preoccupato perchè avrei colto assenza di lucidità in Agnelli, cosa invece smentita dai fatti e che mi conforta.

    • Si,i suoi comportamenti non solo sono stati da irresponsabile per le conseguenze le quali potevano danneggiare il progetto Juve, ma anche la considerazione che ebbe per i suoi giocatori definendoli finiti e prosciugati e per aver fatto passare la società bianconera per una pezzente morta di fame con la famosa dichiarazione del ristorante da 10 euro, lasciando oltretutto la squadra dopo tre giorni di ritiro. Per gli Agnelli è stato un affronto e uno sgarbo non risanabile, ma non solo per loro.

  36. LA LOGICA

    La logica, per avere attendibilità, deve tenere conto della TOTALITA’ DEI FATTORI che generano la realtà che accade.

    Nel caso “Ritorno di Conte alla Juve”, qual era il fattore più importante da tenere in considerazione ?

    Il fattore primario da tenere a mente nello specifico caso era “Andrea Agnelli”, il n.1 della Juve, che in tutti questi anni è stato accurato nel mai nominare il fuggiasco del luglio 2014. Evidentemente era rimasto scottatissimo da quell’evento.
    Questo era il dato certo che sovrastava e sovrasta tutte le altre considerazioni.

    Perciò la “nostra” logica ci portava a ritenere che il ritorno di Conte alla Juve fosse da considerare ai limiti dell’impossibile.
    I fatti ci hanno dato ragione, perché evidentemente, dopo aver valutato tutti i fattori in gioco, abbiamo giudicato, a priori, quale di essi sarebbe risultato decisivo.

    Buona giornata.

    • Pure il plurale majestatis ora. Luigi avresti fatto una processione a piedi nudi,conoscendoti, se fosse rientrato Conte.
      Comunque a tempo debito ti diró quello che avevo saputo qualche mese addietro. Se poi era millanteria o meno non lo posso dire, viste come sono andate le cose. Ma se hanno mollato Conte è solo perché c’è Pep in prima fila o almeno questo dice sempre una certa logica.
      Se così non fosse, beh mi rimetto al cospetto della corte e diró di non capire niente e che inizieró ad imparare anche quando leggeró discorsi strampalati. Kafka era un mio idolo quando lo leggevo da ragazzo, ma credo che oggi certe sue letture sarebbero molto attuali visto la trasversalità del pensiero umano, dove anche i buoni passano x cattivi, e i Berlusconi osannati come re.

    • Il plurale era per Andrea e qualche altro, ma tu sei il solito testone duro a capire …
      cioè tu stai ancora a capire se era millantato credito la venuta di Conte alla Juve ?! Allora lo stai ancora aspettando. Bravo, comprati un lecca lecca nel frattempo 🤣

      Conte non lo hanno mollato.
      Semplicemente non lo hanno mai considerato. Per i motivi che ti ha elencato anche Frank poco fa.
      Solo tu non capisci la differenza. Il nome di Conte è bandito dalle parti della Continassa. Fattene una ragione.
      Guardiola è in prima linea e la seconda opzione è Sarri. Punto.
      Conte è out in tutti i sensi.

  37. Tanto per rimanere in tema

    NOI NON SIAMO LA JUVE

    Annunciato arrivo del nuovo allenatore, puntualizziamo in maniera ferma e decisa che la Curva Nord non può certo dimenticare il suo passato bianconero e giudiziario.

    Da garantisti quali siamo e saremo sempre, accettiamo il fatto che da certi “sospetti giudiziari” il nuovo mister si sia svincolato espiando le sentenze che l’hanno riguardato, sebbene rimanga indelebile la “colpa” per la lunghissima militanza in una società da cui ci riteniamo lontani anni luce per stile e valori.

    Inutile nascondere che la scelta di una persona col passato di Stellini nello staff tecnico ci preoccupa moltissimo ma, sebbene consci dell’apporto tecnico che le innegabili qualità professionali di Conte possano fornire al percorso futuro dell’Inter, la nostra preoccupazione riguarda soprattutto l’aspetto morale che vorremmo fosse dimostrato in futuro.

    NOI NON SIAMO LA JUVE. PER NOI VINCERE NON È L’UNICA COSA CHE CONTA!!!

    Essere interista significa vincere nel rispetto dell’avversario, accettare la sconfitta, le sentenze e non cercare alibi.

    Il nostro messaggio e augurio è pertanto quello che mister Conte e con lui anche Marotta, si affidino a Lele Oriali e a Zanetti ed assimilino presto lo spirito di fratellanza che sta al centro dell’essere Inter e che non deve aver nulla a che vedere coi risultati sportivi.

    Si può vincere e si può perdere ma la dignità non deve mai venire meno; gli isterismi e le frustrazioni bianconere le seppellisca a torino. Noi siamo l’Inter e camminiamo sempre a testa alta.

    Noi non abbiamo e non vogliamo avere scheletri nell’armadio, non vantiamo titoli che ci son stati tolti per i nostri comportamenti illeciti; noi rispettiamo le sentenze e non facciamo uso della “memoria” per raccogliere consensi con ipocrisia.

    Noi siam quelli che hanno avuto la signorilità di applaudire l’ingresso in campo del Milan dopo la conquista del mondiale, noi siam quelli che non hanno abbandonato i propri giocatori vittime di gravi malattie anche dopo che hanno lasciato la società, noi siamo quelli che ricordano i propri eroi ispirandosi ai loro valori non ai loro successi.

    Essere interista significa rispettarne la storia, la tradizione sportiva, la sua gente e soprattutto la città che rappresenta sempre con Onore.

    Buon lavoro mister Conte con l’augurio di dimostrarci presto di esser all’altezza dell’Inter perché …

    NOI NON SIAMO LA JUVE.

    • Questo, caro Luigis, per uno juventino vero, sarebbe un autentico pugno nello stomaco.
      Ma evidentemente per Conte è una puntura di moscerino.
      … a leggere poi delle “frustrazioni bianconere” si resta francamente allibiti :mrgreen:

      Un viaggetto nel bausciacafè farebbe bene un po’ a tutti: farebbe capire dove può arrivare la frustrazione di un popolo di tifosi.

      Amen.

    • Ma qualcuno li ha avvisati che sono dei prescritti?

      • D’avanti a 10 milioni di euro ( ecco il prezzo del Giuda Conte) ogni puntura come dice Luigi ( finalmente in sintonia) diventa di un moscerino. Io da Leccese già una volta perdonai Conte quando iniziava il suo percorso da allenatore, andando a lavorare x il Bari. Oggi sono tra i primi a firmare quella petizione perché so togliesse la sua stella allo stadium. Tutti gli uomini si dice hanno in prezzo, non lo biasimo, peró che sia un gran ” morto di fame” perchè non naviga nella miseria, glielo posso dire in faccia. Non si tratta più di professionismo ma nella fattispecie di dignità personale. Se ha gli attributi, al terzo giorno di allenamenti dovrebbe lasciare la pinetina così come fece 5 anni orsono a Torino.

    • … e meno male …
      Comunque sono d’accordo con la curva dell’Inter Marotta e Conte si devono AFFIDARE… a Oriali e Zanetti…. il risultato sarà assicurato…
      Mentre vincere è l’unica cosa che conta, anche per Conte…. uomo di calcio.
      La storia si ripete … è la terza volta che cercano l’allenatore della Juve per vincere… anche se non è l”unica cosa che conta…. ah ah ah… la prima andò bene Trapattoni, la seconda male Lippi,… la terza … oramai si saranno AFFIDATI…
      Oggi alle 13.30 ho sentito su Sky un pezzetto della conferenza stampa di Zang e di Conte… dopo che Conte ha detto riportare questa società dove merita… mi è venuto da ridere… ma non so ancora il perchè…

    • andrea (the original)

      Tanto per rimanere in tema, la cosa è divertentissima, non da far rabbia.

      Ognuno si senta differente (ma non si capisce ancora per che cosa) vincere non è l’unica cosa che conta ma domenica contro l’Empoli allo stadio e nei video della gente davanti alla Tv si sono visti volti al limite del cianotico.

      Loro non sono la Juve a cui non verrà certo attribuito il Nobel per la Scienza..va bene che le grandi scoperte a volte nascono da eventi fortuiti ma qui mi sembra che non sia stato scoperto granchè.

      Loro non sono come noi ma prendono da noi manager, allenatori, giocatori e persino slogan, perchè “Ci sono Inter” con voce di Antonio Conte sul video ufficiale della Società altro non è che la traduzione da google di “Eu Esto Aqui” di Cristiano Ronaldo.

      Ogni tifoseria nella vita ha perso facendo una figura indecorosa nell’accettazione della stessa e ha perso facendo la figura di signori.

      Conte oggi ha espiato le colpe con la giustizia, come fino a ieri non le aveva espiate.

      L’ultimo che non aveva scheletri nell’armadio è stato raggiunto ieri mattina da un pignoramento di Equitalia.

      Ora, uno potrebbe anche arrabbiarsi perchè magari pensa che questa nota sia stata scritta dai discendenti di Martin Luther King o Nelson Mandela o ancora Oskar Schindler o Giovanni Falcone.

      Ma poi vai a leggere la firma sulla nota e si tratta dei curvaioli e sinceramente, sentire prediche sul passato giudiziaro di Conte provenienti da personaggi che, nella migliore delle ipotesi, hanno un cassone di denunce a piede libero, rende tutto esilarante e può solo lasciare un sorriso in nome della Terra dei Cachi.

      Dai luigis, facciamoci una risata almeno su queste cose. Il nostro popolo è questo, o espatriamo o con questa roba toccherà conviverci per sempre.
      😉

  38. La Presse. 1 ora fa
    Secondo la stampa inglese Sarri resterebbe di buon grado al Chelsea a due condizioni:
    Pieno sostegno del club e carta bianca nei metodi di gestione dei giocatori. Sarebbero questi i punti fondamentali su cui Maurizio Sarri punterà per rimanere alla guida del Chelsea. Lo rivela il prestigioso The Times, secondo cui il tecnico toscano incontrerà nei prossimi giorni la plenipotenziaria del club, Marina Granovskaia, per fare il punto sul futuro. Sarri è pronto a rimanere ai Blues e rifiutare l’offerta della Juventus soltanto se il club dimostrerà piena fiducia nei suoi metodi di lavoro.

    Nonostante la vittoria in Europa League e un contratto garantito per altri due anni, il 60enne Sarri non è certo di restare. L’ex allenatore del Napoli chiederà rassicurazioni sul fatto che il Chelsea sia pronto a sostenere il suo approccio tattico e i metodi di gestione degli uomini di fronte anche all’ostilità di alcuni tifosi, che spesso hanno criticato la squadra per il suo stile di gioco.

    Sempre dall’Inghilterra, il Daily Mirror riferisce che la Juventus è pronta ad offrire un ingaggio da oltre 7 milioni di euro per tre anni a Sarri, individuato come l’erede di Massimiliano Allegri. Il club bianconero, però, al momento non avrebbe effettuato ancora alcun approccio ufficiale con il Chelsea che chiede il pagamento di 5,5 milioni per liberare il suo allenatore.
    \\\\\

    Prima la dedica , se arrivasse da noi e vincesse qualcosa a chi dedicherebbe la vittoria,agli Inglesi? (A parte che con lui Moggi vede la Juve da terzo posto), Ora questa dichiarazione. Mah!
    Forse la juve fa bene a mantenersi abbottonata, qui c’e’ da fare una figura di m……. Fa gia’ danni adesso.

  39. Luigi (Sa)

    Allegri non ha fallito, Allegri semplicemente, dopo 5 tentativi non ha vinto la coppa.

    Purtroppo per lui si è diffusa la sensazione, che giocando così la coppa non la vinci, questo perché le squadre che vincono in coppa giocano in modo diverso.

    Da qui, non il fallimento ma la fine di un idea di calcio.

    • È appunto quello che ho scritto Luca …
      I ragazzi dell’Ajax hanno messo spietatamente a nudo l’obsolescenza della sua “idea” di calcio riassumibile con : “in una partita ci sono tante partite”, “calma, ora li aspettiamo”, “fatela girare” (contro l’Inter 10 e sotto 0-1), “al 70^ spacco la partita”, “dalla a Cuadrado”, “dalla a Costa”, “Preparati Barza che negli ultimi 10^ entri” …
      Ecco, tutti questi sotterfugi che hanno il sapore di “fugadalcalciogiocato”, sono stati spazzati via quel 16 di aprile …
      Quella sera il campo ha sotterrato il mondovisione il modo accattone di fare calcio di Massimiliano Allegri.

      Ciao.

  40. Conte all’Inter!

    Così mi sono svegliato questa mattina. Non che non me lo aspettassi, anzi “Gli Autogol” erano stati abbastanza chiari in merito.

    Conte aveva grandi aspettative, ma alla fine ha avuto in mano solo la Roma e l’Inter.

    In Spagna non lo hanno voluto.
    In UK dopo due anni trionfali, nessuno ha pensato a lui, c’era il Man.Utd del dopo Mou, ma gli hanno preferito un loro ex giocatore con pochissima esperienza.

    Il Bayern indicato da Cattelan, non si è fatto vivo ed allora…..

    Ed allora o la Roma, dove avrebbe fatto la fine di Ancelotti a Napoli, o l’Inter che cova sogni da grande club.
    Ed è proprio il sogno di riportare l’Inter ad essere un grande club e poi di farne parte, che secondo me e secondo la mia personale sensibilità, ha convinto Conte ad accettare la corte di Zang.

    Certo, fa male.

    Fa male per quello che Conte disse a suo tempo, per l’essersi schierato in un certo modo ed con un certo piglio su Farsopoli sempre a suo tempo.

    Fa male perché l’Inter è sempre l’Inter, non è una squadra qualunque, però almeno non è il toro.

    Fa male perché è l’ennesimo schiaffo a noi Juventini preso dal nostro ex capitano (oggi si ex e con c rigorosamente minuscola).
    Ci fù lo schiaffo del ristorante, quindi la rinuncia alla finale di coppa a Torino, poi il rifiuto del contratto perché voleva sostanzialmente comandare. Quindi l’addio quando si rese conto che i suoi giocatori dopo essere stati definiti dei rottami, non lo avrebbero più seguito.

    Eh quindi che dire?

    Niente, da oggi in cuor mio solo fischi ed arrivederci a mai più.

    Io la firma per togliere la stella la metto, ma non mi accontento, vorrei che dicesse in tv quanti scudetti ha vinto la Juve.

    Ibra lo disse, lui?

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia