Archivi Tag: Atalanta

Pagelle Juventus – Atalanta 3-1 amichevole

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 7 Mi è sembrato molto sicuro. Sul rigore battezza un angolo ed è quello sbagliato tuttavia subito dopo effettua una buonissima parata a terra uno contro uno proprio contro Muriel. Nel secondo tempo un uscita bassa e un paio di tiri controllati che escono.

Cuadrado 7 Fra i migliori in campo e fra i più pronti oltre ad essere uno con più minuti giocati in questa partita. Sembra già sul pezzo. Ottimo.

De Ligt 6,5 Sembra un poco macchinoso ma riesce nonostante questo ad effettuare delle buone chiusure.

Bonucci 5,5 Non molto bene anche lui sembra sulle gambe d’altronde dovrebbe essere fra quelli con meno allenamenti sulle gambe dato che arriva dall’Europeo giocato fino all’ultimo.

Alex Sandro 6,5 Anche Sandro come Cuadrado sembra pronto. Buone chiusure e buon passo. Perde qualche pallone e spinge meno di Juan ma nell’insieme una buona partita.

Chiesa 7 Tanta corsa tanta grinta e voglia di fare. Pronti via orchestra un bel contropiede con Ronaldo che porta poi al gol di Dybala con un pregevolissimo assist. Nel lungo si spegne un poco ma da molto sia in fase offensiva che in ripiegamento

Bentancur 6 Meno bene che l’ultima volta forse perchè sono cresciuti un poco gli altri o ha messo muscoli nelle gambe anche lui tuttavia una partita adeguata seppure non sugli scudi.

Ramsey 7 La vera sorpresa. Avevo ipotizzato che Allegri lo rilanciasse trequartista mai avrei detto che lo mettesse da playmaker. Il gallese se la cava egregiamente smistando molti palloni alcuni come un sinistro di prima a Dybala a scavalcare il centrocampo davvero di pregevole fattura. Sono proprio curioso di vedere se ad Allegri riesce questa mossa

Bernardeschi 7 Aldià del gol non fa molto altro tuttavia il gol è davvero un gollazzo. Il fatto che dal limite decida di tirare e faccia gol indica forse che ora ha maggiore fiducia e chissà che non recuperiamo pure lui.

Ronaldo 5,5 Un poco avulso dal gioco. Nel primo tempo si vede solo per il contropiede che porta al gol Dybala mentre nel secondo tempo si desta quando ha capito che Allegri sta per sostituirlo. Ha visto partite migliori.

Dyabala 7 Bellissima l’azione del suo gol che conclude in scivolata prendendo in controtempo Musso. Non ha grande autonomia e d’altronde era alla prima partita di quest’anno tuttavia non si risparmia e torna anche in difesa in ripiegamento.

Morata 6,5 Entra bene ed è combattivo. Corona la prestazione con un gol facile facile che gli viene gentilmente offerto da Kulusevski.

Kulusevski 6,5 Non trova subito la posizione adatta tuttavia ha il pregio di fare a sportellate con tutti quelli che gli capitano a tiro e contro una squadra fisica come l’Atalanta avere un giocatore come lui è un’ottima cosa. Su un azione di queste recupera un pallone morto e lo serve a Morata per il 3-1

De Sciglio 6 Entra che la partita si sta spegnendo dato tutti i cambi da una parte e dall’altra ma conduce il compito ordinato.

Mc Kennie 6 Mi sembra uno dei più indietro atleticamente anche se cerca di rendersi utile.

Chiellini, Rugani, Pellegrini, Fagioli , Ranocchia , Pinsoglio SV

 

Allegri 7 Lascia sfogare l’Atalanta cercando di contenerne la solita sfuriata e colpisce verticalizzando veloce. Il calcio è semplice

Juventus 6,5 Le squadre di quelli come Gasperini hanno una grande forza che è quella di giocare sempre allo stesso modo sia contro le grandi che contro le piccole. Le squadre di quelli come Gasperini pero’ hanno anche una grossa debolezza che è quella che giocando sempre allo stesso modo lo sanno pure i tuoi avversari. Allegri lo sa e incarta nuovamente Gasperini.

 

il gol di bernardeschi

E dopo la coppa Italia il posto in Champions

 

Articolo di Alessandro Magno

Finale di stagione all’insegna dell’adrenalina con la Juventus vittima sacrificale che la vittima sacrificale non ha voluto fare. Francesco Repice dice ” la Juve non muore letteralmente mai” e probabilmente ha più di una qualche ragione. Con il Bologna la Juve è stata brava. I ragazzi sono scesi in campo cattivi. Chiesa l’ha messa subito in discesa e l’importanza strategica di questo gol è stata molto sottovalutata. Con la Juventus in vantaggio Milan e Napoli avrebbero dovuto vincere. Il Napoli che sembrava il più favorito ha sofferto di braccino. Fra l’altro era andato poi anche in vantaggio con un gol palesemente irregolare, dove si vede chiaramente e al var si dovrebbe vedere di più come Osimhen colpisca con una gomitata in faccia il suo diretto avversario prima che il suo compagno ribadisca in porta. Ovviamente non solo il var non ha rilevato nulla ma nessuno ne ha parlato. Qualcuno a SKY ha preferito provocare Juric invece con un lagnoso ”il Verona si è impegnato troppo” che in realtà dovrebbe esser semmai rimproverato il contrario ovvero laddove ci fosse stato uno scarso impegno. In ogni caso alla fine la Juve ha agguantato la qualificazione in champions dopo aver vinto la coppa Italia e ha di fatto aggiustato una stagione un po’ storta. Con un poco più di attenzione sarebbe bastata una vittoria in più per finire secondi e a 80 punti. Ricordo che Sarri poi l’anno scorso di punto ne ha fatti 84 non è che ne ha fatti 1000.

In ogni caso la classifica è questa ed è giusta come ogni classifica. Se non avessimo preso la qualificazione al netto di tanti arbitraggi negativi a mio avviso sarebbe stata solo colpa nostra. Per quanto mi riguarda ci sono episodi a favore e contro che grossomodo si compensano alla fine. Non posso dire che meritavamo più dell’Inter ma posso dire che meritavamo più del Napoli. Alla fine facciamo gli stessi punti della fantasmagorica e pluriapprezzata nonchè plurivincitrice di niente Atalanta. Sono molto contento oggi che alla fine sia andata così. Questo è uno sport e bisogna accettare le sue regole. E’ una gara dove uno arriva prima e non sempre si riesce noi ad esser quel qualcuno. E’ molto semplice. Adesso ci sarà da valutare la posizione di Pirlo. Con queste ultime vittorie è indubbio che si è rilanciato. Ora è difficile per laa società capire se Pirlo è cresciuto e ha imparato o queste ultime vittorie sono il frutto di una reazione di orgoglio fine se stessa. Io ho spinto in passato per il suo esonero non me ne pento. La barca era alla deriva. Non solo non arrivavano i risultati ma non c’erano nè gioco nè reazioni d’orgoglio. Dopo la sconfitta cocente contro il Milan in casa è indubbio che la squadra si sia ripresa. Ora se fossi Agnelli davvero anche io sarei tormentato dai dubbi. La cosa che ad oggi mi sento di dire è che se la Juventus deve sostituire Pirlo allora è bene prenda un allenatore vincente e di esperienza e faccio tre nomi Allegri-Zidane-Deschamps. Se viceversa la Juve pensa a un Inzaghi- Gattuso, Mihajlovic e roba di questo genere davvero consiglio di tenerci Pirlo. Un allenatore che ad oggi ha vinto meno di Pirlo onestamente lo vedrei come l’ennesima scommessa.

Pagelle Juventus Atalanta 2 – 1 Finale coppa Italia

 

Articolo di Alessandro Magno

Buffon 7 Non è chiamato a fare nessun intervento particolarmente difficile ma un paio di uscite e un intervento istintivo di piede risultano provvidenziali. Chiude con un trofeo la sua lunga storia con la Juve.

Cuadrado 8 Ancora una partita sugli scudi. Spesso salta l’uomo. Entra spesso duro come i suoi avversari che non sono certo delle crocerossine. Salta spesso l’uomo e soprattutto nel secondo tempo è devastante fino al 95mo.

Chiellini 6,5 Prova di grande sostanza gioca in appoggio a De Ligt che è in condizioni psicofisiche devastanti e fa bene vista l’età e gli acciacchi.

De Ligt 7 Una prova maiuscola contro gli avversari più difficili prima Zapata e poi Muriel. Qualche volta viene saltato ma il più delle volte o in prima o in seconda battuta riesce a fermare gli avversari. Un salvataggio che vale un gol su Romero.

Danilo 6 Una prova da terzino di posizionamento ma va bene così anche se manca la sua spinta dal lato sinistro il suo presidio fa si che almeno da quel lato i nostri avversari non scendano mai.

McKennie 6 Molto bene in fase di interdizione al solito da fastidio a tutti e recupera tanti palloni. Molto bravo anche negli inserimenti dove non sempre viene raggiunto dai compagni. Maluccio nella gestione del pallone con diversi palloni persi alcuni in malo modo.

Bentancur 6,5 Un McKennie con qualche pallone sbagliato in meno e una maggiore prestanza fisica in una partita dove è richiesta. Quando non gli si chiede costruzione Bentancur la sua parte da mediano la fa sempre.

Rabiot 6,5 Molto bene nel primo tempo dove la squadra soffre e lui si spende più di qualche volta in recuperi preziosi fra cui uno in area dove non commette alcun fallo da rigore che che ne dicano i telecronisti rai. Nel secondo tempo quando la squadra gira di più sembra lui aver meno benzina e amministrarsi. In ogni caso nell’insieme ancora una prova positiva.

Chiesa 8 Primo tempo un poco in ombra perchè la Juve gioca soffre e non viene fuori tanto spesso. Nel secondo tempo si accende dopo un bell’assist di tacco di Ronaldo in cui coglie il palo e poi il bellissimo uno due con Kulusevski che porta al gol.

Ronaldo 6,5 Primo tempo di grande sofferenza da prima punta completamente isolato in attacco, tutto cio’ che può fare è il pressing solitario e non si risparmia. Nel secondo tempo con la squadra che gioca più avanti entra più nel vivo del gioco e ha alcune occasioni.

Kulusevski 8 Credo di poter dire il migliore in campo. Gioca più da centrocampista che da attaccante e devo dire il suo sacrificio in mezzo al campo fa si che nel secondo tempo quando l’Atalanta cala di ritmo la Juventus riesca a prendere campo e sopravvento sull’avversario.

 

Dybala sv

Bonucci sv

Juventus 8 Vince una finale credo di poter dire da sfavorita se non da vittima sacrificale. Persino i commentatori tv fanno uno tifo spudorato per l’Atalanta. La Juve soffre molto nel primo tempo anche se aldilà del gol subito non è che Buffon faccia chissà quali interventi. Dopo esce bene nel secondo tempo e alla fine se avesse sfruttato meglio qualche contropiede poteva chiudere anche con un risultato più ampio.

Pirlo 8 Da un paio di partite sembra aver capito come si vincono le partite anche tatticamente. Kulusevski è la chiave di volta del match. Bene far sfogare l’Atalanta agendo di rimessa nel primo tempo e poi uscire nel secondo tempo. Il rammarico e aver visto nelle ultime partite una Juventus con un abnegazione e una voglia che fino al Milan non si erano viste quasi mai.

Arbitro Massa 7 Usa lo stesso metro per tutti. Il rigore su Pessina non c’è perchè si vede chiaramente che la palla colpita da Rabiot prende la direzione della nostra porta e ripeto questo è evidente nonostante vogliano montarne un caso. Ci poteva esser fallo di Cuadrado sul nostro primo gol come ci poteva esser fallo su Rabiot sul gol loro. Solo un poco tardivi i gialli per i nostri avversari che protestano all’inverosimile fin dal primo minuto oltre ad entrare piuttosto duri quasi sempre. Comunque alla fine si decide ad ammonirli e alla fine è una mezza strage come dovrebbe esser più o meno ad ogni partita dell’Atalanta.

Pagelle Atalanta Juventus 1-0

 

 

Pagelle Atalanta Juventus

Szczesny 6,5 Non è particolarmente impegnato perchè la difesa fa buonissima guardia. Nel finale effettua una bella parata su una punizione velenosissima e si arrende incolpevole alla deviazione di Alex Sandro. Non apprezzo i suoi dribbling in area.

Cuadrado 7 Indiavolato ed indemoniato. Lotta crossa tira salta gli avversari con frequenza e fa dannare Gossens e gli altri che gli capitano a tiro. Una grande partita. Purtroppo non tutti hanno la sua grinta e il suo impegno. Capitano aggiunto anche quando si tratta di litigare con gli avversari.

De Ligt 6,5 Un ottima prestazione con Chiellini. Concedono davvero il nulla agli avversari e all’olandese capita spesso Zapata che fisicamente è abbastanza difficile da tenere. Qualche apprensione in più su Muriel che ha un altro passo ma di rifa e di rafa riesce ad avere spesso la meglio anche su di lui. Spesso gli tocca anche spazzare di testa e non si fa pregare.

Chiellini 6,5 Una buona partita anche per Chiellini. Attento e bravo a comandare la difesa. Agisce come suo solito in seconda battuta lasciando a De Ligt l’uscia sulle punte avversarie ma non è mai in affanno o in apprensione.

Alex Sandro 5,5 Non per il gol che davvero non è colpa sua ma ormai per la propensione a giocare all’indietro che è diventata quasi una malattia. Abbiamo bisogno di esterni che spingono oltre che difendano e Sandro è da un poco di tempo che non fa bene nessuna delle due fasi.

McKennie 6 Una partita di grande intensita in una zona del campo che non è propriamente la sua. Asseconda Cuadrado che è scatenato e soprattutto aiuta moltissimo Rabiot e Bentancur nel pressing. La partita si perde quando escono lui e Chiesa perchè perdiamo di intensità nel mezzo del campo.

Bentancur 6 Molti palloni recuperati sempre abbastanza pulito che è buona cosa ma manca totalmente in propositività. Purtroppo i giocatori questi sono e non puoi aspettarti una scossa.

Rabiot 6,5 Un primo tempo sugli scudi ma anche lui nonostante sia più propositivo di Bentancur manca sempre di quella scintilla che un centrocampista della Juventus dovrebbe avere nel dna. Un paio di volte ha la palla buona per tirare dal limite ma rinuncia sempre.

Chiesa 5,5 E’ stato spesso in queste ultime uscite la migliore freccia al nostro arco ma oggi non si vede quasi mai se non in qualche azione di copertura. Forse con l’assenza di Ronaldo era il caso di farlo giocare più avanti invece che a metà campo.

Dybala 6 Di stima perchè rientra dopo un lungo infortunio e non ha sicuramente i 90 minuti. Il suo primo tempo è sufficiente dove smista buoni palloni per la squadra anche se non riesce mai ad andare al tiro. Nel secondo tempo prova a ”durare” ma è sempre più un calvario fino a quando esce.

Morata 5 Lotta ma davvero fatica a tenere qualsiasi pallone. E’ sempre per terra. Sbaglia tante scelte di gioco e passaggi. In una partita generalmente giocata molto male ha l’unica nostra occasione su un bel tiro al volo su cross di Kuluisevski.

Danilo 6,5 Entra molto bene in partita e sbroglia una serie molto ampia di situazioni pericolose. Bravo a contrastare Zapata in un corpo a corpo in cui il colombiano di testa per poco non fa gol.
Arthur 5 Male entra perde un sacco di palloni e di fatto il suo cambio in funzione di McKennie si rivela sbagliato. Da ricambiare con Pajnic per altri 100 milioni.

Kulusevski 6 Entra per fare l’attaccante al posto di Dybala e lo fa in maniera discretamente vivace. Trova con un buon pallone Morata in una delle nostre pochissime occasioni da gol.

 

Juventus 6 La Juventus seppure spuntata dall’assenza di Ronaldo gioca una buona partita alla pari con l’Atalanta che è una buonissima squadra. Non rischia quasi nulla anche se produce poco. La sensazione è che il pari sarebbe stato un risultato più corretto ma i nerazzurri trovano il gol su un episodio e il calcio a volte è questo. Per quelli che amano fare fuori Ronaldo: ad oggi in campionato 5 partite senza Ronaldo nessuna vittoria.

Pirlo 6 L’unica cosa che ho da rimproverargli è il cambio di McKennie a cui io avrei chiesto un sacrificio anche se va detto che spesso in passato gli era riuscito con Arthur di metter la palla in cassaforte. Chiesa chiede il cambio Dybala 90 non li ha. Alla fine ha cambi migliori e funzionali l’Atalanta che va detto trova il gol in maniera assolutamente fortuita.

Arbitro 5,5 Non mi è piaciuto il metro. Durante la partita sorvola su molti falli da giallo sui bergamaschi e il primo ammonito è Bonucci per proteste. All’80mo finalmente si mette a tirare fuori gialli ma molti sarebbero già stati doppi se avesse applicato il regolamento prima.

Prove di finale

 

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Juve Genoa è andata. Devo dire che io ci ho visto dei miglioramenti. Un tempo , il primo , molto bene. Il secondo al netto di 15 minuti molto male, in cui abbiamo fatto di tutto per buttare alle ortiche anche questa vittoria, dopo i cambi, l’abbiamo ripresa in mano e condotta senza troppi patemi. E lo so, non siamo stati affatto perfetti e quei 15 minuti vanno limati, come va aggiustata la mira per quanto riguarda ancora le occasioni clamorose che sprechiamo, ma vincerle contro Napoli e contro Genoa, mi voglio sbilanciare e illudere che sia un segnale. Forse la squadra è più determinata ora? Chissà! Forse qualcuno ha capito che il posto non è così scontato, come non lo sarà la permanenza alla Juventus, men che meno se dovesse sfuggire l’obiettivo della qualificazione in Champions.

C’è stata la polemica di Ronaldo. Non capisco davvero come facciano i tifosi della Juventus ad esser così ingenui da cadere nelle trappole ormai dei commentatori. Sia a Sky che a Mediaset o in RAI dovremmo esser ben abituati alla linea editoriale contro-Juve. Anni e anni di telecronache faziose non hanno insegnato nulla evidentemente. Oltretutto Trevisani e Adani già durante la partita avevano dato il meglio di se, tipo quando si sono fatti una risata su Perin che si è ”rubato” un calcio d’angolo nostro. Immagino fosse stato Buffon o Chiellini, i sermoni sulla correttezza, la lealtà e altro. Per Perin invece grasse risate. Questo per quanto riguarda la maglia lanciata ad un raccattapalle, per quanto riguarda l’atteggiamento sempre ”iracondo” di Ronaldo mi sembra che qualcuno non conosca Ronaldo o sia caduto dal pero oggi. Il portoghese non è mai stato un mostro di simpatia in campo. E’ sempre stato questo: lagnoso, musone, parco di sorrisi. Ma ve lo siete dimenticati da avversario? Che poi detto fra noi a me frega che segni. Ne sono passati di giocatori e di allenatori alla Juventus, che non è che fossero dei simpaticoni. L’ultima volta che eravamo simpatici erano i tempi di Cobolli Gigli. Dio ce ne scampi.

E veniamo all’Atalanta. Se Atene piange Sparta non ride. Non sono in un brillantissimo momento neanche loro, anche se vincono. Contro la Fiorentina hanno rischiato grosso ed erano in doppio vantaggio come noi col Genoa. Gli mancherà Romero. Gasperini sarà probabilmente squalificato per al solito, aver fatto il fenomeno, questa volta all’antidoping. Non è il caso di sottolineare che è un squadra che patiamo particolarmente. Negli ultimi anni nessuno più di Lazio e Atalanta ci ha messo tanto difficoltà. Il nostro futuro passa da Bergamo. Perdere sarebbe complicato. Inoltre c’è da fare le prove per la finale di coppa Italia che ci vedrà affrontare proprio i bergamaschi. In questa stagione un poco amara vincere o non vincere la Coppa Italia può fare una grande differenza.

Juve Night Show s01 e27

Se non ve ne foste accorti Pirlo sta cercando il gioco

 

 

Articolo di Alessandro Magno

C’è molta incoerenza nel seguire oggi le partite della Juve. La tifoseria è stata abituata veramente bene negli ultimi nove anni e si perdono di vista le cose reali del calcio. Forse qualcuno pensa che la Juve debba stare in testa ai campionati dalla prima all’ultima giornata da qui fino alla notte dei tempi. Bello ma impossibile. Una volta essere terzi alla dodicesima giornata a 4 punti dalla prima era una cosa assolutamente normale. Anche negli ultimi anni ad esempio non sempre si è vinto il titolo ”platonico” di campioni d’inverno. Si diceva conta la classifica a Maggio. Oggi il post Sarri ha creato un ansia spasmodica da prestazioni a buona parte della tifoseria. C’è questa paura che siccome il capitolo sarrista non è andato a buon fine la Juve non possa praticare un buon calcio con un altro mister. Mi verrebbe da dire: ”C’è vita oltre Sarri” ma ce n’era pure prima. Ad esempio non si tiene in nessun conto che con una vittoria in più, e poteva esser ieri se Ronaldo avesse segnato il rigore, la classifica sarebbe Milan 28 Inter 27 Juventus 26 invece di 24. Si perde la ”capa” per così poco. Come ad esempio da una parte ci si spelli le mani per applaudire l’Atalanta che per il secondo anno consecutivo passa il turno a giorni di Champions quindi entra fra le prime sedici squadre d’Europa, dall’altra si pensa che quando si incontra la squadra di Bergamo bisogna necessariamente farne un sol boccone come se non fosse ormai consolidata fra le squadre più importanti del campionato italiano e non solo appunto. Quando la Juve affrontava il Cagliari di Riva o la Sampdoria di Vialli e Mancini o il Verona di Bagnoli o il Parma di Scala o la Fiorentina di Batistuta le partite erano difficilissime e a volte si perdeva, oggi invece sono tutte deboli contro di noi, anche nell’anno in cui attuiamo un grande ringiovanimento della rosa e in campo mandiamo un mucchio di ventenni.

Al netto di queste questioni interne al tifo che ancora non ho capito, la Juventus ha giocato un ottima partita contro l’Atalanta. Ha ribattuto colpo su colpo e alla fine poteva perdere come vincere. I due portieri hanno fatto la differenza nel tenere il risultato basso. Al netto di un arbitro che ha aiutato i bergamaschi graziando Romero e De Roon da espulsioni nette, la Juve ha cercato di vincere fino al 90mo e oltre (Ronaldo a pochi minuti dal termine stava facendo un gol dei suoi che è andato alto non di molto). La partita infatti dal punto di vista dello spettacolo non è stata affatto male e qui torniamo al capitolo tifosi che a chiacchiere amano la squadra che attacca a rischio di perdere, ma poi se non vince si lamentano, oppure se poi si prende gol non gli va bene. Da questo punto di vista la mentalità di Pirlo sembra molto simile a quella che voleva dare Sarri e se non ve ne accorgete è grave, vuol dire che non fa per voi l’analisi della partita, ma i rischi che si corrono attaccando sempre fino al 90mo questi sono. Di conseguenza  se non si vince per forza poi bisogna farsene una ragione. Questo è il calcio caro ai Guardiola e Klopp che a volte  non vincono perchè si scoprono sempre e non si arrendono al pareggio. Questo è il calcio anche di Gasperini che qualcuno vorrebbe metter sulla panchina della Juve. L’atalanta ha battuto la Lazio 4-1 e perso col Napoli 4-1 ha vinto con il Liverpool con 2-0 ma ci ha perso pure 5-0. Ha fatto 1-1 con l’inter e la Juve ma  ha perso in casa con Verona e Samp. Sempre senza mai rinunciare a giocare. Allora perchè se capita alla Juve di non vincere vi incavolate? E’ un calcio che qualcuno definisce a sproposito ”europeo” che però in Italia poi piace solo se si vince e soprattutto piace molto da spettatori imparziali ovvero quando delle due squadre che si affrontano non ti frega una beata mazza. Il punto è sempre lo stesso: E’ bello il calcio che finisce 4-3 finchè non è la tua squadra che perde, quando è la tua squadra che perde di un gol non è più tanto bello. Fra l’altro a volerla dire tutta si citano allenatori fra cui lo stesso Gasperini, che ci hanno messo alcuni anni a trovare il bandolo della matassa delle proprie squadre, e a Pirlo non si perdonano 5 pareggi.

Pagelle Juventus Atalanta 1-1

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

 

Szczesny 7 Come il suo dirimpettaio Gollini non risparmia interventi risolutivi. Se la Juve non subisce un altro gol è per merito suo che almeno in 3 occasioni toglie le castagne dal fuoco.

Cuadrado 6 Questa sera meno brillante del solito. Alterna buone giocate e cross insidiosi a palle perse e soprattutto dovrebbe evitare di cercarsi falli che l’arbitro questa sera fischia a casaccio.

Bonucci 7 Soprattutto nel primo tempo tante tante chiusure e con DeLigt hanno di che lavorare. L’Atalanta è una squadra forte anche fisicamente ma la coppia centrale funziona e dove non arriva uno arriva l’altro.

DeLigt 6,5 Anche lui molto bene anche se qualche duello con Zapata lo perde, complice fra l’altro le botte che prende e che l’arbitro lascia impunite.

Danilo 7 Fra i migliori in campo sempre attento e nel finale spostato a destra anche molto propositivo. Era alcune partite che non si vedeva così brillante.

McKennie 7 A volte perde qualche pallone o sbaglia qualche passaggio per eccesso di volontà tuttavia è a tutto campo su ogni scontro e dove arriva su ogni inserimento. E’ l’unico che riesce a scardinare dai piedi degli avversari diversi palloni permettendo ai nostri di ripartire.

Bentancur 6,5 Una partita ordinata come è ordinato lui quando va a fare il playmaker ma questa volta senza limitarsi al compitino. Arcigno quando si tratta di lottare ma questo lo sappiamo.

Arthur Sv Aveva cominciato bene poi scivola perdendo un pallone velenoso poi Romero ce lo scassa.

Chiesa 6,5 A sprazzi ma determinante. Segna un grandissimo gol dopo mezz’ora dove non si era praticamente mai visto. Si procura il rigore con una delle sue percussioni e soprattutto lotta e corre tanto e a questa squadra servono molto le due cose.

Morata 5 Il suo lavoro di rientro stop e ”smistaggio” della palla è sempre prezioso tuttavia oggi sbaglia più del solito. Fra l’altro clamoroso il gol mancato all’inizio per un colpo di tacco che davvero non si è capito. Prende un sacco di calci gratuiti da Romero sempre perdonato dall’arbitro.

Ronaldo 3 Peggiore in campo con l’arbitro. A una prestazione inconcludente e insipida deve perde praticamente tutti i palloni che tocca mette la ciliegina sulla torta del rigore sbagliato … ma tirato veramente veramente male. Si ridesta nel finale per un tiro dei suoi che ci da l’illusione di poter fare il colpaccio.

 

Rabiot 5,5 Il solito Rabiot con poca consistenza. Giocatore che ha tempi di reazione di un bradipo sedato. Non incide ma questo è una consuetudine. Solito giocatore da amichevoli. Peccato perchè ha avuto una bella palla di testa dove ha fatto una buona torsione. Ammonito perchè scivolato su un giocatore quando andava ammonita mezza Atalanta.

Sandro SV

Dybala SV

 

Juventus 6 A me la squadra nell’insieme non è dispiaciuta, tenendo conto anche che l’Atalanta è un ottima squadra e soprattutto sono una squadra di maniscalchi impuniti. I nostri hanno lottato e cercato di vincere e in certi momenti han sofferto ma han saputo soffrire. Al netto di alcune prestazioni dei singoli molto sotto tono la squadra non ha giocato una brutta partita. Questa sera è mancato soprattutto l’Attacco.

Pirlo 5,5 Mi è piaciuta la formazione iniziale. A un certo punto si era capito che il gol dell’Atalanta era nell’aria e lui in quel frangente non mi è piaciuto perchè non ha saputo cambiare la squadra. Male i cambi, fatti tardi e probabilmente sbagliati. Capisco che da Ronaldo ci si aspetti sempre il colpo risolutivo ma se fosse uscito lui e non Morata forse sarebbe stata la cosa giusta.

 

Arbitro 3 Con Ronaldo il peggiore in campo ha permesso ai bergamaschi di picchiare senza pudore. Romero fa almeno 5 falli da giallo. Gasperini era da buttare fuori per proteste reiterate e viene solo ammonito De Roon fa un fallo da rosso già su Cuadrado e gli viene dato solo giallo nel finale stende anche Dybala anche li nessun cartellino. Palomino Freuler Gosens non si capisce coma possano finire la partita senza un giallo. Il Top poi ono Morata ammonito per proteste e Rabiot perchè è scivolato addosso a un avversario. Il rigore al var c’è, i piedi dell’atalantino prendono Chiesa e c’è anche una maglia tirata sul petto, dal vivo sembrava generoso perchè Chiesa non ha ancora imparato da Immobile a cadere con i tempi giusti.

SJR stagione 03 puntata 37

Torna questa sera Sesso Juve e Rock n’roll con BEN MICHELE FUSCO BENNY NICO E ARCO LUBRANO TOTO CAFASSO

ore 22 al link sotto

 

Ho visto un’ altra partita.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo di Alessandro Magno

Parto subito con un titolo provocante e mi espongo alla battuta altrui anzi la anticipo. Ho visto davvero un’altra partita e sono convinto di aver visto quella giusta. Partiamo dalla ”fantasmagorica” Atalanta. Oggi l’Atalanta è una bella realtà, non è più una provinciale è una squadra da rispettare. Non solo si è confermata in Campionato e rischia seriamente di arrivare seconda, ma ha fatto anche strada in Champions complice qualche sorteggio fortunato, ma con pieno merito. Al netto di questo l’Atalanta è da intendersi come una diretta concorrente che è arrivata a Torino sperando di vincere e riaprire se possibile il campionato. Nulla di diverso dal Napoli di Sarri, o dalla Roma di Garcia, o al Milan di Allegri, per fare un esempio di degne avversarie del passato che giocavano contro di noi alla pari. Una squadra appunto che contro la Juve se la gioca senza timore di sorta. Al netto di questo l’Atalanta è esattamente come me l’aspettavo. Ora l’Atalanta ha dominato la Juventus e meritava di vincere? Direi sulla prima no assolutamente, l’Atalanta ha dominato per lunghi tratti del primo tempo ma nel secondo tempo ha subito e anche parecchio la Juventus. Sul meritare invece ognuno faccia come creda ma secondo me quando una squadra vince merita davvero, se non vince è sempre perchè qualche cosa ha sbagliato vale per loro vale per quando perdiamo noi.

Un’altra domanda è se l’Atalanta è stata penalizzata dall’arbitraggio e la risposta è assolutamente no. Al secondo minuto Toloj poteva esser espulso per un entrata a forbice su Dybala appena fuori area non è stato neppure ammonito. Sul primo gol c’è un netto fallo a centrocampo su Dybala non rilevato nemmeno dal var, ricordo che in un Atalanta Juventus di qualche anno fa fu annullato dal Var un gol buono alla Juventus per un fallo precedente di Lichtsteiner su Gomez avvenuto molti secondi prima. I rigori della Juve ci sono? Beh secondo il metodo di oggi ci sono entrambi come ci sono stati quelli per il Torino e per il MIlan. A mio parere non è rigore nessuno di questi 4 ma il mio parere non è il regolamento. Anche su questi rigori l’Atalanta ha avuto il vantaggio di non avere nessuno dei due giocatori ammoniti cosa accaduta invece a De Ligt con il Toro e Bonucci con il Milan e ricordo che l’ammonizione di De Ligt fece scattare la squalifica per la partita dopo. Oggi si vogliono cambiare le regole ma fino a quando questi rigori erano dati contro la Juve le regole andavano bene a tutti anzi erano santificate. Cito ancora la classifica dei rigori a favore e contro: Juventus 12 – 10 Lazio 15 – 6 Atalanta 9 – 6 Inter 10 – 4 Napoli 3 – 5 Roma 9 – 9 Milan 7-7 Mi pare evidente come i due dati che diciamo sono più sospetti siano i soli 3 rigori per il Napoli ma addirittura i 10 contro della Juventus che da prima in classifica ha quasi il doppio dei rigori contro di tutte le sue concorrenti.

Ma torniamo alla partita. Sul piano dei tiri la Juve ha tirato di più in porta 5 volte contro le sole 2 dell’Atalanta che ha avuto il merito di fare due tiri e due gol. Gollini ha dovuto fare almeno un intervento importante quello su Ronaldo mentre Szczesny non ha effettuato nessuna parata. L’Atalanta ha chiuso il primo tempo con il 72% di possesso palla contro il 28 della Juve facendo in ogni caso un solo tiro in porta. Il dato finale sul possesso palla pero’ dice 47 % Juventus 53 % Atalanta. Ora la matematica come noto non è un opinione quindi per riportare questo dato dal 72 al 53 e dal 28 al 47 significa che il possesso palla relativo al secondo tempo è stato per lo meno oltre il 60% in favore della Juventus, altrimenti non si spiegherebbe un così importante recupero. La Juve è stata fortunata si ad avere due rigori e forse non l’avrebbe raddrizzata senza, tuttavia il secondo gol dell’Atalanta è venuto su un clamoroso errore di disimpegno nostro quando la Juve era in pieno controllo della partita ed anzi aveva appena sfiorato il vantaggio con Ronaldo. Sono quasi sicuro che se la Juve avesse fatto il 2-1 prima del gol di Malinovsky avrebbe probabilmente vinto la partita. A volte il calcio è episodico e l’inerzia di una partita cambia da una parte o dall’altra per un inezia e si è visto clamorosamente contro il Milan. Alla fine della fiera la Juve ha trovato un pareggio secondo me meritato faticando contro un avversario difficile che però è la seconda volta che con noi cade alla distanza. Anche all’andata l’Atalanta dopo un primo tempo importante ed esser andata sul 1-0 e aver anche sbagliato un rigore poi era crollata nel finale e la Juventus era riuscita a imporsi per 1-3. Saranno entrambi un caso?

Plugin creado por AcIDc00L: noticias juegos
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web