Sabato 29 Maggio ore 16 Reggio Emilia commemorazione ricordo vittime dell’Heysel

 

 

 

Domani Sabato 29 Maggio ore 16 presso lo stadio Mirabello di Reggio Emilia si terrà la commemorazione annuale in ricordo delle vittime dell’Heysel #mdn #radiomdn #comitatoheyseldireggioemilia

  1. Un ricordo eterno per le vittime della stupidità umana. Che certe cose non succedano mai più.

  2. Una ferita indelebile ancora fresca nella memoria

  3. Luigi
    è questione di fortuna, mi sarebbe piaciuto che conte fosse rimasto per vedere come sarebbe finita, anche se i punti persi da pirlo con le piccole la dicono lunga su come sarebbe andata quest’anno con un allenatore navigato. Tuttavia credo che il banco di prova non sia tanto il campionato quanto la champions: vedremo se si riuscirà a superare questi benedetti ottavi.

    Kris
    tiki taka che ha portato scudetti e varie coppe e qualche finale di champions: tiki taka produttivo sempre meglio di un tiki taka fine a se stesso.

    • Scusa luigis,
      l’inter che secondo alcuni tifosi juventini avrebbe avuto quest’anno una rosa più forte di quella della Juve, ha inserito giocatori come Hakimi, Vidal, Perisic e Darmian che hanno rinforzato notevolmente la squadra nei ruoli in cui fino all’anno scorso c’erano giocatori come Moses, Joao Mario, Politano e Asamoah. Ma come si può solo pensare che invece Sarri con una squadra nettamente più forte l’anno scorso ha tenuto testa a quell’inter sbrindellata di Conte e che persino la Lazio di Inzaghi, lanciatissima a un punto dalla Juve, se il campionato non fosse stato interrotto per il covid avrebbe molto probabilmente sorpassato l’inguardabile Juve di Sarri dell’ultima parte di stagione dopo la figuraccia dell’eliminazione in Champions contro il Lione?

      • Gioele
        fortuna anche lì questa volta per sarri. Luigi ha fatto un osservazione sull’inter ed io ho risposto che allegri quest’anno è fortunato perché non c’è l’artefice dello scudetto dei prescritti e quindi avrà un compito facilitato, ma anch’io credo che se non ci fosse stata l’interruzione per covid la lazio avrebbe vinto il campionato sulle ali dell’entusiasmo con una rosa decisamente inferiore a quella di sarri e credo anche dell’inter.

        • Luigis, con i se e con i ma tutti i ragionamenti sono ipoteticamente plausibili, ma non veri, perché non accaduti. L’unico accadimento certo è che Sarri ha battuto nettamente Conte lo scorso anno, nonostante un gioco asfittico in molte partite. Ma negli scontri diretti ha punito severamente l’egocentrico leccese. Dando grande soddisfazione a noi tifosi.

          • Oddio,

            la Juve di Sarri è durata fino a novembre poi si è inceppata.
            Non provava neanche più a giocare a calcio.

            Partite sempre uguali, manovre bloccate nel centro e pochi sbocchi in attacco dove si segnava solo grazie alle invenzioni di Ronaldo e Dybala.

            L’Inter non conta nulla, negli scontri diretti abbiamo vinto anche quest’anno.

            La verità è che si ruppe qualcosa tra Sarri e l’ambiente, vincemmo per inerzia.
            In coppa fuori contro il Lione non mi pare un buon risultato.

            • Luca. Che Sarri sia stato da un certo punto in poi rifiutato dalla spogliatoio è un fatto. Come è un fatto che la Juve vinse lo scudetto alla terzultima giornata contro l’egocentrico Conte. Che mai perdonerà a se stesso questo fatto!

  4. alessandro magno

    Sono molto felice e goduto del ritorno di Allegri anche se oggi ho ringraziato Pirlo sui social per quanto fatto.

    Se qualcuno domani si trova per Reggio emilia

    • Ci vuole un bel coraggio a dirlo, occhio perchè rischi anche tu di finire sul libro nero degli italioti 😉 😆

      • Alessandro due sono gli argomenti che in italia non possono essere messi in discussione: il vaccino (sei non vax, complottista e chi più ne ha più ne metta) ed allegri (sei catenacciaro e italiota) 😆

  5. Speriamo che l’europeo rivaluti berna per poterlo vendere al meglio.

  6. CERVELLO DI GALLINA

    Federico Bernardeschi si toglie qualche sassolino dalla scarpa dopo la grande prestazione fornita in maglia azzurra. Ecco le sue parole a Raisport: “Ringrazio il mister, mi ha sempre dato fiducia. Qui mi diverto, e quando mi diverto vengono fuori le qualità e per me è fondamentale. Perché qui rischio la giocata e alla Juventus no? Qui mi fanno rischiare la giocata… E’ semplice. L’Europeo? Qui la qualità è altissima, non è facile per il mister, siamo stati tutti bravissimi a metterlo in difficoltà nelle scelte. Sono due anni che siamo bravi, il mister ha creato un grandissimo gruppo. Qui siamo a casa, a prescindere dalle scelte, il gruppo è sano e vivo. La Juventus con Allegri? Sono felice. Spero di godermi ancora il mister, lo voglio davvero, è quello che cercherò di fare. Sono felice del suo ritorno. E’ sempre stato un grande, ha sempre gestito alla grande i calciatori portando risultati”.
    ~~~

    A questo tizio col cervello di gallina che sputa sul suo allenatore, farei rischiare solo l’osso del collo a furia di calci in culo!!!

    • Sarà mica che con il san marino la giocata te la concedono perché sono scarsi? Di lui alla juventus ricordo un paio di giocate meravigliose come cadere sul pallone e come perderselo correndo più dello stesso.

      • Luigis, queste dichiarazioni qualificano il soggetto in modo inequivocabile. E non mi va neanche di sprecare altri epiteti.

  7. Un caro saluto a chi tiene questo ricordo sempre vivo. Un R.i.p a tutti quei fratelli che hanno perso la vita in quel modo assurdo. Il calcio è tutto lo sport deve essere ricordato per stare insieme in modo gioioso non per perdere la vita.

    Per rimanere al calcio ed alla Juve, dopo un paio di anni un pò così, si ritorna ad Allegri che era stato esonerato per seguire ” Godot”.
    Credevo che si desse ancora altra fiducia a Pirlo, ma in questo sport, perdere un campionato seguendo certe chimere non è consentito e capisco pure bene le motivazioni.
    Sinceramente sono 2 anni che non mi diverto più, perchè la vittoria è l’apoteosi e perdere non fa mai piacere.
    Non vorrei tornare al passato, lo abbiamo visto tutti e non mi piace dare alibi a nessuno, chi ha sbagliato sta pagando e questa volta non è saltato solo l’allenatore ma pure Paratici che ha avuto l’idea di metterli a capo di questa fuoriserie, chiamata Juventus.
    Qualche giorno addietro sono andato a confrontare la rosa calciatori della Juventus e sono andato a confrontarla con tutte le altre anche quelle europee, e non sono riuscito a darmi una spiegazione per come siamo caduti così in basso, in campionato.
    Sono contento sia ritornato Allegri anche se avrei preferito il ritorno di Conte, perché aldilà di quanto dice chi ha solo dei gusti calcistici folcloristici e vive nel mondo dei sogni, anche a me piace sognare, ma sempre con gli occhi aperti e con i piedi per terra.
    Il tiki taka che parte dal portiere mi sembra la più grande boiata calcistica mai provata nel calcio moderno.
    Ho buone sensazioni, mi auguro di rivedere il talento soppresso di calciatori che ha avuto una regressione invece che una crescita e che la Juve ritorni a vincere, soprattutto contro le avversarie più attrezzate. Sotto Allegri non andavi a Napoli per giocarti la tripla così come a Milano ( con entrambe le squadre locali). Si andava per vincere e si vinceva e basta . Io mi diverto solo se la Juventus fa un goal più di qualsiasi concorrente che hai di fronte.
    Lo sport premia il primo arrivato non chi fa la sua bella figura e arriva secondo. Chi ha questa filosofia da perdente vada a tifarsi qualcos’altro che non sia la Juve, dove il motto è che la vittoria l’unica cosa che conta.
    Io tifo Juve e a prescindere di chi la dirige. Magari da tifoso criticherò se vedrò che le vittorie non arrivano ma sicuramente non vado a fasciarmi la testa prima di essere la rotta, come ho letto in qualcuno di noi quassù cui il ritorno di Allegri ha dato particolarmente fastidio. Mi auguro che presto anche i più scettici si possano ricredere, così come mi sono ricreduto io quando vidi Allegri sulla panchina di Conte.

    • Anche tu finirai sul libro nero degli italioti, in questi giorni stanno dando le patenti e i relativi numeri di serie.

  8. Il calcio e tutto lo sport. Maledetto correttore interista di m….. che ti cambia le congiunzioni in verbi.

  9. 29 MAGGIO 1985

    Mai più!

  10. IL TIKI TAKA DELLO 0,01%

    Come cazzo fai a difenderti se poi molli 3 pappine tre al Barcellona o se rifili un 2-2 al Bayern e poi vai a vincere in casa loro fino a una manciata di secondi alla fine…per non parlare delle vittorie contro il Real e il recupero di uno 0-3 allo Stadium in casa loro.

    Prima che gli antijuventini rispondano: erano quarti e non ottavi…

    La Juventus agli juventini e l’asino verniciato da zebra non lo era.

    Buongiorno ☕

  11. CHI MEGLIO DI CINZIA

    Pare che Andrea Agnelli a dicembre dovrebbe lasciare e al suo posto il possibile successore dovrebbe essere il cugino Alessandro Nasi, compagno di Alena Seredova, ex moglie di Gigi Buffon.

    E pare che Nasi sia tifoso del toro…alcuni dicono che è stato visto ii curva insieme agli ultras granata.

    Buona giornata

  12. SCIALUPPE IN MARE

    Se fate silenzio oderete in lontananza uno squittire…sono i topi di Milano due.

    Forse non lo sapete ma i topi squittiscono di più e più forte quando la nave affonda.

    E ora preparatevi che partiranno le palle incatenate (cit).

  13. La realtà è che la classifica del 2020 recita Juventus 83 Inter 82.A Sarri non è riuscito l’intento di dilapidare il vantaggio acquisito e far perdere lo scudetto alla Juve. Il resto sono chiacchiere da comari in salotto da ricamo.

    • Tino, le comari interessano nessuno; come a nessuno interessa il tuo palpabile astio verso Sarri.
      Tu mi devi contestare questo dato di fatto se ne sei capace:

      -la Juve ha vinto lo scudetto 2019-2020 alla terzultima giornata con 7 punti di vantaggio sull’Inter.

      Inter che praticamente mai è stata in corsa per il titolo come quella classifica finale lascerebbe supporre.
      Buona giornata.

      • Io so solo che potevamo perderlo. I ricami non servono.Ci siamo mangiati il vantaggio. E dimmi di no, I conti li faccio alla fine
        Ciao Lui’

        • Alla 36a giornata, quando abbiamo vinto lo scudetto, avevamo 7 punti i vantaggio sull’Inter. Fatti, non ricami. Ciao.

    • Quello che non era riuscito a Sarri l’ha terminato poi Agnelli 🤣

  14. NON MI DO PACE!!!

    Non mi do pace x le 39 vittime, né x me stesso. Vero che non avevo ancora 15 anni ma non sono riuscito subito a capire la drammaticità di una tragedia. Era tanta, ma tanta l’attesa x quella finale e x una eventuale e attesa vittoria, che quando ho visto le immagini è prevalsa la rabbia x una festa rovinata. Mi sono reso conto i giorni successivi quando facevano vedere in continuazione le immagini in TV. Non mi do pace!!!Ho pianto amaramente e pianto molto.Conosco miei concittadini che erano in quel maledetto settore e che si sono salvati x un miracolo. Un signore, all’epoca ragazzo robusto più che ventenne, è riuscito grazie alla sua forza fisica (e forse anche della disperazione) a tirare fuori e salvare suo padre che gli stava morendo schiacciato sotto gli occhi. È anche x questa tragedia che è scemata e di molto il mio interesse x questa Coppa. La prima volta in vita mia che non sono andato a fare caroselli con le bandiere è stata proprio l’ultima finale vinta. Ho visto la partita, gioito x il gol, sofferto, esultato x la vittoria ma quando Vialli ha alzato la coppa al cielo, oltre a lui vedevo le immagini di quella tragedia. Era un miscuglio di emozioni molto strano e che non mi faceva stare bene. No! Non mi do pace. MAI PIÙ!!!

    • Bellissimo post Germano. L’umanità più vera viene fuori forse proprio nelle tragedie. E viene fuori immediatamente, senza che nessuno ci solleciti a farlo. Un moto del cuore e dell’anima, uno strazio indicibile che non ha bisogno di molte parole per manifestarsi, ma di condivisione, lacrime e abbracci. Grazie 🙏

    • Aggiungo.
      Credo che il mondo dei tifosi sia uno degli agglomerati più stupidi in assoluto della genia umana!

    • Grazie Germano per il post e grazie di averlo chiuso con quel: “Mai più “.

  15. Allegri
    Può piacere o no è se ne può parlare. Ero contrario alle cotte per Sarri ma poi mi sono astenuto per lungo tempo e ho sostenuto Sarri che non mi andava proprio giù e dopo anche Pirlo in quanto allenatori della Juve. Allegri va sostenuto in questo momento ancora più delicato e personalmente lo farò, anche se non conta nulla. Sarà come compiti, più di un allenatore, un po’ in stile inglese, e credo che, in questo momento, vada benissimo.
    Abbiamo incertezze riguardo alla Uefa e una squadra da rivedere.
    Forza Allegri forza ragazzi.

    • Tranfaglia
      a casa mia 1+1 fa due nel senso che allegri aveva capito bene che dovevano essere sostituiti 4/6 giocatori, a questo cambiamento non si sarà mica messo di traverso proprio paratici visto che non gli è stato rinnovato il contratto? E’ forse per questo che allegri per tornare ha chiesto la sua testa, insomma qui abbiamo messo indubbio il gioco dell’ultimo allegri attribuendogli la volontà di puntare sui matuidi, i khedira e i manzdukic e qualcun altro ma forse non venne ascoltato dal suddetto a cui non è stato rinnovato il contratto.

      • Luigis
        Visto l’epilogo, credo che Allegri aveva messo nero su bianco
        Comunque, si ricomincia e sosteniamo adesso quello che c’è.

  16. Penso sia sbagliato concentrarsi sugli allenatori.
    Allenatori che in fondo chi prima chi dopo hanno dato tutti lo stesso giudizio.

    La Juve è inallenabile!

    Lo stesso Paratici quando parlava di shock necessari ammetteva il problema.

    Purtroppo però il problema o parte del problema sono stati lui e Marotta.
    Il modo strategico di fare mercato in ingresso deve essere messo sotto la lente ed analizzato.

    La caccia alle plusvalenze, al player trading, ai parametri hanno di fatto impedito alla Juve una naturale evoluzione della rosa con i giusti ricambi armonizzati nel tempo.

    Nei fatti se guardiamo agli ultimi 10 anni, la Juve nel mercato in ingresso ha speso più del Real, ma con risultati sportivi ben diversi.
    A parte le Coppe 4 contro 0 a favore dei blancos, sono le semifinali raggiunte a conclamare il livello complessivo raggiunto dal Real contro una Juve che non ha mostrato la stessa continuità di risultati ma un andamento discontinuo delle prestazioni, legato più agli episodi che ad una reale forza espressa sul campo.

  17. @Luigi
    Devo premettere che ognuno è libero di scrivere ciò che vuole o lo bypasso? Credo che tra noi non serva ripeterlo…
    Ok, Luigi credevo che quella litania Sarri-Allegri fosse finita…invece, non appena saputa la notizia, ti sei messo ancora una volta à capa sotto.

    Ha vinto contro Conte, ha perso con Spalletti, sette punti avanti, sette indietro…jamm la vuò fernì…nun è da persona colta quale sei e matura tra l’altro fare ciert scineggiat… la gente legge e mormurea.
    Anche perché questo è un blog juventino e che purtroppo gli antijuventini non leggono il regolamento fatto dagli autori del blog stesso.

    Capisciammè!

    • Ps
      Non mi va di fare la conta con quanti punti e con quante giornate di anticipo sono stati vinti i 9 scudetti…se la si fa non è per noi ma è per quelli che sono arrivati dietro…

    • Baro’,mi sento di dirti due cose:

      -ognuno è responsabile di ciò che scrive;

      -la libertà non si compra al supermercato.

      Stammi bene.

  18. Ero solo solo un bambino e non capivo. Però ricordo mio padre. Juventino sfegatato, a casa mia all ingresso c era un tappeto del Napoli su cui chi voleva entrare ci si doveva pulire i piedi. Da quel giorno basta pallone. E in me nacque la curiosità. Sono diventato juventino nonostante fossi accerchiato da napoletani. Mio padre era juventino perché aveva dato da mangiare alla sua famiglia grazie all idea di Agnelli di costruire nel Sestriere. Mio padre era muratore. Ho cominciato ad essere juventino nonostante mio padre, grazie agli angeli caduti all’ Heysel. MAI PIÙ( Germano)

  19. Tanto per ristabilire il valore delle cose:
    uno scudetto vinto contro il maniacale egocentrismo del martello Conte (che sempre all’esordio in una squadra aveva vinto!)equivale ad almeno tre scudetti vinti contro … nessuno.

  20. Praticamente ‘o zuzzus ha vinto tre scudetti…e se lui ne ha vinti tre colui che ha vinto lo scudo battendo sul filo di lana( quello perso in albergo) quello che ne ha vinto uno ma ne vale tre quanti ne varrebbe?

    La capa ‘nè buona!

Lascia un commento


NOTA - Puoi usare questiHTML tag e attributi:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia