Archivio Mensile: Marzo 2016 - Pagina 2

Una luce illumina lo Juventus Stadium

image
Scritto da Cinzia Fresia
Appena ho visto Dybala giocare ho capito che era in serata, “stanotte segna” mi sono detta, e
infatti e’ sandata cosi’; era diverso, carico, lucidissimo.
Quando Dybala e’ in stato di grazia si trasforma, prende le redini della squadra e la porta dove vuole lui. Contro il Sassuolo ha segnato un gol straordinario che ha fatto saltare tutto lo stadium, e vi confesso che se fossi stata la’ lo avrei abbracciato anch’io quanto e’ stato bravo.
Non e’ stata una partita difficile per la Juventus, ma impegnativa si’. Questa volta e’ andato tutto bene, la formaziome ha risposto e reagito con forza.
La serata ha avuto diversi protagonisti inoltre a Dybala, come Cuadrado la cui ottima prestazione ha consentito l’assist finalizzato in gol, ma si e’ distinto soprattutto Alex Sandro, la cui presenza in campo si sente, e quando ha il privilegio di giocare dall’inizio del match riesce anche, ad imporre il suo ritmo di gioco che e’velocissimo, e che nella maggioranza dei casi, spiazza l’avversario.
E la difesa?
Ìnsieme a Buffon, si e’ data un gran da fare, non e’ che il Sassuolo, incassato il gol, “si e’ messo a fare la seta”, sebbene privo di Missiroli e Berardi, ha reagito nell’immediato cercando il pareggio, la squadra era consapevole che non avrebbe vinto, ma ha creduto nel risultato fino alla fine, comunque bravi anche ai ragazzi in difesa, soprattutto a Rugani che ha riscattato la brutta prestazione contro l’Inter in coppa Italia.
I peggiori? Uno fra tutti, Khedyra, il disastro della serata, mai in partita e poco utile ai compagni.
Una Juventus brillante, quella che ha piegato il Sassuolo, ieri sera, e che avrebbe meritato un paio di gol in piu’, ma d’altronde non Riuscendo a sostenere il ritmo offensivo che ha caratterizzato il primo tempo, si e’ puntato alla gestione del risultato, componente fondamentale del gioco di Allegri. E’ caratteristica di questo allenatore prendersi un margine di rischio, e stare sul filo del rasoio. L’unico appunto che mi permetto di fargli e’ di non aver messo Zaza al posto di Mandzukic,
Comunque, bella partita, il Sassuolo e’ stato dignitoso, e si sono fatti sentire le presenze di Duncan e Sansone, idem per l’allenatore, che ha mostrato un immagine di se’ pacata, ammettendo la verita’, senza addossare colpe a destra e a sinistra.

Pagelle Juventus – Sassuolo 1-0

image

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 7 Pochi interventi ma sempre efficaci. Concentratissimo. E’ a un passo dal record di imbattibilità e lo meriterebbe, perchè è di gran lunga il portiere piu’ forte di tutti i tempi. Tanti sono stati bravi. Nessuno è stato bravo così a lungo.

Barzagli 6,5 Solita roccia anche se Sansone gli da noia parecchio. Non sembra dal risultato , ma dietro sono stati abbastanza impegnati dalla velocità degli attacchi emiliani.

Bonucci 6,5 Come il suo compagno di reparto Barzagli, e se Buffon stà maturando questo record è anche per questa coppia di difensori centrali.

Rugani 6,5 Inizia un poco titubante poi prende finalmente coraggio e inizia a far vedere di che pasta è fatto. Un ottimo difensore centrale con un gran futuro. Assolutamente igniustificati i mugugni di alcune frange di tifosi nei suoi confronti a inizio partita. I soliti 4 idioti.

Cuadrado 7 A lungo una spina nel fianco della difesa del Sassuolo. L’intesa e gli scambi di prima con Dybala sono numeri veramente notevoli che fanno impazzire la platea.

Khedira 6 Utile come sempre ma oggi veramente poco presente. E’ un giocatore che il suo sempre lo fa infatti un paio di percussioni e qualche patema ai nostri ospiti lo da, pero’ meglio altre volte.

Marchisio 6,5 Partita al solito di grande sostanza. Poche palle sbagliate. Molto aiuto in fase difensiva. Peccato non riesca piu’ ad arrivare in zona tiro. Ma la coperta è corta in mezzo e lui è la nota che da l’equilibrio che ci vuole. Lo sa e quindi non si sbilancia.

Asamoah 6,5 Finalmente è toranto. La copia buona di quello visto contro l’Inter. Perde qualche pallone ma ne conquista anche molti e si fa notare per una bella corsa ritrovata.

Alex Sandro 7 Secondo me imprescindibile. Ottimi recuperi. Grandi percussioni. Tiri e cross di destro, lui che è mancino. E’ veramente un giocatore difficile da tenere a bada per tutte le avversarie. Sia perchè ha un ottimo dribbling, sia perchè ha una corsa velocissima.

Dybala 8 Anche stavolta poco tutelato dall’arbitro si mette in luce prima per i numeri che fa con Cuadrado che sono davvero uno spasso, e poi per un gol strepitoso. Un gol che un bravissimo Consigli, che ha parato un poco di tutto, non riesce ad evitare nonostante un tuffo plastico. Semplicemente imparabile.

Mandzukic 7 Non segna ma quanto lavora. Insatancabile. Difensore aggiunto. Un esempio.

Pogba 6,5 Devo dire che quando entra a partita in corsa cazzeggia meno e mi piace di piu’.

Morata 6,5 Entra immediatamente in partita e non si risparmia.

Lichtsteiner sv.

Juventus 7 La Juventus mi è piaciuta molto questa sera ha giocato un primo tempo in modo veramente piacevole. Nel secondo, pur rischiando qualcosa, non si è chiusa a riccio ma invece ha cercato il 2-0. Forse facilitata dal Sassuolo che è squadra che sa giocare bene al calcio e merita la posizione che ha ne è uscita una bella partita. Piacevole da guardare.

Allegri 6,5 Non ha fatto le barricate sull’1-0. Ha tenuto in campo per lungo tempo sia Cuadrado che Alex Sandro che sembravano due che dovessero giocare in alternativa. La Juve ha giocato meglio che a Bergamo anche se il risultato è il medesimo.

Arbitro 6 Sufficienza risicata. Al solito , come da prassi arbitrale di quest’anno, permette un killeraggio su Dybala che non credo in altre nazioni sarebbe tollerato. Si parla molto del record di Buffon ma io vorrei sapere da quanti secoli la Juventus non gioca in superiorità numerica contro un avversario e soprattutto quando è stata l’ultima volta che un giocatore è stato espuso contro di noi per somma di ammonizione?

Venerdi’ 11 marzo 2016 juventus-Sassuolo ore 20.45 juventus Stadium Torino

Create notice-me fine cheap gemstone rings at dazzbox from stand-out gemstones like fire opals, vivid emeralds, deep purple amethyst, and more!
Juve-Sass
Scritto da Cinzia Fresia
Antcipo contro il Sassuolo per la Juventus a Torino. La formazione emiliana, una delle squadre piu’ in forma del Campionato, al girone di andata, ci aveva persino battuti.
Allegri vuole continuare a vincere, ma dovra’ fare attenzione alla gestione dei giocatori, in vista della partita di Champions. Si suppone quindi che alcuni titolari Potrebbero partire la panchina

8 marzo 2016 – commemorazione della donna – Juventine d’assalto: incontro con Angela Butera

Il blog di Alessandro Magno, augura a tutte le donne amanti delle sport e a tutte le tifose appassionate di calcio, una felice festa della donna, per la rubrica “Juventine d’assalto” presentiamo una tifosa veramente speciale, Angela Butera, grande appassionata ed esperta non solo di Juventus.

Intervista di  Cinzia Fresia
Juventine d’assalto … incontro con Angela Butera

image

Ciao Angela, quest’anno sarai tu, la protagonista di Juventine d’assalto, vogliamo conoscerti meglio, nonostante la tua giovane età sei profondamente competente in materia calcistica, segui altri campionati oltre al nostro?

Ciao, premetto che il nostro lo seguo solo per la Juve perchè negli ultimi anni più che un campionato, quello italiano è una lotta continua a screditare la Juve ed accusarla di complotti assurdi. Seguo la Premier e la Liga, sono due campionati che mi affascinano tantissimo e non solo dal punto di vista puramente calcistico, ma anche per il tifo, anche guardando le partite attraverso uno schermo si riesce a percepire l’amore e la passione dei tifosi verso la propria squadra, sopratutto delle squadre “provinciali”. Per quanto riguarda il calcio giocato, sono due campionati completamente diversi dal nostro, ogni partita ha un fascino particolare, non c’è nulla di scontato e anche le squadre sulla carta meno forti giocano per 90 miuti con una grinta e una passione che nel campionato italiano difficilemente si vede, non si barricano in difesa anche se davanti hanno dei mostri, ma cercano di dare il massimo sempre e a volte riescono nell’impresa, basti vedere il Leicester di Claudio Ranieri in testa alla Premier.

Quando è cominciata la tua passione per la Juventus?

Non saprei dare un’età precisa, ma fin da piccolina. Ho iniziato ad amare questi colori grazie a mio zio e a cui sarò sempre grata.

Differenze tra la Juventus di Antonio Conte e Massimiliano Allegri:

Sono entrambi due grandi allenatori ma allo stesso tempo molto diversi. La Juventus di Conte era la Juve dei record, più c’erano record da battere più Conte si divertiva a distruggerli peccato che in Europa non abbia trovato la chiave giusta per portarci lontano, e nemmeno in coppa Italia cosa che è riuscita ad Allegri al primo colpo portandoci a Berlino e conquistando la decima coppa Italia credo che la più grande differenza tra i due sia che Allegri ha imposto la sua idea di gioco lentamente dando a tutti i giocatori la possibilità di assimilare il tutto mentre Conte ha cercato di trasmettere subito le sua grinta la stessa che metteva lui in campo voleva vederla nei suoi giocatori ma non è per nulla facile incarnare subito quello spirito juventino che voleva lui.

Angela tu sei una persona che dice quello che pensa, e non ha paura di esprimersi o di sentirsi discriminata come donna che parla di calcio, parlando di Alex (Del Piero) nostro capitano, leader, simbolo, campione completo, è stato tutto per la Juventus e i tifosi, mi dici il tuo parere su questa vicenda e della dolorosa frattura tra lui e la Juventus, secondo te si poteva evitare?

Sono sempre più convinta che si poteva evitare o perlomeno si doveva gestire diversamente. Ogni volta che parlo di questa vicenda ho davanti la sua ultima partita, la sua uscita dal campo tra gli applausi di tutto la Stadium e le lacrime di molti, e tra me e me dicevo, sarà uno scherzo ora Agnelli scende in campo e dice che Alex resta ancora con noi, invece era tutto vero, Alex ci stava dicendo addio. Onestamente mi sarei aspettata una partita di addio come compete ad ogni grande campione, invece nulla, è stato trattato come un normale giocatore. Purtroppo non verremo mai a conoscenza dei reali motivi che hanno portato a questa dolorosa vicenda ma su una cosa sono sicurissima, il gesto di Alex nell’aver firmato il contratto in bianco non è andata giù ad Agnelli e l’anno successivo gli ha dato il ben servito, in tutto ciò credo ci sia anche lo zampino di Antonio Conte che evidentemente vedeva Alex come un ostacolo tra lui e gli altri giocatori.

Cosa pensi dell’attuale gestione societaria?

Ammeto che all’inizio non amavo particolarmente la gestione societaria però con il tempo sto inziando ad aprezzarne l’operato, la cosa che mi piace particolarmete lo stile Juve rimasto inalterato nel tempo.

Chi apprezzi maggiormente nella Juventus attuale?

Marchisio, un giocatore con la Juve nel cuore, il presente e il futuro della Juve

Alex a parte, chi ti manca di più?

Sono tanti i giocatori che mi mancano, Nedved, Zidane, Camoranesi, Trezeguet, giocatori che hanno dato tanto per la Juve e che hanno amato questi colori

Parliamo di Hernanes, un giocatore che ti piace molto, cosa non sta funzionando tra lui e la società?
O è Allegri a non volerlo?

Hernanes, lo adoro, credo di essere se non l’unica ma tra i pochi felice del suo arrivo, aspetto questo momento fin dai tempi della Lazio. Il principale problema con Hernanes credo dipenda dalla società, Allegri aveva chiesto un giocatore con determinare caratteristiche, la società all’ultimo momento ha scelto lui, che secondo un mio modesto parere è bravo, ma che Allegri non sa dove collocare perchè ha già chi ricopre il suo stesso ruolo. Io comunque aspetto foduciosa, arriverà il suo momento.

Angela, dimmi sinceramente, cosa manca oggi alla Juventus e quale giocatore vedresti bene?

E’ difficile dire cosa manca ad una squadra che vince. Se proprio dovessi dire qualcosa direi un po’ di cattiveria in più in alcune partite, quelle più importanti, tipo la finale di Berlino. Un giocatore che vorrei, sono molto esigente in questi casi, nulla da togliere ai nostri attuali giocatori, ma io porterei alla Juve David Silva grandissimo giocatore, Pedro, giocatore che si adatta a tantissimi ruoli o Isco, talento sprecato nel Real, ebbene si, ho una speciale preferenza per i giocatori spagnoli.

Ho notato in questi anni in cui ci troviamo a parlare di calcio che un’opinione espressa da un uomo ha una valenza, mentre la stessa dai medesimi contenuti detta da una donna, viene contestata, sei d’accordo?

Alcuni credono che il calcio sia “roba da uomini”, e pensano che le loro opinioni siano le uniche accettabili. Io onestamente non ho mai dato peso a questo, esprimo la mia opinione sempre e non mi importa se abbia valenza o meno. A volte passo anche per “saputella” e anche se l’idea non mi piace vado avanti per la mia strada senza badare alle chiacchiere maschiliste.

Sei dell’idea che se nel calcio ci fossero più donne, sarebbe un’ambiente migliore?

Assolutamente si, ci sono donne che sono molto più competenti degli uomini perchè a differenza di quanto pensano tanti le donne vedono il calcio in modo più razionale rispetto a come lo vedono gli uomini. Non tutte le donne ovviamente, molte più che il calcio seguono il calciatore e forse a causa di questo che tanti credono che le donne non debbano avere a che fare con il calcio.

Angela, secondo te, vinciamo qualcosa quest’anno?

Preferisco rispondere con quello che spero di vincere, la Champions, attesa da tanti, troppi anni.

 

Atalanta Juventus 0-2: meno male che l’ha chiusa Lemina.

atalanta-juve-editorale-650x330

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

 

Le note positive di questa vittoria non sono poche, le negative sostanzialmente una. Per le positive partirei dalla vittoria che è la 17ma in 18 partite. Il calendario mi pare poi piu’ difficile di quello del Napoli e anche se da oggi abbiamo piu’ partite in casa che in trasferta, abbiamo Milan e soprattutto Fiorentina fuori, e non sarà una passeggiata. Era importante tenere il vantaggio sul Napoli in vista di queste partite e lo abbiamo fatto. Altra cosa positiva mi pare sia il risveglio dell’Inter che noi abbiamo già affrontato e il Napoli no. L’Atalanta come da tradizione Italiana checché ne dicano quelli che raccontano la frottola che con noi tutti si scansano, ha dato l’anima. Soprattutto a livello fisico ci hanno pestato bene dall’inizio alla fine complice un arbitro accondiscendente, tanto che mi è parso incredibile come abbiano potuto finire la partita Toloi e Paletta, autori di una serie di falli infinita su Dybala. Ad ogni modo l’Atalanta è poca cosa e se pure molto tutelata dall’arbitro, non ha potuto opporre una grande resistenza.

Il primo tempo è stato un monologo bianconero con loro mai pericolosi, se non in un paio di ripartenze, dove tuttavia sono arrivati al tiro con conclusioni piuttosto fiacche che non hanno rappresentato alcun pericolo per Buffon. Passati noi in vantaggio meritatamente con un bel gol di Barzagli su azione di calcio d’angolo la partita è parsa in discesa con un Pogba che sembrava veramente ispirato e un Mandzukic gagliardo come sempre a fare a sportellate sia in attacco che in difesa. Tutto sembrava assolutamente normale a parte un Pereyra avulso dalla partita. Si aspettava solo di chiuderla ma sembrava una formalità.

Il primo tempo è stato un monologo bianconero con loro mai pericolosi, se non in un paio di ripartenze, dove tuttavia sono arrivati al tiro con conclusioni piuttosto fiacche che non hanno rappresentato alcun pericolo per Buffon. Passati noi in vantaggio meritatamente con un bel gol di Barzagli su azione di calcio d’angolo la partita è parsa in discesa con un Pogba che sembrava veramente ispirato e un Mandzukic gagliardo come sempre a fare a sportellate sia in attacco che in difesa. Tutto sembrava assolutamente normale a parte un Pereyra avulso dalla partita. Si aspettava solo di chiuderla ma sembrava una formalità.

Ora cosa sia successo nel secondo tempo per andare poi a regalare un tempo all’Atalanta io francamento non me lo spiego. Pogba è sceso in campo facendo il giullare inutile come sempre, andando persino a togliere una punizione a Dybala che lo avrei preso a schiaffi solo per questo. Allegri al solito ha preferito fare i cambi dopo averci fatto bestemmiare in tutte le lingue del mondo tenendo un Pereyra in campo che ci ha fatto giocare praticamente in 10, spostandolo di qua e di la per il campo senza comunque riuscirgli a trovare la collocazione tattica adeguata che gli consentisse di entrare in partita. Insomma invece di amministrare la partita con un possesso palla intelligente e un giro palla furbo abbiamo iniziato a spazzare via e regalare il pallone sempre a loro. Attegiamento che non comprendo nonostante mi pare che la squadra a livello fisico stia bene e non abbia avuto ripercussioni per la partita di Coppa Italia. Alla fine dobbiamo ringraziare un lampo di Lemina che è bene dire è una percussione solitaria, che con schemi non ha nulla a che fare, e la pochezza dei nostri avversari davanti alla nostra porta.

Devo dire in tutta sincerità e non è per fare il sofista, non mi piace questo tipo di atteggiamento. Se poi al 90mo prendi un gollonzo magari su angolo come è accaduto all’andata col Frosinone allora poi ti devi mangiare i gomiti. L’Atalanta è un abisso più debole della Juve. Va bene amministrare, ma ritrarsi neanche avessi difronte il Barcellona e difendere strenuamente l’1-0 non mi pare una cosa giustificabile. Poi ti trovi un arbitro sconsiderato che ti d sei minuti di recupero. Immaginate se non avesse segnato Lemina che finale di partita ci sarebbe stato.

Barzagli show!

 

image

Scritto da Cinzia Fresia

Dal complicato e difficile terreno atalantino la Juventus ne e’ uscita vittoriosa con punteggio netto; il risultato e’ stato ottenuto da uomini inaspettati:attenzione Atalanta a Barzagli, quando indossa la maglia rosa diventa implacabile, il nostro immenso difensore ha segnato un gol imprevedibile favorito da Mandzukic. Dopo di che la Juventus per il raddoppio ha dovuto attendere l’ingresso di Lemina, che dopo tre mesi di stop, rientra e segna un gol spettacolare, raccogliendo i complimenti di tutti.

In questo lungo intermezzo, tra il primo e il secondo gol, la Juventus ha attaccato ma con fatica. Come gioco non e’ stata un gran che’, poco spettacolare, a tratti persino noiosa, fortunatamente i cambi sono arrivati al momento giusto, la gestione di Allegri e’ stata un po’ piu’ precisa. Dobbiamo pero’ constatare che Khedira non resiste a lungo, e in questo match non l’ho trovato superlativo, per evitare guai muscolari e’ stato correttamemte sostituito Tra gli attaccanti senza gol, Mandzukic si e’ comunque battuto lottando, e confezionando l’assist che avrebbe realizzato in gol Barzagli, mentre per Dybala non e’ stata la sua domenica fortunata, si e’ impegnato ma non e’ riuscito a segnare, patendo la marcatura.

Rimane irrisolto l’enigma Pogba, che non accenna a migliorare.

Ritengo altresì sia stato inadeguato l’arbitro Valeri eccessivamente permissivo nei confronti della squadra di Bergamo, i cui uomini hanno dato un sacco di botte ai nostri, soprattutto a Dybala.

Concludendo la Juventus insiste e va avanti, la dinamica gruppale fa in modo che le inadeguatezze di certi giocatori vengano rimediate dagli altri, e questo e’ un punto di forza da parte di chi ha assemblato la squadra. La prossima settimana la Juventus affrontera’ il Sassuolo, una delle squadre piu’ in forma della serie A, e dopo, la prova del nove con il Bayern.
Sara’ per la Juventus una primavera impegnativa, il distacco dalle inseguitrici non permette cali di tensione, per vincere occorrera’ stare sempre sul pezzo.

Pagelle Atalanta- Juventus 0-2

atalanta

Pagelle di Alessandro Magno

 

Buffon 6,5 Non particolarmente impegnato fino al 2-0, nel finale risponde da campione su due tiri dalla distanza. Da sicurezza a tutta la squadra.

Lichtsteiner 6,5 Una buona partenza quando è uno dei piu’ propositivi . Si spinge sempre in attacco a dialogare con gli avanti juventini. Difende anche bene e alla distanza preferisce rimanere dietro. Soprattutto quando entra D’Alessandro che ha un bel passo.

Bonucci 6,5 Sbroglia ogni situazione pericolosa. Spesso è costretto al lancio lungo perchè in mezzo c’è poco movimento.

Barzagli 7 Ha il grosso meritato di sbloccare una partita che potrebbe diventare difficile. Mette le manette a Borriello.

Evra 6 Se Khedira è l’essenzialità Evra è la normalità. Non sfigurerebbe a giocare nell’Atalanta. Una sola discesa a metà secondo tempo poi si limita a tenere la posizione e fare il compitino in difesa.

Khedira 7 E’ uno dei mgiliori in campo finchè dura. Tantissimi inserimenti e gol mancati veramente per un inezia. Alla fine forse esce per evitargli noie muscolari.

Marchisio 6 In una squadra che si muove poco fatica a dettare i tempi giusti. Non sbaglia ma non riesce a incidere come vorrebbe. Oggi si vede poco.

Pogba 5,5 L’inizio è incoraggiante poi si perde nelle solite banalità. Come si fa a pensare a un metro dalla porta invece di insaccare di testa, di stoppare elegantemente scartare il difensore e tirare? Infatti la cosa non gli riesce. E’ un vero peccato perchè trovasse il limite quando prende la palla è un pericolo costante. Volevo quasi dargli la sufficienza poi il togliere la punizione a Dyabala che è un atto da 4 per uno che le batte come le batte lui mi fa propendere per il non sufficiente.

Peryera 5 Iniza a sinistra e poi passa a destra. In una specie di 4-3-3 non trova mai la posizione. Nel secondo tempo Allegri nel 4-4-2 lo porta in mezzo e gioca da doppio playmaker con Marchisio. La sua prestazione migliora ma ai fini del Match non risulta in alcun modo determinante. Anzi penso si sia giocato grosso modo in 10 tutta la partita.

Mandzukic 7 E’ il mattatore di questo gruppo. Grande lotta, grandi recuperi in difesa. Su una ripartenza su un calcio d’angolo per noi si fa tutto il campo di corsa e va a chiudere di testa su Borriello quasi nella nostra area piccola. Encomiabile.

Dybala 6 Viene martoriato dai giocatori avversari che lo rimpiono di calci dall’inizio alla fine. Si danna , specie nel secondo tempo quando la squadra cala e lui ha spazi piu’ ampi. Tuttavia nonostante l’impegno ha giocato partite migliori. Deve dimostrare piu’ personalità nei confronti dei suoi compagni di squadra. E’ la seconda volta che dalla sua mattonella prima Cuadrado e poi Pogba battono delle punizioni orripilanti.

Lemina 7 Entra e si mette subito a correre come un pazzo. Trova la via del gol con un azione personale e mette fine alle sofferenze juventine che iniziavano a diventare fastidiose.
Morata sv
Alex Sandro sv

Allegri 5,5 E’ un uomo fortunato perchè nel momento di maggiore pressione dell’Atalanta troviamo il colpo del 2-0 con un azione personale di Lemina. Non ho capito nè il 4-3-3 inziale e nè la presenza così a lungo in campo di Peryera che mi è parso un pesce fuor d’acqua. Poi non capisco come è possibile che la squadra a un certo punto si ritragga pur avendo difronte la squadra dei pescatori di Mazzara del Vallo. E’ un atteggiamento che non mi piace.

Juventus 6 La Juventus ha vinto non rischiando tantissimo e con un risultato netto. Tuttavia come detto sopra questo ritrarsi dietro a difendere l’1-0 come fossimo ai tempi di Herrera e Nereo Rocco non lo condivido. Certo quando si è in vantaggio è bene non scoprirsi in modo sciagurato ma fare quasi catenaccio contro una squadraccia come l’Atalanta non lo trovo logico nè sensato. Ok abbiamo avuto una partita impegnativa in Coppa Italia pochi giorni fa ma io non li ho visti così stanchi i nostri. Non comprendo perchè nel primo tempo giocando a calcio questi dell’Atalanta non vedevano mai la palla e nel secondo tempo si decide di lasciare l’iniziativa a loro.

Arbitro 4 Permette un gioco sconsideratamente falloso ai nostri avversari e dire che al 2do minuto ammonisce Cigarini quasi a far capire che il gioco duro non sarà tollerato. Invece incredibilmente sia Toloi che Paletta riescono a finire la partita nonostante facciano per lo meno 4 falli da dietro a testa oltre tutti gli altri falli fatti. Non concede un rigore su Pogba abbastanza evidente. Alla fine da 6 minuti di recupero che non hanno alcun senso visto che non si è assolutamente infortunato nessuno. Questa sta diventando una costante . Quando la Juve deve recuperare non ho mai visto piu’ di 3 minuti di recupero, quando la Juve vince minimo il recupero è 4 ma si va anche a 5 o 6 come oggi. Sono sottigliezze ma non va assolutamente bene. Perfino Buffon esce dalla porta per andare a lamentarsi di tutto questo recupero.

Domenica 6 marzo 2016 Atalanta-Juventus ore 15- Stadio atleti azzurri – Bergamo

atalanta
Scritto da Cinzia Fresia

“Una partita difficile su un terreno complicato” aspetta alla Juventus, domani pomeriggio alle 15 a Bergamo, a casa dell’Atalanta.
L’allenatore Allegri sostiene che la sconfitta contro l’Inter sia stata salutare. In realtà mi paiono queste frasi “fatte”, dette così per dire qualcosa; lo considererei piu’ un avvertimento che qualcosa di salutare, i giocatori della Juventus ora sanno che gli avversari prima o poi si scocciano di perdere.
Comunque, la qualificazione è meritata perchè vale tutto il percorso e non l’ultima partita, mentre sarà utile ripigliarsi per domani per non perdere punti a Bergamo, in quanto le inseguitrici allo scudetto si stanno ridestando e i distacchi minimi non possono dare sicurezza.
La buona notizia è il recupero di Marchisio, stop invece a Sturaro infortunato ad un dito del piede, mentre Chiellini non è ancora pronto per tornare in campo.
E’ un mese “complicato” ma Allegri non è preoccupato, e se non lo è lui, non lo siamo neanche noi.

Una Juventus indecente passa non con pieno merito ai calci di rigore

image

Articolo di Alessandro Magno

 

Poche volte una partita mi fa cosi arrabbiare come quella di questa sera. La partita è stata preparata male, con sufficienza. Un centrocampo non all’altezza con un Asamoah che non ha il passo. Che ahinoi ha giocato la più brutta partita da quando è alla Juve e mi dispiace dirlo perchè è un giocatore a cui tutti noi vogliamo tanto bene, ma il campo ha detto questo.

La Juve si è abbassata troppo e anche dopo l’ 1-0 e la traversa dei nerazzurri ha continuato a fare la propria partita di contenimento. E dire che poteva bastare giocare a calcio e fare un gol per portare quasi sicuramente la qualificazione a casa. Oltretutto abbiamo consentito una rimontona epica a una squadraccia veramente pessima come l’inter. Purtroppo siccome al peggio non c’è mai fine noi siamo riusciti a fare peggio di quanto fatto loro con noi in tutte le precedenti partite quest’anno.

Allegri è stato il responsabile di tutto questo schifo. La partita è stata preparata male. Gestita peggio. Corretta in ritardo con gli ingressi tardivi di Lemina e soprattutto Pogba sul risultato ormai di 3-0. Inoltre ha sostitito Lichtsteiner quando doveva uscire Rugani. Forse che Stephan ha avuto qualche problema fisico? Altrimenti il cambio non è spiegabile. La Juventus poi dopo che l’Inter aveva raddrizzato la qualificazione ha avuto alcune occasioni ma ormai la frittata era fatta. E’ evidente che non si sarebbe mai dovuti arrivare a questo punto. Io credo che Allegri e i giocatori dovrebbero in ogni caso chiedere scusa per questa prestazione. Bonucci nel dopo partita da buon Capitano l’ha già fatto. La Juventus non prendeva 3 gol dalla finale con il Barcellona in Champions quando poi il terzo era arrivato comunque nei minuti di recupero. Va da se che l’Inter non è il Barcellona e nemmeno un suo lontano parente.

In ogni caso si è arrivati ai rigori e i rigori si sa a volte ti sorridono altre volte no. Ripeto con un 3-0 in dote dalla partita di andata non si doveva andare ai rigori. E’ inaccettabile. Una squadra come la Juve puo’ perdere . E’ assolutamente normale. Non è normale che la Jueventus faccia di queste figure di merda. Se oggi fossimo usciti credo che la sconfitta sarebbe stata meritata. Alla fine siamo stati bravi nel calciare bene i rigori e fortunati che Palacio l’ha sbagliato. Prendiamoci questa qualificazione ma domani al bar non fate gli sboroni che non è proprio il caso. La Juve non deve mai piu’ giocare così. Ma i piu’.

Passati per il rotto della cuffia.

image Scritto da Cinzia Fresia
Fino all’ultimo respiro ..qualificazione miracolo per la Juventus che conquista ai rigori la finale di Coppa Italia contro ogni previsione..
Pessima partita e bruttissima Juve.
Prima di tutto mi voglio rivolgere all’allenatore, dicendogli di fare attenzione, perche’ raggiungere gli obiettivi affidandosi alla fortuna, o sperare nelle cadute altrui equivale ad attaccarsi all'”acqua Santa” e come strategia, e’ un po’ poco.
Stasera mi sono chiesta piu’ volte cosa gli sia passato per la testa, per accettare un approccio del genere, in ballo c’era l’accesso a una finale di coppa.
Sedersi sulle certezze, nel calcio non puo’ funzionare, arroccare la squadra tutta indietro e’ stato un errore che poteva costargli caro, e questo non dovrei dirglielo io.
Poi, per quale motivo inserire uno come Asamoha, infortunato un giorno si e l’altro anche a sopportare un ritmo cosi alto?
Cosa abbiano visto stasera i nostri, e’ un mistero, forse stanchi o troppo sicuri di se’ si sono visti piombare addosso un battaglione di uomini inferociti che correvano come pazzi castigandoci con 3 gol.
I nostri annichiliti hanno tentato di reagire ma nulla e’valso, ne’ l’ingresso di Pogba, ne’ la velocita’ ‘di Alex Sandro, il niente totale, gli interisti sembravano un branco di piranhas che ci mordevano ai fianchi.
Quasi nessuno sufficiente, Forse Zaza, il piu’ dinamico, quello che ci ha provato di più, malissimo invece Morata, ed e’ mancato totalmente il centro campo, infattimi nostri per i primi 40 minuti di partita non hanno fatto un tiro in porta.
Sbagliata la formazione, errate le sostituzioni, tutto da rifare.
Condivido in pieno l’analisi di Bonucci effettuata a fine partita, che non si e’ nascosto dietro ad un dito Ammettendo la verita’, cioe’ che hanno giocato da “schifo”, soprattutto la difesa.
Siamo passati grazie alla fortuna, perche’ Palacio ha sbagliato il rigore, o l’ha parato Neto, dalla regia non l’ho capito molto bene in quanto si sono soffermati poco, ma non mi sono assolutamente piaciuti i nostri i quali si sono fatti mettere i piedi in testa dagli interisti da subito e soprattutto dall’arbitro, palesemente di parte, probabilmente per condivisione regionale, ma tutto cio’ la Juventus doveva aspettarselo.
Quindi, e’ andata, complimemti ai rigoristi, ma occhio perche’ la prossima volta la fortuna potrebbe voltare le spalle.

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia