Pagelle Juventus Lazio 2-2

 

 

Pagelle Juventus Lazio

Perini 7 Prova a pararle davvero tutte e riesce a tappare ogni buco fino al 94mo. Non so se sul tiro finale può fare meglio perchè è un tiro molto forte.

Cuadrado 0 Gioca una discreta partita con qualche errore di troppo in difesa dove viene spesso saltato ma anche con qualche buona sortita come quella che portga al gol di Morata tuttavia non si può perdere palla a 10 secondi dalla fine anche se forse subisce un ostruzione.

Bonucci 6,5 Comanda la difesa con autorità e mestiere e non è neanche malaccio. Forse dovrebbe cercare di svettare di più sulle palle alte visto che ne ha la capacità e spesso non saltiamo come in occasione del loro primo gol.

Chiellini SV Un grande e caloroso applauso e un arrivederci per questo grande giocatore e capitano. Gioca solo 17 minuti come 17 anni sono quelli passati in bianconero.

Alex Sandro 5 Al solito una mezza sciagura e questa sera non era partito neanche male facendo alcune buone chiusure che facevano pensare a una serata diversa. Poi l’autogol e tutta una serie di giocate approssimative.

Bernardeschi 7 Una prestazione di grande quantità. Lotta come un leone su ogni pallone ed è uno dei più presenti in ogni azione difensiva ed offensiva. Peccato per il suo impegno meritava la vittoria più di altri.

Locatelli 5,5 Non è in piena forma e non riesce a dare il suo apporto al 100%. Si nota poco in fase propositiva mentre riesce a dare qualcosa quando si è sulla difensiva e scherma gli attacchi avversari.

Miretti 6,5 Ancora una buona prestazione per questo giovane che fa vedere che ha personalità e geometrie. Ha anche delle buone intuizioni ma ogni tanto predica nel vuoto.

Dybala 6 La prestazione è un poco in chiaro scuro con qualche bella giocata tipo il colpo di tacco sull’azione del gol di Morata e il colpo di spalla per un contropiede mal sfruttato da Akè. Non riesce a trovarsi mai in zona tiro anche se si da un gran da fare per aiutare i compagni almeno fino a che ne ha. Anche lui lascia questa sera dopo 7 anni di successi. E’ un addio più triste du quello di Chiello che è a fine carriera. Il tempo ci dirà chi ha avuto ragione. Commoventi le sue lacrime a fine partita.

Morata 6,5 Gioca una partita intensa e segna finalmente un gran gol. Aiutato dalla difesa larga della Lazio oggi potrebbe davvero esser ancora più incisivo se al solito a volte non si addormentasse sulla palla. Aiuta anche Sandro in qualche ripiegamento.

Vlahovic 6,5 Inizia male incaponendosi su ogni pallone che non si sa per quale motivo gioca da solo e non con i compagni. Poi trova un gran bel gol e la sua prestazione migliora. Peccato perchè con Morata soprattutto si ha l’impressione che potrebbero fare qualche gol in più.

 

 

De Ligt 6 Partita abbastanza normale aiutato dal fatto che i laziali tirano quasi sempre da fuori e quasi mai arrivano dalle sue parti. Peccato non si sia riusciti a tenere la vittoria.

Pellegrini 5,5 Entra bene in partita e fare meglio di questo Alex Sandro ci riesco forse anche io. Peccato nel finale è pià preoccupato di nascondere le mani dietro la schiena piuttosto di evitare che Milinkovic Savic tiri.

Kean 6 Partita difficile perchè quando entra poi la Juve si mette con il 442 e Dybala non ne ha più e lo aiuta poco. Però lui si da un bel da fare.

Akè 6 Minutaggio importante per questo giovane che corre tanto e ha buona tecnica ma che ancora sulle decisioni da prendere risulta un poco ingenuo.
Palumbo sv

 

Juventus 6 In una serata che non contava nulla ma contava di più la festa per Chiellini e Dybala si gioca anche per lunghi tratti una buona partita. Peccato il pareggio finale.

Allegri 5,5 Non riesce a chiudere con una vittoria in casa questa stagione controversa. Ridisegna più volte la Juve ma non basta per fare 3 punti. Non basta neanche un doppio vantaggio.

Arbitro 5 Sull’azione del gol della Lazio poteva starci anche fallo su Cuadrado. L’ennesimo episodio di una stagione in cui se si può evitare di fischiare pro Juve si fa perchè tanto si sa che così si dormono sonni tranquilli.

  1. MANCAVA AYROLDI

    Fallo su Cuadrado e partita finita invece no, a Lotito mancava il punto per l’Europa e il punto all’ultimo secondo e anche oltre dei 5 minuti di recupero è arrivato.

    Odiare la Juve perché la storia tra un giocatore e la società termina mi sa proprio da non tifosi della Juve.
    Meno male che possono solo starnazzare.

  2. Loro giocavano per prendere un punto mentre noi dovevamo solo giocare a calcio.
    E festeggiare Dybala e Chiellini.
    Giocato bene per un po’, segnato due gol, dovevamo solo gestire (come insegna allegri) e poi puntualmente sono venuti fuori i soliti alibi e scuse.
    Non c’erano sufficienti motivazioni? C’era fallo su Cuadrado? Gli infortunati? E la stampa contro? Quali altre scuse in questo campionato fatto di fuffa in una stagione fatta di fuffa, un’altra partita fatta di fuffa. Tante chiacchiere e quasi niente sostanza. Anche stasera cambia poco. Motivazioni o meno, allegri in o allegri out, alla fine la partita è stata come tante altre di quest’anno, fuffa. Sembriamo giocare e segnare dei gol e avere occasioni, poi viene fuori la pochezza e ci pareggiano in casa in contropiede al 95′. Possiamo dire, tanto non contava nulla. Bello così, le premesse per il prossimo anno ci sono tutte, come le scuse che possiamo tirare fuori per l’ennesima partita buttata.
    Giocatori innocui, squadra innocua, non spaventiamo nessuno perché manca la sostanza.

    Speriamo nel prossimo anno, ma ci vuole più sostanza e meno fuffa.

  3. Il goal preso al 95° è lo specchio di questa stagione.
    In quel goal c’è proprio tutto…gli errori dell’allenatore, la pochezza di alcuni giocatori e soprattutto gli errori arbitri-var.
    Su Cuadrado era fallo, non ci sono scuse.

  4. #SPERIAMOBENE

    Le dichiarazioni di Maurizio Arrivabene prima della partita con la Lazio:
    “L’anno scorso abbiamo raggiunto il quarto posto all’ultima giornata grazie al risultato di un’altra squadra, questa volta abbiamo raggiunto l’obiettivo senza patemi. In una situazione in cui ci troviamo di fronte ad un ricambio generazionale, in cui siamo in una fase di ricostruzione qualificarsi in Champions League è stato importante.
    Faccio i complimenti a Giorgio Chiellini per la sua splendida carriera alla Juventus”.

    Su Pogba:

    “Pogba è un giocatore dello United, quindi serve rispetto anche per la sua squadra. Gli agenti di Pogba sono anche i procuratori di Kean, Pellegrini e de Ligt, l’oggetto della discussione non era assolutamente lui”.

    Il progetto della Juve:

    La disponibilità economica è legata alla sostenibilità. L’acquisto di Vlahovic a gennaio ha anticipato il mercato. La squadra sarà costruita sulla base della sostenibilità e col giusto mix tra giovani e calciatori d’esperienza”.

    Sui calciatori italiani:

    “Miretti in prima squadra credo segua il trend di valorizzare giovani italiani, riguardo l’italianità dei giocatori va considerato anche il livello cui vogliamo portare la squadra, naturalmente non c’è nessuna preclusione”.

    Sul centrocampo:

    Se volessimo parlare con Pogba prima dovremmo parlare con lo United per correttezza. A centrocampo serve qualcosa sono d’accordo con voi, chiaramente serviranno innesti anche in attacco e in difesa”.

    Credo che sapremo chi arriva alla Juve solo a cose fatte.

  5. Partita da fine stagione tra società che hanno bisogno di avere rapporti distesi per gli eventuali possibili affari.
    Non dó alcun peso a questo incontro e credo che qualche malumore ci sarebbe stato se non si fosse lasciato un punto ( che serviva per la matematica) alla Lazio.
    Solo il primo tempo da giudicare per qualche spunto e per applaudire “l’ultimo gladiatore “ .
    Ora si parla solo di calciomercato e spero che la Juve porti a casa il duo Pogba- Milinkovic Savic. Poi qualche ritocco tra le fasce e spero si ringiovanisse la rosa naturalmente. Sarei curioso di vedere Gatti che dovrebbe prendere il posto di Chiellini e che ho già osservato in serie b nella sua attuale squadra. Se si adatta al salto è un bel prospetto tecnico.
    Voli pindarici verso i De Maria non ne farei, meglio tenersi e puntare su Bernardeschi che è già in casa anche se è più croce che delizia.
    Probabilmente in questi ultimi anni è venuta a mancare “la fame “soprattutto quella del primo Conte e del primo Allegri ( quando la squadra secondo il primo era bollita) e, solo con nuovi prospetti che hanno voglia di dimostrare di essere da juve tutto ciò sarà possibile.
    Da tifosi come ha pure detto Ben, noi saremo sempre orgogliosi e fieri di tifare Juve fino alla fine

  6. Tutto sommato è un pari che la Lazio nel secondo tempo ha meritato agevolata anche dalla fragilità di un centrocampo juventino che (ma non è nella partita di ieri che lo si è visto) ha un bisogno urgente di essere ricostruito dalle fondamenta, a differenza di altre zone del campo in cui credo possa bastare qualche ritocco per riportare la Juve ad alti livelli di competitività. Il tutto come dovrebbe essere e succede in altre squadre, accompagnato dalla passione e dal sostegno della tifoseria bianconera.

  7. DA OMAR A PLATINI PASSANDO PER DEL PIERO FINO A DYBALA

    Dispiace perché Dispiace ma la Juventus resta sempre quella da amare e insieme a Lei il suo Presidente.
    Andrea Agnelli ha riportato Torino e la Juve in cima al tetto d’Europa, senza conquistarla ma per una notte e poi ancora ha riportato la Juve lassù.
    Eppure per un giocatore che ha sbagliato per l’ingordigia del suo procuratore viene fischiato nello stadio che lui ha portato a termine l’idea di Giraudo.

    Ieri ha pianto lui, Dybala, tanti anni fa ho pianto io per l’addio di Omar alla Juve.
    Smise di giocare quando era in forza al Napoli proprio nella partita contro la Juventus, otto giornate di squalifica e scarpette appese al chiodo per un pugno a Salvadore della Juve.

    Sivori e Maradona a calcetto:

    https://youtu.be/ncgdnT-VJxk

  8. Poco da meravigliarsi sui fischi ad Andrea Agnelli per l’addio di Dybala, sono la manifestazione evidente della spaccatura che esiste da tempo fra il tifo organizzato e la dirigenza che lo ha estromesso dallo Stadium con tutti i suoi privilegi. Fischi dei rancorosi da stadio, accuse farneticanti nei social di chi manifesta indignazione verso Agnelli e Allegri coprendo vergognosamente di insulti e offese 10 anni di storia della Juve ricca di soddisfazioni e trionfi sportivi.

  9. Leggo tre nomi.
    Pogba
    Perisic
    Di Maria.
    Sul Polpo spero arrivi.
    Ma quei 2?
    Non sono né giovani né italiani.
    Boh.
    Sperema ben

  10. Un pò di pazienza e si saprà chi potrebbe arrivare. Io ho idea che si punteranno Milinkovic Savic ormai in fase di rottura con il lo tirchio che ha bisogno di rifare la squadra è forse pure il Polpo. Mi basterebbero, poi c’è da valutare un pò di giovanotti che ha nella sua squadra under 23 di cui si parla bene e quel Gatti che ha già preso a gennaio per sostituire l’ultimo capitano

  11. Amaro recòrd

    16 maggio 2006
    La Juventus comunica che il signor Luciano Moggi si è dimesso dalla carica di amminIstratore e direttore generale della società con effetto immediato.

    Guido Rossi viene nominato commissario straordinario della Federazione Italiana Gioco Calcio.
    Moratti: “Rossi in FIGC è la scelta migliore”.

    17 maggio 2006
    Il giornalino suino: “Al potere un vero tifoso interista che evita il caffè al bar bianconero”

    Nessuna Var-iazione, con loro vanno sempre a prendere il caffè al bar.

    • Il giornalino color suino è lo stesso che fu parte attiva nel processo del 2006 con i tabellini taroccati delle partite e le pagelle personali sugli arbitri, lo stesso che oggi per nascondere gli scippi della squadra del cuore cambia colore e diventa “madre” premurosa che nega anche l’evidenza, così come fanno alcuni sedicenti tifosi che utilizzano nick fasulli come il passaporto e la patente falsi di Recoba.

      • Gioele
        Eh ma il 10 luglio 2006 il giornalino color suino titolava la prima pagina:

        TUTTO VERO!
        CAMPIONI DEL MONDO

  12. MA INTANTO IL DANNO È STATO FATTO

    “Caso plusvalenze, respinto il ricorso della Procura Federale.
    È stata confermata la sentenza di assoluzione per tutti i club e i dirigenti coinvolti…”

    Un altro tassello che non ha permesso alla Juve di competere in questa stagione.

  13. Barone50

    C’è di più, nella sentenza definitiva di condanna ad Oriali per falso e ricettazione del passaporto e della patente falsi di Recoba, il Tribunale di Udine ha scritto anche che:”Non è infine pensabile che l’Oriali possa aver agito da solo, senza avvertire del suo operato i dirigenti suoi diretti superiori”, un passo che riafferma la responsabilità diretta della società inter nel conseguimento del passaporto, ma nessuno ha avuto voglia di sporcarsi le mani e di andare contro chi dopo la farsa di calciopoli sono SEMPRE IMPUNITI.

    • Ma non è tutto Barone, sull’articolo di Moggi riportato da te in uno dei topic precedenti ho letto una sintesi che ignora volutamente i motivi scatenanti l’odio sportivo nei confronti degli indossatori di scudetti altrui, roba da alienati. Moggi dice chiaramente quali sono stati nel passo in cui scrive che “sono state sacrificate persone sull’altare di processi inesistenti le cui sentenze non hanno rilevato alcun reato”. Insomma niente di nuovo e di diverso del solito, strumentalizzare le parole altrui nel disperato tentativo di sVARiare l’attenzione dai continui scippi degli accattoni.

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: bundles
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web