Archivi Tag: Champions League

Calcio semplice 2 Juventus 1

Articolo di Alessandro Magno

 

Una Juventus talmente brutta che faccio fatica a trovare le parole per descriverla. Fortunatamente ci tiene a galla il gol di Chiesa ma davvero occorre cambiare registro da qui al ritorno altrimenti il Porto passerà al posto nostro e saremo qui nuovamente a piangere per un’ uscita agli ottavi così come l’anno scorso contro il Lione. La Juve è stata semplicemente inguardabile. Contro, come se fosse una punizione divina, avevamo una squadra semplice. Nulla di che. 4411, squadra corta, difesa attenta, no tiki taka, no costruzione dal basso, no possesso palla: difesa attenta e ripartenze veloci. Eppure han vinto e il risultato gli sta anche stretto. Dall’altra c’eravamo noi va beh, a parte che non si capisce neppure che tipo di gioco facciamo, tuttavia abbiamo fatto più possesso palla, più passaggi riusciti, più tiri ( anche se mai pericolosi), eppure si è perso e male. Se guardi lo score sembra pure che abbiamo ”fatto la partita noi”. E’ uno di quegli score sul quale qualcuno ama crogiolarsi poi quando si vince. Appunto quando si vince. Dettaglio non trascurabile.
La Juventus al netto di mille infortuni e dei regali fatti e della cattiva concentrazione (forse) che non so perchè capita in Champions e proprio li non dovrebbe capitare ha fatto forse la partita più brutta dell’anno.  Due anni fa si è intrapreso un percorso che sembra porti sempre più verso il baratro. E’ curioso fra l’altro come Pirlo riesca a vincere quando gioca di rimessa e riesce puntualmente a perdere quando vuole imporre il proprio gioco ( che fra l’altro non c’è). Incredibile come da quando si sia deciso di ”giocare bene” ci si sia dimenticati tutte le cose buone che si sapevano fare e non si sia migliorati praticamente in nulla.

Prendiamo il tanto acclamato possesso palla con uscita bassa dalla difesa. Quando giocavo io queste cagate nemmeno si pensavano. Il mister ti diceva la parola magica ” Non rischiamo nulla” e tu non rischiavi, piuttosto la buttavi sugli spalti. Ora qualcuno dice il calcio si è evoluto perché qualche squadra munita di grandi palleggiatori ha avuto l’idea e la bravura di uscire da queste situazioni palla al piede. Va da sé che non è una cosa per tutti. Non fai dipingere la cappella Sistina a un imbianchino solo perché è bravo a dipingere casa. Idem fare questa cosa con Bentancur e Szczesny è una delle cose più sconce e terrificanti che io abbia mai visto fare alla Juventus da quando sono nato. Una specie di roulette russa. E’ finita che ci siamo sparati. E non è oggi che s’è preso gol al 1 Min. Sono partite su partite che si fa questa merda e che si rischiava di prendere il gol che poi è arrivato. La Juve dovrebbe proprio tirare una riga rossa su questa cosa come “una delle cose principali da non fare”. Fra l’altro io mi chiedo perchè? Perchè si fa se il nostro uscire palla al piede sotto pressione è una cosa totalmente inutile che non porta a nulla in quanto quando ci riesce arriviamo a centrocampo dopodiché torniamo indietro a fare giro palla? E’ un accollarsi dei rischi completamente da fessi con cui abbiamo regalato il primo gol al Porto, messo in discesa la loro partita e complicato la qualificazione per noi.

Altro principio di gioco di quando giocavo io: il retro passaggio al portiere che non si fa mai in porta. Mi chiedo chi ha portato queste cagate in serie A quando non si facevano neppure in promozione?

Io credo che noi abbiamo commesso uno degli errori probabilmente più imperdonabili che si possano commettere quando si gestisce una qualsiasi cosa. Quando si prende un qualcosa che va, che funziona e che ha una sua fisionomia ormai consolidata e si cerca di migliorarla, normalmente non la si rinnega, né la si stravolge. Si prende il meglio che questa cosa da e si aggiunge al limite quello che manca. Noi abbiamo rinnegato proprio quello che eravamo per fare un salto nel vuoto e questi sono i risultati. Adesso si va ancora alla ricerca di quello che forse chissà si potrà diventare semmai. Soprattutto quando e quanto tempo si potrà andare alla ricerca di questa chimera? Invece, prima di ogni altra cosa, bisognerebbe recuperare ciò che si era. Anche perchè un eventuale uscita con il Porto nuovamente agli ottavi come l’anno scorso non sarebbe tollerabile.

Pagelle Porto Juventus 2-1

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 3 Una prova decisamente incolore. Concorso di colpa sul primo gol, secondo gol preso sul suo palo, uscite in cui perde la palla, continue giocate di piede forzate. Per fortuna almeno un tiro lo para.

Danilo 5 Spesso quando ha giocato terzino ha spinto oggi sembra anche lui preoccupatissimo. Anche in qualche conclusione impreciso. Fra l’altro lui è un ex e ha un curriculum europeo di tutto rispetto. Mi aspettavo di più.

De Ligt 5,5 Non ha colpe specifiche sui gol che avvengono sul lato sinistro della nostra difesa però pretendere da lui che imposti invece di Chiellini è pretendere troppo? Resta in campo infortunato.

Chiellini 4 In tempo per fare 3 o 4 lanci sbagliatissimi poi puntuale come la Domenica arriva il suo infortunio. Non è più giocatore affidabile anche se quando sta bene è sempre forte.

Alex Sandro 5 Anche lui questa sera poca roba il Porto è tutto al centro dovremmo cercare di usare le fasce ma nè lui nè Danilo spingono. Una delle migliori cose la fa quando spende un cartellino giallo sul finale.

Chiesa 6 Ha il merito di trovare il gol che ci tiene in corsa. Al solito è uno dei più motivati anche se questa sera combina poco. Almeno lui prova a spingere.

Bentancur 0 L’errore al primo minuto è talmente grave ma talmente grave che il resto della prestazione non è neppure considerabile. Oltretutto era più e più volte che provava a fare segnare gli altri. Ha scelto proprio la serata giusta. Un errore così mette a rischio non solo la partita ma tutta la qualificazione.

Rabiot 6 Sicuramente è stato il migliore in campo nello schifo generale,  il più reattivo e il più intraprendente. Da un suo strappo nasce il nostro gol, anche se sul loro secondo gol ha la colpa di non seguire fino in fondo quello che ci segna e chiudere con una diagonale.

McKennie 5 Non riesce mai trovare gli spazi per inserirsi e questa sera a differenza di altre volte anche in interdizione non è brillante.

Kuklusevski 5 Come McKennie fatica a trovare spazi prova degli strappi ma si scontra sempre con il muro del Porto.

Ronaldo 5 Zero palle giocabili per lui ma anche 0 tiri cosa che in genere lui si crea da solo. C’era un rigore su di lui. Se lo avessero dato.

Demiral 6 Gioca una buona partita anche se si trova corresponsabile con tutta la difesa nell’azione del secondo gol dove in 7 contro 3 sono tutti in bambola.

Morata 6 Il suo ingresso in campo cambia la partita. Pur non facendo nulla di trascendentale i suoi smarcamenti fanno sì che lo si possa trovare con qualche lancio lungo e creano scompiglio.

Ramsey SV Cambio intelligente che meritava maggiore fortuna.

Juventus 4 Il risultato è fortunato anche se alla fine c’era un rigore che poteva portarci addirittura pari. Prestazioni di squadra inaccettabile. Indecente. Senza idee. Senza grinta. Senza attenzione.

Pirlo 4 Se il nostro gioco è questo mamma mia è veramente terribile. Una squadra completamente senza idee e anima. Complimenti vivissimi per la costruzione dal basso un vero attentato al gioco del pallone.

Arbitro 3 Primo tempo ha deciso che si può fare wrestling per cui non ammonisce nessuno del Porto. Poi riesce ad ammonire tre dei nostri di cui possiamo dire c’è solo quella di Alex Sandro. Dopo aver fatto il figo e l’inflessibile per 90 minuti si caga sotto su l’unica decisione vera che deve prendere e che sbaglia: Il rigore su Ronaldo che c’è. Il var che faceva dormiva?

 

Genoa , Dybala, Porto , Pogba

Articolo di Alessandro Magno

Col Genoa non è stata proprio una formalità. La Juve ha dominato in lungo e in largo ma come succede sempre contro le squadre tutte chiuse , scardinare il fortino è sempre complesso. Mettiamoci poi che siamo la migliore difesa del campionato ma un gol lo prendiamo comunque sempre da tutti e il gioco è fatto. È veramente negativo la facilità con cui prendiamo gol al primo tentativo. Fortunatamente la siamo riusciti a raddrizzare ma è una questione su cui lavorare.

Capitolo Dybala il ragazzo ha segnato e si è tolto qualche sassolino dalla scarpa. A ruota gli ha replicato il presidente Agnelli e non l’ha toccata pianissimo. La sensazione è che Dybala dovrebbe cambiare procuratori e circondarsi di persone che possano consigliarlo meglio. A Genova ha segnato ma onestamente non ha fatto una grande prestazioni e purtroppo per lui il suo gol non è stato decisivo ( non per colpa sua ovviamente). Direi poco per cercare di fare polemiche e se l’obiettivo era stemperarle direi non è riuscito. Io credo che lui problemi con Pirlo non ne abbia. Ha dei problemi suoi di testa e tattici che spesso non riesce a risolvere. Negli ultimi due anni credo che anche certi capricci alla società non sono piaciuti. Forse dopo il suo ultimo anno avrebbe dovuto prendere la palla al balzo e firmare il rinnovo con aumento che la società gli ha proposto come ha ricordato il presidente. Dybala ha chiesto di più perché pensa di valere di più ma ad oggi sta rendendo di meno e quindi già un aumento era secondo me cosa buona. Oltretutto ha rischiato seriamente di essere venduto l’anno scorso una buona predisposizione al rinnovo sarebbe stata vista come un atto d’amore. Morata ad esempio per venire alla Juve si è ridotto lo stipendio rispetto a quanto prendeva a Madrid. Io spero che Dybala torni ai suoi fasti e resti ma dopo le dichiarazioni di ieri non ne sono più così convinto.

E veniamo ai gironi di Champions. Alla Juve è andata di lusso. Il Porto con il Borussia M. era una delle più abbordabili. Arrivare primo nel girone vincendo a Barcellona si è rivelato più che mai importate. Il Barca ha pescato nell’urna il PSG. Oggi non so se saremmo stati pronti per il PSG che è vicecampione d’Europa. Resta un sorteggio come detto benevolo che però ci deve far ricordare che l’anno scorso prendemmo la più facile del lotto il Lione e che i francesi ci fecero la festa. Quindi contento ma con moderazione.

Ultimo capitolo il ritorno di Pogba cui la Juventus pare stia già lavorando. Non credo a uno scambio con Dybala a Gennaio. Paulo oggi è uno dei nostri tre attaccanti il quarto è Portanova. Tagliere Dybala significa andare a prendere per forza una altra punta. Più probabile che prendano la via di Manchester uno fra Rabiot e Ramsey o anche tutti e due. I giocatori a fronte di uno stipendio da Top Player non hanno ancora convinto del tutto e ormai è passato più di un anno. Ora è vero che alcuni come Platini Nedved Zidane ci misero dei mesi a integrarsi nella Juve è altrettanto vero che due anni per ritrovarsi non ce li ha messi quasi nessuno. Fra l’altro i due sono stati presi a zero e quindi il loro trasferimento sarebbe considerato una plusvalenza. Occhio quindi a Ramsey o Rabiot con le valige.

Dalla gioia al dolore

Articolo di Alessandro Magno

E’ stata un immensa gioia vincere al Camp Nou. Un 3-0 netto come nessuna squadra italiana aveva ancora mai fatto su quel campo. Devo dire mi ha riconciliato con il calcio e con questa Juventus di Pirlo che ancora non ingrana a dovere. Il derby era stato giocato male. Poi era arrivata la consueta vittoria in extremis. Bella e godereccia ma non poteva dissipare i nostri dubbi. Restava la speranza che il derby rilanciasse nuovamente la Juventus. Non sarebbe stata la prima volta e chi legge sa di cosa parlo. Corsi e ricorsi. A Barcellona l’abbiamo fatta da padrone, loro non stanno in un periodo meraviglioso di forma ma non è che noi, come appunto ho già ricordato, brillassimo. Non è mai facile contro Messi. Non è mai facile contro squadre che in Champions trovano motivazioni. Alla fine abbiamo giocato bene e fatto 4 gol senza prenderne alcuno. Mi è piaciuta la sofferenza messa in campo. Non sono affatto un estimatore del calcio tutti avanti e poi vinciamo o perdiamo 4-3. Preferisco una squadra quadrata che segna e non si fa segnare. Una squadra che sa quando la partita ha momenti in cui si può premere e altrettanto conosce i momenti in cui si deve soffrire. Devo dire che da questo punto di vista la partita mi ha soddisfatto appieno. Ora abbiamo coscienza che questa Juve puo’.

A gioia si è aggiunta gioia il Mercoledì sera. I nostri rivali dell’inter non solo han fatto pena ma hanno raggiunto livelli infinitesimali di ridicolo. Ultimi nel girone eliminati anche dall’EL. Fuori da tutto insieme a squadre come il Midtjylland e il Ferencvaros, il Basaksehir e Lokomitv Mosca. Davvero una magra figura con un danno economico non indifferente che si aggiunge a quello sportivo e lo aggrava. Oltre allo show post partita del nostro ex allenatore Conte che è sempre più grottesco e imbarazzante davanti alle telecamere. Non mi capaciterò mai abbastanza di quanto si debba ringraziare il nostro presidente Agnelli per averci tolto davanti un così miserabile rompiscatole. E pensare che per molto tempo è passato pure per un Mago del pallone. Uno che non passa un turno di Champions da mille anni a questa parte con l’aggravante di farsi comprare i giocatori che vuole lui ( salvo pure ripudiarli) e che dulcis in fundo prende lo stipendio più alto della serie A. C’è da prendere i popcorn per vedere come gestirà questa situazione da qui a fine anno. Chissà che presto nello spogliatoio nerazzurro volino gli stracci.

Per quanto riguarda le altre italiane, Lazio e Atalanta non ho complimenti da fare, non sono ipocrita. Non le guardo e non le gufo ma preferisco tranquillamente che escano quando è possibile. Anche per una questione di opportunità. Agli ottavi non si possono incontrare squadre della stessa nazione e il passaggio come seconde di Lazio e Atalanta incanala il nostro sorteggio verso un ottavo più difficile. Se non si fossero qualificate avremmo avuto l’opportunità di incontrare una fra Brugge e Ajax oggi con Lazio e Atalanta nel tabellone aumentano le possibilità di incontrare una fra Atletico Madrid, Siviglia e Lipsia che è sempre una semifinalista della scorsa edizione.

Purtroppo  dopo tanta gioia, poi è arrivata la doccia fredda. In questo 2020 particolarmente funesto è venuto a mancare anche Paolo Rossi. Per me che sono del 1972 ha rappresentato il primo eroe in bianconero. Era il mondiale di Spagna dell’1982 e lui con i suoi gol ci aveva trascinato alla vittoria finale. Non scorderò mai che la stampa non ce lo voleva al mondiale. Intanto i media spagnoli spingevano per il romanista Pruzzo che era stato capocannoniere e poi Rossi veniva da una squalifica di due anni per calcio scommesse che poi si rivelerà ingiusta. Verrà assolto, ma intanto perderà due anni di carriera. L’assurdo che di anni glie ne avevano dati 3 e poi uno gli era stato tolto. Quell’anno tolto gli permetteva di andare al Mondiale e la stampa lo trovava ingiusto. Arrivati al Mondiale con Pruzzo non convocato era la volta della stampa milanese che puntava sull’allora astro nascente Altobelli e spingeva per vederlo titolare. La stampa milanese che aveva anche essa il dente avvelenato perchè Bearzot aveva lasciato a casa Beccalossi. Ricordo dopo il girone eliminatorio che scrissero che sarebbe stato meglio ritirarsi dal Mondiale. Paolo Rossi era il raccomandato. Il cocco di Bearzot. Dopo 2 anni che non giocava era rientrato a Maggio come poteva giocare i mondiali con così poca preparazione? Fu il capolavoro di Bearzot che si fidava di questo giovane ragazzo di provincia. Paolo Rossi fa il capocannoniere e diventa campione del Mondo con il blocco Juve. Zoff, Scirea, Gentile, Cabrini, Tardelli e Rossi appunto. Poi tutti sul carro come nel 2006. Politici e giornalisti. E noi bambini con i lucciconi agli occhi per quella maglia numero 20. Fece piangere due nazioni l’Italia di gioia e il Brasile che aveva una nazionale incredibilmente forte. Brasile che pure gli portò sempre un immenso rispetto. Oggi è un giorno veramente triste. Con Paolo Rossi muore un pezzo di quel bambino che era in me.

Barcellona – Juventus 0-3 Pagelle

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagelle di Alessandro Magno

Buffon 8 Qualcuno non lo voleva in campo eppure da grande sicurezza ed effettua alcune parate importanti soprattutto su Messi. Anche da capitano senza fascia è importantissimo per tutto il reparto difensivo.

Danilo 6 In difesa è sempre attento soprattutto pulito negli interventi e non è un dettaglio contro questa squadra di truffatori. Negli appoggi spesso commette leggerezze imbarazzanti.

Bonucci 7 Tiene bene la difesa compatta e concentrata. I blaugrana amano passare dal centro con triangolazioni veloci ma i nostri due centrali sono molto compatti e chiusi. Segna anche il gold el 4-0 ma è in fuorigioco. Peccato. Gol al Toro gol al Barca ci stava.

De Ligt 7 L’impressione mia è che non si trovi ancora benissimo in questa difesa un poco a tre e un poco a 4 ma questa sera a parte una sbavatura su un tiro che non riesce a intercettare ed esce largo mi pare assolutamente impeccabile. Contro i piccoli spagnoli fa anche spesso valere il suo peso.

Alex Sandro 6 Come Cuadrado in questa difesa fluttuante mi è parso molto attento in fase difensiva e molto meno attento in fase propositiva dove non si contano i palloni regalati agli avversari.

Cuadrado 6,5 Voto un poco basso ma con Alex Sandro mi fa letteralmente diventare matto per tutti i palloni persi n modo stupido, tuttavia anche lui essendo giocatore di esperienza gioca una partita intensa e di nervi. Jordi Alba non è un cliente facile e lui riesce a minimizzarlo e a farlo uscire dal campo nervoso. Una cosa eccellente in attacco la fa però l’assist al bacio sul gol di Weston.

McKennie 8 Un mastino a tutto campo. Al 90mo è ancora li che corre dietro a tutti. Giocatore sottovalutatissimo. Fra l’altro segna un gol meraviglioso da attaccante vero. Un gol alla Ronaldo. Idolo.

Arthur 7 A me è piaciuto tantissimo e fra l’altro difendo la scelta che debba giocare lui con un mediano (Mckennie o Bentancur). Trovo stranissimo che Pirlo lo abbia sostituito ma forse lo ha valutato stanco. E’ un giocatore che sa giocare e che trova sempre linee di passaggio pulite. Inoltre è sempre difficilissimo togliergli la palla senza fare fallo. Abbiamo solo un problema che non è lui ma sono gli altri,  ed è che quando lui prende la palla e alza la testa normalmente sono tutti fermi. Abbiamo una squadra in cui solo tre giocatori si muovono senza palla uno è Arthur l’altro è McKennie il terzo è Morata. Un po’ poco.

Ramsey 6 Soffre moltissimo questa posizione esterna per lui molto atipica che lo relega di fatto a centrocampista difendente, tuttavia si adopera parecchio per aiutare. Nel primo tempo è più presente e in un contropiede riesce anche ad andare al tiro,  nel secondo tempo sparisce dai radar della partita. E’ un cambio con Chiesa che mi auspicavo fatto prima visto le autostrade che si erano create dopo il 3-0.

Morata 7,5 Giocatore di un’utilità totale. Non si contano i palloni recuperati fregandoli ai portatori di palla avversari arrivandogli dalle spalle. L’arbitro non gli fischia molto, anzi lo ammonisce ma lui non si perde mai d’animo e davvero effettua moltissime giocate utili a far respirare la squadra e a farla salire. Cheapeau per il pressing che spesso fa da solo.

Ronaldo 8 Il re è lui poche chiacchiere. Nella gara contro Messi vince e vince pure in casa dell’altro. Due gol alzati in faccia all’argentino e la rimonta che porta la nostra squadra al primo posto. Inoltre si conquista un rigore che mette subito la partita in un certo modo. Sono due rigori certamente, ed è più facile segnare su rigore che non in azione, tuttavia i rigori bisogna pure segnarli. Trovo che non stia fisicamente benissimo ma la sua presenza è insostituibile.

 

Bentancur 6,5 Entra molto molto bene in campo e da una grossissima mano a difendere il risultato. Perde qualche pallone di troppo ma è anche veramente determinato. Fra l’altro ammiro molto il fatto che la spazzi quando è da spazzare senza tanti fronzoli.

Rabiot 6,5 Anche lui entra molto bene e si mette a completa disposizione della squadra. Gioca più in difesa che altro ma a quel punto credo che tutta la squadra si era messa in testa di non far segnare nessun gol agli avversari.

Bernardeschi SV

Dybala SV

Chiesa SV

Juventus 8 Una vittoria di squadra conquistata con la voglia e i denti. La Juve quando ha costruito ha messo in difficoltà nera il Barcellona che ha scricchiolato in difesa in modo incredibile. Meno bene è andata quando gli abbiamo concesso di portare palla fino nella nostra area, tuttavia a conti fatti, gli abbiamo consentito solo tiri da fuori area a Messi e davvero poco altro.

Pirlo 8 Azzecca la formazione, forse un poco meno i cambi, e porta a casa una grande vittoria i un campo difficilissimo dove non vince quasi mai nessuno e porta soprattutto a casa il primo posto nel girone che era importantissimo. Avrei optato per un Chiesa dentro prima per poter sfruttare al meglio il contrpiede cos che non abbiamo fatto. In ogni caso 3-0 a casa loro e primo posto non si puo’ eccepire nulla.

Arbitro 7 Poteva anche avere 8 se avesse avuto il coraggio di espellere Lenglet. Resta questo l’unico errore dell’incontro. Gli episodi. Sul primo rigore a velocità normale sembra generoso ma nel replay si vede come il nostro avversario metta le mani sul petto di Ronaldo e poi gli si scontri con le gambe. Ingenuo certo ma è rigore. Noi tutte le volte che loro sono entrati in area abbiamo evitato tassativamente questi contatti. Il rigore per fallo di mano di Pjanic in partita sembrava netto rivisto invece si vede che la palla tocca la coscia di Miralem e non il braccio. Il secondo rigore per la Juve è ineccepibile e il var non poteva non segnalarlo visto che è assolutamente netto. Qui manca il secondo giallo al difensore , da regolamento il Barca doveva restare in 10. Ci sono due rigori chiesti dal Barca, sul primo Messi cade da solo senza che McKennie lo ostacoli in quanto è Weston che si inciampa da solo. Sul secondo il rigore c’è ma per fortuna il giocatore del Barcellona è in fuorigioco quando riceve palla. Il gol di Bonucci è in fuorigioco e forse era già in fuorigioco Ronaldo.

Juve Night Show s01 e12

 

Torna Juve Night Show come ogni Lunedi con Antonio Corsa Francesco Musina Arco lubrano Frank e Michele Fusco conduce Ben

Coppia Gobba del 3/12/2020 con Cinzia Fresia

 

 

 

Il video della puntata su RETENETVISION

https://www.retenetvision.com/netvision.php?p=@SPORT/Coppia-Gobba/068

Il video della puntata su facebook 

https://fb.watch/29Jf_VQK5S/

Ora continuare a vincere

Articolo di Alessandro Magno

 

Dinamo Kiev battuta discretamente bene. Risultato rotondo. Netto. Maluccio aver messo uno dei loro davanti a Szczesny e aver rischiato un rigore sull’1-0. Al netto di questi 20 minuti finali del primo tempo la partita è filata via liscia. Qualcuno ha detto che l’avversario non fosse granchè. Diciamo che onestamente non si trattava di una squadra di fenomeni, tuttavia sono primi in Ucraina davanti allo Shakhtar Donetsk che sta facendo vedere i sorci verdi a Real Madrid e Inter in Champions League. E’ anche probabile, secondo me, che potranno avere la meglio sul Ferencvaros e accedere all’ Europa League, ma questo lo vedremo nell’ultimo turno. Dunque giovanotti volenterosi e battibili ma non l’ultima ruota del carro, soprattutto se non presi seriamente. In ultimo, da non scordare, quella vecchia volpe di Mircea Lucescu che è allenatore di lungo corso e con un esperienza che sicuramente Pirlo non può vantare e può ad oggi solo ammirare. Bene quindi non essersi fatti incartare da Lucescu.

Mi trovo d’accordo a differenza di molti, nel fare turnover in Campionato piuttosto che in Champions. Vivo questa questione del decimo scudetto come i 102 punti di Conte. Me ne frega poco. O meglio mi frega come il nono ed eventualmente l’undicesimo. Per tanti e tanti anni nessuno riuscirà a vincer nove scudetti di fila quindi aggiungerne uno di più non fa grossa differenza come non faceva tutta questa differenza aver vinto quel campionato a 101 o a 100. Quell’anno avrei preferito molto di più vincer l’Europa League, coppa che detesto, soprattutto questa che non ha nulla a che vedere con la vecchia Coppa Uefa, ma che a maggior ragione se una grande ci finisce dentro, e la Juve lo è, ha il dovere morale di vincerla. E’ francamente uno scandalo che le squadre italiane invece la snobbino privilegiando lottare poi in campionato per raggiungere una qualificazione alla stessa o alla Champions. Questione che non capirò mai. Tornando a noi, credo che non vinceremo a Barcellona men che meno con due gol di scarto, non sento la Juve oggi così pronta, ma è un dovere morale provarci. Fra l’altro passare secondi significherebbe rischiare di trovare una squadra molto forte già agli ottavi, un Bayern Monaco o un PSG ad esempio.

Adesso comunque obiettivo Derby. Il Toro al solito cercherà di vincer per salvare la stagione che come le altre sue è già fallimentare. Noi abbiamo l’obbligo morale di dare continuità alle nostre prestazione. Pirlo ha detto che la ricreazione è finita da un po’, ma due vittorie di fila in questa stagione sembrano utopia. Mancherà uno dei nostri uomini migliori: Morata. E’ l’occasione per Dybala di mettersi in luce. Credo si stia allenando con continuità e Pirlo con la Dinamo lo ha preservato visto che ora gli attaccanti sono due contati. Abbiamo bisogno al più presto anche dei gol di Dybala. Le prossime due partite sono una prova di maturità. Vediamo se la superiamo in modo di dare una svolta alla nostra stagione oppure dobbiamo continuare ancora ad aspettare di crescere.

Uno contro tutti 02/12/2020

 

 

 

Pagelle Juventus Dinamo Kiev 3-0

Pagelle di Alessandro Magno

Szczesny 7 Doveva essere una serata tranquilla invece per ben due volte deve negare l’1-1 ai nostri avversari. Ancora nel finale si fa trovare pronto su un tiro velenoso che a momenti lo scavalca.

Demiral 6 Pratico senza fronzoli. Addirittura nel primo tempo è il nostro miglior difensore. Sta crescendo e visto i piedi non eccelsi fa benissimo a fare il difensore vecchia maniera.

Bonucci 5,5 In una partita non particolarmente impegnativa ci fa correre dei seri rischi con un abbraccio prolungato in area che poteva pur diventare rigore se solo l’arbitro fosse stato un minimo più severo.

De Ligt 6 A sinistra non si trova particolarmente a suo agio e nel primo tempo da un suo grave errore nasce l’azione più pericolosa della Dinamo. Nel secondo tempo si rimette in carreggiata e non sbaglia più. Tornato al centro giganteggia. Mi piacciono molto le sue aperture di gioco.

Alex Sandro 7 Mi è piaciuto parecchio ha spinto con costanza. Ha messo il primo assist per il gol di Chiesa. Subito dopo un pregevole stop con annesso dribbling nall’azione che porta alla traversa di Ronaldo. Nel finale un cross al volo che per poco non manda in gol Bernardeschi. Ispirato.

McKennie 6,5 Credo che almeno uno fra lui e Bentancur debba giocare sempre, per avere almeno un centrocampista nel mezzo dedito al recupero dei palloni. Devo dire Wenston ha anche dei momenti di buona qualità ad esempio spesso esce bene con la palla al piede. Fra l’altro nel primo tempo sfiora un gol di testa con bel tempismo lui che un gigante non è.

Bentancur 6 Se avesse lo stop orientato potrebbe fare meglio in posizione da playmaker tuttavia la sua fisicità e la sua caparbietà servono moltissimo. Non ha brillato ma è stato utile. Al solito si fa ammonire dopo pochi minuti ma per fortuna non perde la bussola e non eccede con le entrate.

Ramsey 5,5 Io queste gran belle cose che vede Pirlo quest’anno non le sto vedendo. Aveva iniziato benino con degli ottimi movimenti. Peccato che duri 15 minuti. Dopo la traversa di Ronaldo diventa un fantasma. Si ridesta nell’avviare l’azione del nostro raddoppio però nell’insieme abbastanza inpalpabile.

Chiesa 7,5 Migliore in campo due assist un gol. Molto combattivo non ha paura di tirare, ne di puntare l’avversario. Uno dei pochi che corre tanto tanto. Questa sera l’ho visto anche molto attivo in fase di ripiego dove ha recuperato diversi palloni alcuni anche in bello stile.

Morata 7 Gran lavoro di raccordo fra centrocampo e attacco. Gran recuperatore di palloni sporchi. Serve un assist involontario a Ronaldo per il 2-0 ma prova a farlo segnare anche altre volte. Poi si mette in proprio e segna un gol da fuoriclasse con calma glaciale e slalom annesso.

Ronaldo 6,5 Ha giocato partite migliori tuttavia oggi un altro gol e una traversa. E’ sempre una spina nel fianco dei nostri avversari. 750 gol in carriera e 75mo con noi in 96 partite. In poco più di due anni è già il nostro sedicesimo marcatore di tutti i tempi. E poi diciamolo fa da sprone per tutti.

 

Bernardeschi 6,5 Entra bene. Non fa sfaceli ma abbastanza meglio di Ramsey. Sfiora in un paio di circostanze il gol che sta veramente faticando ad arrivare e che meriterebbe.

Danilo 6 Entra che la partita è già in discesa ma quest’anno resta una garanzia e anche questa sera è una sicurezza.

Dragusin 6 Esordio semplice ma non sembra patire l’emozione. Classe 2002 se ne dice un gran bene. Vediamo.

Kulusevski sv

Arthur sv

Juventus 6 Partita semplice giocata benino a sprazzi. Risultato tondo. Peccato quei minuti finali del primo tempo dove si è staccata ancora una volta la spina e si è rischiato di prendere il pari che ci avrebbe fatto nuovamente venire il mal di pancia.

Pirlo 6,5 Partita facile ma gestita bene. Anche i cambi mi sembrano fatti bene.

Arbitro 7 Decisamente meglio di tanti arbitri uomini. Poteva dare un rigore contro Bonucci anche se credo abbia usato lo stesso metodo usato per Morata che era stato abbracciato poco prima anche se fra le due situazioni quella di Bonucci era più evidente.

Plugin creado por AcIDc00L: key giveaway
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: seo valencia