100 ore, 100 minuti, 100 gol.

scritto da Cinzia Fresia

Il morale non è dei migliori, la Juventus continua il suo percorso di semi-agonia vincendo a Sassuolo.
Una vittoria che non cambia nulla e rimanda il verdetto Champions.
Non serviva avere una palla di cristallo per prevedere questa vittoria, sebbene alcuni giocatori si siano messi di impegno per perderla, il destino ha voluto che Buffon, probabilmente nella sua ultima presenza con la maglia della Juventus, parasse un rigore.

Una vittoria che mantiene le cose così come sono e non aggiunge niente a ciò che c’è.

Una buona partita? Si .. buona, ma sempre con i soliti errori dovuti ad insicurezza forse a mancanza di fiducia a un allenatore insicuro. le lacune frequenti: perdita della palla, tempi sbagliati, passaggi inconcludenti, malintesi.

Non si vede l’ora che questa agonia finisca, lo stesso Rabiot autore del gol dello sblocco, farfuglia dicendo che è stanco, come se gli altri non lo fossero.

La situazione e’ la seguente: il piazzamento per l’ultimo posto in Europa è condizionato dai risultati degli altri a prescindere da quelli della Juventus, il rischio di non ottenerlo c’è. In ultimo la Uefa ha aperto un procedimento contro la Società in merito alla volontà della stessa di non voler uscire dalla super lega.

Intanto una delegazione di tifosi ultras arrivata a Reggio Emilia ha chiesto di vedere Gianluigi Buffon, per salutarlo.
Ne è nato un confronto, Buffon ha voluto chiarire il dispiacere di quanto fatto e che non era loro intenzione di trovarsi in questa condizione.

Ormai è sancita la separazione tra Società e tifosi. I quali non hanno più fiducia nella proprietà, e sono sospettosi che l’intenzione della dirigenza sia di non qualificarsi di proposito per vendere tutti i Campioni e rifare una squadra abbassando il monte ingaggi.

Sospetti pesanti ma potenzialmente veritieri .. Il Presidente Andrea Agnelli non parla, non si è ancora presentato ai microfoni, nemmeno per dire .. “mi dispiace”. Al suo posto Paratici e Nedved i quali si esprimono con frasi di circostanza.

Nel frattempo 100 gol per Ronaldo e Dybala. L’obiettivo della coppia in attacco meravigliosa, Cristiano e Paulo. Dybala peraltro è il primo giocatore non europeo a segnare 100 gol con la stessa maglia.
Una coppia che ci è piaciuta subito e che insieme hanno giocato un grande un calcio ma per come stanno le cose, la Società non ha motivazioni per trattenerli.

Si va avanti .. respirando solo per mezz’ora, come ha detto Pirlo.
Sabato prossimo c’è l’Inter, quindi Antonio Conte a Torino.
L’ex non sarà in vena di sconti e galvanizzato dalla conquista dello scudetto, si accanirà ancora di più.

Oggi la Juventus è depauperata e indifesa,

I mala tempora continuano .. Franzo Grande Stevens e Vittorio Chiusano non ci sono più e oggi la Juventus è debole e attaccabile vittima di burocrati politicizzati.

Pagelle Sassuolo Juventus 1-3

 

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 8 Ci mette un paio di mezze proprio quando vanno messe. Para un rigore sullo 0-0 e prende un tiro a giro non facile sull’1-0 per noi. Io ho detto che a un certo punto Szczesny andava panchinato per questo finale di partita ma qualcuno mi ha dato del matto.

Danilo 6 E dietro si è ballato non poco in certi momenti e la partita è stata impegnativa. Non ha demeritato ma credo abbia giocato con molta molta attenzione sugli avanti neroverdi che sono velocissimi quindi poco propenso a lasciare vuoti dietro sbilanciandosi.

De Ligt 7,5 Nei prima 20 minuti con Buffon tiene in piedi la Juve. Dopo proprio intorno al ventesimo un rinvio sbagliato rimane l’unico errore della partita. Ferma Berardi in un uno contro uno a campo aperto che non è per nulla facile. Muro.

Bonucci 5,5 In grande difficoltà all’inizio soprattutto quando il Sassuolo va a mille all’ora non ha più il passo per andare dietro a questi ritmi. Causa il rigore ed è in balia degli avversari. Si riscatta pian piano nel secondo tempo quando la Juve si difende meglio e i ritmi sono più blandi.

Alex Sandro 7 Sugli scudi. Almeno 2 diagonali decisive su Berardi di cui una in area con il rischio di fare rigore. Un salvataggio sulla linea in spaccata anche questo di enorme difficoltà. Anche lui non spinge moltissimo ma la sua partita in fase difensiva è notevole.

Kulusevski 6 Gioca una partita un poco tutta sua. Da solo. A volte riesce a fare cose positive poi si perde in un bicchiere d’acqua , quasi sempre perchè tiene troppo palla. La prova non è sufficiente tanto che pensavo a Cuadrado al posto suo quando gli riece il lancio per Dybala del 3-1.

Arthur 5,5 Prova a dettare tempi di gioco e a dare una mano in difesa. Perde un paio di palloni su cui subbiamo delle ripartenze ma il male è che spesso rimane preso in mezzo al palleggio del Sassuolo e finisce per girare a vuoto.

Rabiot 7 La sua partita non è perfetta. In compartecipazione con Bonucci crea il patatrac del rigore e anche sul gol del Sassuolo non segue Raspadori tuttavia voglio privilegiare nel voto le cose positive. Intanto il gol dell’1-0 in un momento in cui soffrivamo tantissimo. Poi l’assist di testa del 2-0 sul gol di Ronaldo. Tirasse di più perchè ha un buon sinistro.

Chiesa 6,5 Fa tante tante buone cose e cerca il gol con insistenza peccato la mira oggi non sia delle migliori e spesso i suoi tiri vanno fuori. Non mi sembra ancora al meglio dopo l’infortunio ma sembra sulla strada buona.

Dybala 7 Primo tempo di grande sofferenza dove si sacrifica a fare il centrocampista difensivo e lo fa anche abbastanza bene. Nel secondo tempo intanto segna un gran gol da grande numero 10 e dopo il gol è veramente un bel vedere fino a che resta in campo.

Ronaldo 8 Sullo 0-0 sprona la squadra facendo pressing da solo e costringendo qualcuno del Sassuolo a buttarla fuori. E’ il segnale e l’esempio per gli altri. Sempre nel primo tempo va sulla fascia ed effettua 2 o 3 cross che mettono in apprensione il Sassuolo. Quando poi ci mettiamo a giocare di rimessa trova un gol un palo e altre buone azioni.

Bentancur 6,5 Entra molto bene in campo e da quel qualcosa in più sul paino dinamico e della corsa.

Cuadrado sv

McKennie sv

 

Juventus 6,5 La Juve soffre ma gioca una buona partita. Rischia il tracollo sul rigore ma reagisce e porta a casa una partita che ci da ancora qualche speranza. Ma aldilà della qualificazione champions almeno la squadra torna viva.

Pirlo 6,5 Non so cosa avesse Cuadrado ma Kulusevski titolare invece del colombiano mi ha fatto storcere il naso. Alla fine si vince con qualche patema va bene. Buffon dovrebbe esser titolare nelle ultime.

Arbitro 5,5 Irritante in certi momenti. Quest’anno abbiamo avuto tantissimi arbitri come questo che fischiano qualsiasi svenimento e poi magari sorvolano sui falli veri.

Mercoledì 12 maggio 2021 Sassuolo-Juventus ore 20.45 Stadio Mapei – Reggio Emilia

Chiacchierata con Mirko Nicolino post Juve Milan

Juve Night Show s01 e31

La barca affonda e l’orchestrina continua a suonare

 

 

Articolo di Alessandro Magno

 

Juventus Milan è stata un fallimento annunciato. La squadra era già sfilacciata nelle partite addietro e raggranellava qualche risultato (Fiorentina, Torino, Udinese) per il rotto della cuffia. Chi ha visto le partite sa di una squadra che prende gol da tutti, praticamente da oltre 10 partite di fila, che produce pochissimo gioco, che tira in porta pochissimo (ieri con il Milan una volta sola). La sensazione è che Pirlo da tempo avesse perso il polso della situazione. L’uscita con il Porto fu quantomeno un segnale di una squadra sgangherata, ma poi sono venute altre belle figure come quella con il Benevento che l’unica vittoria del girone di ritorno l’ha fatta proprio contro di noi ed oggi sta bellamente retrocedendo. Tutti questi segnali sono stati sottostimati dalla dirigenza. Si è preferito non intervenire non si sa se per fiducia o per non ammettere di aver fallito, perchè ad oggi se Pirlo ha fallito, con lui hanno fallito chi lo ha messo e soprattutto chi ha iniziato questo effetto domino che è partito con l’esonero di Allegri, che lo scudetto vinto poi a denti stretti da Sarri aveva quantomeno nascosto.

Ora è evidente come si sia distrutto quanto di buono si era fatto in 10 anni. Serve un miracolo per la qualificazione Champions. Siamo non solo nelle nostre mani, che già non sono mani d’acciaio in questo momento, ma siamo alla mercè dei nostri avversari infatti ad oggi bisogna sperare in un mezzo suicidio di qualcuna che ci sta davanti. Nell’ultima giornata poi ci sarà Atalanta-Milan ed è evidente che se gli basterà un pareggio per entrare in coppa entrambe pareggeranno. Segnatevelo. Non vi aspettate aiuti da nessuno. D’altronde a onor del vero neanche lo meritiamo. Con quello che si è visto ieri realisticamente parlando faticheremo non poco a far risultato con Sassuolo e Inter, men che meno abbiamo grosse speranze di batter l’Atalanta in coppa Italia, squadra che fra l’altro quest’anno non abbiamo mai battuto.

Ci sarebbe voluto già da tempo un cambio di rotta. La nave andava dritta contro un iceberg e si è scelto di non intervenire sfidando l’iceberg alla gara di chi fosse più duro. Ora abbiamo visto che è più duro lui e stiamo affondando miseramente. Tuttavia anche in questo momento, e mi riferisco al summit di questa mattina, si è scelto di non intervenire. Quindi si affonderà probabilmente tutti insieme con Pirlo come si era già fatto con Del Neri e come spesso è da tradizione bianconera. Una tradizione che non capirò mai. Il Chelsea per tre volte nella sua storia cambia mister in corsa e per tre volte va in finale di Champions. Noi invece per salvare un mister, che con molta probabilità smetterà di allenare già domani, affondiamo tutta la barca e muoia Sansone con tutti i filistei. Solo una cosa ancora: quanto più si va a fondo e tanto più sarà difficile la risalita. Sarebbe bene tenerlo a mente.

Chiacchierata Ben & Mirko post Juve Milan

Il mio regno per una coppa

Scritto da Cinzia Fresia

E con questo risultato diciamo pure addio alla Champions. Delusione .. solo delusione.
La Juventus è crollata: ormai è il fantasma di se stessa.
Abbiamo detto tutto e il contrario di tutto e non serve più cercare giustificazioni o addurre a motivi inventati, Andrea Pirlo non è un allenatore.

Non crede in quello che fa e lo si vede dagli uomini in campo totalmente travolti dagli eventi.
Ma ciò che preoccupa sono gli Agnelli – Elkan i quali agiscono come se niente fosse.

Fare finta che sia normale perdere punti con il Benevento sostenendo che sono cose che capitano, indica una falla nella dirigenza ma soprattutto nella proprietà, la quale persevera in una scelta di sentimento assolutamente sbagliata.

I tifosi sono seriamente preoccupati che sia riconfermato Andrea Pirlo l’anno prossimo, il tecnico per decenza e in memoria di ciò che è stato da giocatore dovrebbe dimettersi.
Vorrei invitarlo ad usare un paio d’occhiali e verificare lui stesso in che condizioni è.
In ultimo mi sono altresì chiesta cosa potesse servire mettere Dybala al 79mo a partita compromessa.

La scelta su Andrea si è rivelata scellerata e nasconde una profonda incompetenza.
Non può una squadra del livello della Juve non rendersene conto.
Se la Società vuole sprofondare nella mediocrità beh c’è riuscita. Ma a che pro?

E’ vero che non si può sempre vincere ma buttare 9 anni di vittorie e di buona gestione è inaccettabile.
Oggi la dirigenza della Juventus non è più credibile: si è resa attaccabile da più direzioni, e perderà giocatori a partire da Ronaldo, Dybala, e alla spicciolata se ne andranno altri i quali non si sentiranno più a loro agio in un ambiente che non offre traguardi e obiettivi.

E’ questo che vuole la Juventus?

La Juventus è in guai seri senza prospettiva di uscirne. E noi tifosi stiamo aspettando seriamente preoccupati che si trovi una soluzione.

Pagelle Juventus Milan 0-3

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 5,5 Ha più di qualche responsabilità sul primo gol con un uscita sbagliata ma soprattutto perchè non rientra celermente in porta. Si riscatta parando un rigore a Kessiè sull’ 1-0 ma non basta.

Cuadrado 5,5 Fra i più volenterosi chiede sempre la palla e cerca di mettere in mezzo qualche cross. I milanisti non lo fanno mai andare sul destro e di conseguenza lo limitano moltissimo.

De Ligt 7 Un muro. Uno scontro con Ibra che stravince. L’ultimo forse l’unico a non arrendersi. Peccato perchè la sua prestazione è davvero da applausi.

Chiellini 5 Primo tempo in difesa bene ma in attacco spreca forse l’unica vera occasione che abbiamo. Nel finale crolla anche lui atleticamente e arriva sempre in ritardo nelle chiusure.

Alex Sandro 6 Nel disastro totale di questa sera uno dei pochi a prender almeno l’iniziativa di portare la palla in avanti. Salva un gol su un cross velenoso che finiva a Ibra.

Mckennie 5 Corre per tutto il campo come al solito cercando di darsi da fare. Non è un ala e Pirlo continua ad utilizzarlo come tale. Alcune buone chiusure le effettua almeno finchè ha birra nelle gambe dopo nel finale si perde con tutta la squadra.

Bentancur 4 Questa sera disastroso. Tanti troppi passaggi sbagliati ancorché a volte elementari. E’ il regista della squadra anche questa sera e con Pirlo in panchina che ricopriva quel ruolo da giocatore è una cosa incomprensibile.

Rabiot 5 Come McKennie il che è già tutto dire. Cerca di darsi da fare. Qualche buona chiusura qua e la soprattutto nel primo tempo. Dopo sovrastato dai nostri avversari.

Chiesa 6 Fra i pochi a salvarsi. Almeno ha degli strappi. Almeno è uno dei pochi che sa superare l’avversario. Ovviamente i suoi compagni non lo cercano mai. Chiaro.

Ronaldo 4,5 Questa sera è nella versione molti errori. Come tanti altri insufficienti di questa sera l’impegno non gli manca ma di solo impegno non si va avanti. Purtroppo in questa Juve segnano pochissimi e se non segna lui è un guaio.

Morata 2 Un fantasma per tutta la serata. La prova provata che Pirlo non è un allenatore. Praticamente si è fatto convincere dagli opinionisti TV che la squadra gioca meglio con Morata. Come faccia a stare in campo lo spagnolo per 90 minuti questa sera è un vero mistero.

Kulusevski 5 Non riesce a dare quello che vorrebbe.

Dybala SV Ingresso in campo all’80 sul 2-0 . Ideona di Pirlo proprio.

Juventus 3 Un primo tempo decente ci fa forse illudere di esser in partita. Poi passati in vantaggio il Milan dilaga in lungo e in largo. Squadra senza idee e senza gioco dove i giocatori giocano in proprio per cercare di sopperire all’assenza di una minima coralità. Un fallimento su tutta la linea urge questa sera più che mai che Pirlo venga sollevato o si dimetta. Sconfitta che pregiudica in maniera inequivocabile la lotta per l’ingresso in CL. Per fortuna quella in EL è matematica altrimenti ci saremmo fatti acchiappare anche dalla Roma.

Pirlo 2 Dopo un anno non c’è gioco e anche Pioli lo ”intorta”. La squadra è in caduta libera da Gennaio Pirlo non sa che pesci prendere e la società non si è voluta prender la briga di sollevarlo. Si andava dritti verso l’icberg come il Titanic e non si è scelto di cambiare rotta ma di andare dritto a vedere se eravamo più duri noi o l’Iceberg. Credo che si sia visto.

Valeri 5 Premessa che il Milan ha strameritato la vittoria e l’avrebbe vinta in ogni caso l’arbitraggio di Valeri non mi è piaciuto. Il primo gol del Milan è da annullare per un evidente fallo di mano. Nell’occasione del rigore per il Milan che c’è va a rivedere il var invece sul primo gol del Milan non ci va. Inoltre Ibrahim Diaz viene ammonito al terzo giallo visto che per due volte allontanata la palla volontariamente e in una si aggrappa alla maglia di Alex Sandro in modo reiterato. Chiesa viene ammonito per esser chiaramente scivolato e finito addosso a un suo avversario. Tanti falli al limite dell’area da una parte e dall’altra non vengono fischiati e non si sa perchè forse teme che qualcuno segni una punizione?

Domenica 9 maggio 2021 Juventus-Milan ore 20.45 Allianz Stadium

Juventus-Milan

Scritto da Cinzia Fresia

Mc Kennie è dimagrito!
Dopo aver fatto i complimenti alle Juventus Women per aver conquistato il Campionato, è pronto a rispondere alle domande velenose dei giornalisti.

Continua la sfida Champions .. diventando sempre più efferata. e a proposito di Weston, Pirlo ha sostenuto che non prendeva il suo lavoro troppo seriamente e gli hanno imposto di perdere peso.
Probabile qualche chilo in più pesasse sulle articolazioni del giovane.
Quindi non vediamo l’ora di veder sfilare la silhouette di Weston.

Per il resto Pirlo è tranquillo e rassicurante.Ha diffidati ma la maggior parte delle risorse sono tornate a disposizione.
Forse Pirlo sta tentando il tutto per tutto. Forse vuole rimanere o forse no.

Abbiamo consegnato la carrozzina a Gianni

Il video della carrozzina che abbiamo consegnato all’amico Gianni . L’iniziativa no profit e benefica che ha messo in campo tante persone che hanno dato il loro contributo per ricomprare a Gianni invalido al 100% una carrozzina elettrica nuova in sostituzione di quella che gli era stata rubata. Consegna il 2 Maggio.

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: posicionamiento web